Quando il gioco si fa duro, Eusebio dà fiducia ai duri

Set 25, 2018 6 commenti by

AS ROMA NOTIZIEUomini e compromessi. E un modulo che diventa il mezzo, non il fine. Il fine, ora, è salvare il posto, fare punti e riportare un po’ di normalità in vista della sfida di sabato contro la Lazio. Ma prima c’è una trappola, il Frosinone, che sembra avversario inutile, ma se nella squadra rivedremo quella anemia di Bologna, quell’avversario inutile ti fa male anche peggio, e quindi addio e altro giro altra corsa. In questo periodo, si sa Santander e Perica sembrano Romario e Bebeto, quindi massima attenzione. Siamo alle ultime per Di Francesco? Forse. Ma il tecnico, con chi sarà con lui fino all’ultimo (non tutti sono con lui, questo è chiaro), accantona i sofismi.

Il futuro può aspettare, le provocazioni, messaggi e le “tribunette” saranno rimandate quando tutti saranno in grado di recepire. Domani si gioca con i vecchi e poi vada come vada. Quando Eusebio ha parlato di «ricorrere agli uomini», voleva dire proprio questo: dentro i vecchi, che si assumano le responsabilità. Tutti a Trigoria parlano di uomini: ecco gli uomini, riunione tra uomini, bisogna fare gli uomini, etc etc («dobbiamo analizzare le partite tra di noi, confrontarci più da uomini che da calciatori e assumerci le nostre responsabilità», questo El Shaarawy a Dazn, tanto per fare un esempio). Uomini.

DZEKO-SCHICK – Ecco, domani gli uomini hanno il compito di guarire la Roma. Perché dirlo è una cosa, dimostrarlo è un’altra. Ma chi sono gli uomini di domani sera? Rispetto a Bologna rivedremo Kolarov dall’inizio, altra chance a Fazio (oltre a Manolas e Florenzi), con Pastore nella linea dei trequartisti più Under a destra e uno tra Perotti ed El Shaarawy a sinistra. Confermato De Rossi, con al suo fianco Nzonzi. E il centravanti? Schick non è da escludere, perché Dzeko non sta benissimo. Siamo più o meno a un 4-2-3-1, con i noti limiti del caso. Adesso non conta troppo la tattica, ma il carattere. «Abbiamo il dovere di invertire la rotta: il calcio dà sempre una possibilità», sempre El Shaarawy a parlare. La possibilità, dice. Quella di domani lo è.

UOMINI E NO – Una sorta di all-in da parte dell’allenatore, che terrà fuori un bel pezzo dell’ultima campagna acquisti, quella giovane. Dentro solo Pastore (o Cristante) e Nzonzi, Olsen a parte. Del resto, se la spina dorsale della squadra (Nainggolan, Strootman, Alisson) non c’è più, se ne deve trovare un’altra. Siamo al settimo tentativo, dopo aver rigirato la squadra, con uomini e moduli. Solo Coric non ha mai visto il campo. Pur essendo uomo anche lui.

(Il Messaggero, A. Angeloni)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 6 commenti

  1. grillo1965 says:

    Articolo ridicolo !

  2. grazcamp says:

    Se la linea dei duri prevede Pastore ….povera Roma!!

  3. Nome14 says:

    I “duri” sarebbero Fazio che sbaglia tutto lo sbagliabile nelle prime partite? Kolarov che non azzecca più un cross e non difende? Dzeko che si fa anticipare da tutti? Perotti che trotterella?
    siamo seri…
    se la preparazione è stata sbagliata, o se è stata svogliata, o se non ci stanno con la testa… non puoi continuare a giocare nello stesso modo che se avessi una squadra compatta, pimpante, aggressiva.

    Se non riesci a fare pressing davanti, non puoi stare corto e alto dietro.

    Abbassa il baricentro, prendi atto che oggi per ricostruire la squadra come gruppo bisogna iniziare a non prenderle da porci e cani.
    Tieni bassa la linea difensiva, e corti gli attaccanti, pronti a ripartire.

    Non è il tuo gioco. Ma il tuo gioco ora non lo puoi fare.

  4. gio says:

    e quale sarebbero i duri?????…Pastore?…allora siamo a nozze……ma basta per favore…

  5. Silvio1967 says:

    Per “duri” intendono i vecchi, ovvio. Poi tutti giocano male oggi. Impossibile inserire i nuovi ragazzini in questo clima… magari a partita in corso può servire Zaniolo, Kluivert…Coric non se ne parla, in questo clima non è cosa…
    D’accordo con chi dice che devi rafforzare la difesa con uno schema da catenaccio e contropiede… ma col Frosinone come fai? Olsen non è un portiere da uscite palla al piede…
    Spero che la gente capisca di gridare Forza Roma all’Olimpico, e che contesti a fine partita… se va ancora male. Non ci voglio pensare…
    E’ Pastore non puoi lasciarlo in panchina… mi auguro metta una squadra che lo lasci libero di giocare negli ultimi 30 metri. Da trequartista. senza coprire. come una volta si faceva…

    • Nome14 says:

      Abbiamo preso gol in ripartenza da Atalanta, Chievo, Bologna… riesce a farceli pure il Frosinone se continuano a giocare come stanno facendo.
      Per cui meglio coprirsi, contando sulla maggiore qualità davanti, che dovrebbe permetterti di arrivare a dama, prima o poi, piuttosto che buttarsi tutti davanti alla rinfusa, senza pressing quando perdi palla, esponendoti ai contropiedi avversari.

      Anche col Frosinone, e soprattutto con la Lazio, che è squadra da ripartenze e allo stato attuale ci massacra, se non chiudiamo gli spazi dietro.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili