Conferenza MKHITARYAN: “All’Arsenal non ero più felice, ho preso al volo l’occasione Roma. Posso giocare ovunque in attacco”

Set 10, 2019 15 commenti by

ULTIME NEWS AS ROMA – Henrikh Mkhitaryan, ultimo acquisto della sessione estiva del mercato giallorosso, si presenta a tifosi e stampa nella conferenza organizzata dalla Roma, sua nuovo club. L’attaccante armeno risponde alle domande dei giornalisti sulle sue qualità, sugli obiettivi e sul perchè ha scelto proprio i capitolini. Ecco le sue parole:

Comincia Petrachi: “Siamo qui per presentare Miki, come vuole esser chiamato. Siamo molto contenti ed orgogliosi di aver portato un altro giocatore di spessore internazionale. La sua esperienza e la sua capacità, anche la sua intelligenza, possa aumentare la qualità della Roma. Gli garantiremo sostegno, motivazione e voglia di giocare a calcio. L’affetto ed il calore che ogni calciatore sente di dover avere, la Roma e la sua tifoseria gli farà sentire tutto il calore”.

Prende la parola Mkhitaryan: “Sono felice di essere qui. Prima di arrivare qui ho passato un momento non facile. Adesso parte una nuova avventura. Sono consapevole degli obiettivi che si è prefissato il club. Oggi ho incontrato per la prima volta i compagni, il mister. Ci sono tutte le condizioni per avere un futuro roseo nel club” 

In quale ruolo pensi di poter essere più utile nella Roma di Fonseca?
Posso giocare in ogni posizione d’attacco, l’importante è aiutare la squadra, non ci sono differenze se giochi a destra o sinistra. La mia qualità sta nel partire dalla fascia ed accentrarmi. Metterò a disposizione le mie qualità per aiutare la squadra.

Hai già incontrato alcuni compagni in nazionale?
Abbiamo parlato dopo il match contro l’Italia, con Florenzi sulla città. Anche con Dzeko ho parlato sulla partita, sui gol fatto. Alla fine dopo le gare con le nazionali eravamo focalizzati sulla prossima partita della Roma.

Nelle ultime stagioni di Premier hai avuto una media gol bassa. Che cosa ti manca per fare il salto di qualità a livello realizzativo?
Con l’Armenia gioco dietro la punta, ho più spazio e posso arretrare o finalizzare il lavoro della squadra. All’Arsenal ed al Manchester partivo in una posizione più arretrata, tra centrocampo e attacco. Il mio obiettivo è quello di fare più gol e assist possibile.

Sei sbocciato nello Shakhtar Donetsk. Che pensi dello stile di gioco di Fonseca?
L’ho seguito in Champions ed in campionato, non ho analizzato nel dettaglio, ma aveva uno gioco offensivo, senza paura ed ha vinto partite contro grandi squadre. Spero che possa fare lo stesso qui alla Roma.

Ti sono arrivati messaggi dei tifosi della Roma dopo la gara con l’Armenia? Ti mettono pressione? Perché hai deciso di venire alla Roma?
Ho ricevuto diversi messaggi dopo la Nazionale. Erano contenti delle mie prestazioni, ma ora voglio concentrarmi sulla Roma che è una nuova esperienza. Non mollerò mai, lotterò fino alla fine per i nuovi obiettivi. Non ho paura della pressione, sono abituato agli occhi puntati su di te ed ogni minimo errore viene criticato. Se accetti di giocare a calcio sai che fanno parte di questo, a 30 anni so come comportarmi ed accetto quello che viene. La Roma è stata una grande occasione, ho accettato subito senza pensarci e senza parlare di soldi. Voglio godermi il calcio e giocare.

Hai l’ambizione di voler tornare in Premier League? L’Italia può essere il tuo futuro?
Ho lasciato l’Inghilterra, appartiene al passato e non voglio più parlarne. Sono alla Roma e voglio giocare la Serie A. Non ho fatto un passo indietro, è un grande calcio in un grande club. Era il momento per me di cambiare aria, si è presentata questa occasione e l’ho colta al volo. Per un calciatore è importante provare piacere nel giocare a calcio, negli ultimi mesi all’Arsenal non lo provavo più ed ho colto al volo questa occasione.

Ti piace la Var? Magari il suo compagno non sarebbe stato espulso contro l’Italia…
Ci sono situazioni in cui può essere utile, altre in cui non lo è perché uccide il ritmo del gioco, lo rende pesante. A volta festeggi un gol, poi viene annullato, oppure segni e non sai se esultare. Le emozioni non sono le stesse. Nella partita contro l’Italia se ci fosse stato sarebbe cambiato. In alcune situazioni mi sento inglese ed altre volte in cui mi sento italiano.

Perché l’Arsenal ha deciso di lasciarti andare l’ultimo giorno di mercato?
E’ una domanda difficile, non sono nella dirigenza e non so perché abbiano deciso di lasciarmi andare. Era un mio desiderio ed avevo deciso di cambiare. Sapevo che la Roma avrebbe giocato tante partite e volevo venire qui, oggi grazie al direttore sportivo ho avuto la possibilità di venire qui.

Non hai partecipato alla finale a Baku per problemi di geopolitica. Credi che avrai problemi nella trasferta di Istanbul?
Non ci sarà alcun problema, ci ho già giocato diverse volte. Non è la stessa cosa con Baku. Quella con la Turchia è una vecchia storia, ormai alle spalle. In Turchia non ho mai avuto alcun problema.

Ti servirà un periodo di adattamento per rendere al meglio nel nostro campionato?
Ero molto giovane in Germania e Inghilterra, ora non avrò problemi ad adattarmi, i miei compagni mi aiuteranno a farlo con il campionato e con la città. Dipenderà da me, è evidente che per il momento sarò qui una stagione e dovrò farlo molto velocemente.

Sei a disposizione per la prossima partita? Hai già parlato con Fonseca?
Ho parlato anche con il mister di diverse cose. Non so ancora se giocherò, non ho fatto nemmeno un allenamento con la squadra che farò domani. La decisione spetterà a lui, io farò il meglio, lavorerò duro. Sono qui per vincere e non per perdere tempo.

Smalling ha detto che siete favoriti per la vittoria dell’Europa League, tu sei d’accordo?
La stagione è appena iniziata, sono sicuro che potremo raggiungere i nostri obiettivi, tutti hanno grandi ambizioni e sono qui per vincere. Si viene ricordati per le vittorie, ho sempre voluto vincere titoli e sono sicuro che le mia ambizioni e quelle della Roma coincidono. Piano piano avremo idee più chiare delle prospettive.

Che cosa ti hanno insegnato i tuoi allenatori precedenti? Che pensi ti lascerà Fonseca?
Sono tutti diversi e con filosofie diverse. Uno molto offensivo ed un altro molto difensivo. Ho trent’anni ma voglio imparare ogni giorno ed ogni minuto. Spero di imparare l’italiano e di poter parlare con voi e comunicare con i compagni. Imparerò molto dal mister.

Fine

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 15 commenti

  1. David One says:

    “FUTURO ROSEO QUI!”.

    Benvenuto campione!!!.

  2. Adelmo says:

    “Parto dalla fascia per accentrarmi”.

    Esattamente lo schema dei trequartisti laterali nel gioco di Fonseca.

    giocatore più adatto non si poteva trovare, ed è arrivato nell’ultimo giorno di mercato, ricordando a tutti i tromboni che si sgomitavano a vicenda per dare voti insufficienti a mercato ancora aperto, che il mercato appunto era ancora aperto.

    • Fabianone alias Guardiola says:

      Infatti,è arrivato nell’ultimo giorno di mercato per via delle scarse finanze societarie;fosse giunto prima magari avremmo battuto il Genoa e perché no anche la Lazie che ci ha preso a pallonate (miracoloso pareggio e punto Stra guadagnato)e Fonseca non sarebbe stato messo in difficoltà dalla rosa incompleta.Tra l’altro il vostro partito dei campioni di agosto andava in giro dicendo che non c’era bisogno del sostituto di elsha visto che sulle fasce eravamo coperti da under,perotti,kluivert e florenzi come quarto bastava e avanzava.A quelli che dicevano che serviva un esterno alto riservavate il solito repertorio denso di amenità ed insulti.
      Ora ovviamente il merito è vostro che aspettavate il 31 agosto anche se avevate dato la squadra per completa dopo l’arrivo di cetin.

  3. David One says:

    Miki uno di NOI!

    Miki մեզանից մեկը:!!!!!

    FORZA ROMA!

  4. Bebbo says:

    Non so perché… questo come apre bocca me fomenta!

  5. *El Flaco* says:

    “All’Arsenal non ero più felice, ho preso al volo l’occasione Roma. Posso giocare ovunque in attacco”….
    Ecco solo questa frase già mi esalta Poi cosa dire ad un giocatore che pur di venire da noi si abbassa lo stipendio se non:
    💛💖Benvenuto e Sempre Forza Magica💛💖

  6. Albi con kolarov says:

    Oltre che forte e adatto a Fonseca mi sembra serio e sereno. Dai già mi piaci!

  7. CRIS. TURBOGIALLOROSSO says:

    Questo è un campione vero.
    Quelli di plastica li lasciamo ai gobbi.
    Armeno tu nell’universo.
    Forza Roma

  8. Luca says:

    È un calciatore che potrebbe fare la differenza

  9. Antonino Cerezo says:

    Questa squadra aveva bisogno come il pane di giocatori con grinta e personalità!
    Benvenuto Miki!

  10. Senza Trofei ma con le Trofie says:

    non ha niente da invidiare agli 85 milioni spesi dall Inter per il pubblicizzato Lukakkuuu

  11. 007 says:

    Bisognerebbe sempre misurare i giudizi sia nel bene che nel male noi a roma siamo molto influenzabili. Si passa da pipponi a campioni in 90 minuti.
    Lo so… e’ sbagliato. Ma che ci posso fare anche io sono fatto così. E questo me fomenta parecchio!!!

  12. Ultras. says:

    La frase più bella ed esaltante che ha detto tra quelle sopracitate per me è questa, poiché incarna il prototipo di calciatore vero, nonché campione:

    ” Per un calciatore è importante provare piacere nel giocare a calcio, negli ultimi mesi all’Arsenal non lo provavo più ed ho colto al volo questa occasione. ”

    E anche l’Arsenal non scherza con gli stipendi.

  13. Er Pupone says:

    Mi sembra un giocatore molto intelligente.
    Parla con maturità e calma. Sembra di sapere esattamente cosa vuole.
    È un piacere di vedere giocatori così avere la volontà di fare grande cose con noi.
    Benvenuto Miki!

  14. Malta says:

    I giornali inglesi dicono che è stato mandato via perché ha un salario proposito per la sua età. La nuova politica dell’arsenal è di mettere questi soldi su giovani talenti. Infatti nessuno lo ha comprato. La Roma si è fatta carico dello stipendio e così lo ha preso in prestito. Non credo che tornerà all’arsenal l’anno prossimo.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili