“ON AIR!” – PRUZZO: “Occhio a Gervinho, se è in forma è un casino”, AUSTINI: “Potrebbe giocare Juan Jesus al posto di Fazio”, CORSI: “Zaniolo ha fatto un gol alla Totti ma non si può dire”, CATALANI: “Razzismo negli stadi? No, quella è stupidità”

Dic 28, 2018 14 commenti by

RADIO ROMANE, ECCO COSA SI DICE – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “Zaniolo è il personaggio del momento, lui credo potrà diventare presto anche un protagonista in Nazionale… Ultimamente la Roma sa valorizzare i propri giocatori…se riesci a fare bene nella Roma, hai una vetrina importantissima… Proteggere Zaniolo sarà molto difficile, ma per ora non vedo segnali preoccupanti… Col recupero di Pellegrini ci sarà un cambio in più e la qualità resterà molto alta… Pastore? Si inizia a leggere di cessione anche per lui…io credo che Di Francesco voglia puntare anche su di lui… Senza infortuni questa rosa ti dà tante variabili… Mi aspetto un paio di novità a Parma, ad esempio Jesus al posto di Fazio… Fazio potrebbe andare in grande difficoltà contro gli attaccanti del Parma… Gervinho non va solo più veloce di Fazio, ma di tutti… E poi Kluivert potrebbe giocare al posto di Under…”

Ugo Trani (Rete Sport): “Domani se sta bene metto Dzeko al 100%, non è che basta una partita fatta bene di Schick… Questa è una città che se gioca Schick e non fa bene, ti chiede come mai non ha giocato Dzeko…e al contrario se gioca Dzeko e fa male, ti chiede come mai non ha giocato Schick che era in fiducia… Dzeko è un punto di riferimento della squadra, e domani gioca perchè è il titolare… Contro il Parma potrebbe anche giocare Jesus al posto di Fazio…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Di Zaniolo sembra che non si può parlare…ma perchè? Lui fa un gol alla Totti, perchè quello è un gol alla Totti… ma se lo dici pare una follia… Per questi benpensanti di mer*a non si può dire… E’ ovvio che le due carriere non si possono paragonare, lo si potrà fare tra 25 anni… Io spero che Zaniolo possa diventare come Totti…”

Daniele Lo Monaco (Tele Radio Stereo): “Il Pastore al 100% del PSG probabilmente sarebbe il fuoriclasse di questa squadra… In questo momento il massimo della forma di Pastore non vale Zaniolo… Florenzi? E’ un ottima alternativa per tutti i ruoli… Al momento è il terzino più forte della rosa della Roma e quindi è giusto che giochi lui, ma ne esistono di più forti… se la Roma trovasse un Maicon giovane, lui non giocherebbe… Ma Florenzi è un ottimo giocatore nella rosa della Roma e mi rappresenta come capitano…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Il razzismo negli stadi non è razzismo, è stupidità…il razzismo è altro… Il razzismo sono 10 milioni di bambini che muoiono di fame… Il calcio è la pagliuzza per nascondere la trave…  Quando sento dire violenza dentro e fuori gli stadi…ma dentro gli stadi di che… Dentro gli stadi non succede nulla, succede tutto fuori… Quella è delinquenza comune…non serve il calcio…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Schick? Mi auguro che possa giocare…ora che ha segnato, è gasato e può guardarsi allo specchio senza mettersi a piangere, se si ferma di nuovo è una fregatura per lui…per la Roma non lo so, dato che rientrerebbe Dzeko al posto suo…ma per il giocatore sicuramente sì…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Schick non avrebbe comunque giocato, visto che rientra Dzeko… vedete come siete…vi devo tirare le orecchie…. Schick ha fatto una partita discreta, peraltro molto fortunato perchè si era fatto gol da solo, ma il titolare resta Dzeko… La partita è molto difficile, esattamente come Lazio-Torino…hanno lo stesso coefficiente di difficoltà… E’ chiaro che la Roma è più forte del Parma, ma non di tanto, è la classifica che lo dice…quindi attenti al Parma e attenzione a Gervinho…”

Franco Melli (Radio Radio): “La trasferta di Parma è una partita difficilissima per la Roma, ma penso che alla fine vincerà… Gervinho è il pericolo pubblico numero uno, un pallino glielo fa…ma la Roma ne farà più di uno…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Parma-Roma? Loro sono una squadra compatta, e se lì davanti trovano un Gervinho in forma è un casino… Inglese è in buona forma…rispetto alla gara col Sassuolo sarà una gara molto diversa…ci saranno meno spazi e meno occasioni… Schick? Il secondo anno è quello decisivo perchè le società non può aspettare in eterno… E’ opportuno fare una riflessione…devi andare in fondo alla stagione e lo devi fare nel miglior modo possibile. Non so se a questo punto sia il caso di fare uno scambio o prestito invece di tenere Schick e di sfruttarlo… Può anche giocare insieme a Dzeko. Zaniolo? Bravo lui, bravo l’allenatore e bravo Mancini. Ci ha fatto capire che c’erano le potenzialità. Sta andando tutto bene, bisogna andare un po’ piano, ma il valore di Zanolo c’è tutto…”

Redazione GR.net

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 14 commenti

  1. Nome123 says:

    Se Nicolò si confermerà per tutto il campionato (come speriamo tutti), nel prossimo calciomercato estivo potrebbe arrivare una big, versare 50-60 mln e portarselo via, perchè la nostra società fa trading e solo a questo è interessata.
    Ormai il tifoso deve avere paura di questo

  2. Zio bello says:

    A Pruzzo ormai contaminato dalla feccia di Radio Ilaria : occhio alla Roma, se gioca come Dio comanda è un casino per il Parma. Che diamine, mai un buon auspicio per i colori giallorossi!!

  3. Step by Step "ROMA CLUB JAMES PALLOTTA" says:

    La fuffa è tutta oltre Trigoria.

    Che Zaniolo sia il “Nuovo Totti”,che Under sia “il Dybala Turco” lo hanno detto scritto e ripetuto i Capiscioni delle Radio dei Giornali e del Webbe Webete.

    A Trigoria si limitano a dire “il ragazzo sta lavorando bene”
    non si espongono MAI.

    Chi è abituato a FARE e a pagare in Primissima Persona per gli errori commesso,non ha tempo per gli Slogan o le barzellette O i Giudizi Aprioristici o la Fenomenite.

    Chi è abituato a PARLARE invece non sbaglia MAI.

  4. erik971 says:

    Oramai ogni volta che leggo Catalani mi cascano le braccia!!! “Il razzismo negli stadi non è razzismo, è stupidità…il razzismo è altro… Il razzismo sono 10 milioni di bambini che muoiono di fame”… ma si rende conto! Il razzismo E’ stupidità ed E’ negli stadi, quando fanno i BUUU lo fanno per STUPIDO RAZZISMO. I bambini che muoiono di fame col razzismo c’entrano poco (anche perché purtroppo ne muoiono in tutto il mondo e di tutte le “razze”) ma molto di più con lo sfruttamento economico e tanto altro. Tanti bambini muoiono a causa di dittatori neri che i sfruttano non per razzismo ma per mero guadagno. Invece uno che insulta un nero con i BUU lo fa per RAZZISMO, perché l’altro è nero e lo vuole offendere, e il significato di “razzismo” è questo…magari un bel dizionario…

    • Amedeo says:

      Scusa Erik, ma Catalani – incredibile – ha ragione. I “buhh”, deprecabili quanto vuoi, servono solo a innervosire l’avversario nel suo punto vulnerabile, non più di quanto accadeva al nostro Pruzzo, quando tutta San Siro ululava sull’onorabilità della moglie, o a Maradona quando gli davamo del “rotolo di coppa”, idem “zingaro” per Mihaijlovic e Ibra. Stai certo che i neri dell’Inter sono idolatrati dagli stessi imbecilli che hanno insultato Koulibaly (pensa a Etoo, e chiedigli se la tifoseria nerazzurra è razzista). Riporto un esempio che è indicativo: quando Chivu era sul punto di firmare per l’Inter, durante un allenamento al Flaminio venne apostrofato come “zingaro”, dagli stessi che lo avevano osannato fino a un attimo prima. Niente razzismo, solo stupidità.

      • Amedeo says:

        Per questo trovo ipocrita la campagna montata dalla FIFA.
        Pruzzo, offeso a morte negli affetti più cari in tutti gli stadi d’Italia, un po’ come Totti colpito nella sua romanità, ossia il carattere più evidente e da lui sentito, come l’essere napoletani, rispondeva sul campo segnando e esultando per noi, senza cadere nelle provocazione e ribattere con gesti inconsulti.
        Quando i neri, in modo compatto, non reagiranno più emotivamente, i “buuhh” spariranno in meno di due stagioni, e si passerà a altre forme di provocazione verbale nei confronti dell’avversario temuto.

        Scusami – ma è una battaglia che porto avanti perchè il razzismo è cosa troppo seria, e non mi piace venga usato per coprire altre cose, o combattuto dalle istituzioni con argomenti fuorvianti, come questo.

        • GS2012 - James Pallotta blablabla says:

          mi darei una martellata sulle dita ma su st’argomento non posso che condividerlo…

    • Robbo 1 says:

      Caro Erk971 comprendo il senso del suo ragionamento ma credo che piu’ che di razzismo in senso stretto si tratti di generica intolleranza verso l’avversario . Gli esempi citati dal sempre puntuale Amedeo ci danno la cifra esatta di cio’ che passa normalmente per la testa di alcuni soggetti allo stadio. Se si pensa di quali e quanti volgarissimi epiteti e’ stato fatto oggetto Francesco Totti nella sua carriera si sarebbero dovute sospendere decine di gare . Non dobbiamo certo sottovalutare ma neanche amplificare cio’ che urlano alcune centinaia di idioti . Il grave piuttosto e’ quello che e’successo fuori dallo stadio .Li’ si che si puo’ tranquillamente parlare di delinquenza vera e propria…

  5. SOLO LA ROMA says:

    corsi: tu sei quello che può esaltare meno i giocatori della Roma perché poi come sbagliano un paio di partite subito a sparare letame sulla Roma quindi lascia stare zaniolo per favore.
    melli: tu il pallino ce l’hai al posto del cervello e o detto tutto.
    focolari: che per caso te stai a spaventa che domani se avviciniamo sempre di più pensa al torino non pensa al parma. Forza Roma

  6. Verità - REGNA JOKER - says:

    À Lo monaco, pastore al 100% stai tranquillo non lo avrai mai, è fracico nel midollo

  7. Marco 67 says:

    Chivu fu rinnegato perché dichiarò “Io rumeno di Roma” e venne apostrofato zingaro quando si venne a sapere del passaggio all’inter.
    Quante cazzate di raccontano…….
    AVANTI CURVA SUD!!
    Solo la maglia

    • Amedeo says:

      E io che ho scritto….?

  8. Nome says:

    “Questa è una città che se gioca Schick e non fa bene, ti chiede come mai non ha giocato Dzeko…e al contrario se gioca Dzeko e fa male, ti chiede come mai non ha giocato Schick che era in fiducia…”
    Uguccione da Trani, veramente ti fai le domande e ti dai le risposte tutto da solo.

    “Schick ha fatto una partita discreta, peraltro molto fortunato perchè si era fatto gol da solo”.
    Ma quanto rosichi, sbiaditissimo uomo. Ancora insisti che era autogoal? Tantissimi auguri di una sonora sconfitta della tua squadra contro il Toro.

  9. Gaetano da sarno giallorossa.ZANIOLO NON SI TOCCA says:

    Sono laziali perdentis servi del padrone ( lotito) e vassalli delle tre strisciate più il NAPULE. .quando fanno cosi e’perche’ tengono paura.. Si dovevano chiamare Lazio LAZIO. ..ma siccome avrebbero fatto due ascoltatori ALLORA. .

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili