Addio a Lando Fiorini, storico cantante della tradizione romana e grande tifoso giallorosso

Dic 09, 2017 35 commenti by

AS ROMA NEWS – È morto a Roma il cantante Lando Fiorini. Aveva 79 anni e da tempo era malato. Una vita dedicata alla canzone romana, era stato interprete di tutti i grandi classici della tradizione che aveva portato in tv, dove aveva partecipato a tanti varietà, e a teatro, protagonista di numerosi musical. Un artista “dal core grosso”: così lo saluta con un tweet il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Il “core grosso” Lando ce l’aveva davvero, era un “romano de’ Roma” ultradoc, piacione e generoso. Aveva aperto il Puff, uno dei cabaret storici della capitale e fra i più conosciuti d’Italia, per vanità e piacere della compagnia: voleva un palcoscenico tutto suo sul quale esibirsi ma anche far esibire, trovare nuovi talenti, far divertire il pubblico, “insegnare” in qualche modo la tradizione della canzone romana alla quale non ha mai abdicato. Gli va riconosciuto il grande merito della coerenza: non cercò mai di assecondare le mode e i gusti del pubblico ma rimase sempre fedele alla propria storia, alla propria cultura e alla storia della propria città. Anche quando lo criticavano definendolo fuori tempo o trash. Neanche a dirlo, era un romanista di ferro.

Lando Fiorini, vero nome Leopoldo, era nato a Roma, a Trastevere, nel 1938. La famiglia era modesta, i figli erano otto, la casa in vicolo del Cinque troppo stretta. I genitori, non potendo allevar tutti i figli come avrebbero voluto, affidarono Lando a una coppia che viveva nel Modenese, dove anche lui si trasferirà e trascorrerà l’infanzia e parte dell’adolescenza. Quando torna a Roma il peggio è passato, l’Italia prova a rimettersi in piedi, Lando fa i lavori più disparati, l’aiutante di un barbiere, il meccanico di biciclette, dà una mano a i Mercati generali di via Ostiense. E lì canta, canticchia, si diverte ma è evidente che dietro a quel divertimento c’è un talento. Alcuni amici lo spingono a tentare la fortuna. Siamo agli inizi degli anni Sessanta quando partecipa con successo al Cantagiro e si piazza terzo dopo Celentano e Don Backy. Il gioco è praticamente fatto. Il grande successo arriva nel 1962, quando mette piede nel tempio del musical e del varietà: è il Serenante nella prima edizione del celebre Rugantino di Garinei e Giovannini. La sua Ciumachella de Trastevere piace al pubblico, lo spettacolo va in tounée negli Stati Uniti e Fiorini diventa, per gli americani, “il nuovo Claudio Villa”.

Da quel momento Lando non smetterà più di fare, partecipare, cantare, produrre. Lo invitano a fare programmi radiofonici e televisivi da Dizionarietto musicale a Il paroliere, questo sconosciuto a Ciao mamma e Adesso musica. Comincia a sfornare un album all’anno, Roma mia nel ’63, Passeggiate romane nel ’65, Roma sei sempre tu nel ’66. Partecipa a Canzonissima e Un disco per l’estate e al cinema compare in Storia di fifa e di coltello – Er seguito der più con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia (la parodia di Er più – Storia d’amore e di coltello di e con Adriano Celentano), 1972, non propriamente il meglio del cinema italiano dell’epoca.

Ma qualche anno prima, nel 1968, l’ex ragazzino di Trastevere che affilava i rasoi da Mario il barbiere di via dei Ponziani realizza un sogno, apre un teatro tutto suo nella ex bottega di un fabbro dove, diceva Lando, avevano anche girato alcune scene di La ciociara. In breve tempo diventa il cabaret più famoso di Roma e tra i più conosciuti d’Italia: il Puff, per lungo tempo sold out ogni sera, musica, canzoni e cucina romana. Il pubblico arriva da tutta Italia, tanti attori si fanno le ossa in quel locale, Enrico Montesano e Leo Gullotta, Lino Banfi e Gianfranco D’Angelo e Maurizio Mattioli. “Ho avuto fiuto”, commentava Lando, “ma anche tanta fortuna”.

Per Lando Fiorini gli anni Settanta sono quelli della televisione, gira una serie in quattro puntate, Ciao, torno subito, partecipa a Canzonissima e poi è con Maria Rosaria Omaggio a condurre il programma Er Lando furioso; anche Macario lo vuole in tv e se lo porta a MIlano per registrare due puntate del varietà Macario più. Su musica di Stelvio Cipriani scrive la canzone Un sogno di marmo per la miniserie tv Il fauno di marmo, diventa un cult – e lo è ancora oggi – la sua cover di Cento campane, sigla dello sceneggiato Il segno del comando cantata da Nico Tirone, con la quale Fiorini qualche anno dopo parteciperà a Canzonissima, mentre nel ’74 porterà in finale, a Un disco per l’estate, Er monno, che si aggiunge ai suoi grande successi come Barcarolo romano, Pupo biondo, Ponte mollo, So’ stato er primo a fatte di’ de sì. Così come sarà un must da ascoltare con una cassettona Stereo8 la sua versione di Lella, quella ricca, la moglie de Proetti er cravattaro.

Quello di Fiorini è un successo che non ha flessioni. In carriera ha pubblicato una trentina di album, e poi cofanetti, antologie. Negli anni Ottanta escono raccolte e nuovi dischi, Momenti d’amore, Tra i sogni e la vita, E adesso… l’amore (con brani firmati per lui, fra gli altri, da Franco Califano, Amedeo Minghi, Renato Rascel, Carlo Rustichelli, Armando Trovaioli). Continuerà a produrre anche per tutti gli anni Novanta e continueranno uscire dischi ancora fino al 2010. Nel 1994 la partecipazione al Festival di Sanremo, tirato dentro a un’idea demenziale: il brano è Una vecchia canzone italiana, lo canta una fromazione a cui viene dato il nome di La squadra italiana, undici artisti in omaggio alla Nazionale di calcio nell’anno dei Mondiali: Giuseppe Cionfoli, Jimmy Fontana, Rosanna Fratello, Wilma Goich, Mario Merola, Gianni Nazzaro, Wess, Toni Santagata, Manuela Villa, Nilla Pizzi.

Da tempo Fiorini combatteva contro la malattia. Talvolta è apparso in tv, ospite di programmi di intrattenimento. E ogni volta ha sempre difeso le proprie radici “perché se le cancelli – aveva detto una volta – perdi valore, spessore, occasioni”, e quella romanità “che non ha nulla di coatto, la romanità di Anna Magnani, di Aldo Fabrizi e ora di Gigi Proietti. Fatta di pulizia e sopratutto di rispetto per gli altri. Come diceva Checco Durante, fate del bene che la vita è breve, c’è più gioia ner da’ che ner riceve”.

(Repubblica.it – A. Vitali)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 35 commenti

  1. Gaetano da sarno giallorossa says:

    Mi piange il cuore ciao Lando, Cento CAMPANE STANNO A DI’DE NO. ..

  2. lupo68 says:

    NOI CIAVEMO ED CORE GROSSO MEZZO GIALLO E MEZZO ROSSO … CIAO LANDO.

  3. Robbo 1 says:

    Notizia tristissima . La Citta’ perde uno dei suoi figli piu’ celebri e as roma uno dei suoi tifosi piu’ passionali…

  4. sperotto says:

    Ponte mollo…pupo biondo…un’altro pezzo di Roma che muore

  5. Anonimo says:

    Noi ciavemo er core grosso mezzo giallo e mezzo rosso……ciao Lando

  6. Amedeo says:

    Grande interprete della canzone tradizionale romana. Fra le tante esecuzioni, la sua versione di Ponte Mollo fa venire sempre i brividi. È sempre stato un personaggio genuino, romanista credibile senza bisogno di tante pubblicità.
    R.i.p., caro Lando.

  7. Diego says:

    FORZA ROMA ,FORZA LUPI, QUESTA È L’ORA DE MOSTRA’ QUANTO VALEMO!! NOI C’AVEMO ER CORR GROSSO, MEZZO GIALLO E MEZZO ROSSO!!! Ciao Lando…

  8. 中田秀俊 8 says:

    Forza Roma, forza lupi, questa è l’ora de mostrà quanto valemo! 😢

  9. Max63 says:

    R.I.P. Lando Fiorini

  10. 007 says:

    Onore ad un romano vero!
    Un uomo sincero e alla vecchia maniera.
    Come oggi non ce ne sono più.
    Mi ha fatto divertire tante volte al Puff.
    Grazie.
    Un Romanista sincero e verace!
    Lando che la terra ti sia leggera e che la tua anima sia serena.
    Ti voglio bene.

  11. S.P. 60 says:

    Mi dispiace proprio tanto…notizia tristissima, ho sempre apprezzato la sua genuinità, orgoglioso di essere romano com’è giusto che sia. Che tu possa continuare a godere della nostra amata Roma da lassù.

  12. Nessuno says:

    Farai cori ancora piu’belli insieme a Viola a Sensi ,alla nonnina dell’ombrello e a tanti altri giallorossi r.I.p.

  13. Rossa com’er core... says:

    <>
    S’aribeccamio, Lando

  14. Lando Milone says:

    Persona straordinaria, tifoso inossidabile, interprete genuino e fedele ad una tradizione.
    Ciao grande

  15. leo72 says:

    r.i.p. grande lando romanista vero.
    domani si deve vincere anche per ricordarlo alla grande.

  16. KAWASAKI1962 says:

    “Si è vero fiume che tu dai la pace,
    fiume affatato, nun me la nega’…”

    Addio, Lando. R.I.P.

  17. Claudio Amore says:

    Da bambino mio padre metteva le sue canzoni nel giradischi..io ed i miei fratelli le cantavamo vestiti di giallorosso..( conti pruzzo falcao) ciao Lando voce popolana dei bei tempi che furono ..tempi che non torneranno più

  18. Zenone says:

    Ho avuto l’occasione di conoscerlo e mi colpì per la sua umiltà, che è propria di chi ha fatto la fame prima del successo.E lo ricordo ancora per la canzone composta per la Roma, che veniva suonata all’Olimpico negli anni Ottanta .Addio Romanista!

  19. AmoRomA says:

    ♫♫♫♫ Semo romani ma ROMANISTI de piùùùù!! ♫♫♫♫
    Mancherai

  20. CRiS says:

    Ci mancherai tantissimo caro Lando
    Che il Signore ti abbia in gloria che tu ora possa cantare le tue belle canzoni romane in paradiso….
    Sei stato sempre umile partendo da zero sei cresciuto diventato una star e ora ci lasci un grande vuoto….
    La colonna sonora della mia infanzia.
    R.I.P.

  21. EsseBocca says:

    Ciao Lando….grande cuore giallorosso

  22. UR77 says:

    Doveroso per tutti i Romani renderti omaggio. Sei stato uno di noi, sempre, nel bene e nel male..Onore a te Lando, riposa in pace..

  23. Zagor says:

    Ciumachella…ciumachella de trestevere…che miracolo che ha fatto mamma tua…a creà sto nunplusultra d’armonia…ciumachella ciumachella de Roma mia…
    Grazie Lando

  24. fred says:

    tra i vicoli di trastevere e sulle rive del tevere riecheggia la tua voce, per sempre!
    ciao lando

  25. Marco 67 says:

    Nun ce stanno parole . Silenzio è morto un Romano e Romanista vero .
    Ciao Lamdo !

  26. Enrico da Mallorca says:

    Un abraccio da tutto il popolo giallorosso ….
    E onore a te voce del popolo Romano..

  27. Bobo says:

    Mi lega a te tutte le volte che ascoltavo le tue canzoni con mio papà che ti sta aspettando lassù.
    Un bacio

  28. Stefano55 says:

    Dopo claudio villa, alberto sordi, un’altro grande simbolo della romanita’ e grande tifoso romanista se ne va’,oggi tutta roma e’in lutto. Un grande tributo a te lando. Ciao!

  29. Curvasudforteromana says:

    Ciao Lando fiero di averti conosciuto, abbraccia il mio papà quando lo incontrerai. Ti voglio bene e vicino al dolore di tuo figlio Francesco. Porta con te la bandiera e da lassù tifa la nostra Roma!

  30. Markus says:

    Tutti in piedi. Se ne è andato un vero grande romano.
    Giallorosso nel cuore.

  31. Hic Sunt Leones says:

    Ma c’è una strana nuvola in cielo oggi, mezza gialla e mezza rossa.
    Ciao, Lando, core giallorosso…

  32. Verità says:

    Ciao Lando.. oggi la Roma dovrebbe giocare con la fascia nera..

  33. a says:

    Riposa in pace Maestro e da lassù guida la nostra squadra alla vittoria. Onore a chi ci ha lasciato con la Roma nel cuore

  34. Gianno 2 mt says:

    Addio grande maestro, le tue canzoni e il tuo inno mi hanno fatto emozionare fin da ragazzo, resteranno capolavori della musica in eterno. Una preghiera per te.

  35. Claudio Amore says:

    Spero solo che negli spogliatoi chi di dovere abbia messo il suo inno per trasmettere a chi non sa cos’è un po’della nostra romanita’…e l attaccamento nostro verso questa città

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili