La Roma stavolta punta sul Faraone: “Serve un suo gol”

Mar 18, 2018 11 commenti by

NOTIZIE AS ROMA – A giugno di due anni fa, in Calabria ha avuto successo una bella mostra il cui titolo era questo: «L’Egitto a Crotone: i reperti egizi ed egittizzanti del museo di Crotone». Morale: la Roma confida che oggi ci sia un prosieguo dell’esposizione con un prezzo pregiato in vetrina: Stephan El Shaarawy, al secolo calcistico detto «Il Faraone». Dopo la panchina rimediata nella scorsa stagione allo Scida, infatti, l’attaccante oggi partirà titolare per provare ad allungare il «magic moment» dei giallorossi.

IL DIGIUNO – In realtà, chi a livello personale vuole ritrovare il tocco magico è proprio El Shaarawy, visto che dal 27 novembre in poi ha segnato solo una rete, quella a San Siro contro l’Inter. Troppo poco per un attaccante come lui, che infatti non è riuscito a entrare nella prima convocazione del nuovo c.t. azzurro Di Biagio. Il bottino stagionale – fermo a quota 7 reti – non è disprezzabile ma neppure folgorante, anche se adesso sembra aver ritrovato la fiducia di Di Francesco.

TURNOVER – «Stephan giocherà dall’inizio – dice il tecnico –. Sta bene e ha il desiderio di tornare a fare la differenza come faceva ad inizio anno. Spero che a Crotone ritroverà il gol». La Roma ne avrà bisogno, perché l’allenatore vara un turnover importante rispetto al match di martedì contro lo Shakhtar, rilanciando dall’inizio – oltre al Faraone – Bruno Peres, Juan Jesus, Pellegrini, Gonalons e, schierato in attacco, anche Gerson, che pare in vantaggio su Schick. «La nostra qualificazione in Champions passa dal Crotone – aggiunge l’allenatore, che ha perso Perotti per infortunio muscolare ed ha Manolas acciaccato –. È una squadra difficile. L’anno scorso ha fatto un miracolo, ora si stanno riproponendo. Hanno delle caratteristiche tecniche particolari ed è un campo difficile. È una partita che va presa con le molle ed ho cercato di trasferire questo ai miei ragazzi».

AUGURI DZEKO – Di sicuro nessuno vuole rovinare il week end di Dzeko e Fazio, che ieri hanno compiuto rispettivamente 32 anni e 31 anni. Già è abbastanza malinconico, infatti, vedere Juve e Napoli così lontane in classifica. «Per me il rammarico è il distacco, che secondo me è eccessivo rispetto alle potenzialità. Ci sono stati momenti che non ci hanno permesso di far punti. Però questo e l’essere usciti da qualche competizioni ci può ha fatto crescere nell’orgoglio, e ora tanti vorrebbero essere al nostro posto e giocarsi i quarti». Proprio vero, ma oggi la testa è al Crotone. Con El Shaarawy che va ancora a caccia di futuro.

(Gazzetta dello Sport, M. Cecchini)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 11 commenti

  1. Alfredo 69 says:

    Operazione 3 punti a scappa’ via!!

  2. TT says:

    Forza Stephan, se ci sei batti un colpo

    • alieno sdraiato says:

      siamo già alle sedute spiritiche?

  3. Verità says:

    Da vendere assolutamente a giugno

    • Stef-No masochism says:

      A luglio/agosto no ?

  4. PoraRomaMia says:

    Questo manco con la matita segna!!! Giocatore Inconcludente e inutile…viavia

    • Loredana says:

      Smentito alla grandissima

    • Zenone - La Roma è una Fede non è un'Opinione says:

      per la Roma sei meglio di un cornetto rosso…ti appenderei al cancello di Trigoria

  5. Lupo 57 says:

    Oggi sarà una partita difficile da giocare ai massimi livelli mentali è una prova di maturità importante.

  6. PoraRomaMia says:

    Lo scrivo pure la prossima volta !! Ahahha

    • Zenone NO LAZIALI NO PIAGNONI says:

      …te ne sarà grato El Sharawi che andrà dritto dritto in Nazionale…

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili