Le tessere sono 21.500. Calo minimo

Set 10, 2019 58 commenti by

NOTIZIE ROMA CALCIO – C’è voglia di Roma nelle strade della Capitale. Al termine di una stagione più che tormentata, chiusa con il sesto posto in campionato, ci si aspettava un netto calo degli abbonamenti, ma così non è stato.

A poco meno di una settimana dal termine della campagna 2019/20 (c’è tempo fino a Roma-Sassuolo), iniziata con i primi rinnovi in prelazione il 4 giugno, sono state staccate oltre 21.500 tessere annuali: l’impennata delle vendite è stata registrata negli ultimi giorni del calciomercato, con tremila abbonamenti sottoscritti in meno di una settimana.

Lo scorso anno erano stati ben 23.854 i romanisti pronti a dar fiducia alla società di Trigoria, allora reduce dalla straordinaria cavalcata fino alla semifinale di Champions League. Oggi, con la Sud centrale esaurita ed appena 191 posti rimanenti nel “curvino” laterale, è stato già superato il dato di due stagioni fa, dove però erano state vendute altre mille tessere a metà anno, sfiorando alla fine quota ventiduemila.

Buoni anche i numeri registrati per il girone di Europa League, in cui la Roma affronterà l’Istanbul Basaksehir, il Borussia Monchengladbach e il Wolfsberg. Alla data di chiusura della vendita, terminata poche ore prima dei sorteggi di Montecarlo, sono stati 12.888 i mini – abbonamenti sottoscritti per le tre gare interne. Il dato è positivo in quanto nella stagione 2016/17 – l’ultima in cui i giallorossi hanno disputato il girone della minore delle due coppe europee – erano 8092 i tifosi fidelizzati, quasi cinquemila in meno rispetto ad ora.

(Il Tempo, F. Biafora)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 58 commenti

  1. Campo Testaccio says:

    Calo minimo?
    10% perso in una stagione non mi sembra così poco

    • Adelmo says:

      Beh, stai paragonando una campagna abbonamenti in cui venivi da una semifinale CL ad una campagna in cui sei arrivato sesto, con DS, allenatore e 10 giocatori nuovi.

      Se consideriamo il fatto che avete urlato all’inverosimile “stadio vuoto” nell’inutile tentativo, tra i tanti inutili tentativi di danneggiare la Roma (però siete romanisti eh?), io direi che il risultato è più che buono.

      Certo, vai a Milano e trovi una squadra che in 8 anni ha strusciato per culo il 4 posto come miglior risultato, che cambia allenatore e diversi giocatori chiave, ed anche un’altra squadra nei guai seri, che manco il 4 posto ha visto, e trovi lo stadio pieno perché tv e stampa suonano fanfare e la gente se la sente calla.

      Potere dei media, lì pompano, qui distruggono l’entusiasmo.

      • TifosoGiallorosso says:

        Adelmo, puoi lavorare con Canavacciuolo: come giri le frittate tu, nessuno.

        I dati sono oggettivi. Gli abbonati sono in calo, come i “paganti”, per disamore verso proprietà e società, per le prese in giro di quest’ultima.
        Aggiungo: molti, in curva, vanno allo stadio non per amore, ma per abitudine. E’ un’occasione di socializzazione, una cosa da fare con gli amici, un’occasione per vederli, staccare da lavoro e famiglia e ritagliarsi uno spazio.

        E quei pochi eroi che ancora vanno allo stadio, contestano aspramente il tuo pallotta.

        Parli dell’inter…un acquisto come lukaku, qui, non lo vedrai mai, con JJP. Parli dell’inter che INVESTE, perché ha un proprietario che METTE SOLDI. Hanno qualcosa in cui credere,si fanno discorsi sportivi. Oggi, al’ olimpico, vanno solo i…

        • Amedeo says:

          Quindi in curva ci vanno solo per “abitudine”, socializzare, vedere gli amici e sfuggire mogli e suocere.

          C’è anche il circolo delle bocce per queste cose, gratuito fra l’altro.

        • Hic Sunt Leones says:

          Adelmo ha semplicemente posto in rilievo l’influenza dei media su un ‘prodotto’.
          Alla fine i giornali fanno campagna pubblicitaria alle squadre di calcio. E’ chiaro che se le esaltano, anche ben oltre i meriti, la gente si entusiasma e si abbona. Ma vale anche l’effetto contrario.
          Non è, beninteso, l’unico fattore che determini il maggiore o minore numero di tessere staccate. Anche i risultati sportivi ovviamente sono essenziali, e la campagna acquisti fa pure da volano importante. Per l’Inda p.es. il Gattochiomato costicchia anzichenò, però attira abbonati, sarebbe inutile negarlo.
          Se i Melli, i Focolari, i Corsi parlano male della ASR ogni giorno, dai e dai alla fine c’è sempre qualcuno che si assuefà e si avvilisce.

          • TifosoGiallorosso says:

            la stampa aiuta parecchio questa proprietà.

            Mi ricordo alcuni dipendenti di Roma radio che urlavano “prima i campioni e poi gli abbonamenti”.

            Mi ricordo quando è stato ceduto Aquilani, ed alcuni tifosi tirarono un sanpietrino sulla macchina di Rossella Sensi, all’epoca incinta.

            Magari parlo con le stesse persone che all’epoca inveivano contro i Sensi perché rei di “autofinanziare” la Roma. Ed oggi, nonostante i toni trionfalistici, accade esattamente la stessa cosa.

            Abbiamo cambiato proprietà perché sedotti dall’idea che questi “avessero i dollari” da investire. Così non è.

            La gente è DELUSA.

            Lo stadio parla e contesta Pallotta.,

            E questa estate c’è stata la prima contestazione globale di una squadra di calcio.

            Questi sono i FATTI.

          • criPtico says:

            Definire “tifoso” uno che tira un sanpietrino su una macchina, rende perfettamente l’idea di cosa una società di calcio ha l’obbligo di combattere con tutte le forze. Vorrei portare mio figlio allo stadio, non in un’ala di Rebibbia addobbata di giallo e di rosso

    • KAWA62 says:

      Campo Testaccio ha ragione, un calo del 10% non è né minimo né trascurabile.
      La Curva, come sempre, è piena. I sostenitori di pallotta, invece, quale settore hanno riempito?

  2. Amedeo says:

    Con gl’introiti degli abbonamenti la Roma ci copre le spese per la carta igienica e gli spazzolini dei bagni di Trigoria. Senza quel 10 per cento, a sentir te una perdita rovinosa, la scelta della carta andrà di certo sul modello economico del tipo rosa ruvido stile carta abrasiva, con cui molti della mia generazione sono cresciuti (sai quando c’era la catena da tirare e ti dovevi sbrigare perchè il bagno era uno solo e tuo fratello sbraitava alla porta perchè doveva farsi la doccia, sperando che lo scaldabagno non l’avessi scaricato tu prima). Già immagino la faccia di Geko dopo una seduta non proprio lenitiva e emolliente…

    • Nome says:

      I proventi da gare dell’AS Roma (biglietti e abbonamenti) sono un terzo del fatturato (oltre 70 milioni).

      Penso anche io che pallotta sia un somaro, ma non credo che spenda davvero tutti questi soldi in carta igienica.

      Almeno spero…

      • Amedeo says:

        Era un paradosso, e poi mi riferivo solo agli abbonamenti.

        La prossima volta lo scrivo che è una battuta….

        • Hic Sunt Leones says:

          Secondo me Kolarov chiederà agli approvvigionatori di carta igienica perché non l’hanno comprata prima, quella tipo carta vetrata.

      • criPtico says:

        Stai sbagliando: nel bilancio 2018, tra i Ricavi da gare sono contabilizzati 38,2 milioni di euro per participation e performance bonus relativi alla partecipazione e ai risultati sportivi conseguiti (9,1 milioni di euro, al 30 giugno 2017) e 14,6 milioni di euro, come ricavi da biglietteria per le gare casalinghe (4,3 milioni di euro, al 30 giugno 2017). Il botteghino ti porta 14 milioni e mezzo, non 70 (in un anno in cui hai fatto la CL), che comunque spesi in carta igienica sono comunque tanti 😉

        • Nome says:

          2016 ricavi da gare 52.138 (preliminari CL)

          2017 ricavi da gare 35.252 (“sciopero” dei tifosi e EL)

          2018 ricavi da gare 77.219 (semifinali CL) pari al 31% del totale dei ricavi.

          • criPtico says:

            ok, ma nella voce “Ricavi da gare” finiscono anche i premi di partecipazione e altre voci, non solo i ricavi da botteghino che, nel 2018, sono stati quantificati in 14,6 milioni dei 78 totali riferiti alla voce complessiva

          • Nome says:

            “I ricavi da gare, pari a 77.219 migliaia di euro … per biglietteria (64.790) abbonamenti e altri proventi, registrano un incremento … principalmente dovuto alla partecipazione alla UEFA Champions League”.

            Pag. 181 del bilancio relativo all’esercizio chiuso al 30/6/2018

  3. Step by Step "ROMA CLUB JAMES PALLOTTA" says:

    Si narrava che con la dismissione dei Capitani sarebbe stata una ecatombe e che lo stadio si sarebbe svuotato.
    Invece col Genoa si sono sfiorate di un pelo le 40.000 presenze.

    In ogni caso, il Calcio è oramai un prodotto televisivo.
    E la Roma ha uno “share” molto alto a dispetto del bacino di utenza.
    Share che porta contratti e sponsor
    Se fosse per i soli introiti da Stadio,la Roma si potrebbe permettere si è no la Lega-Pro.
    Ma neanche…..

    • Fabio says:

      La triade al completo

  4. Magico60 says:

    …possiamo dire che il calo è anche dovuto allo stadio che fa schifo? Impianto da terzo mondo!!! Devi pagare per tribolare!!! Non ci arriva la metro, non ci sono parcheggi e la partita si vede malissimo.. A milano oltre le fanfare dei media a favore dei strisciati (verissimo!!!) la partita si vede bene pure dalle curve…e ci sono ancora alcuni che sbraitano no allo stadio (pochi per fortuna!)…sempre forza Roma

  5. spadroma says:

    Con la notizia farlocche di un paio di mesi fa…..quando c erà gente che sosteneva che avessimo fatto più abbonamenti…..oggi dicono poco di meno…..pinocchi come il vostro cantastorie.

  6. Yellow red says:

    Che la sud si abbonasse era scontato.. Non poteva lasciare il posto a chierichetti con i pop corn e coca cola in mano dopo 50 anni! La sud compatta a insultare dirigenti e fantapresidente… Una società che mai come quest’anno ha dimostrato che è alla frutta e il fantomatico progetto è fallito! Fatta cassa subito con quei giocatori che avevano mercato.. Comprato giocatori che speriamo facciano bene ma non sono campioni.. E poi con baratto e prestiti ha allestito una buona squadra sulla carta.. Ma non si può andare avanti così chiaramente! Grazie alle squadre inglesi e a edin che alla fine ha accettato di restare a Roma.. Altrimenti era durissima! Speriamo in una qualificazione champions e che il prox anno si cambi società spedendo sti quattro speculatori a boston!

  7. Fabianone alias Guardiola says:

    Un calo considerevole e preventivabile, purtroppo questi sono i dati nei quali si distingue Boston,a ciò va aggiunto lo zero in bacheca ed il bilancio sempre in rosso nonostante un esercito di giocatori venduti e la maglia della Roma che come nome fisso sulle spalle porta plusvalenza.
    Per fortuna la Lazie è ancora dietro con i suoi 19700… però se pensiamo che le quaglie rispetto a noi sono una su 4 si ha ancora meglio l’ Idea del disastro pallottiano.

    • Fabianone alias Guardiola says:

      @vanno aggiunti@

  8. Nome says:

    La Curva gli dà I soldi per contestarlo🤣
    Ammazza che volpi🤣

  9. AYCE says:

    -10% non è un calo minimo. E’ un calo significativo. Al di là dei motivi che lo hanno generato.
    Due o tre punti percentuali possono essere definiti calo minimo non 10.
    Veniamo ai dati assoluti 23.854 a fronte di 21.500 vuol dire che hai perso per strada 2.354 abbonati. Pochi non sono. Certo non manderanno in rovina la società ma – lo ripeto – da qui a parlare di leggera diminuzione ce ne vuole …

  10. Step by Step "ROMA CLUB JAMES PALLOTTA" says:

    Quesito:

    Se I risultati sono determinanti per la sottoscrizione delle tessere, come mai il leggendario Napoli di DeLaurentiis ne ha staccate solo 9.000?
    Considerando che il Napoli è l’unica squadra di Napoli?

    E perché il Milan, che fa oggettivamente ridere I polli da anni ne ha staccate 36.000?

  11. Gaetano da sarno giallorossa.ZANIOLO NON SI TOCCA says:

    L’inter mette i soldi…
    E le plusvalenze finte con i giovani della primavera,chi le fa? Il fantasma Mao Tse Tung?
    Intanto LuKaca lo pagano in comodissime rati annuali.
    Al punto che DZEKO lo volevano gratis..

  12. KAWA62 says:

    Francesco Calvo, aprile 2019: “… L’obiettivo è crescere negli introiti da stadio… ci stiamo lavorando.”

    • Fabianone alias Guardiola says:

      Direi che visti i numeri odierni, anche in questa sezione il fallimento è un dato di fatto.

      • Nome says:

        Ma infatti nessuno vi obbliga a seguire questo Club de falliti.
        Per voi c’è il Real

  13. Blouson Noir Fucking Idiot - NO INFAMI NO CESARONI says:

    D’accordo come al solito con gli amici Kawa e Campo Testaccio.
    Ridicoli come al solito i Cesaroni, ai limiti del patetico.

  14. Fabianone alias Guardiola says:

    Come mai il Lecce ha fatto circa 18000 abbonamenti? Semplice … la società infonde senso di appartenenza.
    Alla Azienda guidata da Pallotta manca sia quello che ho appena citato sia i risultati millantati maldestramente.

    • Gerry says:

      Semplice… quando le rivedono a Lecce le squadre di serie A, senza contare che lì ci sono tifosi anche di altre squadre di A.
      Quello che mi dispiace di più, è vedere tifosi dare addosso alla nostra ROMA come se fosse un nemico da affossare. Io non riesco a parlare male dei miei colori, ho tifato anche Ciarrapico che ci ha portato al “quasi” fallimento, ho visto Romette ridicole con 70.000 persone sugli spalti a tifare e gridare forte “FORZA ROMA”. Io continuo a farlo, voi fate pure come più vi aggrada, ma non denigrate chi tifa la ROMA.
      FORZA ROMA SEMPRE

    • Adelmo says:

      o forse non hanno Melli, Focolari, Marione, Zazzaroni, e tutti i loro accoliti del web a massacrare la squadra tutti i giorni.

      Forse sono tifosi che tifano, e non tifosi che fanno politica o che servono qualche capobastone per trarre profitti illeciti.

      • Amedeo says:

        Forse sono solo andati in serie A.

        Sull’identità e sul senso di appartenenza del tifoso leccese, o barese, tarantino, cosentino, reggino, messinese, etc., avrei parecchio da ridire – dal momento che da quelle parti se ne ricordano solo quando tornano in A.
        Infatti sono quasi tutti juventini che a tempo perso vanno la domenica a vedere la squadra della propria città con un occhio puntato sul tabellone per sapere cosa fanno i gobbi. Quando la Vecchia Baldracca arriva in quegli stadi viene steso un bel tappeto rosso. Quando invece arriva la Roma, la rivalità è addirittura doppia, come doppia è la personalità di quei tifosi.

        • Fabianone alias Guardiola says:

          Probabilmente questa è la tua esperienza, io ho 2 amici leccesi che si sono fatti ogni categoria in casa e trasferta ed avrebbero molto da insegnare sul tifo e su come si tifa.
          Non stanno in attesa del big Mac come ricompensa.
          Un saluto

          • Marco N says:

            Giusto. Inizia a impara te da loro

      • Fabianone alias Guardiola says:

        Cambia spartito o non arrivano nemmeno i big Mac.

      • Fabio says:

        Tu entri gratis in tribuna stampa……che tra frega

  15. Alba,Fortitudo,Roman says:

    Gli abbonamenti sono stati venduti nell’ultima settimana perché hanno preso in leasing tre buoni giocatori, altrimenti erano solamente 18.000. E quei giocatori li hanno presi perché c’è una piazza che contesta e fa pressione. Pallotta vattene!

  16. SOLO LA ROMA says:

    certo vedere che il tifoso si abbona solo perché la Roma ha preso 3 giocatori la trovo una cosa pessima se non erro alla fine di agosto erano 18.000 gli abbonati e adesso 21.500 nel giro di 2 settimane, per come la vedo io uno si dovrebbe abbonare a prescindere da chi arriva anche perché non sai che stagione può fare quel giocatore quindi cari tifosi se dovete abbonarvi fatelo senza aspettare il nome altrimenti poi se le cose non vanno bene ci restate male, scusate lo sfogo ma il mio è solo un consiglio. Forza Roma

  17. Giovanni says:

    Prima di commentare il numero di abbonati della As Roma di questa stagione, sarebbe opportuno attendere i valori finali a consuntivo. Non si possono confrontare i 23.854 abbonati dello scorso anno, dati a consuntivo, con i 21.500 tesserati indicati nell’articolo, riferiti agli abbonati alla data dell’incontro Roma – Genoa ovvero riferiti allo scorso 25 agosto. La campagna abbonamenti è ancora in corso. Vi ricordo che anche prima di Roma – Genoa, sono stati pubblicati articoli con previsioni di spettatori “catastrofiche”, poi smentite dai dati reali. Dati reali che dicono che gli spettatori sono stati poco meno di 39.000, tra l’altro circa 4.000 in più rispetto alla prima partita in casa della precedente stagione.

  18. Magico60 says:

    Un’imprenditore sceglie i dirigenti e gli affida la gestione della società; se questi falliscono ci rimette, li cambia e si affida a nuovi dirigenti. Per sommi capi è così che funziona…nessuno pensa che pallotta sia il miglior presidente, ma è quello che ci ha messo soldi e che ha investito (numeri alla mano) all’epoca del “crac” Sensi. Contestare la gestione ci sta, ma inveire continuamente contro la società per me è deleterio. Penso pure che le putride lobby di potere pseudo-romane pilotano (con media lecchini) le continue contestazioni, compresi quei patetici stracci appesi in giro per il mondo da qualche disperato..altra figura di mer…globale per Roma e per la ROMA…

    • ciccio says:

      La penso esattamente come te.
      C’è qualcuno che fa di tutto per creare comunque problemi.
      Certo che per farsi guidare da quei cialtroni ce ne vuole di coraggio.

  19. nessuno says:

    Sigh,dono tra quei pochi pochi. Che non possono fare l’abbonamento (lo farei a prescindere da tutti e da tutti)ma non tengo dinero per farlo e anche oer sltre situazioni contingenti alla vita , me resta solo da tifare per la Roma per me resta la più grande Vittoria

  20. GS2012 - Liberatece da Pallotta!!! says:

    Onore e Rispetto a quei 21500 che hanno dimostrato come l’Amore per l’ASRoma è superiore a tutto… neanche se la prorpietà fosse DiMatteo-Salvini-Renzi il popolo Romanista abbandonerà il nome ASRoma!!!
    DajeRomaDaje!!!

  21. Fra74 says:

    Io a mio modestissimo parere.. Credo che la sfortuna d questa proprietà sia stata aver toppato il periodo purtroppo contro questa Juve molto più ricca delle altre da anni a questa parte che ha messo addirittura a segno il colpo Ronaldo c è poco da fare.. E non solo x la Roma ma x tutte! Xche sennò credo che la Roma in questi 10 anni almeno un paio di scudetti li avrebbe agguantati ed adesso si farebbero altri discorsi su Pallotta e company. È inutile dire poi che non bisogna guardare gli altri… È un dato di fatto!!! La Juve ha cannibalizzato tutto!! La 1 Roma di Garcia o quella di spalletti dei 97 punti in altri anni avrebbe stravinto il campionato.

    • KAWA62 says:

      Fra74, la sfortuna di questa proprietà si chiama Tor di Valle, che è diventato una sorta di Vietnam per la Roma a stelle e strisce.
      Tutto il resto non è imputabile alla mala sorte, bensì ad errori – a volte drammatici – di tipo gestionale (ivi compresa la dissennata “comunicazione”). L’aver affidato le sorti del settore tecnico al senor Monchi, avallandone ogni scelta (!), è l’esempio più eclatante di ciò che sosteniamo in molti. Allora, delle due l’una: o vi è grande incompetenza, o è tutto un enorme bluff.
      Gli alibi, però, prima o poi finiscono. A meno che non ci sia qualcuno che crede davvero che la colpa è: delle radio romane, dei giornalisti tirapiedi, der “sistema”, di Totti e De Rossi, dei tifosi, della sfiga, de lotito e de tutte ‘ste cazzate qua. Comunque i punti so’…

      • GT380 says:

        Caro KAWA62, tranquillo che nessuno ci crede, neanche Adelmo & C. Stanno solo cercando di difendere la propria identità virtuale, perché quella reale evidentemente ormai è andata.

        Pensa che sopra ho postato il testo virgolettato del bilancio 2018. E hanno spolliciato 🤣

        La cosa buffa è che ballotta glielo ha pure detto che non se li fila manco di striscio: “Senza stadio ME NE VADO” (tradotto: “Sto qui SOLO per quello, me ne fotto di voi, della AS Roma e di tutta Roma”).

        Ma le pecore so’ così, più le bastoni e più si stringono a gregge. Non ci sarà mai dialogo: loro so’ pecore e noi semo lupetti 😉

        • Nome says:

          Per essere lupetti me pare che sino ad ora non siete stati così assetati de sangue….a questi punto mejo esse pecore.

  22. Distinti sud says:

    Col.genoa qualche coro contro pallotta si ma c era tanta voglia di roma si.percepiva curiosita positivita’ .cosi pensa il grande popolo giallorosso. Ma a che serve contimuamente insultare il.presidente ?boh .. certo dovrebbe abbassare i.prezzi allora si riempiono pure i dist nord . A proposito.sai che vi dico meglio ragazzi col.pop corn e personalita ‘ piuttosto che ragazzi che si fanno trascinare da capipopolo . Come quando tifare, come applaudire cosa di deve urlare .. io da ragazzo ho abbandonato.la curva perche non mi stava bene e rischiaVo.pure a dire la mia. Ah gia Far parte di un gruppo .. maddeche ‘. . pensate con la vs testa .amate la roma ma non perche lo dice un altro .bye

  23. Fra74 says:

    Kawa62 che la colpa delle non vittorie di questi 10anni non sia imputabile all ambiente romano diciamo così o a Totti e de rossi od ai tifosi che contestano ti do pienamente ragione! Come sul fatto che tor di valle sia stata un ecatombe. Se Pallotta avesse costruito lo stadio su un terreno di Caltagirone a quest ora la Roma avrebbe il suo impianto! Brutto dirlo ma è una verità lo sai. Detto questo però converrai con me che cmq la Juve ha messo un bel po’ del suo alle non vittorie della Roma. Qndo una squadra ti fa 90 punti e i gobbi ti vincono a 102 punti cosa altro puoi dire?un punteggio simile credo non si verificherà mai più nel calcio. E anche altri anni. Il Milan di allegri vinse a 83 punti. Certe cose fanno riflettere.

    • KAWA62 says:

      Fra74, lo strapotere gobbo è un dato di fatto; su questo non dovrebbe esserci discussione (anche se l’anno scorso, quando il dirigente Totti disse che si giocava per il secondo posto, fu coperto d’insulti). La serie A è davide vs golia, ma per quanto mi riguarda, l’assillo di vincere non esiste. Pretendo, però, che ci si provi con tutte le proprie forze e possibilità. E non per vanagloria, ma perché è il nome ROMA che lo esige. Ciao

      • GS2012 - Liberatece da Pallotta!!! says:

        ultimamente ritrovo spesso questo ritornello, giusto e ovvio che riconosciamo tutti…
        però allora tocca anche ricordare il recente passato dove un’Inter del triplete sostitui degnamente, facendo anche nefandezze peggiori, l’odiata Rubentus di Moggi… e chissà se quella ASRoma avesse avuto quei 2 Scudetti in più, scippati clamorosamente, adesso se c’era Pallotta… invece si tende a far passare quel periodo come un prefallimento dovuto alla gestione mentre oggi diventa un’alibi… senza voler ricordare i fatti,e non i SE e i MA che quella ASRoma arrivò a giocarsi lo Scudetto al 2° tempo dell’ultima giornata… saluti

        • Anacronistico says:

          Scusa GS2012, ma chi è che sminuisce quelle squadre?
          Dal 2001 abbiamo avuto l’era di Totti+Cassano (MOSTRUOSI), quella di Spalletti (magnifico gioco di squadra) e quella di Ranieri (bel numero il 23…), prima di qualche annetto un po’ moscio a cavallo delle due proprietà.
          Io ero scettico sugli americani, ma poi arrivarono gli anni di Garcia e Spalletti II…
          Con dei campionati regolari avremmo conquistato almeno 3 scudi nel primo periodo e 2 nel secondo. Sinceramente, tra la Juve di Moggi, l’Inter valetudo di Materazzi e la Juve di oggi che sponsorizza gli arbitri e la federazione, non so chi è peggio…
          Piuttosto qui ne leggo molti che glorificano il periodo passato e sminuiscono questo solo per partito preso!

  24. Amedeo says:

    Fra74 ha centrato in pieno la questione. La squadra di Garcia con quel punteggio (si fermò volontariamente a 3 dalla fine, altrimenti avrebbe avuto almeno 6 punti in più) gli anni precedenti avrebbe vinto lo scudetto.
    Ma i denigratori e criticoni a tutti i costi in odio alla società e in forza di quella perversa e infantile tendenza a voler avere sempre ragione – questi tifano Roma sperando che perda, preferiscono sminuire i risultati di quella che dicono essere la loro squadra del cuore.
    SEMPRE FORZA ROMA!

  25. Fra74 says:

    GT380 con tutto il rispetto ma il tuo commento centra ben poco col essere tifoso romanista.. Attaccare le persone che non la pensano come te e la stessa società con un livore che si avverte essere forte da ciò che scrivi… Sinceramente non ha senso! Siamo tutti tifosi della Roma.. Nessuno è unto dal signore.

  26. Anonimo says:

    Vicenza, in serie C, presto 8000 tesserati

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili