Lino Banfi: “Da quando è arrivato Pallotta non ho più affetto per la Roma”

115
2772

AS ROMA NEWS – L’attore pugliese, ma da sempre tifoso romanista, Lino Banfi ha parlato oggi al Corriere della Sera del film culto in cui interpretava l’allenatore della Longobarda e della sua squadra del cuore, con cui confessa di avere un rapporto tormentato da quando è arrivato James Pallotta alla guida del club. Ecco le sue parole:

“L’allenatore nel pallone” allora non fu considerato un capolavoro…
Da un po’ di anni Oronzo Canà mi dà soddisfazione. L’hanno visto quasi tutti i calciatori nel mondo. Mi ricordo quando Ancelotti – che io conoscevo bene e frequentavo Trigoria – andò ad allenare il PSG: gli scrissi un telegramma in francese “Mister ricordati il 5-5-5”. Lui appese il telegramma e tutti i giocatori ridevano come matti perchè si ricordavano lo schema di gioco di Oronzo.

Ma come è nato davvero il film?
Su un aereo Roma-Milano. Sedevo di fianco al grande Nils Liedholm: lui sapeva che ero romanista sfegatato e parlavamo spesso di calcio. Mi disse con quel suo accento tipo don Lurio: “Hai mai pensato di fare un film su un allenatore di calcio?”. E io dissi: “No. Sono pure grasso. Come faccio?”. E lui: “Tu assomigli a un vero allenatore, Oronzo Pugliese, molto buffo”.

Però Banfi il mondo del calcio non ha più nulla a che fare con quella storia che ha raccontato lei…
Vero. Il presidente deve essere della stessa città della squadra. Deve andare negli spogliatoi e parlare la stessa lingua. Da quando la Roma viene guidata da presidenti stranieri, non ho più affetto. E poi non c’è più l’attaccamento alla maglia.

Fonte: Corriere della Sera

115 Commenti

    • Ma non sarà mica che—che non riceve più i biglietti omaggio per farsi pubblicità in monte Mario??? CHE PAGLIACCI sti VIP !!!

    • E siano aperte le gare a spalare m€[email protected] su un tifoso della Roma, da prima che molti di voi nascessero.

      De facto, i tifosi della Roma hanno perso passione nei confronti di questa squadra: non ci sono contestazioni, la partecipazione allo stadio è ai minimi storici…eppure, se uno lo dice, viene tacciato di essere un “pagliaccio”.

      Per me pagliaccio e chi si arrende. Per me è pagliaccio chi si consegna nelle mani di chi ha rovinato la Roma. Ferrero una volta disse che “Pallotta è padrone di un sogno più grande di lui”. Era vero. Un presidente che non ha parlato mai in italiano ai tifosi, quando, si era impegnato, nelle prime interviste, ad imparare l’italiano. Diceva di sentirsi più italiano che americano.

      Quando una persona ti prende in giro dalla mattina alla sera, per anni, non merita il mio rispetto.

      Banfi ha vissuto un calcio diverso da quello di parecchi bambini che scrivono qui. Come è giusto che sia, la pensa diversamente. E probabilmente, dall’alto della sua età merita molto più rispetto di voi.

      Forse ignorate che è un grande attore, e non credo che abbia problemi a spendere 100 euro per un biglietto, quindi, quando fate certe battute, vi rendete ridicoli agli occhi di chi le legge. E mi meraviglio che le pubblichino pure.

    • Bravo tifoso giallorosso !!!meriti di stare in compagnia di Banfi e Ferrero…tutto da RIDERE!!!!

    • tifosogiallorosso chi? non certo Banfi solo perché nei film gli conveniva in quegli anni

  1. Il tifoso lo è anche nei momenti di difficoltà. Non odio né amo Pallotta, ma mai mi sognerei di dire “Ho perso affetto per la Roma”. La Roma si ama SEMPRE, nel bene e nel male, ed il vero tifoso si dimostra tale soprattutto nel secondo caso

    • Infatti, concordo in pieno.
      Io non vedo l’ora di tornare a vedere la MIA Roma, le giocate di Zaniolo, i gol di Dzeko, le chiusure di Smalling ed il giro palla elegante di Diawara. Mi manca la Roma come il sole ad Agosto.

  2. Oggi è finito il sentimento, il rapporto del tifoso con il calcio è diventato squallido, si parla quasi esclusivamente di soldi e poco di calcio giocato.

    Sono finiti i tempi di pane e frittata è fiasco di vino, quando allo stadio ci passavi l’intera giornata, con persone che non conoscevi ci condividevi una passione vera.

    • Quello che dice Banfi… E non solo , forse può essere travisato ma non è sbagliato!! Io sono stato abbonato tantissimi anni in sud, ho fatto sacrifici , economici e viaggi !! Sempre con passione e ansie ogni volta che vedevo le partite!! In un derby me so pure sentito male!! Ora è diverso. Un presidente che parla solo di business e sponsor , lasciando macerie in una squadra e in una società! Insultando gli stessi tifosi!!! Dichiarando , dopo 10 anni di nulla la squadra in vendita!!! Qualsiasi persona normale cambierebbe sentimento in una situazione del genere. Tranne quelli con l occhi foderati de prosciutto.

    • Cucs, ciò che dici è assolutamente falso, e non ha nulla di affine con un vero supporter. Innanzitutto, il tifo vero è incondizionato, perché l’amore lo nutri verso la maglia, non verso proprietà, giocatori, dirigenti, e via discorrendo. In secundis, è proprio in un momento di difficoltà come questo, che chi può permetterselo (purtroppo non tutti) dovrebbe provare a finanziare di più la Roma per levare le castagne dal fuoco. Eh già, perché da che mondo e mondo, ha sempre funzionato così, e non è un caso che i club con un fatturato più alto, sono proprio quelli che hanno più tifosi. Quindi, chi ragiona seconda la logica del ” io agli ammmmeriggggani nun do più un sordo, balloddda go home”, non sa che in realtà fa un dispetto alla squadra per cui tifa, o almeno dice di tifare.

  3. Qui è la differenza la ROMA si AMA,i presidenti (più o meno capaci ,piu o meno fortunati) ,i giocatori, allenatori e dirigenti ,e tutto l’ambaradan passa,resta LA ROMA .Per questo caro oronzo lino torna ad amare la ROMA stavolta a prescindere da chi c’è perché pure pe’ loro finisce

    • Ma se uno è tifoso resta per sempre tifoso di una squadra a prescindere da presidenti o allenatori del momento, l’affetto non lo perdi mai, se poi uno diventa tifoso perché gli fa gioco per la sua carriera cinematografica, allora è un altro discorso, negli anni 80 dire che eri tifoso della Lazio e magari facevi l’attore o il cantante, significava chiudere la carriera ancor prima di iniziarla

  4. Dispiace constatare come dopo Carlo Verdone anche un altro eminente attore cinematografico italiano e fervente tifoso romanista come Lino Banfi si sia prestato inconsapevolmente alla campagna diffamatoria di alcuni organi di informazione nei confronti della proprietà statunitense dell’As Roma . Il tutto nel tentativo di arrecare un chiaro danno a coloro che lavorano a Trigoria. Peccato che i due personaggi in questione non se ne siano avveduti….

    • Credo che l’utente Robbo1 ce l’abbia con la Redazione, rea di pubblicare troppi articoli critici nei confronti del suo amatissimo presidente pallotta. Per me ha pienamente ragione.
      A discolpa della Redazione, però, faccio notare che di testate giornalistiche, o di testimonial autorevoli, che parlano bene di pallotta non c’è nemmeno l’ombra.
      Quindi, delle due l’una: o si censurano tutti gli articoli (e commenti) che parlano male di pallotta o si chiude direttamente gr.net.
      Immagino che la soluzione più gradita a Robbo1 sia la prima…

    • caro KAWA62, ho la vaga impressione che l’utente stia soffrendo l’esclusione dal film western “Il buono, il brutto, il replicante”. Per maggiori informazioni dovremmo chiedere allo sceriffo truccato della contea di Focene

    • Ammazza KAWA62…. come sei sveglio… non hai neppure capito che Robbo si riferisce al CorriereLazio no a questo sito!!! a forza di dare addosso alla Roma ti si è annebbiato il cervello !!!

    • kawa è che lìattuale presidente non li paga e se viene l’altro americano non pensassero che cambierebbe la musica in america non sono abituati a pagare i giornalai

  5. Egregio Sig. Robbo non penso che anche Lino Banfi dall’alto dei suoi 84 anni sia condizionato o condizionabile. Pallotta raccoglie ciò che ha seminato, se ne faccia una ragione.

  6. Che molte persone dal 18 agosto 2011, hanno smesso di tifare Roma, non è una novità… ammesso e non concesso che l’abbiano mai fatto per davvero, visto che esiste anche il tifo per convenienza. Vi dice niente un certo Emilio Fede? Ex Juventino, che da quando Fininvest ha acquistato il Milan, è diventato un accanito tifoso rossonero!

    • Con l’avvento della proprietà americana, la totalità dei tifosi Romanisti si ritrovò carica di ottimismo e aspettative e credette di poter vedere, finalmente, materializzarsi il sogno di una vita: una grande Roma, stabilmente e definitivamente protesa ai successi sportivi nazionali ed internazionali.
      Se queste aspettative sono state tradite e oggi la ASRoma rischia un ridimensionamento epocale, lo si deve al tuo amatissimo pallotta, non a Lino Banfi o a chi tifa Roma da una vita.
      Prendi appunti, Indiana Pipps, e cerca di svegliarti, se puoi. Mi fai tenerezza.

    • E questo cosa c’entra con con quello che ho detto io? Asserisco semplicemente che il tifo sano e genuino, è assolutamente incondizionato, poiché l’amore lo nutri nei confronti della maglia, non dei dirigenti, azionisti e giocatori. Uno che poi si vanta di far parte del tifo organizzato da una vita, queste cose dovrebbe saperle. Ma dal momento che, molti personaggio famosi fino al 2011 li vedevo in tribuna, e dopo (guarda caso) no, qualche dubbio me lo hanno fatto venire, e credo sia assolutamente legittimo.

    • Caro Marco hai fatto un paragone che ci sta come la cacioricotta sugli spaghetti con le vongole.Fede aveva il suo tornaconto a tifare milan,ma tifare Roma puo’ solo essere frutto di una passione smisurata(vista la poverta’ di vittorie),e mai frutto di gratificazione calcistica,ma di sicuro motivo di grande orgoglio per la nostra dignita’ ed onesta’.
      Forza Roma(quella di tutti)

    • ho capito, ma a parte i soldi che gli dava Silvio, erano anche compagni di “feste” ad Arcore ( e non solo)…sai a quel punto, con tutto quello che girava, che je fregava a Fede del Milan o della Juve mentre se travestiva da dottore ginecologo e visitava tutte quelle olgettine…

  7. Come diceva il grande renatino la ROMA SI AMA, l’Amore resta se compiace ,te fa soffri’ ma è vero l’a(per questo t’incazzi pure se le cose non vanno per il verso ffetto non è la stessa cosa ,giusto ma ce stai comunque con amore che supera ogni ostacolo questo si che resta) l’affetto va e viene se esalta e se distrugge l’A.M.O.R resta sempre, è tutta qui la differenza

  8. Come diceva il grande renatino la ROMA SI AMA, l’Amore resta se compiace ,te fa soffri’ ma è vero per questo t’incazzi pure se le cose non vanno per il verso giusto,(l’ affetto non è la 7stessa cosa )ma ce resti comunque con amore che supera ogni ostacolo questo si che resta,l’affetto va e viene se esalta e se distrugge l’A.M.O.R resta sempre, è tutta qui la differenza

  9. Concordo pienamente con Cucs, si tratta di aver del tutto disamorato e scoraggiato i tifosi (che ovviamente continuano a tifare Roma, a partire dal grande Lino, persona di lusso nella vita che nessuno può giudicare male). Si tifa Roma comunque ma aver visto per 10 anni una squadra montata e smontata in modo indegno rimane imperdonabile, uno [email protected] mai visto nel mondo del calcio a questi livelli (credo nessuno abbia mai fatto cose del genere, apparte le società di livello inferiore). Pallotta per me ha fallito, il gioco è finito, questo è un accanimento terapeutico dovuto al fatto che la trattativa per la cessione sia al momento ferma. Purtroppo è anche vero che l’inadeguata città di Roma (tutti compresi, soprattutto i romanisti che hanno votato Raggi) ha ostacolato Pallotta nel progetto stadio che insieme alle Olimpiadi avrebbe reso questa arretrata capitale un po’ meno distante dalle città che contano. Detto ciò il mio augurio è che arrivi qualcuno che finalmente rispetti i tifosi della Roma, finora hanno prevalso logiche becere disastrose sul piano sportivo e soprattutto economico. Quanto a me la cessione di Salah ha spezzato qualcosa, è stato come subire una violenza, amo la Roma più di prima ma da allora non ci muoio più, facessero ciò che vogliono, mi raccomando con Zaniolo, vediamo se completano questo bel mosaico degli orrori prima di scappare.

    • Pallotta non ha fallito. Con il ritorno di Spalletti il bostoniano potrebbe vincere trofei pesanti

    • caro DARK DOG, nel tuo commento c’è anche la risposta al quesito che ho proposto in altri articoli odierni, chiedendo ai romanisti quando hanno iniziato ad avvertire un certo bruciore di stomaco a causa della sciagurata gestione bostoniana (la tua fiducia ha barcollato con Salah, come avevi già rivelato in passato).
      Detto questo, dovrei farti un discorso che esula leggermente dal contesto: sai che esiste il magico mondo parallelo della “white list” e che la stessa racchiude elementi di spicco? Ormai mi conosci, con te non parlerei a vuoto… e ti sto aspettando

    • Io ho almeno 50 anni di tifo alle spalle, perciò parlo con cognizione di causa. Dalla Roma ho visto andare via gente come Falcao, Di Bartolomei, Cerezo… persino Capello, Landini, Spinosi, Emerson, Samuel, poiché c’era un’iscrizione al campionato da pagare (anche questa è storia, seppur parliamo di periodi diversi), e l’unico modo per sopravvivere era quello. Ma ciononostante, non mi sentito stuprato, perché il tifo è incondizionato, e NESSUN GIOCATORE può essere più importante della Roma stessa. Strappare i poster dalle pareti, è un’azione assolutamente innocua, mentre strappare la maglia… no, non è un’azione da tifoso degno di questo nome.

    • Ciao Dark bentornato, ti ho già salutato nell’articolo su Zaniolo ma volevo cogliere l’occasione per associarmi all’invito formulato dall’amico Alieno, pensaci ti aspettiamo nel fantastico mondo della “White List”. Un segno e riceverai opportune istruzioni.

  10. Grazie Matteo , condivido il post,vuoi vedere chi ama e chi hasolo simpatia o affetto ?Come osservi nelle situazioni delicate ,difficili in cui il male ti viene a distruggere internamebte e srerirmente è li’ che l’amore si vede ,si distingue senza se o ma’ adducendo gli errori dei presidenti ,dei giocatori o degli allenatori e’ qui la differenza è cosi che mi hanno insegnato ad amare la ROMA li ringrazio pensare che papa’ era delle quaglie ,ma non ha potuto dirmi nulla su questo anche quando ce se scontrava sul fatto che le quaglie se vantavano del primato di essere la prima squadra della città ,gli ho sempre risposto che non era vero e che il nome identifica chi sono, noi invece portiamo il nome della città ROMA ,il che significa grandi responsabilità

  11. Grazie Matteo , condivido il post,vuoi vedere chi ama e chi ha solo simpatia o affetto ?Come osservi nelle situazioni delicate ,difficili in cui il male ti viene a distruggere internamente e esternamente è li’ che l’amore si vede ,si distingue senza se o ma’ ,oltre gli errori dei presidenti ,dei giocatori o degli allenatori e’ qui la differenza è cosi che mi hanno insegnato ad amare la ROMA li ringrazio pensare che papa’ era delle quaglie ,ma non ha potuto dirmi nulla su questo anche quando ce se scontrava sul fatto che le quaglie se vantavano del primato di essere la prima squadra della città ,gli ho sempre risposto che non era vero e che il nome identifica chi sono, noi invece portiamo il nome della città ROMA ,il che significa grandi responsabilità

  12. Ennesima campagna diffamatoria contro ľ AS Roma ed il suo grande presidente portata avanti da questo pseudoattore in pensione, idolatratato da abbocconi e radiolari. Ho paura per Lino Banfi che il nostro Presidente non gli darà retta e continuerà fare solo ľ interesse di noi romanisti veri

    • Pela’, nun te sciacqua’ troppo la bocca con ”l interesse di noi romanisti veri”… e quali sarebbero st interessi? Trofei ne abbiamo? Giocatori in grado di farci sognare ne abbiamo? (o quelli che abbiamo li riuscimmo a trattene’?) O stadio de proprietà c’è l avemo? I conti apposto ce stanno? Prospettive (OGGI) ne avemo? A pela’, te piace popio sfotte ogni santo giorno…😏

  13. Per quanta simpatia possa provare per Lino Banfi mi trovo in totale disaccordo : la mia passione per la Roma non potrà mai essere determinata o condizionata da nessun dirigente…..
    La Maglia….. tifiamo solo la Maglia giallo oro e rosso porpora
    FORZA ROMA

  14. Non si tratta di campagne denigratorie della stampa. Si tratta effettivamente di quel che dice Lino.
    Alla Roma non si è mai vinto nulla salvo annate straordinarie come la neve ad agosto.
    Ma c’erano le bandiere, il senso di appartenenza alla maglia dei giocatori. Se questi valori vengono accantonati per far posto alle vittorie come successo alla Juve la gente se ne infischia e tifa.
    Ma se, come avvenuto con Pallotta, questi sentimenti vengono sostituiti dal nulla, il distaccamento di una notevole parte del tifo è assicurato.

  15. Caso strano, questi del cinema e dello spettacolo hanno perso tutti l’affetto per la Roma da quando non sono più arrivati loro le buste con dentro i biglietti della Morte Mario.

    Certo che pure ‘sto Pallotta è un bel capoccione: sarebbero bastate due moine a questi pagliacci, qualche ruffianeria a saldo, sorrisi, ipocrisie e baci a destra e manca, elargizioni a buon mercato, favori, stecche e tangenti dove servivano e avrebbe avuto molti meno problemi, su ogni fronte, Stadio soprattutto.

    • Banfi, Verdone, Proietti hanno i soldi. Molti più di Pallotta. Il biglietto possono comprarlo.

    • Quando Banfi vuole andare allo stadio ci va senza neanche sapere se il biglietto è regalato o pagato. È gente con decine di milioni che ha collaboratori. Ormai siamo finiti proprio alla mentalità del paesello beneventano da cui proviene Pallotta. I sordi der biglietto.

    • Eh si Amedè la linea fra stupido ed onesto è sottile… Secondo te è stupido od onesto?

    • Seeee!! Si vede che siete uomini di mondo, voi. I più grandi pezzenti si annidano proprio tra quella gente, quel mondo VIP o pseudo tale cui tutto è dovuto. Ricevere inviti, omaggi, regali e biglietti per qualsiasi occasione o evento significa ricoprire uno status particolare. Se ciò vien meno certa gente si vede declassata e la cosa li fa uscire fuori di testa. Vivono per queste cose.

    • Se Banfi avesse parlato bene di Pallotta sicuramente sarebbe stato un amico di Amedeo .. di solito conosce tutti , da Totti a Florenzi passando per Baldissoni e un po’ anche Pallotta ( era convinto che fosse quello di Ponte Milvio).

    • Direttore, Direttore…un po’ di fantasia, e che diamine! Non mi deluda. Ormai questi “prosciutti” sono stantii.
      E poi c’è sempre il Coni, proprietario dell’impianto, che ha la sua quota di biglietti da distribuire.
      Oltretutto il povero nonno Libero, alla veneranda età di 83 anni, non credo neppure abbia tutta questa smania di andare allo stadio. Ma semmai trovassimo uno che parla bene di Omino Buffo, dovremmo quindi arguire che a lui i “prosciutti” arrivano? In effetti alcuni agiografi di Jimmy il Fenomeno si trovano…qui.

    • Mamma mia che pallosi che siete!!! State parlando di Lino Banfi (manco fosse Gian Maria Volontè), uno che ha fatto i film da caserma con Alvaro Vitali e Nadia Cassini, l’avete dipinto addirittura come una specie di filantropo da premio Nobel per la pace solo perché parla male della dirigenza americana. Lino Banfi è un pugliese che è diventato della Roma nel 1983, guarda un po’, cosa che gli ha conferito una popolarità enorme (perché era sempre presente in tribuna). Prima di allora nessuno l’aveva mai visto allo stadio. La Rometta di Anzalone Banfi neanche sapeva cosa fosse, eppure viveva e lavorava a Roma anche in quel periodo.

    • Mah, non mi pare… mi sembra di capire che abbiamo vissuto in mondi paralleli… l’unico punto di contatto potrebbero essere stati i mitici Campi da Polo, ma credo che Indiana Pipps non sappia nemmeno di cosa parlo. Un abbraccio

  16. Sei il solito sommo giudice, non ti smentisci mai, Lino Banfi è una bravissima persona, non un accattone di biglietti in tribuna, è una persona che ha fatto beneficenza una vita e conosciuto da tutti come uomo buono, se ne può strafregare dell’accattonaggio di un presidente. Dovresti avere più rispetto e non stangare (vorrei usare tante belle parole per spiegarti in che modo lo fai) le persone senza avere elementi per giudicare. Un’altra bella performance, complimenti.

    • Lino Banfi deve essere parente tuo per saperne così tanto al riguardo….ma allora sei di parte e quindi non credibile!! Lasciate perdere di prendere le parti di tutti quelli che la Roma la sfondano quotidianamente solo per dire o confutare il pensiero che Pallotta non è all’altezza

    • Va bene allora avete ragione voi, Banfi svergogna Pallotta perchè non gli dà i biglietti aggratise e non solo lui. Vi piace crederlo? va bene e quindi?

  17. L amore incondizionato è quanto di più sbagliato e si addice perfettamente a soggetti depensanti!!! Il sentimento per una squadra lo paragono al sentimento che hai per una donna!!!! Sei innamorato alla follia , poi però dopo che t ha cornificato 20 volte qualcosa , per forza, dovrà cambiare in te!!!! Almeno che , appunto, sei un essere depensante!

    • Caro cucs, non sono d accordo. L affetto per una squadra di calcio è paragonabile, secondo me, a quello che hai per un genitore, o a un figlio. Incondizionato. Poi ce stanno momenti meno belli, qualche delusione, incomprensioni, ma alla fine stai sempre lì. E me sembra di capire, sia quello che succede pure te. Altrimenti non se spiega perché segui ancora la Roma. Se mia moglie me cornifica, la manno @ffanculo e finisce lì…se un amico me tradisce, idem…se un partito politico delude le mie aspettative, non lo voto più…se me rompo er [email protected] de Tim, passo a un altro gestore…se perdo la fede, divento ateo, ecc. Nella vita, tutto è messo in discussione e tutto cambia, ma mai l affetto per la propria squadra di calcio. Stai vivendo un momento di distacco, come Lino ? Ci può stare, ma dimme na cosa…quanno te dicono che la Roma ha vinto, nonostante la delusione che provi, sei contento o no ?

    • Temperino arriva a paragonare l affetto alla propria squadra in questo caso la Roma allo stesso livello di quello che uno ha per i propri figli o genitori. Temperino è lo stesso che,convinto, ha postato che Pallotta era tra i più ricchi al mondo.. mi fermo qui.

    • Fossi un figlio di Temperino o un genitore,mi sentirei offeso.Come disse l’amico Adino “il calcio è la piu’ bella delle cose inutili”,non dimentichiamolo mai.

  18. Ecco un altro che ha dato le dimissioni…e sticaxxi

  19. Sapevo già che in corrispondenza del via libera definitivo per l’impianto di Tor di Valle il livore mediatico e non solo nei confronti di James Pallotta sarebbe cresciuto a dismisura. Certo non immaginavo che si arrivasse a tanto e che ad esso si unissero anche alcuni sprovveduti tifosi anche in questo sito. Siamo alla vigilia di uno scenario storico per lAs Roma e questo spiega l’accanimento nei confronti di Trigoria. Chi ha sempre reputato la ns.Società vassalla di altre realtà vede ora drammaticamente in pericolo il proprio orticello sportivo . L’orologio della storia però sta già battendo inesorabile i suoi colpi e presto nulla più si frapporra’ tra il ns.Club con la sua crescita irresistibile e le vittorie che arriveranno cospicue come è giusto che sia ..

    • …robbo aggiorni il firmware almeno a robbo1.1, questa è roba prepallotta.
      Sono undici anni che parlate di vittorie cospicue, qua invece quel che resta sono i ridimensionati, i debiti, un paio di letterine inevase e un alberello.
      Mi dica dove vede le vittorie cospicue che stiamo dietro alla corazzata Atalanta?
      La nostra società è ora vassalla di raiola, anche peggio di essere soltanto vassalla della giuve come il mercato precedente.
      Come le hanno già fatto notare purtroppo quello che lei chiama accanimento è in realtà l’effetto dei proclami, abitudine che vedo non vi è passata, disattesi. Questi si con una spaventosa continuità.
      Forse sta cosa l’avrebbe potuta dire con Viola o con i Sensi, non con questi dilettanti allo sbaraglio.
      Umiltà, sennò il romanista vi poi vi prende per millantatori seriali. E chiaramente vi spennacchia.

    • Caro Fede credo che anche e soprattutto Dino Viola si compiacera’ da lassù quando entrerà in funzione l’impianto di Tor di Valle . Anch’egli si scontro ‘ per questo con la parte meno nobile della Capitale ed ebbe la peggio purtroppo per noi .L’importanza di avere una infrastruttura modernissima è alla base del proporsi in continuazione ad alti livelli . Emblematico è il caso di quella società di Vinovo che ha vinto 8 scudetti consecutivi da quando si esibisce nel proprio impianto. A parti invertite non ne avrebbe vinto neanche uno. Basta guardare le statistiche. Su queste vittorie ha costruito poi una crescita del brand e si è potuta rinforzare a dismisura nel corso delle stagioni alterando i rapporti di forza .Questo percorso virtuoso si chiuderà per sempre nel momento in cui nella ns
      Città e forse anche a Milano si giocherà ad armi pari . Credo che chi come il sottoscritto in questo momento non guarda il dito ma al contrario la Luna faccia un ragionamento meno popolare ma molto più corretto…

    • Aspetta, Fede, sto prendendo appunti… Cre…sci…ta…ir…re…si…sti…bi…le…e…vit…to…rie…cos…pi…cue.
      Fatto.

    • Aggiornamento in corso…update fallito!
      Verificare la connessione e riprovare.
      Va così da 10 anni per l’algoritmo di Baldissoni…

    • Amen Sig. Robbo1 che la forza sia con noi. Vincere ……e vinceremo ….All’alba.

    • Sinceramente , ROBBO1 era uno di quelli che contestava il mio game over, il giorno dopo dell uscita dell inchiesta Parnasi con il coinvolgimento di De Vito. Ce ne era più di uno a dire la verità ma Robbo 1 non puoi scordarlo perché con il suo modo educato daval idea di capire qualcosa di giustizia penale. Diceva cose da classico uomo della strada, del tipo che il PM aveva escluso un ruolo della as Roma nella vicenda e quindi non c erano problemi e altre amenità del genere. Ecco chiederei a ROBBO1 di iniziare a fare un esame di coscienza e di ribattere su qualcosa al fine dare qualche informazione in più. In questo forum di analfabeti funzionali c’è ne sono già abbastanza. Un forum dovrebbe servire ad arricchire in qualche modo la conoscenza anche in ambito sportivo e non farlo diventare una fucina di fake news.

    • Guarda bugga, È da ieri che provo ma mi si blocca su tdv. Non capisco perché su tdv si resetta e riparte da zero.
      Poi non riesco a mettere l’update 1994/2011, e si che erano di serie. Quei dati proprio non entrano.
      Non so se vuoi provare tu, ma continua a ripetere cospicue.
      Cmq Kawa, fai poco il simpatico, crescita irresistibile intende il bonsai e non c’è nessuno che mette un freno a quei rametti. Fienga provvedi.

    • Fede, dici che c’è la possibilità che il piccolo bonsai diventi un maestoso cedro del Libano? Magari…

    • Allo stato, nessuno della ASR è nemmeno sfiorato penalmente. Peraltro, se avesse degli scheletri nell’armadio direi che a questo punto sarebbero venuti fuori.
      I problemi per lo stadio vengono dalla melina indegna di quella tizia che pare i pentacosi vogliano ricandidare, seppellendosi definitivamente.
      Chi afferma altro ha la memoria corta…

    • Hsl…. tu credi questo vero? ” Emblematico è il caso di quella società di Vinovo che ha vinto 8 scudetti consecutivi da quando si esibisce nel proprio impianto.“? … ao “da quando”.
      Non da quando compra i pjanic o i Pellegrini o i benatia.
      No, da quando ha uno stadio.
      Capisci che con questi personaggi ci sono due cose da fare: 1 usare l’ironia. 2 ribattere che al tifoso allo stadio preferisce la bacheca.
      Poi io all’olimpico mi sento a casa, tdv dov’è? Esiste? Dico a parte i render e i pianti pe la peggior sindaco donna dello spaziotempo.
      Ho già detto al robbot, l’umiltà ti avrebbe portato avanti, attualmente ti dico,vinci na sciampions vedi come ti veniamo a manifestare per lo stadio,no sempre proclami stucchevoli e letterine ridicole.

    • Chief, mi sta dicendo che la Giuve ha vinto il suo primo scudetto nel 2011? O che Suning ha atteso di avere lo stadio per investire 500 mln nell’Inter? O forse queste due hanno vinto e investito anche a prescindere dallo stadio? Siamo comunque tutti qui, in fremente attesa dell’irresistibile ascesa della corazzata di Omino Buffo.
      Come da dieci anni a questa parte, d’altronde…

  20. A lino nun di caxxate che quando Manolas lha buttata dentro stavi a piagne… Per ributtarsi sotto i riflettori ogni scusa e bona per gli ammaestratori der popolino… Che rade

  21. A me dispiace che alla Roma mancherà il supporto di Ludovico, Ultras Vero scomparso due settimane fa, che quello di personaggi come Lino Nasino o Carlo Ipocondria visto che la nostra Amata Roma per loro è qualcosa di marginale, mai in vita loro hanno portato un centesimo alla Causa!!! C’è qualcuno che accusa altri Tifosi di essere Cesaroni, sono curioso di sapere cosa pensano gli stessi di questi Tifosoni Vip. Sempre MAGICA e MAI SCHIAVI del RISULTATO!!!!

  22. Signori e signori che Pallotta se ne debba andare ormai è pacifico… Gran parte del popolo giallorosso gli è contro, ed è un fatto… Però tutte queste rimuginazioni sono solamente inutili… Il presidente è JJ PALLOTTA ed in quando parte della nostra storia, ben 10 anni, deve essere rispettato ed accompagnato all’uscita come uno di noi.
    La sua gestione è stata discutibilmente fallimentaria ma è stata comunque una gestione.
    Denigrarlo ed insultarlo fa si che anche i nostri nemici possano permettersi di fare lo stesso…
    CIAO PRESIDENTE.

  23. Nutrire passione per la Roma è per gente forte, che se ne infischia dell’aristocrazia del calcio, ognuno è libero di viverla come gli pare, compreso Lino Banfi, persona che stimo e che evidentemente si è stancato.
    Personalmente tifo Roma dall’inizio degli ’80 e oggi nutro la stessa passione di sempre, nonostante i mari tempestosi passati e presenti e a prescindere da giocatori e presidenti.
    Quello che non capisco, è come sia possibile strumentalizzare ogni spiffero e, in alcuni casi, evidenti, godere delle disfatte pur di avere ragione.
    FORZA ROMA SEMPRE!!!

  24. Amo la Roma!
    Mio padre’ mi porto’ a vederla che avevo 5 anni.
    Non ho mai messo in discussione il mio amore per la Maggica…
    Ho visto giocare la ” Rometta ” e delle formazioni molto forti che mi hanno fatto sognare..avremmo potuto vincere di piu’ se solo tante volte non ci avessero ingannato, certamente tante volte, invece, ci abbiamo messo del nostro.
    Ma che io debba smettere di amarla per effetto di un Presidente che non mi piace, questo MAI!
    Banfi io quell’immondizia cinematografica che lei propone la evito…quindi sono felice , molto, che lei non sia piu’ un nostro tifoso.
    Io continuero’, come faccio
    da oltre 60 anni, ad andare allo stadio, continuero’ a tifare, a tifare veramente, i Giallorossi.
    Continuero’ a soffrire ed ovviamente a tormentarmi.
    Del Presidente non me ne frega nulla..la Roma si vive si ama..te la senti dentro e quello ti permettera’ di sognare, sempre e per sempre saro’ con orgoglio
    ROMANISTA…e ROMANO.

  25. Robbo ma che dici? Ma veramente pensi che uno come Lino Banfi, 60 anni di carriera, figli, nipoti e tranquillità economica…si mette a fare il complottista? Quello che dice Lino Banfi va letto tra le righe ed è sacrosanto. Cos’è che vi ha fatto appassionare alla Roma da piccoli? Il senso di appartenenza, i colori della città, il sentirsi noi contro tutti, il Presidente che piange, soffre e gioisce con te. Oggi che rimane di tutto questo? Plusvalenze, fatturato, trading di calciatori, prezzi assurdi allo stadio. Ma sei sicuro che rinascendo oggi proveresti le stesse emozioni? Io con i miei figli faccio una fatica assurda, si stanno distaccando, non capiscono la visceralità perchè non c’è più. E non riesco a dargli torto.
    Non puoi continuare a parlare come Alexa

    • Chico “parlare come Alexa”,è di una sottigliezza unica,complimenti.

  26. Al canile giornata delle adozioni, tutti in cerca di un padrone, pochi di razza quasi tutti bastardi con le code scodinzolanti e la lingua gocciolante di fuori!

    • Non si chiamano bastardi,si chiamano meticci,bastardi semmai sono coloro che li abbandonano e chi li apostrofa in questa maniera.
      Ah dimenticavo,i meticci sono i cani piu’ intelligenti.

  27. Rispetto i tifosi e chi purtoppo non riesce ad “amare” altre cose… Io dopo più di 40 anni di tifo (direi più che appassionati), non trovo più nulla, o quasi, di emozionante in questo tipo di calcio. Non sarò mai più schiavo di ragazzini milionari che non sanno neanche che esistiamo, se non quando inneggiamo i loro nomi! La maglia? Ecco il mio nuovo pensiero: “una grande cavolata a cui si attaccano i tifosi per difendere che cosa non si sa!” Gente che per i soldi passerebe sopra ai propri familiari con un Caterpillar, ne è la prova questo periodo di Pandemia… Ovviamente non faccio di tutto il mondo un paese, ma il buon 80% è così. Si tornerà a vivere, sicuramente e me lo auguro al più presto… Quando sarà, personalmente, chiuderò (anzi, ho già chiuso) con il mondo del calcio. Sarò tifoso come mi hanno insegnato in tanti anni loro… A convenienza! Sempre della Roma, ma quando voglio io! Ho sempre portato io da mangiare a loro! Loro invece, hanno sempre mangiato anche per me! Foxxtevi e condivido pienamente con Lino Banfi.

  28. cioè siete riusciti a fà una polemica anche su un’influente opinione personale di un’attore de 80anni…
    mo è pure colpa de Banfi se la ASRoma non c’ha la fila per acquistarla…

  29. Secondo me il messaggio di Banfi deve essere letto in questo modo. L’amore c’è sempre, la passione si è affievolita. E sono sicuro che ciascuno di noi nella propria vita aveva una passione forte che non avendola poi alimentata si è a mano a mano affievolita. Non c’è niente di strano. Peraltro parliamo di gente che di Una squadra di calcio è diventato tifoso non ci è nato. C’è una piccola ma grande differenza

    • Gentile Redazione,
      che tra noi utenti possa insorgere il desiderio di conoscersi realmente, dovrebbe inorgoglirvi anziché turbarvi. Il vostro sito è la nostra piazza virtuale, in cui si discute, ci si confronta e nascono amicizie. Cosa c’è di male?
      Se un utente, volontariamente, chiede di pubblicare il proprio indirizzo email (avete la possibilità di controllare la corrispondenza con l’utente stesso) non vi è alcuna violazione del trattamento dei dati personali. Sul numero di telefono, viceversa, il divieto è giustificato.
      In ogni caso, solo voi potete fare da “ponte” tra noi utenti, per consentirci di entrare in contatto. Se vi chiedessi di comunicare ad un utente il mio indirizzo email, lo fareste?
      Credo che dobbiate riconsiderare la vostra decisione. Grazie per l’attenzione e buona serata.

  30. Pasquale, ti voglio tanto bene, io sono molisano, na come detto tempo fa, fra i due miei grandi amori ci sono : la Roma e il Campovasso. La Roma non si discute mai, si ama, pertanto a me il Presidente puo’ essere simpatico o no, lo critico, come ho fatto pet tanti , ma la Roma non la tradiro’ mai. Certo, un Presidente vero romanista(e ne abbiamo avuti), fa piacere, ma con il calcio di oggi, servono i soldi. C’e’ un romanista che abbia tanti soldi per la Roma? Si faccia avanti!

  31. Pasquale, acchiappa qualche altro del mondo dello spettacolo, tirate fuori i soldi e compratela.Non mi dire che non ve lo potete permettere?

  32. “Camminerò insieme a Te, As ROMA è la mia vita….
    Quando tu giochi sento che crescono i brividi dentro di me…. Roma, tifiamo per la Roma, lottiamo per la Roma, sarò SEMPRE con Te…. passano gli anni CAMBIANO i giocatori ed anche i presidenti ma noi saremo qua….perché e’ la Lupa batte nel mio petto, la ROMA è il nostro amore e noi siamo i suoi ultras!” Questo è uno degli ultimi cori della Sud, apprezzato da molti e certamente non creato da persone che apprezzano l attuale dirigenza, anzi, eppure anche per Loro la ROMA è e sarà sempre la ROMA. Non dico altro ma i tifosi che a causa di Pallotta affermano di amare meno la ROMA, sopratutto quando si tratta di cosiddetti vip (venditti, amendola,verdone e ora banfi), mi danno fastidio. Cambierà anche questa presidenza e noi saremo là PERCHÉ non ce ne saremo mai andati, nonostante Pallotta e Baldini.

    • Pablo, permettimi di unire la mia voce alla tua.
      “Tifare è un dovere di tutti, riuscirci è un onore di pochi”. ASRoma nel cuore.

    • Bravo Pablo, 10 minuti di Applausi per il Coro e le Tue belle Parole!!!! Solo la Maglia e Forza Magica ROMA!!!

    • Che spettacolo! Bravo Pablo! Tu si che hai capito tutto della vita! Mi raccomando eh! Sempre la! A tifare cosa? Non si sa! Prima o poi la Roma da mangiare ti darà! Forza Roma, forza gli Ultrà! Se il bijetto non poi fa, me raccomando “vai a rubba”… Sennò i sordi a sti poracci chi je li dà? Se il mondo crolla che ce frega! Basta che ce la Roma e semo tutti contenti! Dajeeeeee! As Roma io di giorno e notte in ogni stadio perchè faccio a botte!!! E mentre noi se stamo ad ammazza! I Calciatori in vacanza van! laralalalalalalà! Dajeeeeee! Forza Romaaaaaaaa!!!

  33. Come ho già scritto in passato, io ho iniziato a tifare Roma quando tutti gli altri bambini tifavano Inter, perché era la squadra più forte.
    Non la tiferò di meno per via né di Pallotta, né di cento Pallotta.

    Lino Banfi è rimasto legato a un’idea romantica del presidente ‘uno di noi’. Ma piaccia o no, le cose sono cambiate, e non solo per la Roma.
    Il discorso sulla nazionalità del presidente non ha senso. Anche altre squadre hanno presidenti stranieri, e altre ancora hanno presidenti italiani che è meglio perdere che trovare.
    Ci sono presidenti stranieri, allenatori stranieri, giocatori stranieri e, guarda un po’: anche tifosi stranieri.

  34. Il rispetto e la stima per IL GRANDE LINO BANFI resta per me immutato.
    Non sono d’accordo col suo pensiero .

  35. leggo alcuni post e mi viene da ridere ……certo che lino banfi ha bisogno dei biglietti o dell’abbonamento di pallotta per vedere la roma……..ma fate il piacere…..è stato solo uno sfogo come quello di carlo verdone comprensibile o meno di un tifoso…. e basta……….

  36. Lino Banfi, stefano71 gli vale come chiunque osi non dico contestare ma mettere in discussione l’operato del grandissimo Pallotta continuando,secondo me, a confondere il tifo,l’amore e la passione per i nostri colori con l’impresciindibile obbligo di stimare e sostenere Pallotta a tutti icosti non tanto perchè Presidente (temporaneo) ma perchè lo merita. Il punto è questo non c’è niente da fare. Chi non ama,stima e apprezza Pallotta è un laziale,rinnegato, sempre in cerca di prosciutti e biglietti gratis. Quanto è piccolo e modesto il loro Mondo.

  37. Questa mi ma mancava… sprovveduti tifosi… 30 anni di abbonamento e decine di trasferte, oggi ho saputo di essere uno “sprovveduto tifoso”… poi se lo dice il sig. Robbo 1 uomo di mondo e di vita vissuta, non posso che essere d’accordo.

    Un applauso per Pablo.

  38. Per As Bo parappapa: il tuo commento, peraltro molto rancoroso, è assolutamente fuori contesto. Io ho citato un coro, molto recente, che sintetizza il mio pensiero in relazione al rapporto As ROMA tifosi quando ci si trova a confrontare con conduzioni societarie “discutibili”. Poi è chiaro che il “sempre qua” (allo stadio) è un eufemismo perché so benissimo che ci sono problemi economici, di lavoro, di salute, famigliari e anche di età che non consentono una presenza fisica assidua e costante per tutti. Quel sempre qua si può riferire anche ad un pensiero d’ amore costante verso la ROMA (siamo partiti dalla dichiarazione di Banfi che ha affermato di amare meno Roma da quando c’è pallotta). Buon giornata.

    • Pablo,complimenti per i contenuti e sopratutto per la pazienza ed educazione nel rispondere.

Rispondi a Cucs Cancella la risposta

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome