La Raggi riduce le torri per l’ok al nuovo stadio

Gen 11, 2017 4 commenti by

AS ROMA NEWS – L’obiettivo, per il Campidoglio, è quello di arrivare domani, alla ripresa delle riunioni plenarie della Conferenza dei Servizi che deve esaminare il dossier Stadio di Tor di Valle, con qualcosa in mano di concreto e, possibilmente, scritto e condiviso. Per questo, la Giunta Raggi ha deciso di scegliere un tecnico di fiducia del Sindaco (ancora da nominare) che dovrà affiancare i proponenti per identificare un percorso progettuale e amministrativo utile a redigere un documento che deve contenere la riduzione del 20% delle cubature delle torri e con il quale presentarsi, almeno in forma embrionale, in Conferenza dei Servizi. Solo 24 ore di tempo per fare un lavoro delicatissimo: capire come conciliare questa riduzione di cubature, quali «risparmi» consentire sugli altri costi senza stravolgere la delibera di Marino sul pubblico interesse. Questo è quanto è emerso dalla riunione di ieri mattina, anticipata da II Tempo, fra il sindaco, Virginia Raggi, entrata in Campidoglio da un ingresso posteriore, il dg della Roma, Mauro Baldissoni, e il costruttore Luca Parnasi, a loro volta passati da un ingresso ancor più defilato. Assente l’assessore all’Urbanistica, Paolo Berdini, ma sostanzialmente difeso dal sindaco (le esprime in modo un po’ estremistico, ma le sue sono le nostre idee. Che penso poi vanno mediate con la realtà).

Pur non essendo emersa nessuna indicazione specifica su quale opera pubblica possa saltare per mantenere in equilibrio tutto il progetto, l’indiziato numero uno per la cancellazione continua a essere il finanziamento di 50 milioni e spicci per la metro B o la Roma Lido. Il possibile iter per giungere a questa riduzione è inserire la modifica della delibera Marino dentro il testo della futura variante urbanistica che verrà discussa in Consiglio comunale. Vi è una seconda ipotesi che circola in Campidoglio e che prevederebbe di ritoccare, dentro la variante urbanistica, gli indici di edificabilità, cioè uno dei parametri sul quale si calcola lo sviluppo delle cubature. In sostanza, il Comune marca 5Stelle riterrebbe che ai tempi della giunta Marino questi indici siano stati calcolati in modo troppo generoso in favore della Roma. Quindi, ora si possono abbassare: questo significa non toccare le opere pubbliche, che rimarrebbero tutte invariate, ma agire su un altro elemento che determina le cubature. Quindi, di fatto, le cubature date in compensazione si ridurrebbero e i proponenti pagherebbero la costruzione dell’intero complesso più di quanto previsto fino ad oggi. Altro vantaggio in questa ipotesi: la conferma di tutte le opere pubbliche andrebbe a sgonfiare i rischi di potenziali ricorsi al Tar basati sulla cancellazione delle opere di pubblico interesse; non sarebbe necessario un nuovo progetto e si proseguirebbe con l’attuale Conferenza di Servizi.

E mentre continua a rafforzarsi il ruolo di grande tessitore del presidente del Consiglio comunale, Marcello De Vito, ormai stabilmente presente a tutte le riunioni anche in vista della futura votazione in Aula della variante urbanistica, nella serata secondo round con la Raggi che ha incontrato (nuovamente) la sua maggioranza e gli assessori oggi mancanti, Berdini («c’e stato uno sgombero a Roma, non so se vivete in questa citta…», ha detto ai giornalisti che gli chiedevano conto della sua assenza mattutina mentre era impegnato per lo sgombero del centro sociale Alexis) e Frongia. La partita che si sta giocando è delicatissima: al momento c’e solo la richiesta del Comune di ridurre le cubature di questo 20% ma rimane ancora la necessità di capire come fare senza violare la delibera di pubblico interesse di Marino, mantenendo le opere pubbliche e facendo rimanere l’intera opera, da 1 miliardo e quasi 700 milioni di euro di investimenti privati, in equilibrio economico finanziario.

(Il Tempo, F. Magliaro)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 4 commenti

  1. Adelmo says:

    le ultime righe sono la risposta all’intero quesito…. come si fa a ridurre le cubature senza violare la delibera già approvata dalla precedente giunta?

    come si fa a togliere qualche piano da un grattacielo a forma irregolare in cui i piani sono tutti diversi tra loro? come ricalcoli il carico, il tetto, se ti mancano sotto dei pezzi?

    ci vorrà un paio di giorni? o un paio di mesi?

    la seconda che ho detto.

    Che cozza contro il voler rispettare i tempi.

    In poche parole, Magliaro in maniera provocatoria ci sta facendo capire che le richieste della giunta lasciano il tempo che trovano, sono impraticabili sia giudiricamente che tecnicamente.

    Quelli che hanno fretta sono loro, devono fare la variante. E ci arriveremo facendo finta di ascoltare i loro deliri.

    • idiolmo says:

      Oh Guida indicaci l’orizzonte, mostraci la via. Spiegaci dove sta la soluzione dell’articolo enigmatico del filosofeggiante Magliaro. Che l’ermeneutica ti accompagni sempre, oh Guida.

  2. Matteo says:

    Per me questa giunta non tira avanti per un altro mese. Ogni accordo preso con loro non ha molto senso…

  3. Tabbacco says:

    E comunque se riduci le cubature il progetto lo devi comunque rifare.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili