Inter, Marotta: “Conte? Fiducia in Spalletti, ha ottenuto risultati importanti”

Apr 15, 2019 19 commenti by

INTER CONTE ALLENATORE SPALLETTI – Beppe Marotta smorza le voci che vedono Antonio Conte come futuro allenatore dell‘Inter, dando fiducia a Luciano Spalletti. Queste le parole dell’amministratore delegato del club nerazzurro a Radio Anch’io Sport:

“Antonio Conte? Le voci sono praticamente una conseguenza del fatto che è sul mercato e rappresenta un profilo di allenatore vincente. Ha dimostrato di fare grandi cose ed è normale che venga accostato a diverse società. Ma sottolineo come Spalletti abbia creato una squadra che è continuamente in crescita. E’ giusto dargli fiducia, ha dimostrato risultati importanti.”

Non sembra dunque così scontato che l’Inter possa cambiare tecnico a fine anno. La Roma potrebbe dunque avere un’avversaria in meno nella corsa ad Antonio Conte, accostato anche alla Juve e al Milan.

Fonte: Radio Anch’io Sport

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 19 commenti

  1. Stefano55 says:

    In effetti,Spalletti non e’ che sia l’ ultimo arrivato,si possono fare mille considerazioni sul suo carattere e modo di fare,ma tecnicamente e’ molto bravo,e secondo me non inferiore a Conte.Lo scorso anno con un’ inter che veniva dalle macerie l’ ha riportata in champion,e concedera’ il bis quest’ anno.Non male!

  2. TESTACCINO says:

    Tutte bugie,all’Inter andra’Conte da noi l’uomo che non ride mai neanche quando vince

  3. David One says:

    E che dovrebbe dire ? La Champions non è certa ancora! Non puoi permettersi defiance della squadra con conseguenza perdita di punti!

  4. Lando Milone says:

    Come ho già detto in altro post, ľ esonero del pelato
    (che dopo San Pietroburgo, è andato a riempirsi le tasche anche a Nanchino, strappando un contratto che solo in Qatar poteva essere più robusto)
    e ľ ingaggio di Conte, costerebbero troppo anche alle ricchissime casse di Suning.

    Marotta, che è scaltro e prudente, sta già “allertando” la tifoseria interista, che sogna mercati faraonici a giugno.
    Col toscano – che salterà solo in caso di quinto posto – in panca, non vinceranno neanche ľ anno prossimo.

  5. Lando Milone says:

    No, Stefano.

    La stagione dell’Inter è molto deludente. Con un Napoli proiettato in in Europa (nonostante il suicidio dell’ Emirates – compiuto dalle loffe sarriane Hysaj e Nano Rui titolari – colpa di Carletto che le ha fatte giocare insieme) un grande allenatore avrebbe portato ľ Inter al secondo posto a 10, 12 punti dalla Juve.

  6. Lando Milone says:

    Senza contare che Suning, a gennaio, aveva chiesto un trofeo a Spalletti.

    Ľ uscita dalla C.Italia di Juve e Napoli, glielo aveva offerto su un piatto d’ argento, ma il mediocre di Certaldo è riuscito a farsi buttare fuori (Come già a Roma) dalla lazietta di Inzaghi, che anche quest’ anno lo ha battuto due volte su tre.

    Comica, infine, è stata la gestione del caso Icardi che ha fatto perdere all’ Inter una decina di punti in campionato.

  7. Stefano55 says:

    Lando in primis,se dobbiamo stare a guardare la stagione deludente noi non dovremmo proprio parlare visto che siamo usciti dalla coppa Italia von un 7-1,dalla Champion,e probabilmente se saremo battuti a Milano,non raggiungeremo neanche il 4 posto.Probabilmente L’ Inter il posto Champion lo raggiungera’e gia e’ qualcosa,dove io per noi per lo stesso traguardo
    gia’ metterei la firma.Se proprio dobbiamo trovare un fallimento,casomai lo vedo nel Napoli,che forse era partito con altre aspettative,e se uscira’ con l’ Arsenal,avra’ toppato su tutti i fronti! Poi finire a 10 punti dalla juve o 20 non e’ che conti molto,o secondo o terzo non cambiano le cose,e non ti porta vantaggi in piu’!

  8. Lando Milone says:

    Sono situazioni completamente diverse, caro Stefano.

    La Roma veniva da una rifondazione tecnica (Non ancora completata), una squadra a fine ciclo ed una Potenza finanziaria molto inferiore a quella di Suning. Gli obiettivi, per chi sa di calcio, erano gli ottavi di Champions ed il quarto posto in campionato. Il primo è stato raggiunto, per il secondo siamo in piena corsa.
    Ľ Inter ha cambiato pochissimo, non ha perso Handanovic (La Roma senza Alisson ha perso il campione che nascondeva i limiti di una difesa ridicola) e si rinforzata. Non vincere un trofeo dopo le uscite di Juve e Napoli, e mancare il secondo posto contro un Ancelotti che ha la testa in Europa da settembre, per Spalletti è stato un fallimento assoluto.

  9. Lando Milone says:

    Sinceramente non vedo il fallimento del Napoli.

    Comunque vada con ľ Arsenal (grande squadra che ha in Emery uno specialista che quella coppa ľ ha già vinta per tre volte ), Ancelotti ha fatto un gran girone di Champions, mantenendo il secondo posto in campionato e migliorando i piazzamenti di Sarri in Europa.

    I risultati dicono questo

  10. Stefano55 says:

    Lando,diciamo che la coppa Italia,era alla nostra portata,visto che c’ e l’ Atalanta in semifinale ( con buone possibilita di andare in finale)e come hai ricordato tu sono uscite Napoli e Juve.Scusa Lando ma gli ottavi di champion,non mi sembrano un’ obiettivo valido,sopratutto per il fatto che lo scorso anno anbiamo raggiunto la semifinale.Per quello che riguarda il 4 posto,sara’ proprio la partita con l’ inter a decidere,se perdiamo siamo fuori dai giochi!

  11. Stefano55 says:

    Lando i piazzamenti lasciano il tempo che trovano,qui bisogna vincere,qui vedo solo ottavi champion( che non mi pare un grosso traguardo), fuori dalla coppa Italia,e probabilmente fuori dalla lotta champion a meno di miracoli.Il Napoli considerata la squadra che ha se va fuori dall’ europa league ,ha fallito molto piu’ di noi!Lo scorso anno il Napoli ha lottato fino alla fine x lo scudetto,anzi vincendo a Torino sembrava addirittura il favorito,quest’ anno con Ancelotti non c’ e stata lotta con la juventus!

  12. Lando Milone says:

    La Coppa Italia poteva essere alla nostra portata ed è stata – vista ľ umiliazione del Franchi – ľ unico VERO fallimento di Eusebio.

    Quanto alla Champions, la Roma in Semifinale ci è arrivata DA SORPRESA e non DA FAVORITA per la semifinale. Dopo sette anni di nulla – prima dell’ anno scorso – in Europa, nessuno poteva pretendere che una squadra molto rinnovata, si piazzasse subito nei quarti..

    Per il quarto posto, come dico da settembre, lotteremo fino alla fine col Milan e la trasferta di S.Siro per me non sarà decisiva.

  13. Lando Milone says:

    Sono d’ accordo, Stefano.
    I piazzamenti lasciano il tempo che trovano. Quelli che contano sono i RISULTATI.

    Il Napoli in campionato secondo era e secondo resta.
    Solo che mentre Sarri in Europa usciva nei SEDCESIMI con il Lipsia, Ancelotti nella peggiore delle ipotesi uscirà nei QUARTI contro la squadra più forte della competizione.

    Ancelotti come Benitez, è stato preso per migliorare i risultati europei e come Benitez ci è riuscito.
    Per i secondi posti in campionato, bastavano Sarri e Mazzarri..

  14. Stefano55 says:

    Lando,pero’ finire a 4 punti dalla juve,( lo scorso anno)e finire a17 punti ( come finora,ma il divario potrebbe aumentare)non mi pare la stessa cosa,sempre seconda posizione ma con un divario pesante.

  15. Lando Milone says:

    Pure uscire col Lipsia, non
    Significa uscire con ľ Arsenal.

    Come un sedicesimo di EL non vale ovviamente i quarti.

    Poi dipende dagli obiettivi.
    Loro quest’anno puntano all’ Europa, dove Ancelotti ha fatto meglio di Sarri, mantenendone la stessa posizione in campionato.

  16. Ingolstadt3 says:

    Inter=potenza economica..stranamente con Cancelo e Rafinha in prestito lo scorso anno..quest’anno con Keita e Vrasaliko .Strano.Dove sarebbe ora cpn 45 infprtuni muscolari ? E il rigore su Zaniolo o il fallo sempre su Zaniolo dove nasce il gol dell’inter ?

  17. Lupo 57 says:

    Aspettare la fine del campionato, poi conte arriva ma a Milano purtroppo…

  18. Stefano55 says:

    Ingolstadt,al netto degli infortuni,e delle assenze ( all’ inter pure e’ mancato Icardi)che un po’ tutte le squadre hanno,e’ innegabile che quest’ anno ci siamo dati la zappa dui piedi da soli abbiamo regalato punti a cani e porci!quindi non ci sono alibi!

  19. Ingolstadt3 says:

    Stefano 55= si abbiamo regalato punti..si il preparatore atletico ha fatto disastri..si Difra non si è saputo adeguare ai giocatori.Ma qst significa che non sono tutte pippe.che si poteva/doveva fare meglio ..

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili