ALISSON: “Abbiamo fatto la gara perfetta, lo Shakhtar non ha mai tirato in porta”

Mar 13, 2018 1 commento by

LE PAROLE AL TERMINE DI ROMA-SHAKHTARAlisson al termine della gara di Champions League contro lo Shakhtar Donetsk ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Roma Tv. Queste le sue parole:

Oggi in ferie?
Oggi un po’ di recupero, abbiamo dimostrato la nostra forza sia offensiva sia difensiva. Non era facile giocare contro una squadra di qualità, ci sono giocatori fortissimi. Noi abbiamo fatto una gara perfetta, non hanno mai tirato in porta.

La gara d’andata è servita da stimolo? 
Certo, sapevamo che per fare il salto di qualità c’era bisogno di fare 90 minuti di grande intensità. Stasera l’abbiamo fatto, era la nostra sfida di stasera. La partita si prepara anche in base alle caratteristiche dell’avversario, ma noi abbiamo fatto il nostro.

La Roma spesso non dimostra questa continuità. Se lo avesse fatto anche in campionato…
I se nella vita non funzionano. Non siamo riusciti a fare lo stesso lavoro in campionato, ma in Champions sì. Dobbiamo dare continuità, ultimamente siamo tornati a lavorare bene insieme e questa è una certezza che aiuterà la squadra.

Perché ogni tanto vi manca la giusta concentrazione? 
Difficile dire, ci sono circostanze nel calcio ed è difficile capire sempre tutto. In questi tipi di gare si deve giocare sui dettagli, il gol fuori casa ci ha aiutato. Il 2-1 non era un risultato tanto brutto, e oggi siamo stati praticamente perfetti.

Si sta lavorando su un aspetto mentale?
Noi abbiamo sempre lavorato, anche quando mancavano i risultati. E quando vedevamo che mancavano dovevamo fare di più, il lavoro paga sempre. Contro Napoli e Torino abbiamo ottenuto due buone vittorie e ci hanno dato fiducia, nel calcio è importante. Siamo entrati concentrati per vincere e qualificarci.

Cosa è successo nel finale? Fonseca era nervoso… 
Noi siamo calciatori sanguigni, il calcio ci porta emozioni di tutti i tipi. Ho parlato con Ferreyra nello spogliatoio e ha chiesto scusa per la spinta al raccattapalle, ha sbagliato e lo sa. La nostra squadra ha vinto, loro sono tristi perché hanno perso e fa parte del calcio. Noi dobbiamo avere sempre la testa giusta.

Chi vorresti ai quarti? 
Diciamo che non ci pensiamo stasera, se il mister non ha detto niente non posso dire niente neanche io.

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 1 commento

  1. Santarini says:

    Non posso commentare perché so’ troppo de parte! Ogni giorno spero de legge che hai rinnovato a vita con la Roma, potresti essere il nostro capitano del dopo DDR e con te in porta avrei la certezza di vincere qualcosa nei prossimi anni!

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili