CALCIOMERCATO ROMA LIVE – Tutto il mercato giallorosso minuto per minuto

58
3542

CALCIOMERCATO ROMA MINUTO PER MINUTO Tutte le notizie di mercato aggiornate in tempo reale di questo giovedì 13 gennaio 2022 sotto forma di “brevissima”, che interessano direttamente o indirettamente la Roma.

Una rubrica speciale offerta da Giallorossi.net ai suoi lettori, per restare comodamente aggiornati su tutti gli sviluppi del calciomercato giallorosso.

Le ultimissime in tempo reale:

Ore 18:00 – Derby di mercato tra Roma e Lazio: per giugno, i due club hanno preso informazioni su Robert Rojas (25), difensore centrale del River e del Paraguay. Lo riferisce il giornalista Flavio Maria Tassotti di Teleradiostereo su Twitter.

Ore 13:50 – Ufficiale: il Getafe annuncia l’acquisto di Mayoral (25) e Villar (23) in prestito secco. La Roma manterrà comunque il diritto di riacquisto dell’attaccante spagnolo per 20 milioni di euro al termine del prestito. (Gianlucadimarzio.com)

Ore 10:30 – Dal Portogallo assicurano: la Roma sarebbe a un passo da un altro giocatore del Porto, il giovane terzino destro Tomas Esteves (19). Il club giallorosso acquisterà il 75% del cartellino per 6,5 milioni di euro. Al giocatore contratto triennale, con lo sbarco a Roma nel weekend per svolgere le visite mediche e firmare l’accordo.

Ore 10:00 – Nel caso di una partenza di Kumbulla (21), sono tre i nomi in corsa per sostituirlo in rosa: il primo è Marcos Senesi (24) del Feyenoord, Mangal Sarr (28) del Chelsea e Maxime Esteve (19) del Montpellier. (Il Romanista)

Ore 9:45 – Il preferito di Pinto per la difesa sarebbe il brasiliano Gleison Bremer (24) ma il Torino chiede 20 milioni e il giocatore è extracomunitario: tutto rimandato all’estate. (Il Romanista)

Ore 9:25 – Per il centrocampo non scemano le possibilità di arrivare a dama con Boubacar Kamara (22): pressing della Roma sul giocatore affinché non ceda alle tentazioni della Premier. Newcastle e West Ham forti sul francese. (Corriere dello Sport)

Ore 8:30 – Riccardo Calafiori (19) sta svolgendo le visite mediche col Genoa. In giornata l’ufficialità del suo passaggio in prestito secco ai grifoni.

Seguono aggiornamenti…

Articolo precedenteVillar saluta la Roma: “Non pensavo potesse finire così. Non so se tornerò, ma il mio cuore sarà sempre giallorosso”
Articolo successivoUn segnale importante dei Friedkin a Mourinho

58 Commenti

  1. Parta Kumbulla, discorso ormai chiuso da Mou (ed è uno dei casi in cui ha ragione, anche nelle forme).
    Piazzare Diawara invece pare diventato difficilissimo: e qui nemmeno dipende da Mou, perché il tipo aveva iniziato a fare il divo già questa estate.

    Senesi o Bremer (extracomunitario acquistabile perché già tesserato per la serie A),Kamara, investimento intelligente di lungo termine calcistico (auspicabilmente non per venderlo tra due anni).

    Ma sono cessioni da concretizzare in settimana…gli acquisti, invece, sono più ritardabili a seconda degli accorgimenti negoziali che, si spera, nel frattime, Pinto se sia ‘mparati.

    • Tutto perfetto, tranne che Pinto si muove su richiesta e avallo di Mou, non fate confusione nel dire che è incapace, sa fare il suo. Mpou chiede e lui si attiva, trovano un ostacolo? Interviene Mou, ecco come funziona.

    • Grazie per l’illuminante chiarimento, perché tu SAI…come funziona, ovvio; e pensare che m’era sfuggito, scusa tanto! Meno male che se no facevo confusione! (Perché usi il plurale? Sei della Digos? 🙂 )

      Quindi se Mou mette tanto (ma tanto) in panchina Shomu, vuol dire che si è accorto di essersi sbagliato? (almeno sul prezzo: o no?…Ma tanto i soldi non ce li mette mica lui).
      Ma pure Vina è stato ponderatamente richiesto e Rui valeva il prezzo pagato (età e prossimità scadenza), senza alcuna alternativa?

      Lollissimo!

    • Parlo al plurale, perché credo che siamo una famiglia con idee diverse da esporre e confrontarci… Ma della DIGOS CE SEI TE E TRE QUARTI DA PALZZINA TUA, BELLO DE ZIO! 🤣😂🤣 Sia Vina che Eldor sono due nazionali, vanno visti, avendo una copertura da centrocampisti veri, no da Veretout e Cristante, la musica cambierà con il nuovo centrocampo… Ma scusa, secondo te, questi acquisti fatti e quelli di Tammy, Eldor, Vina chi li ha avallati? Tu pensi che Mou non metteva bocca, li prendevano così? Oppure pensi che dorme Mou?

    • Credo che tutti noi saremo felici se Pinto riuscisse a riparare agli errori fatti in estate quando ha manifestato chiari limiti nella costruzione della rosa.
      Le dinamiche di mercato tra lui, Mou e i Friedkins sono di difficile lettura.
      Quello che appare abbastanza plausibile è che non sia un gran conoscitore di giocatori.
      Detto questo al momento Maitland e Sergio Oliveira sono due belle pezze anche se i rispettivi riscatti per motivi diversi presentano delle criticità.
      Se poi arrivasse qualche altro giocatore forte sarebbe ottimo.
      Ad esempio Kamara non sarebbe una pezza ma un bel mattoncino.

    • Mi parese zia Rosa, Cando si sezzidi in istade a friscurare in prazta… Ma du biese custu portada un orecchinu e Tottu SOS brazzos tintoso depe d essere drogau…. E cussa cun sa minigonna arrazze [email protected]@a…..solo la Roma. Fatti tradurre da qualche altro fratello lupo sardo.

  2. Sissì… Poi, andato via Kumbulla… Ci diranno che dovranno prima cedere Diawara… Poi… Fazio… Poi sò finiti e vojo vede a chi s’attaccano!

    • Oh ma non ti va mai bene niente??? Ci fosse stata una volta che avessi un minimo di ottimismo o soddisfazione nei tuoi post…
      Ma come si fa a tifare criticando soltanto? Non riesco proprio a concepire il tuo modo di essere romanista… fra te Zi Bah, Trofie, Slimer… ammazza quanto siete lagnosi…

  3. visto ora reynolds 2 – la vendetta, anzi pure peggio…..
    è di proprietà del porto B ed inoltre ha un infortunio alla caviglia da settembre 2021…ADIOS!!!

    • ahahahahahah
      Top è la sicurezza con cui l’ha detto…
      Poi “di proprietà” del Porto B, come se fosse un’altra società.
      E la cosa più fantastica è che riceve 6 likes, ahahahahah.
      Che livello, mammamia…

    • giusto per….sta scritto su transfermarkt
      1) gioca nel porto B vuol dire che sta in una lega minore
      2) è rotto sta scritto su rendimento dettagliato

      basta poco, pure prima di parlare anzi scrivere

  4. Tomas Esteve, 19 anni, del Potro.
    Maxime Esteves, 19 anni, del Montpellier.
    Sono veramente due persone diverse o si stanno “incartando” ? Perdonate la mia ignoranza ma con la caterva di nomi che escono…..mi aspetto di tutto !

  5. Se le concorrenti per Kamara sono Newcastle e West Ham, possiamo dire la nostra.
    Una bella città e Mou sono le nostre garanzie. Dall’altra parte un campionato difficilissimo e molto fisico, dove non è detto che il ragazzo possa imporsi immediatamente. Il Newcastle potrebbe pagarlo a peso d’oro…ma a 22 anni è importante giocare a pallone.

    Per il centrale, Senesi mi ispira. Anche Sarr non è male, perché un panchinaro del Chelsea è sicuramente più forte di tal Esteve (19 anni…che esperienza può portare?).

    • Beh, nel Newcastle attuale gioca titolare tutta la vita. Però c’è anche da dire che rischiano seriamente la retrocessione in Championship. Dall’altra faccia della medaglia c’è invece una proprietà senza limiti di spesa che potrebbe lenirti il dolore di un anno nella serie inferiore (cmq il 5° torneo più rappresentato negli ultimi europei).
      Nel West Ham avrebbe invece una concorrenza di certo più agguerrita con Rice e Soucek, ottimi centrocampisti e nazionali. Gli Hammers sono in piena lotta per la Champions, anche se non proprio habitué delle zone nobili della Premier.
      Sia per prospettive sia per il presente, sono ahimé opzioni più allettanti della Roma attuale.
      Se mi smentiscono, più che felice di prenderne atto…

  6. Esteves: la tassa di Mendes per il prestito di Oliveira.
    Speriamo almeno sia buono.
    Quei 7M però potevano essere spesi per il mediano.
    Tra l’altro risulta pure infortunato al momento.

    • e’ buono.
      veloce, con spunto,
      piede educato e buon tackle.
      e, soprattutto, capacita’ di andare in interdizione con testa alta
      per sfruttare il cambio di palla.
      una cosa che ci manca come il pane.
      Ibanez e Mancini spesso ribattono a casaccio, veretout due passaggi all’avversario per ogni partita li fa, smalling ribatte senza impostare…
      per questo mi piace Sergio Olivera.
      Quando contrasta pensa gia’ a chi mandare la palla.
      Ormai e’ un aspetto fondamentale.

  7. Cioè, fatemi capire… abbiamo appena mandato Reynolds a farsi le ossa perchè dopo un anno e mezzo non abbiamo capito ancora se sia carne o pesce (meat or fish) e prendiamo un altro diciannovenne. Che va bene, viene dal porto mica da Brooklin, ma è pur sempre giovane e costa mica poco. E avrebbe davanti Karsdorp e il nuovo impronunciabile terzino, che cacchio ce ne facciamo?

    • Il giovincello è già nell’orbita di squadre di prima fascia, quando ne hanno parlato per la Rubentus i tifosi rubentini hanno iniziato a sbavare. E’ considerato una grandissima promessa, poi magari si rivela un flop, però è così che si deve provare a ridurre il gap dalle squadre che ci sono davanti, non solo giocatori già fatti come Oliveira, ma anche prospetti come Estevez e Esteve.

  8. Si comincia a vedere una buona squadra: Rui Patricio, Maitland-Niles, Spinazzola, Smalling, X (Mancini), Oliveira, Zaniolo, Veretout, Abraham, Pellegrini (Bove), Mikhitaryan. Con Vina, Karlsdorp, Cristante, El Shaarawy, Ibanez, Shomurodov, Felix riserve. Diciamo una squadra di calciatori forti ed esperti con riserve pronte e di esperienza che possono dare un buon cambio. Certamente se arrivano giocatori più forti sono il benvenuto.

  9. Ma come fate a sapere tutto di tutti. Ma non avete alto da fare. Per fortuna, per la Roma, nessuno degli addetti ai lavori vi ascolta. Criticate tanto i “giornalai” e poi alcuni di voi cambiano ricambiano criticate, esaltate. A volte alcuni di voi sembrano come certe trasmissioni della RAI, MEDIASET e La 10 che danno fastidio per tutta la giornata. La Società Roma continua ad investire in un momento così complesso. Leggete un bel libro

  10. Sono in uscita Mayoral, Villar e Calafiori, speriamo di liberarci anche di Diawara è Kombulla ma in ogni caso dobbiamo prendere qualcun’altra non possiamo avere una rosa più corta di quanto già non lo sia.

    • Cerco di vederci cose buone.
      Intanto mi pare sia stata sposata la linea di Mourinho nel prendere atto che questa rosa che fallisce da anni con ogni allenatore sia inadeguata: si stanno liberando o comunque cercano di liberarsi praticamente di tutti quelli di cui sentiamo dire ancora da troppi che fossero una grande base per un futuro radioso.
      Il passo successivo non può non essero quello di rimpiazzarli con gente all’altezza e sarà difficile perchè ci vorranno soldi e competenza, la cui mancanza c’ha “regalato” la rosa attuale.

  11. Bisogna prendere assolutamente un centrocampista aggressivo che vada senza palla e pressare alto zakaria sarebbe stato perfetto uno comunque che gli somigli e poi un pensierino io ad alvarez lo farei

  12. Cor pischello portoghese i “Villarsessuali” se trovano subito er sostituto giusto. A quelli je piaceno li giocatori eleganti, stilosi e dorci ner tocco de le palle…

  13. Sono io che a 70 anni soffro di demenza o l’articolo è disarticolato, Se è un prestito secco secco cosa vuol dire la ricompra a 20 ml. ? Se è prestito è ancora mio.

    • Mayoral non e’ mai stato della Roma.
      Era in prestito da noi pure.
      Il cartellino è del Real Madrid.

    • Ci rimane il diritto di riscattarlo a 20 mln dal Real a fine prestito al Getafe, ma chiaramente non lo eserciteremo e il Real lo presterà poi a qualcuno probabilmente in serie B.
      A comprare non credo se lo compri nessuno.

    • Mayoral non è della Roma, ma un prestito biennale (questo è il secondo) Real Madrid, con diritto di acquisto da parte della Roma, alla fine del secondo anno, di 20M.

      Quindi se ho capito been, di fatto sono due prestiti secchi: il Getafe paga lo stipendio sino a Giugno per farli giocare con loro.
      Poi Villar torna a Roma e Mayoral o ritorna al Real Madrid o rimane alla Roma se lo paghiamo 20M.

  14. Non ci credo, magari magari per Tomas Esteves, questo è uno dei migliori giovani terzini destri di prospettiva a livello europeo. Questo ragazzi sarebbe un grandissimo colpo e prenderlo ora a queste condizioni è un affare, è il tipo di operazione che io mi sono sempre auspicato. Questo può diventare il nostro terzino destro titolare per tanti anni.

    • Il Porto e il Benfica, ma non solo, vivono alla grande su queste scoperte, non si capisce perché non dovrebbe farlo la Roma. Ma no, qui c’è gente che vuole solo i grandi campioni alla Pastore o alla Nzombie, coi quali siamo praticamente morti.

    • Condivido…a quel prezzo ci provi.
      Anche il centrale Esteve è un gran bel prospetto, costa 5, 6 mln ed è seguito dal Milan.
      Ma i nostri scout chi guardano???

    • @rocca…
      Un chiarimento: se Bremer è extracomunitario e non tesserabile perché abbiamo già lo slot occupato, come si fa a prendere un sudamericano?
      Chiedo per un amico….

  15. La butto lì…l’arsenal vuole Arthur…che gioca nello stesso ruolo dello svizzero (il nome non mi riesce di scriverlo…🤣🤣🤣) che abbiamo inseguito tutta la scorsa estate…non è che ci sia sotto un triangolo che lo porti a noi con 6 m3lesi di ritardo?

  16. Kumbulla + qualche mln x Bremer… dite che accettano?
    A Juric il giovane Albanese piaceva così tanto…
    A me non è mai piaciuto, men che meno da quando è alla Roma.
    Bremer, invece, è il miglior centrale di questo campionato insieme a Tomori.
    La vedo dura, ma chissà, magari ce cascano..

  17. Ecco un breve elenco di calciatori che hanno floppato da noi presi da un certo Walter Sabatini (da oggi nuovo DS della Salernitana quindi al soldo di Lotirchio):

    Iturbe (€28M), Cote (€4,5M), Kjaer (€3M), Stekelenburg (€8M), Borini (€8M), Bojan Krkic (€12M), Marquinho (€3,5M), Tachtsidis (€2,5M), Destro (€16M, €11,5M+€4,5M), Jedvaj (€5M), Ljajic (€12M), Golubovic (€1M), Bastos (€1,2M), Ibarbo (€7,5M), Ucan (€4,5M), Zukanovic (€1,2M), H’Maidat (€3,5M), Radonjic (€4M), Ponce (€4,2M), Gyomber €1M, €500k+€500k), Spolli (€1,5M), K.Mendez €1,8M), Cholevas (€1M), Stoian (€1M), Piris (€1,5M, €800k+€700k), ecc.

    Solo per i cartellini di questi sono stati spesi oltre €137M, non contando le commissioni ed eventuali bonus alla firma (sicuramente superiamo i €200M per non contare gli ingaggi di questi calciatori, alcuni poi girati per anni in prestito che non sono mai emersi a buoni livelli).
    Per farvi capire non esiste un operatore di calciomercato che non sbagli raga, viene già considerata una ottima media azzeccarne 3 su 5 e sbagliarne 2.

    Per farvi capire che Sabatini non è infallibile. Marquinhos lo ha scoperto un suo osservatore e se cercate qualche vecchia intervista, almeno Walter da il merito a quest’altra persona. Alcuni dei migliori profili li ha segnalati Massara che sta costruendo un buon progetto al Milan ora, alcuni altri dei nostri top sono venuti per via di Baldini.

    • sbagli tantissimo!
      BORINI PRESO 8 ALLE BUSTE SE nn sbaglio venduto a 12 al liverpool!
      bojan krkic era in prestito con diritto di riscatto 42 se nn sbaglio
      marquinho a 3.5 un bel affare sicocme ha fatto tanti gol
      jedvaj venduto al leverkusen a 12
      cholevas venduto a 4.5 al watford e ha pure fatto dei gol pesanti (inter docet)
      FORZA ROMA

    • Scusa Saverio ma qual è il senso di questo commento se non un’attacco gratuito ad un DS che ha fatto non bene, ma benissimo alla Roma?
      Ma davvero per salvare Pinto bisogna sminuire l’operato del fumante?
      Ovvio che Sabatini ha fatto errori.
      Fare errori è fisiologico.
      Ma la maggioranza dei suoi errori sono state operazioni minori e tra i flop che hai menzionato hai inserito anche giocatori che hanno avuto rendimenti positivi e che alla fine hanno generato pure plusvalenze.
      Il confronto tra Sabatini e chi è venuto dopo è impietoso.

  18. Sbagli enormemente te caro tottijo XD
    Marquinho fu un errore alla Cesar Gomez, fu preso nel Gennaio 2012, Marquinhos fu preso nell’estate del 2012. Ci fu un grosso errore perché l’osservatore segnalo Marquinhos, ma Sabatini prese per errore Marquinho. Poi Marquinho non fece un granché di carriera se non da girovago quasi sempre in cessioni gratuiti e prestiti vari.
    Su Borini c’era lo zampino di un DS italiano che era uno legato al Liverpool e non posso scendere nei dettagli ma li centra un giro particolare (tipo Dodo che non ho citato).
    Krkic fu acquistato per €12M purtroppo eppoi noi lo abbiamo mandato in prestito al Milan.
    Jedvaj era anche buono ma fu la Roma ne Sabatini a crederci (come tanti giovani sconosciuti tipo Carbonero non menzionato come altri, costati €3,5M e non vestirono mai la maglia giallorossa).
    Cholevas è stato ceduto grazie ai buoni uffici in Premiership di Baldini (Sabatini quando si tratta di Premier League non c’entra nulla, i contatti ce li ha tutto Baldini che ci ha fatto fare un’affare anche acquistando Lamela al Tottenham quando Baldini ne divenne il DS).
    Ne potrei tirare molte altre di cotte e di crude Tottijo XD

  19. Si ce l’ho con Sabatini perché poi è arrivato Monchi per colpa sua. La situazione della Roma post Sabatini era un disastro con la situazione per via del FFP che ci ha costretto a vendere Salah (favore di Di Benedetto).
    Monchi è stato preso per risanare la società per via dei buffi di Sabatini che poi come detto fece un regalo all’Inter mettendoci l’obbligo di riscatto per Juan Jesus solo che sottovaluto Zhang Jr. e l’ascendente che Ausilio aveva su di lui, perché puntava a diventare DS dell’Inter.
    Qui si critica Pinto eccessivamente quando si vede almeno una linea di acquisti mirati a soddisfare Mou e che Mou sta direzionando lui la campagna acquisti. E dico finalmente, basta con operazioni ombra a favorire amici e famigliari (es. qualche operazione per avantaggiare il fratello allenatore a discapito nostro, il favoreggiamento e regalo di soldi alle Siciliane, operazioni senza senso alla Carbonero, ecc.)
    Qui si incensa Sabatini che ci ha portato quasi sull’orlo della bancarotta e per colpa sua come detto ci siamo dovuti sorbire Monchi poi. Per via di gente come Sabatini, il nostro monte commissioni superava quelli di Inter e Milan all’anno che si aggirava sui €80M-100M, facile fare affari così ed i Friedkin giustamente non vogliono più pagari commissioni così salate ai collaboratori e amici pappa e ciccia dei vari DS italiani.
    E’ finita l’epoca di gozzovigliare a discapito della Roma, quindi preferisco tenermi Mou che indica chi vuole ed è funzionale al suo progetto tecnico, e Pinto che tratta seguendo le indicazioni di Mou, piuttosto di un DS italiano che ne combina di cotte e di crude solo a suo guadagno personale con commissioni gonfiate e soldi che finiscono poi in vari paradisi fiscali.

    • Buongiorno Saverio. Quindi una delle colpe di Sabatini è di essersene andato, determinando l’arrivo di Monchi.
      Questa è un’implicita ammissione che tutto sommato non aveva fatto male.
      Specie se il buco di bilancio che tu riporti, Monchi lo ripianò in una sola sessione con 3 sole cessioni a riprova che il fumante aveva lasciato una signora squadra con valori molto alti.
      Il problema è che Monchi non si limitò a cedere ma fece acquisti onerosi che ebbero un’impatto pesante sui conti ma quasi irrilevanti sulla stagione, a parte Kolarov.
      Comunque Saverio tu riporti una serie di “malefatte” di Sabatini che non possono essere dimostrate. Non ti sto dando del calunniatore, avrai le tue fonti di informazione, ma consentimi di essere scettico sul fatto che Sabatini utilizzò la Roma per i suoi interessi.
      Rimane la certezza dei numeri del fumante rappresentati dai RISULTATI e dalle corpose PLUSVALENZE fatte con i suoi giocatori.

    • Guarda vegemite che alcune di queste furono molto più che palesi ai suoi tempi solo che le persone hanno la memoria corta, mentre io non ce l’ho. Ti dico Sabatini fece in modo di non farci arrivare certe “top players” che qualche nostro allenatore voleva, le condizioni furono anche buone ma perché non facevano parte del suo giro, a lui non gliene frego nulla proprio perché aveva dei suoi interessi. Non devi nemmeno cercare troppo per trovare diverse cose, ed è chiaro che Sabatini utilizzo invece la Roma per i suoi personali interessi.
      Mi pare un po’ niubo vegemite perché quasi tutti i DS italiani utilizzano le società per interessi ed affari loro, tante operazioni che nascondono anche ricicli di denaro ed operazioni farlocche di vario genere. Sabatini non è diverso dai tanti DS italiani per farti capire. Se mi parli di Sartori è ovvio che il giudizio cambia, lui di talent scout in principis non ne ha ad esempio bisogno, ed è l’unico DS italiano che salvo.
      Qui invece tanta gente critica Pinto che mi pare essere il più pulito tra le varie figure. Preferisco un General Manager che agisca unicamente seguendo gli obiettivi voluti dall’allenatore piuttosto che un DS italiano che compra chi pare a lui anche per delega di firma (e nei locali notturni di vari tipi, molti DS combinavano guai che non immaginate), di cui per tenersi quale allenatore buono, li da il pizzo.
      Diverse malefatte invece poi le ho elencate e non sono pochi soldi per diversi calciatori (e non li ho mica nominato tutti) con una media di acquisti di cui il rapporto tra calciatori presi e quelli che da noi hanno reso (perché altrimenti facile dire ad esempio abbiamo preso Helguera e due anni dopo scoppiava nel Real Madrid, od altri perché altrimenti il lavoro di vari altri DS allora possiamo considerarlo buono su diversi calciatori che non hanno reso da noi ma dopo in carriera hanno reso altrové, perché allora dovremmo considerare che Monchi non sbaglio su Schick ad esempio, che fu avulso ed inutile da noi mentre oggi è un attaccante con tutt’altra valutazione), con Sabatini il numero di calciatori che infine ad ogni sessione di mercato non hanno reso, superano quelli che hanno reso da noi alla grande.
      Quindi invece di criticare ad esempio l’operato di Mou-Pinto di cui non è nemmeno passata una sola stagione, se fosse stato Sabatini ora avresti chiuso un occhio?

    • Vabbè su Sabatini la pensiamo diversamente. Non è un problema.
      Io francamente in questi anni ho emesso giudizi non tanto sulle proprietà quanto proprio sull’operato dei DS che si sono alternati nella Roma.
      Le mie sono comunque opinioni di chi guarda da fuori e magari non ha sempre elementi sufficienti per fare analisi compiute.
      Non mi sento di accettare però una generalizzazione sull’operato dei DS nostrani, bollandoli tutti come arruffoni ed intrallazzatori.
      E non credo che Sartori sia una mosca bianca.
      Anche perché abbiamo visto che danni hanno fatto quelli stranieri con operazioni molto poco limpide: vedasi Monchi.
      Pinto ritengo sia un giovane brillante e intelligente altrimenti non avrebbe fatto una carriera così fulminea.
      Ma io sono per una società che abbia una struttura sportiva solida, autonoma e competente e che persegua un progetto.
      Non è accettabile che chi guida la dirigenza sportiva non sia un conoscitore di calcio.
      Demandare tutto il mercato ad un allenatore mi sembra una roba da terzo mondo.
      Dovrei elogiare Pinto solo perché è onesto?
      Scusami ma lo dó per assodato.
      Vorrei però che fosse anche in grado di fare il suo mestiere.
      Può chi ha gestito il 5* mercato in Europa fallire nel completare la rosa? Eddai!!!!!
      Sorvoliamo sul valore degli acquisti, ma pagarli mediamente un 30% in più del loro valore ha avuto come risultato buttare 20 ml in estate: inaccettabile.
      Stendo poi un velo pietoso sulle cessioni.
      Insomma non sono contro le novità o contro dirigenti stranieri se questi sono bravi.
      Non credo però che questo sia il caso della Roma.
      Tra le big, chi ha lavorato meglio in Italia negli ultimi anni sono stati i DS di Atalanta, Inter e Milan.

  20. In Italia diamo un ruolo ai DS con troppa importanza per via delle deleghe di firma di cui quasi tutti i DS hanno tale condizione. A tante proprietà qui non interessa mettere voce in capitolo sulle operazioni di calciomercato ma il DS italiano guarda non ha tantissime competenze ad alto livello come pensi. Molti senza il parere di 1-2 osservatori di fiducia, non ci capiscono francamente poco di calciatori e sul loro potenziale, a molti l’interesse sono le modalità dell’affare, quanto ci può prendere come propria fetta per questo quasi tutti i DS operano sempre con 2-3 agenti/intermediari di turno che si riescono a livello ufficiale magari ad abbassarti a livello ufficiale qualche condizione di mercato sempre sui loro giocatori (poi paghiamo dazio purtroppo con commissioni stellari che non sono regolamentate quindi è solo un risparmio apparente) o che rappresentano a titolo temporaneo con dei mandati, ma non sono mai obiettivi primari utili ad un progetto tecnico mirato.
    Il valore su calciatori di valore ovvio che li paghi di più ed alla fine la valutazione economica lo decide il club proprietario del cartellino, l’importante è che siano realmente funzionali al progetto tecnico. Inutile prendere un calciatore a buon mercato che poi risulti inutile o inadatto che poi giri in prestito fino allo scadere del suo contratto. Sabatini praticava insomma un sistema di parcheggio calciatori un po’ simile a Leonardi che ha portato alla fin fine al crack del Parma. Facile scappare prima che la barca affondi piuttosto che affrontare la me*da in cui ci eravamo ritrovati. Non viene detto ma Baldini ha fatto molto di più di quello che pensate e per questo motivo quel bostoniano si fidava ad un certo punto solo di Baldini, l’unico che non lo ha infinocchiato come tanti altri.

    • Però Saverio parlando di DS hai fatto la descrizione di Monchi.
      Giocatori presi ad minchiam, non funzionali al gioco dell’allenatore ma ad altro.
      Sabatini ha preso spesso invece giocatori funzionali e determinanti da subito (Benatia, Strootman….), in percentuale minore quelli che sono esplosi dopo uno/due anni (Paredes, Emerson …) e poi certo anche giocatori che hanno fallito ma che sono stati o minoritari o non hanno causato sconquassi di bilancio.
      Grazie alla capacità di sostituire spesso bene i partenti la Roma si è rinforzata anno dopo anno.
      Puoi riconoscergli almeno questo merito?
      Se poi l’ha fatto grazie a soffiate, consigli… è irrilevante. Sabatini visionava decine di videocassette ogni giorno. La sua bravura è stata quella di saper scegliere bene.
      Poi io l’ho ammesso da subito il mio conflitto d’interessi. A me Sabatini piaceva anche come persona, mai banale, un’eloquio brillante ed accattivante, quindi è una questione di cuore. E credo lo sia stata anche per lui la Roma, una questione di cuore.
      Detto questo non esiste per me solo Sabatini.
      Io apprezzo enormemente Sartori e spero che la Roma possa farci un pensierino se lasciasse la Dea.
      In passato ho apprezzato le intuizioni di Paratici. Ammiro le capacità di Marotta.
      Mi piaceva Petrachi (prima che venisse a Roma). Mi piaceva Pecini. Recentemente ho apprezzato il lavoro del duo Massara-Maldini e di Tony D’Amico.
      Insomma per quanto possa immaginare che il mondo dei DS, procuratori ed intermediari sia una giungla non credo che fosse assolutamente necessario andare a pescare un dirigente a Lisbona per fare mercato a Roma.
      E questa mia opinione è stata confermata dopo averlo visto all’opera nelle due sessioni dove ha operato.
      Ora ha preso due ottime pezze (Sergio Oliveira e Maitland) per ruoli scoperti. Bravo.
      Se prendesse pure Senesi e Kamara sarebbe bravissimo.

  21. E’ stato fatto un lungo casting per prendere quello che sarebbe diventato il quadro dirigenziale attuale e Pinto è decisamente più un manager che un direttore sportivo. Non serve un direttore sportivo all’italiana nel calcio odierno, questo è un concetto oramai diventato vecchio e superato è per questa nostra mancata evoluzione con i tempi, e la mancanza di quadri dirigenziali e strutturazioni societarie interne ben plasmati, dalla fine degli anni ’90 abbiamo visto come la Serie A è scivolata gradualmente a diventare il 4° campionato d’Europa mentre in passato era il 1° campionato per prestigio.
    Il calcio si è evoluto e siamo rimasti con una strutturazione calcistica molto indietro, in parte il bostoniano vedendo questa mancanza di struttura interna, ci ha provato ma lui non capendo bene le cose ha combinato disastri, il nostro brand non è stato sviluppato bene mentre con i Friedkin qualcosa invece si sta muovendo.
    Molti presidenti di club esteri non danno la delega di firma ad un dirigente equivalente al direttore sportivo per farti capire. Se fosse almeno comprovato questo allora potrei essere più d’accordo ma vuoi vedere quanto si lamenterebbe l’intera categoria qui?
    In più come scrissi in passato farei un “upgrade” a chi vuole ricoprire un ruolo da DS proprio per migliorare allora la categoria tipo non puoi ottenere la qualifica e l’idoneità di DS se non hai un patentino di allenatore UEFA di un certo livello, superato un corso anche come osservatore, studiato e superato un esame su base di diritto sportivo, ecc. In teoria chi allora detiene un ruolo con certe responsabilità, tale ruolo dovrebbe concernere maggiori competenze.
    Chi sa supervisionare ed indicare al meglio i calciatori ideali sono capi osservatori esperti, non un DS, loro ci capiscono molto più di calciatori di un qualsiasi DS. I contratti e le negoziazioni possono pure farli GM, DG ed altri coadiuvati semplicemente da uno studio legale esperto. Il DS all’italiana non è un ruolo che francamente serve, al limite lo ridimensioni con un ruolo di Responsabile d’Area Tecnica.
    Peter Kenyon che è stato la persona dietro ai successi di Manchester United e Chelsea, e qui parliamo del migliore del settore allora, lui stesso prendeva unicamente chi veniva indicato dall’allenatore (manager) e capo osservatore. Lui stesso dice che se non prendeva chi voleva l’allenatore, che senso ha il suo di ruolo?
    Io non ho mai elogiato Monchi, lo considerò una disgrazia il suo arrivo perché doveva fungere quasi da liquidatore e soluzione da ultima spiaggia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome