Delvecchio: “Edin, ti stavo aspettando. E quel gesto di Kolarov spero sia di scuse…”

Feb 10, 2019 11 commenti by

AS ROMA NOTIZIE – L’ex attaccante della Roma, Marco Delvecchio, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, parlando anche di Edin Dzeko, che contro il Chievo lo ha agganciato all’ottavo posto nella classifica cannonieri all-time, e del gesto di Kolarov che sta dividendo i tifosi.

L’inchino di Kolarov a Verona era ironico? O davvero Kolarov voleva chiedere scusa ai tifosi?
Mi piace pensare che sia stato un gesto di scuse. Spero sul serio che significasse questo.

Si aspettava che ci volesse tutto questo tempo per gli 83 gol di Dzeko?
Sinceramente no, visto come aveva iniziato l’ano pensavo che mi avrebbe raggiunto già entro due o tre partite rispetto a quando mi ha messo “nel mirino”.

(…)

A novembre lei disse: “Di Francesco non va messo in discussione, è la Roma che pecca un po’ in personalità…
Confermo, spesso ci sono state prove troppo altalenanti in questi mesi. E ne hanno fatto le spese tutti, anche i campioni, come lo stesso Dzeko.

(Gazzetta dello Sport)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 11 commenti

  1. Roma=Amor says:

    Il solito titolo alla ca77o di cane: così Marco sembra “minaccioso”, in realtà, come si evince dall’articolo stesso (il che certifica la malafede del giornalista!), ha un atteggiamento ” buonista”, positivo, sano, onesto. Nulla di nuovo… Tira’mm nnanz!

  2. Stefano55 says:

    Facciamo conto che il gesto di kolarov era di scuse!Ma il tuo gesto delle orecchie invece per cos’ era?

  3. Bobo says:

    Ma caro Marco se anche fosse non è da romanista buttare benzina sul fuoco …il tuo gesto delle orecchie che era …un gesto distensivo? Non facciamoci male da soli e diciamo BASTA alle polemiche pensiamo al Porto perché sarà dura.

  4. Nico er Pirata says:

    Bello cambiare il senso delle frasi con un virgolettato inventato nel titolo eh gazzetta? “spero sia di scuse” in Italiano ha un senso molto diverso di “mi piace pensare”. La prima espressione (mal riportata) assume infatti una sfumatura polemica che la seconda (la risposta reale di Delvecchio) non ha. Sciacalli

  5. BrunoConti7 says:

    E tu parli di gesti????

  6. slimer says:

    non me sembra che il gesto delle orecchie sia stato provocatorio. 11 delvecchio!!!

  7. David One Kolarov 11 says:

    Kolarov MI RAPPRESENTA , contratto a VITA nella Roma, finita la carriera lo voglio IN SOCIETÀ.
    Giornalista scribacchino a pagamento il tuo pennino ,VENDUTI!.
    Non ci dividerete!

    • Massimiliano says:

      totalmente d’accordo con te……un esempio di serietà…..e ci si dimentica in fretta che davvero ha
      giocato con un piede rotto…..ma qui se non si è ruffiani non conti niente…..
      Dai Alexander…..e forma MAGICA

  8. Paolo says:

    Quando SuperMarco fece per la prima volta il gesto delle orecchie era per rispondere ai fischi che si beccava da un po’ viste le scarse prestazioni. Quindi fu provocatorio, poi divenne il suo modo di esultare ad ogni gol. Detto questo basta con ste chiacchiere su Kolarov, pensiamo al Porto.

  9. L'evangelista says:

    E facci un gol,e facci un gol, marco del vecchio facci un gol, la curva sud te lo chiede in coro, marco del vecchio facci un gol…

  10. Albi con kolarov says:

    Viva kolarov e viva supermarco!

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili