Lorenzo il magnifico: un sette che si legge 10

Set 16, 2019 12 commenti by

ULTIME NEWS AS ROMA – Lorenzo, il magnifico. Stavolta lo merita. Magnifico. Decisivo. Il gol, degli altri, passa da lui, da quel “sette” che poi si legge “dieci“. nPassano da lui tre gol, che poi si chiamano assist. Come un gol, forse più bello per certi versi.

Perché in quei passaggi c’è l’adrenalina, c’è il calcio, c’è la bellezza, l’intuito, la sfrontatezza. Tutto. “Sono molto felice. Quando faccio segnare sono contento come facessi gol. Era importante tornare alla vittoria, questo conta“, eccolo infatti Lorenzo, che conferma la sua gioia per essere stato uomo squadra e non uomo gol.

Perché forse lui uomo gol non potrà mai esserlo, ci penseranno gli altri ad assecondare le sue giocate da numero“dieci”. Alla Totti, perché proprio l’ex capitano lo aveva investito dei panni di leader, il nuovo riferimento della Roma – in assenza di Francesco e di De Rossi– con la fascia al braccio.

Lorenzo dovrà aspettare, chissà quanto ancora. Intanto si diverte nella posizione che preferisce, quella di trequartista. Tre assist in una sola partita, non succede sempre, a lui poi non era mai accaduto, se consideriamo che il record stagionale di palle gol per Lorenzo è 6 e risale alle stagioni, felici, al Sassuolo.

(Il Messaggero, A. Angeloni)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 12 commenti

  1. prosciutti says:

    Alla faccia di quelli che fino a qualche giorno fa dicevano che era un mezzo giocatore.

  2. Fede says:

    Fascia a pellegrini,please.

  3. La Scimmia Nuda says:

    Da oggi comincerà una nuova transumanza del bestiame che dal “Pellegrini è una bibba eh eh eh”, “Mezzo giocatore”, “Chi se lo accatta?” si accascerà in lodi profuse. Io lo devo dire VI STIMO. Questo metodo non di giudica razionalmente i dati oggettivi, d’altro canto permette di “cadere in piedi” o salire tutti assieme sul “carro del vincitore”. Che poi di vincente finora si è vista la sola mano del mister che sta iniziando ad avere effetto, la voglia rinnovata dei giocatori e degli acquisti non da top ma azzeccati (soprattutto se pensiamo alle pezze al cxlo post Monchi, e il caos generato da Totti e De rossi). Continuate tutti così, già vedo i primi tiepidi “Ma Cristante è buono”… Pellegrini non rendeva perché era fuori luogo, non serviva un Ferguson a capirlo.

  4. Emanuele says:

    Eccolo la ci risiamo, ora il tifoso cerca un altro Totti dove identificarsi per tifare solo un giocatore e nn tutta la squadra, spero che nn succeda più, solo così possiamo crescere, si tifa la Roma no un giocatore. Forza Roma

  5. prosciutti says:

    e quindi?… quali sono quelli piu o meno buoni in base ai dati oggettivi odierni che tanto razionalmente giudichi?.. magari sbilanciati anche tu qualche volta, e a tal proposito: con quale raziocinio il mister (com’ era quella del carro del vincitore?…) inserisce Pastore con la squadra in sofferenza? direi che potremmo volare bassi un po tutti, sempre in base ai dati oggettivi.

    • La Scimmia Nuda says:

      Mi sono sempre sbilanciato ed ho espresso il mio pensiero e le mie battute tra consensi e opposizioni. Il mio pensiero riguardo a Pellegrini resta che è stato sempre impiegato per necessità fuori ruolo; tutto qui. Per quanto riguarda Pastore, il mister ha optato per tale scelta per un motivo semplice: il risultato era largo e voleva provarlo. Pastore, si, ha sbagliato a non finalizzare (lo stesso dicasi per l’errore grossolano di Caputo nel Sassuolo) ma almeno il movimento è stato corretto. Pastore va valorizzato per ovvie ragioni: primo, la rosa più ampia è un bene; secondo, se gioca bene probabilmente possiamo piazzarlo nella prossima sessione di mercato e terzo, un Pastore ritrovato potrebbe essere un colpaccio (difficile ma tanto vale provare).

  6. Luca says:

    Lorenzo il Magnifico gli si addice proprio calciatore sublime

  7. Paola vedo che è partita una nuova tarantella says:

    Come al solito Totti vede autostrade dove noi non vediamo neanche le viuzze. È da quando ha parlato di pellegrini che ho cercato di capire quello che voleva dire: gli ha dato l’investitura pubblica sapendo che era pronto per reggere la pressione dell’essere campione nella Roma.Ma la tarantella partita da qualche utente per screditare Florenzi e creare zizzania sui capitani è vergognosa.Florenzi non sarà un campione e ma i gradi da capitano se li merita sul campo,sempre disponibile a giocare dappertutto e a dare l’anima e ha + esperienza. Pellegrini si fará, sarà il nuovo capitan futuro,per ora deve mettersi in fila.

  8. nico says:

    difficile interpretare l’evolversi del pensiero e giudizio delle persone,specialmente quelle addette,per cosi dire, ai lavori. Le stesse che oggi esaltano,fino a sublimarne, le prestazioni di Pellegrini, ieri erano quelle che lo criticavano e lo relegavano a calcare al massimo i campi di una provinciale tipo Sassuolo.ma,nel calcio ci sta anche questo,oggi ti esaltano domani ti denigrano,oggi sei un dio,domani una pippa. Ci sta tutto,tranne quel dire e fare tra le righe per trovare sempre quel qualcosina che intriga i maligni a voler a tutti i costi la disputa della fascia di capitano tra Florenzi e Pellegrini,entrambi romani e ROMANISTI. Io per togliere qualsiasi maldicenza farei Dzeco capitano,ma che sia poi Florenzi o Pellegrini per me nulla cambia!

  9. Anacronistico says:

    Si vedeva anche il primo anno che ha la stoffa giusta e la stagione scorsa, dopo il gol al derby, ha inanellato una serie di ottime prestazioni (prima d’esser un po’ risucchiato nel piattume generale)…
    Giocatore molto intelligente e dotato di un’ottima tecnica! Daje Lorenzo, sarai la nostra colonna!!!

  10. Karl says:

    Pellegrini deve giocare da trequartista e deve farlo con continuità. Lo scorso anno ha fatto 6-7 partite di alto livello in quel ruolo poi si è fatto male ed è calato, quest’anno provato davanti alla difesa ha giocata male. Perché non fargli fare 2-3 mesi titolare nel suo ruolo preferito e vedere come va, zaniolo può essere spostato a destra finché non torna Under o al massimo alternarsi con pellegrini. Anche zaniolo rende meno sulla fascia ma il pellegrini di ieri è più utile alla squadra di zaniolo in quel ruolo.

    • Diego F says:

      Sia Zaniolo che Pellegrini hanno comunque un ottima visione di gioco e un piede delicato.
      Che bello poter scegliere addirittura tra due come loro due!

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili