Come crece Jedvaj

0
599

jedvaj

AS ROMA NEWS – Quando la Roma ha deciso di vendere Marquinhos, in tanti hanno storto la bocca, nonostante la cessione del giovane brasiliano sia stata una capolavoro di natura economica (comprato a 4,5 e rivenduto a 31,4 milioni di euro, da cui detrarre commissioni e percentuale al Corinthians). Dopo la partita di ieri, però, magari quel qualcuno avrà un po’ meno nostalgia del brasiliano, «un kid (bambino, ndr) che ci ha dato tanto, ma che non sappiamo neanche se si sarebbe ripetuto » ha detto Pallotta a Boston. Un «kid», in realtà, lo è anche Tin Jedvaj, preso dalla Dinamo Zagabria a 5 milioni, anche se a vederlo in campo mercoledì notte a Toronto sembrava tutto meno che un 17enne alla prime vere partite tra i grandi.

Che carattere «Tin ha molte qualità, ma è ancora molto giovane — dice Garcia —. Quello che è importante è che può giocare in difesa sia al centro, sia a destra. Con il Toronto ha fatto una partita buona, ma come tutti i giovani ha bisogno di migliorare su alcune cose». Già, ma intanto contro i canadesi ha mostrato una personalità già forte, capacità tecniche e sapienza tattica. L’esperimento di vederlo giocare davanti alla difesa (come successo a Riscone) sembra oramai archiviato, Garcia è entrato nell’ottica di utilizzarlo solo in difesa. «Alla Dinamo ho giocato in tutti e tre i ruoli, ma quello in cui mi trovo meglio è al centro della difesa — ha detto Tin nei giorni scorsi, a Boston —. Se sono troppo giovane? Io in campo non ho paura di nessuno, non mi importa contro chi gioco, compagni ed avversari sono tutti uguali. Fuori dal terreno di gioco rispetto invece tutti. A cominciare da Totti, ovviamente ».

Versatilità Ma dove finirà a giocare Tin? L’impressione è che possa fare proprio il percorso fatto da Marquinhos, partendo dalle retrovie e guadagnando piano piano posizioni. Al centro, infatti, tolto Benatia che sembra avere il posto assicurato da titolare, Castan e Burdisso in questo momento gli sono davanti, ma neanche poi così tanto (almeno in prospettiva). A destra, invece, è chiaramente un po’ più chiuso, visto che lì ci sono già due giocatori a contendersi quella casella: Torosidis e Maicon, che a Toronto è sembrato sulla strada giusta. «Maicon doveva giocare solo un tempo, alla fine ha fatto un’ora—ha detto Garcia a fine gara —. Non è ancora al massimo, ha bisogno di lavorare molto fisicamente». Ed allora finché il brasiliano non volerà come ai bei tempi, Tin ha una possibilità in più anche lì.

(Fonte: Gasport, A. Pugliese)

Articolo precedenteBaldini chiama Pjanic. Ma Rudi Garcia lo blocca
Articolo successivoGervinho vola a Washington e sfida il Chelsea

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome