MOURINHO: “Conti seduto al mio posto mio è un onore per me. Lo ringrazio per le emozioni che mi ha restituito”

44
2440

NOTIZIE AS ROMA – Ai microfoni del sito ufficiale del club, José Mourinho (squalificato domenica) ha commentato la presenza in panchina di Bruno Conti, seppur per una sola partita, contro la Salernitana:

Avere Bruno seduto al mio posto è un onore per me. Quando ho parlato con lui la prima volta ho sentito subito il suo entusiasmo e il suo trasporto.

Sono io che ringrazio lui per le emozioni che mi ha restituito e sono sicuro che domenica assieme ai nostri tifosi ci darà una spinta in più”, ha concluso Mou.

Fonte: asroma.com

 

Articolo precedenteBruno Conti torna sulla panchina della Roma: “Emozione grandissima, spero di portare ancora più entusiasmo. Ringrazio Mourinho e i Friedkin”
Articolo successivoMarcos Leonardo c’è, ma solo a gennaio. Parti a lavoro per chiudere l’accordo

44 Commenti

    • Sottoscrivo completamente. Mi piace pensare che siano parole sincere. Grazie all’A.I.A. (ironia!!) per darci questa emozione: Mou sugli spalti, Bruno in panchina

  1. Mi sembrano parole sincere.
    Questa è la Roma, sono orgoglioso, acquisto in più, acquisto in meno.
    Forza Roma, Forza Bruno

  2. Domenica vorrei che la Roma vincesse per onorare nel migliore dei modi un suo figlio inarrivabile nella passione che ha dedicato ai colori giallorossi. Mentre qualcun altro sabato giocherà a padel, Conti passerà la notte in bianco a pensare alla partita che lo attende il giorno dopo in un Olimpico pieno di fascino e di ricordi.

    • Zenó non per dire ma la formazione la fa sempre Mourinho eh. Bruno Conti o chi per lui non dovrà fare altro che fare da tramite alle indicazioni del portoghese. succede così per tutte le squadre ogni volta che le squalificano l’allenatore.
      vedremo MARAZICO ma l’allenatore è Mourinho a differenza di 18 anni fa dove fu Bruno a dover prendere le decisioni

    • hai sempre qualcosa che esce da quella lingua colma di veleni nei confronti di uno che ha rinunciato al Real Madrid y indossare una sola maglia e che al pari di Brunetto è un romanista autentico.perche nella tua maligna considerazione nn hai pensato ( nn ne hai la capacità) che se lo avessero chiamato da tesserato a stare in panchina x la Roma lui nn avrebbe accettato? Zeno sei solo un grande imbecille e più trascorre il tempo e più si ingrandisce questa tua propensione.

    • Ma che ci azzecca ‘sto riferimento a Totti? A volte proprio non ti capisco…ti piace farti notare sempre e comunque…mah!
      Certo, Bruno Conti grande stella…una vita nella Roma anche con poco guadagno rispetto a Totti. Ma perché denigrare Totti? Se ne è andato perché non voleva fare il pupazzo di Pallotta. I Friedkin non lo hanno richiamato e lui gioca a padel. Embé? Che doveva fare?

  3. Grande Mou, come sempre! Sarà anche strategia, ma il fatto di calarsi così tanto nelle realtà in cui allena e il rispetto che mostra per sempre alle suddette società lo rendono unico. Il Mou all’Inter mi stava, non poco, sulle ⚽️⚽️ per cui comprendo che lo possa essere anche ora che siede sulla nostra panchina. A chi non tifa Roma.

  4. sono innamorato di bruno, della sua passione per il calcio e per la Roma,
    la sincerità di Mourinho nel comunicare subito il grande uomo che si è trovato davanti è spiazzante, ti fa capire quanta intelligenza e sensibilità abbiamo in panchina. grande uomo Mou!

    • avere oggi un giocatore come Bruno Conti significherebbe avere un valore tecnico inestimabile. penso che dopo di lui in italia un altra ala cosi non sia piu uscita. non era forte era immensamente forte. io del 73 so diventato romanista per due cose. la curva sud e Brunetto. e domani in panchina è soltanto un onore per noi . a prescindere dal risultato

  5. Tralasciando le parole di Mou verso Bruno Conti.. Che trovo corrette.. E aggiungo.. Nel mondo del calcio non ho mai visto nessuno andare contro Bruno Conti.. Ci sarà un motivo no?..

    Vado fuori tema.. Ho visto tante critiche per Ekitike.. Come se fosse un prospetto qualsiasi.. Magari dagli stessi che volevano Marcos Leonardo..

    Ekitike e un rischio.. Ed invece Marcos?

    Semmai è meno rischioso questo ragazzo.. Che già conosce l’Europa.. E nonostante.. Mbappe, Messi, Neymar.. Ha già delle presenze con il Psg..

    Ekitike e tra i migliori under 21 al mondo.. Sarebbe un vice Dybala favoloso..

    Mentre Marcos viene già considerato un fenomeno.. Ed io onestamente non capisco il perché… Per qualche video dove ci mostrano i numeri migliori?..

    Capiamoci.. Non dico che Marcos sia scarso.. Dico che ha grossi limiti.. Soffre la marcatura.. Soffre i calciatori fisici..

    Ed in Italia la marcatura è sempre stretta ed i marcatori sono tutti fisici.. Quindi.. O hai la tecnica di Dybala.. Oppure sei destinato a fallire..

    Ekitike conosce già questo calcio.. Non è potente come Lukaku.. Ma ha tanti cm.. Ha velocità.. Ha tecnica..

    Quindi se già Marcos era un calciatore interessante.. Ancor di più lo è questo ragazzo.. Che al Psg è chiuso da un numero infinito di campioni.. Ancora più chiuso con l’arrivo di Goncalo Ramos.. (che avrei voluto da due anni)

    Per l’altro attaccante.. Il nome di Lukaku sarebbe l’ideale specialmente per uno come Mou..

    Ma uno come Retegui ci avrebbe fatto veramente schifo?… Sicuramente mi sbaglio.. Ma più lo guardo più mi ricorda un altro giocatore che era del Genoa e che con Mou ha costruito la sua fortuna.. Si mi riferisco a Milito..

    Chiaramente il paragone oggi come oggi non esiste.. Ma le caratteristiche sono davvero simili..

    Ormai è andata.. Se non mi dispiaceva Marcos.. Ekitike lo trovo semplicemente perfetto.. Tuttavia.. Oltre a questo ragazzo ne serve un altro..

    C’è chi dice di sbrigarsi a comprare Zapata.. C’è chi insulta Pinto che lo deve prendere subito alle condizioni dell’Atalanta..

    Quindi se arriva Zapata con un obbligo di riscatto.. Fa 3 partite e si rompe.. Poi cosa direte???… Colpa di Pinto che ha comprato un calciatore rotto?..

    Zapata conviene solo a determinate condizioni.. Le stesse condizioni di Sanches.. Obbligo di riscatto al 60% delle presenze.. Allora così si.. Ci sta.. Se no rischi di accollarti per tre anni un calciatore che già negli ultimi due anni ha avuto una marea di infortuni..

    Ed ora diverse società hanno problemi di rosa, con calciatori che devono uscire.. Lukaku e solo uno dei tanti calciatori che vanno piazzati..

    Quindi ormai per la prima siamo costretti a giocare con Belotti – Elsha… Ma il tempo per migliorare questo attacco c’è.. Ed Etikite è una favolosa soluzione.. Ma non deve essere l’unica..

    Forza Roma

  6. il calcio più dei gesti tecnici è fatto di emozioni.E vedere il nostro Bruno sulla panchina a guidare la squadra è un emozione che NESSUNO può permettersi.anche in questo la Roma è unica.

  7. Io amo solo la Roma… Non m’innamorò dei personaggi. Sono scaramantico per natura.Se dovessi analizzare le panchine fatte da Conti come allenatore della Roma, dovrei toccarmi i cosiddetti per tutta la giornata… Spero che questa volta ci porti alla vittoria … Intanto, per non sbagliare, continuo a grattarmi …

  8. Da allenatore della Roma Conti ha collezionato 15 panchine, con un bilancio di 2 vittorie, 6 pareggi e 7 sconfitte. Sostitui Del Neri esonerato. Adesso non cominciate a dire che sono un infame della Lazio perché scrivo questo e critico Bruno Conti allenatore. Sono scaramantico… È amo solo la A.S. Se. Roma…
    Il resto non conta!

  9. Quest’uomo è un signore, non credo ci sia stato mai un allenatore così legato alla roma, lui lo vedo come mazzone e ranieri.
    in quanto a conti merita questa passarella, penso lo ripaghi di tanti sacrifici.

  10. Credo che Mourinho ha voluto questa conferenza perché coincide con la prima di campionato, anche perché è molto che non la fa , farà gli auguri a Bruno , un in bocca al lupo alla squadra , e risponderà a domande sul campionato, chi si aspetta lamentele sui mancati arrivi o altro, resterà deluso, giornalisti compresi, sarebbe troppo scontato e comunque lui è troppo intelligente ed equilibrato in questo 💪

  11. Mazzone da allenatore della Roma 13 partite senza vittorie, col Perugia ha fatto vincere lo scudo a quelli, grande estimatore del suo pupillo (tare), se lo sarebbe portato pure al gabinetto, e infine cittadino di una città, ascoli, dove alle trasferte della Roma ci aspettavamo sui ponti della Salaria per tirarci i sassi. Non lo accosterò mai a CONTI O RANIERI. Per me si avvicina di più a zenone.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome