Lutto nel calcio, addio a Gigi Radice

27
18

AS ROMA NEWSLutto nel mondo del calcio. Come riportato da Sky Sport, è scomparso all’età di 83 anni Gigi Radice, allenatore dell’ultimo scudetto conquistato dal Torino nel 1976.

Radice ha avuto un passato anche come tecnico della Roma nel lontano 1989/1990. Attraverso Twitter, il club giallorosso ha espresso il proprio cordoglio ai suoi familiari.

Fonte: Sky Sport

27 Commenti

  1. Mi spiace Un allenatore che secondo me merita molto rispetto. Quello che non mandai veramente giù, fu lo squallido comportamento che ebbe Vittorio Cecchi Gori (allora vice Presidente della Fiorentina) durante una puntata del Processo del Lunedi’ Dove dp una lite afuribonda confermò il suo licenziamento in diretta. Un simile trattamento lo trovai intollerabile!
    R.I.P!

    • Caro El Flaco in quel caso però c’erano problemi legati al viziaccio del buon Gigi (donnaiolo incallito), ovviamente non giustifico Cecchi Gori.

      La Roma di Radice era una Roma romantica, d’altri tempi: ricorderò sempre il 2 a 0 alla Juve al Flaminio.

      RIP mister.

  2. Un SIGNORE di altri tempi,un grande allenatore, meritava almeno un altro anno sulla panchina giallorossa..grazie di tutto MISTER

  3. Bellissima foto radice col mio vero e unico Presidente illustrissimo ING. Dino viola❤️❤️❤️ gigi ci mancherai?

  4. Me lo ricordo quell’ anno al Flaminio (all’ epoca abbonato sud) con Massaro … Bella stagione… A parte un cappotto in casa col Milan ma quel Milan era fortissimo.

  5. É proprio vero un presidente signore come Viola e un allenatore corretto come Radice due galantuomini che purtroppo nel calcio di oggi non esistono piú. Solo mistificatori e venditori di fumo!

  6. Addio e grazie Mister! La ROMA del Flaminio, uno delle più gagliarde di sempre, un ricordo indelebile e meraviglioso della mia gioventù! Un sesto posto che diede emozioni uniche!

  7. UN UOMO SOLO AL COMANDO, CON 11 LEONI AL SUO FIANCO. LA SUA MAGLIA É GIALLOROSSA. IL SUO NOME É GIGI RADICE. Striscione Commando Ultrá 1990

  8. Addio mister. E addio ai miei ricordi da adolescente di una Roma povera ma con un carattere che quella attuale si sogna. Una squadra feroce e generosissima costruita da un dino viola in difficoltà economiche per via dello stadio Flaminio. Ricordo bene i cori contro il povero presidente viola. Ma allora non c era le radio amiche o i giornalisti a tassametro ne tantomeno la balla giustificatrice del Fpf…addio gigi

  9. Certa gente sarebbe capace di infilare il rancore nei confronti della Società pure in un post sull’accoppiamento del Dromedario.

    • in certi momenti non ci sono pro o contro pallottiani ma solo il rispetto x chi con orgoglio ha indossato i colori ROMANI. in sadegna o a focene le vostre guerre fatele altrove, chi tifa ROMA NON PERDE MAI. io romanista e me ne vanto. gigi radice uno di noi

  10. Ero militare, non ebbi occasione di vedere nemmeno una partita quell’anno. Ma ricordo comunque una squadra tosta e combattiva, seppur dal tasso tecnico non elevatissimo. E un tecnico adatto per quel clima d’arena del Flaminio che speriamo di ricreare nel nuovo stadio. Un solo anno ma lasciò un ottimo ricordo. Una persona seria. Buon viaggio mister…

  11. La Roma del Flaminio,che nostalgia!Addio Mister! La Roma che spesso nomino per spiegare ciò che manca oggi,al di la dei risultati,ma è un calcio che non c’è più!

  12. Ormai è tardi per scrivere, però vorrei dire che per me Gigi Radice è stato soprattutto l’allenatore dell’ultimo Grande, affascinante Torino, che sconfisse Madama nella lotta scudetto del 75-76 e l’anno dopo perse un altro scudetto pur facendo la bellezza di 50 punti.

Rispondi a Campo Testaccio Cancella la risposta

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome