Roma, un piano di rivalutazione

Mag 14, 2019 18 commenti by

AS ROMA NEWS – In scia di Conte, si piazza Gasperini. La Roma guarda ormai da tempo alla prossima stagione, ma è consapevole di dover aspettare la fine del campionato per ufficializzare l’erede di Ranieri. Pallotta e il suo management, con la benedizione di Petrachi (il ds in arrivo dal Torino), sono pronti a convincere l’allenatore dell’Atalanta. Che avrebbe già dato il suo gradimento dopo l’uscita di scena dell’ex tecnico del Chelsea. Che non è mai stato legato allo sbarco dell’emiro Al Thani nella Capitale, anche se bisogna però registrare altri rumors sull’interesse di un ente privato qatariota e non del Qatar Sports Investment (iniziativa smentita dalla proprietà Usa).

FUMO DI LONDRA La priorità è, insomma, in panchina: individuato il professionista per voltare pagina dopo quest’annata deludente, c’è da chiudere con lui senza farsi distrarre da altre possibili negoziazioni, andando dietro a candidati vecchi e nuovi che siano. È vero che Baldini, in prima persona, resta in pressing su Sarri che comincia ad avere qualche dubbio sulla sua conferma, probabilmente per lo scarso affetto mostratogli dal pubblico di Stamford Bridge nelle ultime partite, a prescindere dai risultati (3° posto e finale di Europa League): «Credo di restare al Chelsea, ma non sono sicuro. Ricordo solo che il club mi ha chiesto di arrivare in Champions e abbiamo centrato l’obiettivo. Lo sapete bene: amo il calcio inglese e la Premier». Non può andare oltre. Così come non intende farlo la società giallorossa, dopo essersi scottata nella trattativa con Conte.

A SENSO UNICO La Roma, già costretta ad attendere il finale di stagione per definire con Gasperini, non si può permettere di sprecare energie e anche settimane dietro a chi non ha ancora garanzie dal proprio club (e chissà quando le avrà). L’indecisione, a metà maggio, spesso risulta fatale. Meglio non rischiare per non ritrovarsi con la quarta-quinta scelta. È successo pure di recente. Con Di Francesco (primavera 2017). Avanti tutta, dunque, sull’allenatore dell’Atalanta. Il profilo, almeno per il management di Pallotta, è simile a quello di Conte. Nel metodo di lavoro e nella proposta calcistica. La preparazione atletica e l’addestramento tattico timbrano ogni sua annata. Ma ha bisogno di tempo per imporre la sua idea nello spogliatoio e in allenamento. E di interpreti su misura per trasferirla in partita.

IDENTIKIT PRECISO Alcuni giocatori della Roma, in questo senso, è come se avessero giocato già per lui nella gara di domenica sera contro la Juventus. L’esempio è Florenzi a tutta fascia, ma anche Under passato in pochi secondi dallo sprint all’assist. Piccoletti, dunque, alla ribalta. In controtendenza con il calciatore tipo di Gasperini. Meglio alto, sempre che non abbia il talento di Gomez. Nella sua rosa, chiare le caratteristiche dei protagonisti: fisicità, rapidità, potenza, resistenza, corsa e duttilità. Nel suo 3-4-2-1 c’è chi potrebbe avere spazio e quindi considerazione.

Dietro, oltre a Manolas (sempre se resterà), ha chance Fazio. Sui lati Florenzi, pure con pochi centimetri, è ok. Se sta bene, pure Karsdorp. Non Kolarov a sinistra, solo da centrale nella linea a 3. Il mercato si farà in corsia. In mezzo il play deve essere rapido. Nzonzi non lo è, ma è centrocampista di forza e sostanza. Pellegrini va bene in mediana, Zaniolo e ovviamente Cristante avanzano per l’abbondanza nel gruppo delle mezze punte da sistemare dietro al centravanti: El Shaarawy e Under (pure lui possibile partente) i più adatti, Perotti, Kluivert e in teoria Schick. Se Dzeko, come sembra, saluta, va cercato il sosia di Zapata. Petrachi, insomma, deve preparare l’ennesima rifondazione. Sempre puntando sui giovani e abbassando il monte ingaggi.

(Il Messaggero, U. Trani)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 18 commenti

  1. Tony73 says:

    Come dice l’articolo? Sempre puntando sui giovani e abbassando il monte ingaggi. Ovvio che conte abbia detto che non ci sono le condizioni. Cos’è pensate che Gasperini vi faccia arrivare quarti? La Juve è la Juve il Napoli pure, l’Inter ha conte, da rivedere il Milan che farà, il quarto posto sarà molto difficile.

    • Nome says:

      Game over , siamo fuori ormai..

      • Paolo says:

        Ma infatti lasciate sta, smettete de guardalla la Roma, fateve er favore, smettete de soffrì. Certo poi non so che farete tutto il giorno, senza potè commentà ogni articolo con la leggerezza de un monatto

    • Dario says:

      Invece queste sono proprio le basi per fare ottime cose, considerato che sono anni che la squadra non si prepara, non ha un tecnico decente (a parte Spalletti), non corre e accatasta nomi come se fossero figurine della Panini. Magari Gasperini con giocatori giovani e affamati, è l’unico modo di combattere con la Juventus piena di soldi, come fece la Roma di Spalletti con l’Inter. Basta con gli Nzonzi e sotto coi Barella!

  2. Nome says:

    James Pallotta si è stancato di Roma, della Roma, della stampa e dei politici italiani. Non vede l’ora di poter mollare ma per farlo deve avere certezze sullo stadio. Negative o positive, ma certezze.

    Tutti i tifosi della Roma, che siano pro o contro Pallotta, che siano pro o contro lo stadio, dovrebbero tempestare il comune perché decida.

    • Nome says:

      Pensa se si può andare a fare una campagna pro Pallotta.. per cosa poi ? Uno stadio su cui dovremo pagare l affitto ? Mi tengo l Olimpico tutta la vita.

      • Nome says:

        Pensala come ritieni opportuno, ma io ho detto un’altra cosa.

        • nico says:

          hai rotto sei sempre contrario a tutto, se non ti piace nulla della roma e di roma cambia, sei libero di fare quello che vuoi tranne di rompere ogni giorno con i tuoi ……bastian contrari. Dico, una cosa sola che ti sta bene c’è?????

          • Nome says:

            tu non mi piaci

  3. O'Rey says:

    E’ evidente che siamo in una situazione di stallo. per i risultati, e per la questione stadio.
    Allora che senso ha aandare a prendere un altro allenatore che non ci azzecca niente con la rosa che abbiamo? per giustificare le ulteriori seppur ridotte plusvalenze? Cerchiamo un allenatore adatto alle caratteristiche della rosa, e con pochi ritocchi, portiere, terzini e un centrale, si mette insieme una squadra quadrata e dignitosa. altrimenti…..

  4. Wolf says:

    Gasperini sarebbe un colpaccio fenomenale.ma ho dei dubbi sul suo arrivo, ha un contratto lungo con l’Atalanta e se va in Champions non credo si faccia sfuggire questa occasione. Se arriva a Roma dobbiamo cmq dargli del tempo per far assimilare il suo calcio super offensivo, un gioco alla premier league, mai arrendersi fino al fischio finale.

  5. Stefano55 says:

    Qualunque Allenatore,verra’ avra’ bisogno di tempo per imporre il suo gioco,Gasperini compreso.Poi alla lunga bisognera’ vedere,quale sara’ il gioco piu’ convincente,e organizzato.Spero che il Gasp arrivi presto, e’ finalmente riesca a portare una ventata di ottimismo per il futuro in questa societa’,e che sia l’ inizio di una bella favola,come del resto lo e’ stato per l’Atalanta! Viva Gasperini! Abbasso tutti gli altri!

  6. Alba,Fortitudo,Roman says:

    Finalmente pallotta farà una squadra adeguata alle sue ambizioni. Il peggior presidente di sempre. Pallotta vattene!!

  7. Stefano55 says:

    Finalmente,un’ allenatore che preferisce i giocatori alti ai nani,in effetti a parte Gomez,i giocatori dell’ Atalanta superano abbondantemente tutti il metro e 84/85 con punte vicino all’ uno e 90! E in questo Mi trovo d’ Accordo con il Gasp,senza il fisico non si va da nessuna parte specie in Europa!

    • Nome says:

      Certo Messi e Maradona uno sull’altro superano i due metri.

  8. Stefano1966 says:

    pallotta vattene non sei in grado di essere il presidente della AS Roma

  9. Giaco says:

    Se non rivaluti come vendi? E noi si compra per vendere non per vincere. E spesso si vende in due comode rate …

  10. Nome Murdoc says:

    Più te guardo più me stai sulle palle con quella faccia da sorcio di Walt Disney ! La fregatura è che te devo pure ringrazià per averci salvato dal fallimento tu ed i tuoi compagni di merende de Unicredit. Però ne è passato del tempo….tanto tempo….durante il quale ci hai fatto ringoià tutto co l’interessi. Adesso si parla di….ridimensionamento, perché fino ad oggi cosa è stato ? Un ridimensionamento progressivo dal secondo al quinto/sesto posto, perché così sarà…fidate ! Dice..ma voi mette come è cresciuta la Roma come appeal ? Ma de che ! Una squadra perdente, nel senso di trofei ovviamente, senza giocatori di livello, supermercato sempre aperto, per fortuna che qualche pollo di sponsor c’è cascato…..! Speriamo nello stadio così certamente ti leverai dalle palle.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili