Stadio Roma, Di Maio: “Chi ha sbagliato pagherà”. Salvini: “Conosco chi sta costruendo, persona perbene”

Giu 13, 2018 25 commenti by

AS ROMA NEWS – Il vice premier Luigi Di Maio ha commentato le vicende relative allo Stadio della Roma emerse questa mattina dall’inchiesta della Procura. Queste le sue parole: “Ho contattato subito i probiviri del Movimento e ho detto subito di accertare tutto quello che c’è sulle persone che potrebbero essere coinvolte in questa cosa. E, per quanto mi riguarda, come abbiamo sempre dimostrato, chi sbaglia paga. E mi permetto di dire che se le accuse verso queste persone, non solo del Movimento ma in generale, dovessero esser provate, questo dimostrerebbe come la gente si rovina la vita pur avendo delle posizioni di tutto rispetto”.

Anche Matteo Salvini, Ministro dell’Interno, ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo l’arresto del costruttore Luca Parnasi: “Io da milanista non parlo di calcio. Chi sta lavorando alla costruzione dello stadio della Roma lo conosco, ed è una persona per bene ma non si conoscono mai bene le persone fino in fondo. Adesso è nelle patrie galere, spero possa dimostrare la sua innocenza. Probabilmente la complicazione del settore pubblico, come il codice degli appalti, il proliferare di leggi e codici aiuta chi vuole fregare il prossimo, in un paese più semplice sarebbe più difficile corrompere”.

Fonte: Ansa

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 25 commenti

  1. Hic Sunt Leones says:

    Ah beh, certo. Adesso che ha contattato i probiviri del movimento, siamo tutti più sereni.

    • Hic Sunt Leones says:

      Caspita, quante spolliciate.
      Tutti pentastellati, rincuorato dalle parole di Giggi.
      Bene per loro.

  2. Fabiolone says:

    “A sto mondo er più pulito c’ha la rogna” (cit)

  3. Semplice - Pallotta il Grande says:

    Dichiarazioni che resteranno scolpite.
    Mah.

  4. KAWASAKI1962 says:

    “…la complicazione del settore pubblico, come il codice degli appalti, il proliferare di leggi e codici aiuta chi vuole fregare il prossimo, in un paese più semplice sarebbe più difficile corrompere”.
    Ha ragione.

    • datzebao (ex Matteo) says:

      Ha ragione sì, il problema è che parla per slogan vuoti, come fosse sempre in campagna elettorale. Anche io se dico “ci vuole la pace nel mondo” ho ragione. Ben diverso è mettere in atto un processo politico volto a tale risultato.

      • alieno sdraiato says:

        concordo con DATZEBAO (EX MATTEO), infatti stanno uscendo altre notizie contraddittorie che riguardano la Lega.
        Le tempistiche non sono mai casuali ed il sistema non permetterebbe mai la scalata ad una scheggia impazzita anche lontanamente credibile, senza neanche mezzo scheletro nell’armadio.
        La storia di questo paese trabocca di buchi neri, una reale democrazia non è mai esistita

    • Hic Sunt Leones says:

      No, Kawa, non sono d’accordo.
      Purtroppo le regole sono così stringenti per porsi al riparo da condotte illegittime.
      Poi, possono non risolvere il problema ;-(

      • Andrea says:

        E qui ti sbagli piu sono restringenti piu rendono complicato il controllo, piu sono restringenti e maggiore deve essere il numero di pezzi grossi da smuovere ,questo si semplifica con il banale sguardo nelle carceri italiane piene di ruba galline e tantissimi figli di una grandissima m…otta a zonzo liberi per il paese!

      • Nome14 says:

        Più è complicato muoversi fra le regole più è necessario che qualcuno “ti accompagni” e in genere quel qualcuno non lo fa gratis. Perché dovrebbe?
        Il tutto perfettamente nella lealità delle leggi.

        Se le regole sono semplici e il cittadino non ha bisogno di nessuno che interpreti e guidi nel labirinto delle norme il funzionario deve solo fare il suo lavoro.

        Se va oltre, forzando una legge, si espone.

        Oggi la corruzione nei funzionari pubblici, nella maggioranza dei casi, non è per compiere atti illegali, ma per rendere legali interessi privati, o non mettere ostacoli a quelli che dovrebbero essere diritti.

    • Nome says:

      Chi non rispetta le leggi dev’essere punito ma…….di quali leggi parliamo?
      In un paese insudiciato da migliaia di norme sparse qua e là, senza capo né coda, che dicono tutto ed il contrario di tutto, che lasciano giganteschi spazi decisionali; in un paese che non si accontenta di tre gradi di giudizio e che spesse volte dipende dalle sentenze della Consulta, del Consiglio di Stato, della Cassazione a Sezioni Unite, del T.A.R, e, ciononostante, non riesce a dare un minimo di CERTEZZA DEL DIRITTO che sarebbe logico e giusto avere in uno Stato moderno che chiede spazio in un’Europa unita (??) ed in un mondo sempre più globalizzato, nel quale non riusciamo ad essere protagonisti…… etc…etc….
      Chiudo: le leggi devono essere durature (quindi POCHE) e chiare. O così o sarà la fine.

    • KAWASAKI1962 says:

      HSL, datzebao, alieno, amici miei (me lo concedete?), ognuno di voi ha ragione da vendere. La situazione italiana è particolarmente complessa, non liquidabile con i caratteri di un post. Mi soffermerei volentieri a discutere con voi di democrazia (bellissima utopia), di burocrazia e perché no? di politica. Ma non è questo il luogo, né il mezzo, adatto. Chissà che un giorno non vi sia l’occasione di farlo davvero; magari davanti ad una bella pinta di guinness… Nel frattempo vi saluto con grande simpatia. Dimenticavo: FORZA ROMA

    • erik971 says:

      No è esattamente il contrario, le leggi cercano di frenare questo, solo che non funzionano perchè non sono le leggi che frenano il malaffare, ma chi controlla e chi non dovrebbe esserne complice.
      Quando le leggi sono state semplificate si è solo aiutato i malfattori, pensiamo al “falso in bilancio” depenalizzato che ha aiutato in modo sostanziale le società corrotte (io lavoro nell’informatica e so che il 90% delle ditte di sub appalto che lavorano in questo settore non sono altro che riciclaggio delle mafie…società che spariscono e rinascono e indagini a zero tanto al massimo portano a “multicine” dato che i reati sono depenalizzati e quindi non si possono seguire fino i fondo i flussi di denaro per arrivare alla fonte, mentre intanto si riciclano MILIARDI di EURO sporchi!)

  5. CRiS TURBO GIALLOROSSO EUSEBIO DI FRANCESCO says:

    Salvini della lega me sta sur ca… Però ha detto una cosa giusta e santa!!
    Per quanto mi riguarda è stato l’ultimo colpo di coda di una bestia ferita nell’orgoglio che ha fatto scatenare questi arresti di persone innocenti e comunque destinate a provare la loro estraneità ai reati loro ascritti.
    Povero cojoni poracci giudici 40 anni di latitanza di Totò Riina durante i quali la moglie sfornava i figli nelle migliori cliniche palermitane.,.
    Ingiustizia è fatta ora mi aspetto una raffica di querele e spostamenti dei giudici…..Tarallucci e vino Forza Roma Pallotta Resistenza fino alla fine!

  6. CRiS TURBO GIALLOROSSO EUSEBIO DI FRANCESCO says:

    Salvini della lega me sta sur ca… Però ha detto una cosa giusta e santa!!
    Per quanto mi riguarda è stato l’ultimo colpo di coda di una bestia ferita nell’orgoglio che ha fatto scatenare questi arresti di persone innocenti e comunque destinate a provare la loro estraneità ai reati loro ascritti.
    Poveri cojoni poracci di giudici, in 40 anni di latitanza di Totò Riina la moglie sfornava i figli nelle migliori cliniche palermitane.,.e lui andava sempre a trovarla dopo il parto.
    Dov’erano i giudici allora?????
    Ingiustizia è fatta!!! Mi aspetto una raffica di querele e spostamenti dei giudici…..Tarallucci e vino Forza Roma Pallotta Resistenza fino alla fine!

    • SardoRomano says:

      A salvini ma i 42 milioni di euro che si è messo in saccoccia l’amico tuo bossi, che fine hanno fatto?

  7. Lapis says:

    Non so se le garanzie di Salvini servono più per liberarlo o per stringergli il cappio al collo. Propendo per la 2^.

  8. Verità - IN ATTESA DEI COMUNICATI UFFICIALI - says:

    À salví ma non era meglio che ti stessi zitto?

  9. write says:

    E’ buffo pensare che ora prima di rimuovere chicchesia da una poltrona c’è bisogno che le accuse vengano provate, mentre quando le accuse riguardavano altre forze politiche cominciava automaticamente la caccia alle streghe.

    Caro ministro Di Maio, si goda sti giorni di governo che tra poco “la pacchia è finita”.

    • Max says:

      Sì, torniamo a quello spettacolo che hanno fatto quelli prima di lui…

  10. massiroma82 says:

    Cit.”Solo chiachere e distintivo”. Aspetiamo i fatti sulle promesse in campagnia elettorale. C’è solo l’AS ROMA.

  11. Marco says:

    Su questo Salvini ha ragione!

  12. Elleioenne says:

    Parole sante quelle di Salvini, infatti Parnasi fino ad ora ha versato contributi liberi per 250 mila euro ad una associazione del leghista che ora non ricordo il nome! Gente x bene insomma

  13. Marco garbatella says:

    …il più famoso al mondo un giorno disse : CHI È SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA ! 🙈🙉🙊

  14. Nome14 says:

    Scenario già visto con Berlusconi. Quello che si perde nelle urne lo si recupera nelle procure.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili