BALDISSONI: “Ricavi in crescita: oltre 240 milioni, è un record societario. Quasi completato il processo di risanamento. Schick e Defrel? Acquisti eccellenti”

Apr 16, 2018 65 commenti by

LE DOMANDE E LE RISPOSTE DURANTE L’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI – Si è svolta questo pomeriggio a Trigoria l’assemblea degli azionisti, durante la quale sono state poste le domande da parte di quest’ultimi al dg Baldissoni e all’ad Gandini.

Ed è proprio il direttore generale che risponde ai quesiti posti dai principali azionisti. Sul bilancio, sulle strategie del club, sui costi e sui ricavi Baldissoni spiega: “Il risultato economico di quest’anno sarà migliore: si parla di ricavi da 240 milioni, è un nuovo record societario. Questo è un indice di salute. Valutando i parametri di partenza, scegliere come risanamento la riduzione dei costi avrebbe reso il percorso di crescita molto più lungo. I ricavi dalle competizioni europee portano con loro anche i diritti TV. Per evitare un circolo vizioso, abbiamo scelto una parabola positiva: costi elevati per cercare di ottenere ricavi elevati. Questo implica la necessità di ripianare i costi con le plusvalenze. Il ché è fisiologico in ogni squadra. Nessuna squadra non si muove. Forse il Napoli ha fatto meno operazioni quest’anno. Questa attività fisiologica può divenire un’opportunità.  Salah ci aveva fatto sapere di volere andare via ben prima della fine del campionato. Il cambiamento, spesso determinato dalla volontà dello stesso calciatore, può servire a cogliere alcune plusvalenze che aiutano a pareggiare i costi e a mantenere alti i livelli. La strategia adoperata è stata vincente, al di là della flessione dell’anno scorso per il mancato ingresso in Champions. Siamo in linea con gli obiettivi del UEFA. Le cessioni sono delle opportunità per mantenere la competitività. Se uno potesse evitare cessioni dolorose lo farebbe. Ma questa attività, che è fisiologica, potrà risanare i conti mantenendo alto il livello. Abbiamo quasi completato il percorso di risanamento e abbiamo mantenuto alti i livelli. Bisogna fare acquisti funzionali. Il nostro DS lo dice sempre.”

E a chi gli fa notare gli investimenti errati per Schick e Defrel, Baldissoni replica: “Noi riteniamo che tutti quelli acquistati quest’anno siano scelte eccellenti”. Anche l’amministratore delegato Umberto Gandini ha spiegato il processo di crescita del club: “All’interno di una strategia c’è anche una crescita della società intesa come valore del personale. Sono occupati alcuni ruoli che mancavano. La crescita non è solo sul campo, ma anche nella squadra dietro le quinte. Il valore della nostra società sui social media a livello mondiale è enorme. Abbiamo portato tanta novità all’interno della competizione europea. Non c’è solo risultato sul campo, ma anche tutto un volano virtuoso che ci permette di crescere ad alti livelli”.

Redazione GR.net

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 65 commenti

  1. Alex says:

    Su shick rimango molto positivo ma su Defrel, per favore, non ci inventiamo quello che non è. Defrel vorrei ricordare che fu preso come sostituto di Dzeko. Se qualcuno intende spiegarmi , tecnicamente, questa scelta tecnica gli sarei molto grato. Oltre la parte tecnica gradirei anche un parere sul prezzo pagato per questo scarsone ( 23 milioni, 8 più di Dzeko)

    • Vegemite says:

      Tralasciando il prezzo, il mistero dell’acquisto di Defrel sta proprio nella scelta di un vice Dzeko antitetico rispetto a Edin nelle caratteristiche fisiche, tecniche e tattiche.
      Ricordo che all’epoca Monchi trattava anche Lucas Alario uno invece perfetto per il ruolo, ma poi la scelta cadde purtroppo su Gregorone nostro.

    • Sciabbolone says:

      Dai 23 vanno detratti i 3 per il riscatto di Frattesi e i 4,5 per il riscatto di Marchizza. Se vuoi aggiungici la buonuscita per liberare Difra (3 mil). La Roma lo ha pagato 5 per il prestito e 15 saranno il riscatto.
      Ora fai i conti.
      Defrel nel 2016/17 giocando nel Sassuolo ha fatto 12 goal in serie A e 4 in EL.

    • Erik971 says:

      1) Defrel è di formazione italiana e la Roma aveva un posto mancante che voleva utilizzare per l’attacco: non è che di alternative ce ne fossero così tante 2) il prezzo è un insieme di cose, come lo fu per l’affare Astori-Ninja, qui ci sono Defrel, Di Francesco, Pellegrini e i giovani andati a Sassuolo. 3) gli 8 più di Dzeko si spiegano, oltre che col punto 2 anche con lo stipendio
      3) Tecnicamente la scelta è su uno dei pochi attaccanti che oltre a conoscere subito il calcio di DiF può giocare su tutti i ruoli del attacco come RISERVA 4) il SEMIFINALE di CL il Real mette un ragazzino al debutto in difesa avendo Ramos squalificato e Nacho infortunato, la juve stava per far entrare Sturaro… Defrel NON è una pippa è un onesto gregario come tutti ne hanno

      • Vegemite says:

        Si pensava fosse di formazione italiana quando l’hanno preso, poi hanno scoperto che non ne aveva i requisiti.

        • Erik971 says:

          @Vegemite E’ di formazione italiana PER IL CAMPIONATO, non lo è per la lista UEFA, perché mentre per l’UEFA ci vogliono 3 campionati CONSECUTIVI nella stessa squadra Italiana tra i 15 e i 21 se si è di un’altra nazione, per il campionato basta che rimanga in Italia anche se va in prestito ad altre squadre. Quindi per l’Italia è di formazione italiana, per l’UEFA no, ma quello che contava era per il campionato, tanto in CL in panchina vanno solo in 5.

          • Vegemite says:

            Ah bene! Grazie per il chiarimento.
            Comunque Erik non ho nulla contro Defrel, che per inciso sembra anche un bravo ragazzo e si impegna sempre quando utilizzato.
            Il mio cruccio è che finché giocava Totti non si poteva avere un centravanti di scorta alternativo a Dzeko. È così l’anno scorso Dzeko le ha giocate tutte. Quest’anno senza Totti le ha dovute rigiocare tutte perché si è preso un giocatore inadatto a sostituire il bosniaco. Defrel va bene in una squadra di quelle che stanno nella parte destra della classifica e che giocano in contropiede. Allora con la sua velocità può essere una carta valida. Nella Roma è un pesce fuor d’acqua. Un Sadiq, un Tumminello, un Soleri sarebbero stati più utili di lui per il nostro gioco.
            E ci saremo risparmiati un pó di milioni.

    • AVE says:

      Defrel è una scelta di Difra, dovresti chiederlo a lui. Un mio amico questa estate fece una battaglia contro il suo acquisto, non ne capiva il motivo. La perse. Io gli dicevo lo vuole il mister, un motivo ci sarà! Ora mi chiedo quale?

      • Vegemite says:

        Ave hai amici molto competenti 😄!

      • AVE says:

        sì caro Vegemite, ed aveva ragione. Io gli dicevo “se lo vuole Difra a tutti i costi…e che costi, un motivo dovrà pur esserci!” Ad ora rimane un mistero, ma il mio amico ha avuto l’occhio lungo.
        Un saluto

    • Alessandro says:

      Io credo che Schick non sia da Roma. Ci sono dei giocatori che trovano la loro dimensione in squadre di media classifica, che hanno numeri, e che purtroppo non hanno la testa per stare nella grande squadra: schick, come il buon vecchio arturo di napoi, è uno di questi.
      Tecnicamente è validissimo, ha grandi colpi, ma probabilmente sta bene in una squadra come la Samp, dove può sbagliare, dove gli si possono perdonare certi errori. Ma non può reggere una squadra e una piazza come roma.
      Defrel discorso a parte. Si tratta di un giocatore che avevamo già preso a gennaio per fine anno su segnalazione di spalletti che lo voleva fortemente (grazie lucianone eh) a cui sono legate altre situazioni (i giovani, pellegrini, EDF).

    • TATTICUS says:

      SCHICK due gol deve fare.
      Uno con il Liverpool in casa: risultato finale Roma Liverpool 1 a 0, dopo aver pareggiato all’andata; l’altro in finale, decisivo per il sogno impronunciabile.
      …ed allora la sua stagione sarebbe discretamente sufficiente

  2. Edoardo says:

    Io non reputo Schick un acquisto errato. É innegabile che abbia reso pochissimo e ben al di sotto delle aspettative che si portava dietro dalla passata stagione alla Samp. Ma ha tre scusanti che non possono essere tralasciate: non ha fatto preparazione, ha avuto un sacco di infortuni nella prima parte della stagione e soprattutto é passato da una realtà medio-grande, ad una più grande, con più pressioni e attenzioni da parte di tifosi e giornali. Il tutto accompagnato dal costo (complessivo e non attuale) del cartellino. Altrettanto però va sottolineato che, soprattutto col Barcellona, ha fatto intravedere una applicazione difensiva e tattica che non avrei mai sospettato fosse sua, e il non segnare é solo una questione di fortuna e non di carenza di mezzi tecnici o fisici. Diamogli tempo.

    • alieno sdraiato says:

      condivido al 101%, EDOARDO.
      Sarebbe già sensazionale se contribuisse a farci sognare Kiev

    • Zenone says:

      Ovviamente…anche alla luce del flop di ieri…non condivido neanche l’1% di quello che dici su Schick…anche perchè le preparazioni atletiche non si fanno solo in Estate ma anche nel corso dell’anno con l’allenamento differenziato,che prevede carichi di lavoro individuali…non v’attaccate alle frasi fatte per giustificare le Bufale..

  3. Elleioenne says:

    Vanno fatti i complimenti a chi ha insistito su questa strategia! Sembra che abbia indovinato, speriamo ora che le cose vadano meglio di quanto si sia sperato, almeno in champions, e che si continui su questa linea x almeno un paio di anni fino alla costruzione dello stadio!

  4. El Greco says:

    Caro Alex, non sono d’accordo su Defrel. Pee me è un ottimo giocatore. Inoltre, con tutto il rispetto, confido più nel giudizio di Di Francesco che nel tuo.

    • Alex says:

      Caro el greco, ci mancherebbe altro. Giudizio di Difra a parte, non mi hai spiegato quali qualità hai intravisto durante le poche partite giocate da Defrel. Dei suoi trascorsi al Sassuolo me ne frego e contano poco visto l’esempio Iturbe o Gonalons o Moreno. Ad oggi su Gonalons come su Defrel, Moreno è già stato cacciato, non ho avuto, da osservatore da divano, grandi riscontri positivi mentre tu mi pare di aver capito che sei contento. Ecco spiegaci perchè .

  5. datzebao (ex Matteo) says:

    Il discorso sulla società è sempre lo stesso, è logico e razionale e riscontrabile nel 99.9% dei club del mondo. Non volerlo capire significa essere prevenuti.
    Sul fatto che Defrel sia un acquisto “eccellente”, a quelle cifre, preferisco evitare di commentare.

  6. AVE says:

    Defrel (voluto da Difra) ***punta centrale***—-Schick acquisto dell’ultima ora ***punta centrale***. Fortuna che abbiamo preso Under, che dopo un periodo di ambientamento sta facendo buone cose e non può che migliorare, visto che Difra lavora bene con i giovani.

  7. Oratio says:

    Vabbè raga, non si può puntare il dito contro perché hanno detto che Defrel è un acquisto azzeccato.

    Può darsi che loro in primis giudicano Defrel uno scarparo, ma intanto è ancora un giocatore della Roma: se dicevano il contrario di quello che hanno detto, rischiavano non solo di creare malumori nello spogliatoio, ma di far precipitare la valutazione del calciatore.

    Monchi infatti, è stato sincero solo dopo aver venduto Moreno (che si era rivelato un acquisto sbagliato).

    • KAWASAKI1962 says:

      Caro Oratio, credo che tu sia andato più vicino di tutti alla verità dei fatti…

      • alieno sdraiato says:

        non penso che a Trigoria si strapperebbero i capelli se arrivasse un’offerta adeguata per Defrel: è un doppione, l’attaccante più sostituibile.
        I dirigenti hanno il loro linguaggio “aziendale”. L’exploit in coppa consentirà di vendere qualche esubero al prezzo desiderato, senza rimetterci un centesimo.
        Schick non rientra tra questi, ovviamente

        • Zenone says:

          Schick….ovviamente…in base a che?
          Al rendimento ? O al fatto che ha un contratto ad incastro ? Che bisogna tenerselo per forza…

          • alieno sdraiato says:

            in base alle prospettive: Schick fra un paio d’anni potrebbe tranquillamente quadruplicare il suo prezzo, Defrel no.
            A me sembra più maturo rispetto alle prime apparizioni, non si batte 3-0 il Barcellona senza il contributo di tutti

    • datzebao (ex Matteo) says:

      Ma certo. E non sarebbe nemmeno stato giusto criticarlo pubblicamente, dato che è un giocatore della Roma e che mette sempre tutto l’impegno.
      Ma arrivare a dire “eccellente” è un’esagerazione che di per sé è talmente poco credibile da risultare fasulla, purtroppo.
      Sarebbe bastato “buon acquisto”, “utile alla causa”…

      • Oratio says:

        Caro datzebao, siamo sinceri.

        Se tu hai una macchina con il motore fuso, glielo dici al potenziale acquirente?

        Al momento di venderla, diventa la macchina migliore del mondo.

        • datzebao (ex Matteo) says:

          Gliela vendo magari però come in “buono stato” non come “nuova” 😉

    • Hic Sunt Leones says:

      Concordo. Non vi sareste veramente aspettati che Baldissoni dicesse che Defrel (e Schick) siano acquisti sbagliati…
      Maaaaaa tutti a commentare questa parte della dichiarazione, e nessuno a commentare il surplus di ricavi? Rivoglio i miei commercialisti da web! 😉

  8. Lando Milone says:

    Baldissoni caro, ti voglio bene ma…

    Se Defrel è un acquisto eccellente, Under è il colpo del millennio.

  9. GS2012 says:

    mi verrebbe da dire… perfetto da giugno prox niente più alibi per il mercato in funzione della competitività… ma anche sul “sono tutti acquisti eccellenti” ci sarebbe da ribattere (anche se in futuro esploderanno entrambi in questo campionato il loro apporto è stato praticamente nullo) qualcosina, ma mi sembra un pò come chiedere “oste comè il vino???”… sul resto nn dice niente di nuovo riproponendo i soliti argomenti che creeranno i soliti botta e risposta…
    CeSoloLaRoma!!!

  10. drew says:

    Per quanto mi riguarda su Schick nutro grandi aspettative, Defrel da quanto leggo su tranfermarkt è stato pagato 15ml + 3 di eventuali bonus…Insomma per un classe 91 tecnicamente non insuperabile ma che fa il suo penso ci possano stare, conosceva già il nostro campionato e aveva lavorato con difra…

  11. Nome says:

    Sembra che abbiano fatto un dispetto a voi a comprare defrel😄
    Che ridicoli😃

  12. Everybody says:

    Queste so notizie. .. altro che il bagnetto del presidente, Melli co a bombola d’ossigeno e Icardi che vole il rinnovo perché gli serve pe scrive naltro libro….

    Ve potesse ferma’ un orso al semaforo pe pulivve il vetro….

    E se dovesse pure incacchia’ perché non gli date a mancia….

  13. Senza Trofei ma con le Trofie says:

    ma come si fa a dire che Schick e Defrel sono acquisti eccellenti ! Siamo un Top club questi 2 paracarri so buoni per le squadre da salvezza no per la AS Roma ! Douglas Costa a 40 faceva schifo invece vè?

    • Erik971 says:

      ridicolo: Duglas Costa non segna e fino a 2 partite fa era praticamente nullo… ora sta in un momento di forma eccezionale (c’entra lo essere stato fuori con le “cure” giuste) ma per il resto del campionato ha fatto schifo, a torino non ne erano contenti. Inutile parlare per 2 partite… D.C. ha pregi e difetti, non è uno che ti cambia la stagione e costa “appena” 6M l’anno di stipendio, appena 1 sotto Dybala. per prenderlo per 5 anni (ha un contratto fino al 22) ti costava 40+ 30+ circa 30 di tasse… cioè “appena” 100M. Il D.Costa che si è visto fino ad ora non vale certo quella cifra!. p.s la juve ha un monte ingaggi di 164M, la Roma di 94M… p.p.s Shick ne prende 2,5, cioè MENO della metà di D.Costa

      • Senza Trofei ma con le Trofie says:

        esperienza di livello internazionale, velocista, giocatore, non segna ma fa segnare…il classico profilo che serve a noi, altro che il panchinaro della Samp.
        Poi vorrei precisare che un giocatore così da noi non farebbe panchina ma bensì giocherebbe una intera stagione…ad oggi servono ricambi di eccellenza per accompagnare Dzeko che da solo sta a reggere tutto l’attacco ! Così per dire eh, poi magari mi sbaglio

  14. Vegemite says:

    Ho criticato l’arrivo di Defrel fin dalla sessione invernale di mercato del 2017 quando il Sassuolo si rifiutò di darcelo.
    Giocatore adatto alla dimensione del Sassuolo. Dagli emiliani invece mi riprenderei volentieri Scamacca.

  15. Robbo 1 says:

    Affermazioni perentorie quelle del ns. d.g. Mauro Baldissoni che ribadiscono ancora una volta come in attesa dell’Impianto di Tor di Valle si debba procedere ad alcune cessioni estive per generare plusvalenze . Questo da tifosi romanisti non ce lo dobbiamo nascondere . Si tratta dell’unica via per aumentare i ricavi e mantenere alta la competitivita’ . Altri percorsi non ce ne sono tenendo presente la scure del FPF UEFA . C’e’ da rimanere compiaciuti dell’ aumento del fatturato arrivato a dimensioni storiche ma ancora molto lontano da quello dei grandi club europei . Siamo benche’ in grande crescita ancora a meta’ del guado…

  16. El Greco says:

    Caro Alex, dal poco che ho visto mi sembra di intuire che sia un giocatore rognoso, molto fisico. Secondo me, potrebbe fare bene. Ritengo prematuro stroncarlo già adesso. Per carità, parere dal comodo divano di casa. Saluti.

  17. Monika says:

    Probabilmente è l’unica strategia possibile,se vincente si vedrà nel medio periodo, ti prego, non parlare troppo presto,per scaramanzia,almeno,perchè ogni volta la presunzione non ha portato bene,la Roma deve qualificarsi alla prossima Champions League per non vanificare tutto,è fondamentale!Già l’anno del passaggio ai gironi aveva ricevuto 70 mln dall’Uefa, ma il fallimento contro il Porto ha poi riportato il fatturato ad abbassarsi tanto da necessitare di circa 90 mln di plusvalenze e,così,non sempre può andare tutto bene,bisogna aumentare gli introiti strutturali e i successi,il cammino di quest’anno in Europa aiuterà, ma bisogna dare continuità.Senza terzo,quarto posto dai 240 mln ci troveremo l’anno successivo a 140- 160 mln per mantenere la rosa,troppa differenza,i successi…

    • Monika says:

      portano sponsor, maggiore vendita di magliette,maggiore interesse all’estero, dove bambini prenderanno la Roma a Fifa,tra l’altro dall’anno prossimo in poi i soldi della Champions per i club saranno condizionati maggiormente dal cammino che si farà, più vinci più guadagni,mentre un cammino breve porterà meno soldi rispetto ad ora perchè andranno divisi tra più club, Forza roma e Che a Spalletti costi cara la gufata!

    • Senza Trofei ma con le Trofie says:

      La Roma deve vincere la Champions, abbiamo una occasione più unica che rara. Leggo molti commenti provinciali !

  18. Ziopeppo says:

    Defrel sul bilancio pesa pochissimo, perchè i 15 mln dell’acquisto vanno spalmati (includendo lo stipendio) di anno in anno.
    Così come Schick con una formula del tutto vantaggiosa per noi.
    Credo che Baldissoni, che di calcio potrebbe anche non capirne niente, intendeva che sono stati acquisti eccellenti al livello finanziario, non intaccando troppo il bilancio.
    Per quanto riguarda la resa sul campo Defrel è stato prossimo allo 0, seppur con tanto impegno e Schick tolta la partita in casa dove ha marcato Iniesta ha reso davvero poco.
    Confido in entrambi, perchè abbiamo aspettato Voeller e Dzeko e possiamo pure portare pazienza su questi ragazzi.
    Tra l’altro finchè saranno della nostra AS ROMA li tiferò ad oltranza ogni minuto, se vi piace immobile o douglas costa ci sono altre…

    • Alex says:

      Immobile non lo invidio ma Douglas Costa si. Un mistero come il Bayer tenesse fuori questo giocatore che trovo di altissimo livello.

      • Erik971 says:

        Cito me stesso: D.C. ha pregi e difetti, non è uno che ti cambia la stagione e costa “appena” 6M l’anno di stipendio, appena 1 sotto Dybala. per prenderlo per 5 anni (ha un contratto fino al 22) ti costava 40+ 30+ circa 30 di tasse… cioè “appena” 100M. Il D.Costa che si è visto fino ad ora non vale certo quella cifra! Il Bayer lo ha dato via proprio perché non segna (il suo massimo 6 gol nel campionato ucraino) ed è molto discontinuo.
        p.s. anche con tutti le spese Shick alla Roma costerà, al massimo,i 50M, D.Costa ne costerà alla juve il doppio alla fine dei 5 anni quando ne avrà 32.

  19. Step by Step "ROMA CLUB JAMES PALLOTTA" says:

    La AsRoma è arrivata in semifinale di CL con il 24esimo fatturato.
    IL VENTIQUATTRESIMO (24)

    Ha appena eliminato una corazzata da quasi UN MILIARDO a stagione,con un Mister esordiente.
    Un Mister che qualche fenomeno,qua,ha definito “incompetente” “dilettante” “inetto” “da provinciale”
    E con una Rosa che viene derisa da mesi.

    Fossi in voi mi eclisserei,fenomeni.
    Per Sempre.

  20. Chico says:

    Il sistema alti costi/plusvalenze funziona se i ricambi sono almeno all’altezza delle partenze. Quest’anno obiettivamente non è stato così. Poi che la squadra abbia fatto un miracolo in CL è un altro discorso, però il valore globale della rosa non è superiore a quello dello scorso anno e il gap con le prime è aumentato. La cosa positiva è il probabile ingresso in CL x il secondo anno di fila che aumenterà i ricavi, ma la rosa quest’estate avrà bisogno di restyling più massiccio: almeno 2 centrocampisti, 1 centrale di difesa titolare e almeno un esterno d’attacco pronto. Non è poco…

    • Monika says:

      Concordo con le necessità della rosa. I 2 centrocampisti in aggiunta ai titolari che,se ceduti, andranno sostituiti.

      • ROMANO 1 says:

        A dirla tutta manca anche un terzino sinistro per far respirare Kolarov che,allo stato, non può essere fermato sperando pure che Manolas e Fazio resistano fino al termine della stagione. Jesus poi, al massimo, potrà sostituire un centrale o Kolarov non entrambi. Dimenticavo c’è Silva vero?

  21. Verità says:

    Che risposte di plastica Baldisso’

  22. Zenone says:

    Nessun mercante disprezza la propria merce…e perciò anche Baldissono DEVE dire che Defrel è un mezzo fenomeno e non una mezza tacca…

  23. Stef73 says:

    Dico grazie per le emozioni infinite regalate in Champion’s. Esiste pero’anche un campionato nel quale la Roma ha sbagliato troppo. Cerchiamo di crescere anche in campionato ragionando da grande squadra magari essendo piu’cattivi sotto porta. Belli si…ma anche sporchi e cinici!

  24. Dark Dog says:

    Ammettiamo Step che tu abbia ragione (cosa che giuro mi auguro in ogni secondo della mia giornata perché la Roma mi condiziona le giornate ed è amore assoluto), fossi in te, in ogni caso, consulterei qualcuno per capire la tua ossessione compulsiva come si possa affrontare con competenza, sono mesi che bombardi le zucche in modo agghiacciante, sono sconvolto, vira verso qualcos’altro, tutti (anche i più deficenti) hanno capito l’essenza del pensiero che spingi come un rullo compressore da mesi e mesi, sarebbe interessante capire se hai un pensiero oltre quello, un’opinione tecnica su ciò che accade nel rettangolo di gioco, un pensiero su un calciatore, sulla moglie, su una questione extracalcistica, sei diventato pesante anche per i tre quarti di quelli che la pensano esattamente come…

  25. Dark Dog says:

    ….come te.

    • Step by Step "ROMA CLUB JAMES PALLOTTA" says:

      Ho 3 miliardi di opinioni sul mondo AsRoma.

      Societarie,tecnico/tattiche,culturali e sub-culturali.

      il punto è che di condividerle con te e con quelli come te non me ne frega nulla.

      Detesto che si prende sul serio parlando di ragazzoni in mutandoni che tirano calci ad un pallone.

      Spero di essere stato chiaro.

  26. L’evangelista says:

    Anche dzeko il primo anno ha fatto pena

    • Senza Trofei ma con le Trofie says:

      Dzeko ha vinto da solo la Bundes col Wolfsburg, La Premier col City e infatti in campo detta legge ( qualcuno qui diceva che bisognava venderlo a Gennaio ancora rido )
      Schick finora ha vinto la scommessa con Ferrero di andare a giocare in un Top Club come il nostro …

  27. alieno sdraiato says:

    in sostanza, considerando diversi fattori (età, resistenza fisica, tasso tecnico ecc.), quest’estate si potrebbe migliorare rimpiazzando:
    Gonalons
    Bruno Peres
    Juan Jesus
    Manolas
    Perotti
    De Rossi
    Nainggolan (?)
    Dzeko (??).

    E’ una “bozza di mercato”, si accettano suggerimenti.
    No provocazioni

    • KAWASAKI1962 says:

      alieno, il mio ragionamento parte dalla formazione “titolare” di quest’anno: Alisson – Florenzi – Manolas – Fazio – Kolarov – De Rossi – Strootman – Nainggolan – Under – Perotti – Dzeko
      A questi aggiungo Karsdorp, Pellegrini, El Shaarawi e Schick.
      Il salto di qualità lo faremo se i prossimi acquisti saranno, già da subito o in prospettiva, più forti e più adatti al gioco del Mister rispetto a quelli che ho elencato sopra. A parte Alisson, che è un supereroe.

  28. ROMANO 1 says:

    Alieno in parte concordo ma devo far osservare che i primi 3 sono praticamente invendibili anche in considerazione di ingaggi oltre i 2 milioni. Venderei, nonostante le peripezie di alcuni sul suo effettivo costo, anche Defrel che RAMMENTO a bilancio andrà iscritto per 20 milioni (trascurando i bonus), pertanto invendibile salvo inserirlo in qualche scambio (se ci cascano). Nainggolan e Dzeko come Strootman e Manolas ci andrei molto cauto a darli via così come Perotti. Ricordo pure a molti che la Roma nelle ultime 3 sessioni di mercato ha realizzato oltre 150 milioni di attivo e, per quest’anno, ricavi record. Ancora vendere pezzi importanti a 3/4 alla volta?

  29. Dark Dog says:

    Sei un ipocrita di livello,ti importa e come altrimenti tutta questa ossessione di imporre il tuo pensiero non l’avresti. Sei ossessionato dagli altri, soprattutto dai così detti Mariolones kkkkk, che ti stanno riducendo uno straccio. Buona serata caro.

  30. Vegemite says:

    Schick è ingiudicabile per ora.
    Ha saltato la preparazione, è reduce da una pericardite e si è dovuto adattare ad una realtà importante come la nostra.
    Soprattutto lo vedo molto indietro fisicamente. Non regge nemmeno 60’.
    Contro la Lazio aveva finito la benzina già nel primo tempo. Come si fa a giudicarlo in queste condizioni? È un giocatore che va riatletizzato completamente. È molto probabile a questo punto che non rivedremo lo Schick di Genova in questa stagione.

  31. Nome14 says:

    Premesso che Baldissoni non può e non deve dire nulla di diverso da quello che ha detto e quindi non si può discutere su questo: non c’è materia.

    Schick e Defrel sono due giocatori diversi accomunati entrambi per ora solo dalla difficoltà di riuscire a dimostrare quanto valgono.
    Defrel è un giocatore fisicamente potente, capace di grande corsa anche senza palla. Mezzi tecnici non eccezionali e non eccezionale fiuto del gol. Tuttavia buon giocatore. Altrimenti non avrebbe fatto carriera in serie A e farebbe l’impiegato o simile mettendo commenti su giallorossi.net.

    Schick ha evidenti mezzi tecnici eccezionali. Già dimostrati peraltro. Finora la fortuna non lo ha aiutato a trovare tranquillità e fiducia. Giocare poco non lo aiuta. Sarà fortissimo.

    Piuttosto, ma Gerson?

  32. Bastamonchi says:

    Ci sono giocatori il cui costo stratosferico è giustificato. Ma ce ne sono altri che pur essendo mediocri hanno costi elevati. DEFREL ÈUNO DI LORO.Eppure la Roma lo prende.Perché? Ma non ve le ponete mai certe domande? Non sarebbe stato meglio puntare su un ns giovane che invece diamo in prestito? Questo ti fa capire che nel.mondo dei ds in perfetto accordo con i procuratori esistono giri di danaro e favori che con lo sport e con l’appartenenza nulla hanno a che fare. Ecco perché non voglio gente che non ha interesse a piazzare i forti alla Roma, ma a venderli ai soliti noti. Quando già il compianto Sensi diceva certe cose venne distrutto dal sistema è boicottato nelle trattative. E non avevamo ancora questi top club che di fatto fanno cartello.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili