“ON AIR!” – CARINA: “Solo a gennaio sapremo chi è davvero la Roma”, PIACENTINI: “Mercato? Chissà che i Friedkin non ci facciano una sorpresa”, ROSSI: “Ci stanno già preparando il piattino per Milan-Roma…”,

16
857

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le  frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Roma Radio): “Stanno già preparando il piattino per Milan-Roma, è partita una tarantella che alla fine l’arbitro sarà Franco Baresi…Ieri abbiamo scoperto che, se anche c’è il fuorigioco, al Milan non si può annullare un gol al novantesimo… La Samp? Io non mi fido di squadre come quella doriana. Temo l’effetto Atalanta-Roma, non vorrei che si desse per scontato che basta presentarsi in campo per vincere, e non è così. Loro cercheranno a tutti i costi di imbastardirci la partita…”

Luca Fallica (Radio Radio): “Roma-Sampdoria sarà una partita completamente diversa da quella di Bergamo, per vincere bisognerà fare una gara totalmente differente. Sarà una partita più simile a quella vista contro lo Spezia. Il calcio diventa sempre di più una recita a soggetto. Si parla di gioco riconoscibile, ma il gioco riconoscibile è quando vinci. La Samp farà un ampio turnover e dovremo stare attenti a quelli che hanno giocato meno e che vorranno mettersi in mostra, ma noi siamo più forti. Io non sono preoccupato per la Samp, ma sono preoccupato come tutte le partite della Roma. Loro sono abbastanza bravi a giocare di rimessa e hanno giocatori interessanti, ma chi non vorrebbe giocare tutte le settimane con la Samp ed evitarne altre…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Sul mercato si parla sempre dei soliti giocatori, ma abbiamo capito che arriveranno più calciatori funzionali che fortissimi, anche perchè a gennaio è molto difficile prendere quelli forti…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “La formazione anti-Samp penso che sarà la stessa che ha battuto l’Atalanta, anche se El Shaarawy sta tornando in gruppo. Attenzione a Cristante e Ibanez che sono due diffide molto pesanti… Se mi dicessero: “Firmi per fare 5 punti nelle prossime tre partite?”, io visto quanto fatto in precedenza, beh allora…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Rispetto alla partita di Bergamo hai un Felix in più che a partita in corso può esserti utile, anche se spero non ce ne sia il bisogno. E’ una partita da vincere a ogni costo quella di domani. I sei punti contro Spezia e Atalanta sono pesanti, e se dovessero diventare nove sarebbe un bel modo di andare alla sosta di Natale. Se invece la Roma non dovesse fare risultato contro la Samp, l’effetto Bergamo sarebbe molto attenuato. Io se la Roma pareggiasse sarei molto deluso… Mercato? Chissà che i Friedkin non ci facciano una sorpresa, noi non ci aspettavamo nemmeno Mourinho…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Il tampone allo stadio anche per chi ha il super green pass? Sul fatto che il Covid, specie nella fase invernale, sia particolarmente pericoloso sono d’accordo. Ma se ogni volta devo fare il tampone, allora diventa un po’ troppo. Dal punto di vista medico lo capisco, perchè puoi essere contagiato anche col vaccino, ma così mi rendi ancora più difficile andare allo stadio. Se così fosse, la partita, a meno che non sia di cartello, me la vedo a casa…”

Stefano Carina (Radio Radio): “A livello caratteriale mi ha sorpreso molto la squadra giallorossa, è stata cattiva e concentrata. Più del fatto che si sia ridotto il gap per la zona Champions, è piaciuto questo aspetto al tifoso. L’Atalanta però era la partita migliore per Mourinho, che contro Gasperini non aveva mai perso. Con la Samp sarà una partita differente, loro non ti lasceranno spazi. La cartina di tornasole l’avremo dopo le partite contro Milan e Juventus, che ci diranno che campionato attendersi da qui fino alla fine della stagione…La Roma ha sbandato sempre quando Smalling non era in campo , è un giocatore fondamentale che cambia il volto della squadra, non solo della difesa… Mercato? Non dobbiamo aspettarci grandissimi colpi, ma due acquisti che completeranno la rosa. Così avresti una rosa di 16 calciatore che ti potrebbero permettere di arrivare fino alla fine della stagione…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Io non sottovaluterei Veretout, che quando ha il fiato è un giocatore importantissimo… La Roma ora ha bisogno di due rinforzi, un terzino e un centrocampista. Dopo la partita con l’Atalanta, l’autostima è venuta fuori. Arrivi a Bergamo che non batti una grande da tanto tempo, fai una splendida partita e vinci. La Roma prenderà fiducia, che potrà essere contagiosa, ma bisogna restare con i piedi per terra. Le partite di fine anno sono le più complicate ma la Roma arriva bene, con entusiasmo e certezze che fino a poco tempo fa non aveva…”

Furio Focolari (Radio Radio): “A me la Roma è piaciuta molto, è stata la Roma di Mourinho. Noi critichiamo, e i tifosi si arrabbiano con noi, ma abbiamo il dovere di dire certe cose. Mourinho aveva fatto molti errori fino a questo momento, non è blasfemia criticarlo. Stavolta invece ha giocato una partita alla Mourinho. Se io prendo i giocatori della Roma uno per uno, mettendoci anche El Shaarawy, Pellegrini e Spinazzola, guardate che nei 13-14 sono giocatori forti. Guardate che un attacco con Zaniolo e Abraham non ce l’ha quasi nessuno in Italia. E poi Mancini e Ibanez presi da soli sono due mediocri difensori, se metti Smalling insieme a loro diventano buonissimi difensori centrali. Quindi ci sono dei giocatori a cui non puoi rinunciare: Smalling, Abraham e a Pellegrini, che però adesso non c’è e quindi ci stai anche rinunciando…Per me la Roma non è affatto scarsa, ha dei giocatori forti…”

Tony Damascelli (Radio Radio): “Smalling alla Roma sta come Kjaer al Milan. Quando togli quel tipo di giocatore esperto, che gioca di intelligenza e potenza, hai un uomo in meno. Smalling è un giocatore che ha un solo problema, ed è quello fisico. Altrimenti parliamo di un giocatore che ha giocato nel Manchester United, che ha vinto tantissimo, e che loro hanno lasciato partire solo per motivi fisici. La Roma ha gli elementi per arrivare oltre l’Europa League. La Roma squadra deve confermarsi, perchè a Roma si passa facilmente dall’altare alla polvere…  La Roma ha trovato una coscienza superiore a quella di un mese fa, ma occhio, perchè è facile passare dall’umiltà alla presunzione, e l’allenatore portoghese ne è un buon esempio…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteNela: “Bene Zaniolo-Abraham, ma questa Roma non è da Champions. Ai Friedkin do un 6. Sul mercato decide Mourinho”
Articolo successivoD’AVERSA: “Contro la Roma vogliamo fare un risultato importante. Mourinho? Non vedo l’ora di stringergli la mano”

16 Commenti

  1. Cristante ed Ibanez verranno ammoniti per proteste o qualche altro motivo anche se seduti in panchina, speriamo che regga Smalling

  2. Prima erano scarsi.. adesso sono bei giocatori..Se ne vinci un altro paio diventano fenomeni..Almeno fino a quando non perdi e tornano ad essere scarsi..e si ricomincia

    • in molti abbiamo sempre pensato e detto , dai tempi di Fonseca, che la rosa non e’ mai stata male
      La difesa a tre e Michi piu’ arretrato ( anche El Sharawi ) , la crescita di Zaniolo
      Cosi Mourinho ha cominciato cominciato a dare la quadra
      E manca Pellegrini che e’ un ottimo giocatore
      Adesso possiamo solo che migliorare
      Un forte difensore centrale , il ritorno di Spinazzola piazzato alla dx , un mediano dinamico
      l’esplosione di Felix e c’e’ la giochiamo

    • Infatti.
      E poi lo dicono tutti ma non é vero per me.
      Tanti fanno confusione: un conto é dire che le squadre vanno fatte in estate e, a gennaio, il cosiddetto mercato “di riparazione” se tutto é andato bene a giugno, non dovrebbe servire (al limite si presenta qualche occasione di rifinitura del lavoro fatto). Ma chi ha fatto errori o toppato innesti, può, portafogli permettendo, avere ampia possibilita di intervento, e ampia scelta.
      Sia dalle squadre medie che si trovano in ottima posizione rispetto ai loro obiettivi, e hanno nel frattempo scoperto alternative a certi ruoli, sia da quelle che hanno una rosa molto ampia e gente che gioca poco, o si trova ad un passo dalla scadenza, o si é trovata male… o magari ha il bilancio (tanti) in sofferenza.
      Diciamo che, rispetto a giugno, per certi versi devi spesso spendere qualche soldo in più. Ma, pure in questi tempi, i giocatori alcuni te li tirano dietro se vai a cercarli con argomenti convincenti…
      Restando a noi, chi apprezza VILLAR, MAYORAL o DIAWARA non troverebbe le barricate in ASROMA per portarselo via. Come a giugno, pure qualcuna in meno.
      Tranne DIAWARA, che é ormai il nuovo Fazio…

  3. FOCOLARI non si può sentire, a mio avviso. Ok che sono, quelle riportate qui, sicuramente frasi estrapolate… ma dire che 13/14 sono forti e poi dire che sono, senza SMALLING, addirittura MEDIOCRI difensori, si mettesse d’accordo col suo mediocre cervello.
    Credo che definire oggi IBANEZ mediocre non lo farebbe nessuno, neanche un giornalista tifoso dell’Atalanta. Per me che sono romanista ACERBI é molto buono (a differenza di tanti suoi compagni di reparto quelli si, mediocri, almeno parlando di A).
    Che la sua Lazio ci sia così vicino in classifica é uno dei misteri del calcio.

  4. Focolari invece stavolta ha ragione su 2 cose.. 1) l attacco zaniolo-abraham è potenzialmente il più forte della serie A. Anche delle 4 che ci stanno davanti. Se poi ci mettiamo anche il resto(elsha.felix.pellegrini.mikitharian ecc) davvero non abbiamo da invidiare nulla a nessuno. 2) è vero. Mancini ed Ibanez sono una cosa senza smalling ed un altra con smalling. X questo a parer mio ci vorrebbe un altro difensore di livello alla Rudiger X dire.

  5. Per me felix fa paura, questo puo’ diventare una belva, con zaniolo abraham e felix, mi piacerebbe vlahovic…ma figurati coi friedkin sti giocatori te li sogni.
    Forza Roma

    • ZI BAH credimi, VLAHOVIC oggi in A non c’è nessuno che può prenderlo, altro che i FRIEDKIN… a gennaio.
      Ha un prezzo da PSG, emiri arabi o plutocrati russi.
      L’unica speranza per gli italiani é che arrivi a parametro zero e si sia già promesso a qualcuno.

  6. …comunque per legarmi alle parole del bomber PRUZZO a mio avviso la ROMA deve ingaggiare un portiere esperto e affidabile come secondo. Se (cosa purtroppo sempre possibile per tutti) perdiamo PATRICIO per un periodo non possiamo cambiando modulo o posizione in campo farci giocare altri che FUZATO o un primavera.
    Con buona pace definitiva di classifica di A e coppe.
    FUZATO magari diventerà un portiere affidabile un giorno. Cosa difficile da capire se fa l’eterno secondo (e MOU non é tipo da alternare i portieri, é evidente). Oggi non é così. Quanto serve, troppo?, per un simil MIRANTE che ti copre le spalle?
    Su SMALLING (al centro degli altri discorsi) lo dicevo d’estate, troppo alto il rischio che col suo passato recente fosse spesso indisponibile. Se la società aveva i mezzi, un difensore top era altrettanto importante.
    Non tanto perché gli altri sono “mediocri” come nel delirio di FOCOLARI, quanto perché un giocatore esperto, forte e di personalità in una difesa che rimane la più giovane in A (una squadra dall’età media in assoluto molto bassa) é obbligatorio se vuoi competere per i primi posti. SMALLING se gioca.
    Io, e così sarebbe contento anche chi vuole i campioni, sarei più che felice, ad esempio, di RUDIGER…
    probabilmente non é raggiungibile oggi un profilo simile.

  7. Vado off-topic ma se costava così poco, un pensierino a prendere Patrick Berg del Bodo Glimt lo avrei fatto. Il mediano del Bodo Glimt e capitano (ci rifilo anche una rete nel 6-1), ieri si è trasferito al Lens per €4,5M. Veramente una cifra bassissima se consideriamo le valutazioni che girano su certi calciatori. Lui è Solbakken era stati tra i calciatori più interessanti visti (non è stato solo demerito nostra ma c’era anche un atteggiamento con parecchia tigna di diversi calciatori del Bodo pure). Cioè a cifre simili, non sarebbe stato malaccio come affare intanto per rattoppare il centrocampo.

  8. Sinceramente ierCristante non mi interessa molto, io piuttosto metterei Kumpulla al posto di Ibanez oer non correre rischi anche se poi c’è lo ammoniranno col Milan per farlo mancare con la Rubentus!S questo punto si facesse ammonire con la Rubentus almeno sconta con il Cagliari!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome