“ON AIR!” – SAVELLI: “L’Europa League può cambiare la storia della proprietà americana”, BERSANI: “Dzeko insostituibile, non si può cedere”, AGRESTI: “Non mi sorprenderei se venisse venduto”

52
5136

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “I miglioramenti della Roma sono evidenti… Io capisco che nel gioco del calcio non tutte le azioni possano essere finalizzate, ma la Roma spreca davvero troppe occasioni a meno che Dzeko non le valorizzi e le faccia diventare gol. Peccato, la mia paura è che in Europa non ce lo potremo permettere. Col Siviglia dovremo cercare di rendere fruttuoso tutto quello che saremo in grado di produrre. Ma che la Roma sia in crescita soprattutto a livello fisico è evidente. Nonostante questo ci sono calciatori improponibili ma mi guardo bene dal dirlo. La Roma l’anno scorso non è arrivata sesta per Olsen, come ora non è arrivata quinta per colpa o grazie a Pau Lopez che negli ultimi tempi sta mostrando una scarsa tranquillità. E’ chiaro che avverte il momento…”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Al di là dell’offerta che non gli piace, mi domando quando piaccia Friedkin a Pallotta. Io creo che quando uno vende una cosa che non ha del tutto voglia di vendere e dalla quale pensava di ricavare qualche soddisfazione anche a livello personale. gli sta un po’ sulle palle quello a cui la cede… Pau Lopez? Io un altro anno non glielo darei, mi dispiace… Farei una scelta definitiva sul portiere, la Roma sono due anni che toppa: non puoi pensare di sostituire il portiere più forte del mondo prima con Olsen e poi con Pau Lopez…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Io mi sarei tenuto Szczesny per anni senza farmi un giro su Alisson per poi rimanere con l’amaro in bocca e darlo per vincere al Liverpool. A quest’ora potevi avere Szczesny e già pagato Smalling con quello che t’avanzava. Questo per dire i soldi come si investono, e non è colpa di Pau Lopez se l’hanno pagato quella cifra. Ma quelli bravi fanno in modo di ritrovarsi con Szcezny e Smalling allo stesso prezzo invece di ritrovarti con Pau Lopez e il rischio di dover perdere Smalling… Poi potremmo aggiungere tanti altri errori fatti sul mercato, ma per fare un esempio plastico, a parità di denaro, qui si vede chi lavora bene e chi lavora male. E questo è anche colpa della società, perchè se cambi continuamente ds cambia continuamente il progetto sportivo e tecnico, non si segue mai una linea e ti ritrovi con queste contraddizioni…”

David Rossi (Roma Radio): “Io avevo detto che la Roma era da primi 4 posti e ho preso una toppa clamorosa. La Roma fa il settimo risultato utile consecutivo, che poteva essere la settima vittoria consecutiva senza quell’errore di Spinazzola. La Roma con questo strappo finale dimostra che non ci sbagliavano sulla qualità della rosa. La squadra ha dimostrato autorevolezza, ieri era in campo con una certa tracotanza e non sono stato mai preoccupato, nemmeno dopo l’uno a zero. Quindi non ci sbagliavamo quando dicevamo che questa Roma aveva una rosa importante. La Roma fra l’altro finisce in crescendo le sue partite, giocando addirittura meglio i suoi secondi tempi, e questo dimostra che Fonseca non era pazzo quando ha cercato di fare turn-over all’inizio… Se la Roma fa un buon cammino in Europa torna ad avere un senso il turn-over fatto da Fonseca. L’ultima risposta ce la darà Siviglia-Roma…”

Iacopo Savelli (Roma Radio): “La chiusura di campionato importante te la porti dietro. E’ chiaro che l’Europa League ci darà l’esatta dimensione di questa squadra, e può cambiare radicalmente la percezione di quella che è stata non solo questa stagione ma tutto il lavoro svolto dalla proprietà americana. Sento dire che se vincessi l’Europa League avresti salvato la stagione…ma cosa. Se vincessi l’Europa League avresti fatto una stagione trionfale! Memorabile! Passerà alla storia, e deve passare alla storia! E deve cambiare la percezione di quello che è stato il lavoro di questi anni! Non succederà eh…non succederà assolutamente…”

Dario Bersani (Rete Sport): “Altro che Milik…certi club sono stati miopi. Anzichè andare a cercare fortuna altrove, in Italia ancora integro e fortissimo c’è questo Edin Dzeko. Certo, ha un ingaggio importante, però il cartellino lo paghi di meno. Speriamo che se lo scordino pure quest’anno… Che poi c’hanno sempre pensato a lui, ma senza mai fare l’assalto decisivo… Dzeko deve restare alla Roma, ma come lo sostituisci… Solo con Zaniolo, nel momento in cui sarà pronto a fare quel ruolo… Ma dove lo vai a trovare un altro? In questa situazione scordatevelo proprio…”

Marco Juric (Rete Sport): “Dzeko è sempre stato cercato dalle principali squadre italiane, ma lo hanno sempre trattato come l’attaccante da affiancare a quello titolare. E invece no, questo Dzeko ti trascina l’attacco da solo, qualsiasi squadra tu sia in Italia… Io spero che la Roma se lo tenga ben stretto… Dzeko è leader, capitano, playmaker, finalizzatore. E’ tutto in questo momento…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): ” Qualche anomalia nella Roma c’è, ci sono giocatori che nella Roma che guadagnano cifre esorbitanti senza meritarlo sul campo. Ci potrebbe essere un eccezione per Dzeko, il problema èerò non è pagare lui ma quelli che non rendono niente e ti costano un occhio della testa. L’ideale sarebbe vendere i calciatori inuitli che guadagnano tanto, per tenerti Dzeko. Io comincerei con Pau Lopez, io lo ribadisco, lo venderi subito… Chi far giocare tra lui e Mirante col Siviglia? Non avrei dubbi… Senza Smalling in campo, perderesti un bel 10% di possibilità di passare…”

Roberto Renga (Radio Radio): “La Roma addirittura ha più ricambi della Juventus,. ma la partita mi sembra del tutto ininfluente. Bisogna capire se la Roma riuscirà a mantenere questa condizione, e io penso di sì, perchè dovrebbe perderla…Dzeko? Se lo vendono mi chiedono chi ci potrebbero mettere al posto suo…Senza Dzeko la Roma dove sarebbe adesso?…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Noi che siamo opinionisti di un certo livello abbiamo messo sempre in risalto le qualità di Dzeko. Ragazzi, Dzeko è un fuoriclasse. Chiaro che ci sono giornate in cui non è in palla, ma quando lo è lui la squadra la trasforma. Zaniolo, che è il gioiello, la squadra non la trasforma. Dzeko sì. E’ un giocatore strepitoso e devi tenertelo stretto…ma non scherziamo. Ieri fa una partita strepitosa. Smalling? Devono risolvere la cosa prima del Siviglia. Con Smalling in campo è una partita da 50-50…senza Smalling è una partitda 45-55 per il Siviglia…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Dzeko è un grande giocatore, non ci sono dubbi. E’ uno che fa giocare la squadra, potrebbe fare la mezzala per le qualità che ha. Poi il progetto della Roma per il futuro riguarda anche altri aspetti, e lui guadagna una cifra mostruosa e ha una età di un certo tipo. SE tra un mese mi dicessero che hanno ceduto Dzeko non mi stupirei. Per me questa possibilità esiste. Chi mettono poi centravanti? Intanto risparmiano 15 milioni di euro per l’anno prossimo… Avere uno di 34 anni che prende quei soldi, dal punto di vista societario non ha un gran senso. Dal punto di vista tecnico è un altro discorso…”

Redazione Giallorossi.net

52 Commenti

  1. MAGNI – Questo per dire i soldi come si investono, e non è colpa di Pau Lopez se l’hanno pagato quella cifra. Ma quelli bravi fanno in modo di ritrovarsi con Szcezny e Smalling allo stesso prezzo invece di ritrovarti con Pau Lopez e il rischio di dover perdere Smalling…

    concordo, come dicevamo… la gestione fa la differenza.

    • Il discorso fatto da magni è del tutto aleatorio: se ho ben capito, lui dice che si sarebbe tenuto Szcezny senza aver provato Alisson, che però avrebbe venduto al Liverpool ripagandosi Szczesny e anche Smalling? Se il suo discorso era questo è del tutto falso, analiziamo le cose Szczesny era in prestito e tu non lo hai riscattato perchè credevi e puntavi forte su Alisson (tuo al 100%) e le cose ti hanno dato ragione, perchè Alisson è più bravo di Szczesny (che è senza dubbio più bravo di Pau Lopez). Szczesny non avrebbe mai fatto il secondo di Alisson (a quel tempo semi sconosciuto) ed Alisson era stufo di fare il secondo di Szczesny… ergo per cui i due portieri non potevi permetterteli di tenerli… non per una questione economica (o almeno non solo) ma prima di tutto per una questione di giocatori. In questo giro di cose, che colpa ha la gestione societaria? Ricordiamoci che a quel tempo c’era Sabatini, dipinto come il miglior DS che abbiamo avuto nella gestione americana… allora delle due l’una, la cosa non mi quadra…

    • Mi soffermavo solo sulla frase citata nel mio commento. Sulla parte Alisson non concordo con lui, in generale pero’ in questi anni si è sperperato tanto denaro, ed ora lo paghiamo tutto. Purtroppo i soldi presi tra la semifinale di CL e le cessioni sono stati letteralmente dissipati.

    • Batigol, ma infatti io non criticavo il tuo pensiero ed avevo capito perfettamente che hai ripreso citandole le sue frasi, per arrivare al concetto finale di gestione che fa la differenza… ripeto è il SUO discorso che è del tutto falso e tendenzioso, solo per creare ulteriore malumore gratuito, non era mia intenzione aprire un dibattito contro di te.

    • Invece ritengo che quello de Magni sia un ragionamento da mente semplice, nonché basato sul classico “senno di poi” e tra l altro su un operazione (tra le tante che abbiamo fatto in questi anni) che non è andata bene. Perché allora la potremmo mettere pure in un altro modo: avevo marquinos e l ho sostituito con benatia, che a sua volta ho sostituito con manolas, rudiger e fazio. Coi soldi del tedesco c ho comprato under, karsdorp e riscattato Pellegrini. E dalla cessione del greco sono arrivati diawara e Smalling. Che se acquistato, pure alle condizioni dello United, farebbe sì che col sacrificio di uno ti ritrovi due ottimi giocatori (con l inglese pure mejo del greco), senza rimetterci niente. È corretto o no ? In questo banale esempio ho citato 10 giocatori, uno solo tra loro si è rivelato un flop. Poi, che a delle buone operazioni ne siano seguite anche molte completamente sbagliate, non c’e’ dubbio…che alla fine, gira e mettete a posto, non avemo vinto comunque niente, è verissimo. E se tutto si riassume nel vincere o meno, allora inutile fare distinzioni, nessuno è stato bravo. Mai.

      Io penso che i giocatori buoni li sanno trovare un po’ tutti (il Napoli che molti ammirano lo hanno costruito quasi tutto bigon e Benitez mica giuntoli, per dire) e quindi sono tutti bravi. Magari quelli un po’ più bravi sono quelli che riescono a sostituire i giocatori buoni, con altri di pari valore, se non migliori. Ma mica succede sempre.

  2. Agresti: chi mettono poi centravanti? Intanto risparmiano 15 milioni…. Oronzo Canà: metto ala fluidificante Daniele Piombi ed ala tornante Pippo Baudo…..

    • speriamo che la nuova proprietà valorizzi il grandissimo Massimiliano magni ingaggiandolo come DS , finalmente avremmo un grandissimo DS infallibile .

  3. L’Europa League non la vinciamo perché non abbiamo nel nostro DNA la fortuna per poter vincere una coppa del genere, ma una possibilità su un milione, dovessimo vincerla,per i cesaroni laziali,odiatori di Pallotta, diventerebbe subito un porta ombrelloni di nessun valore

    • Vince il più forte. La fortuna è una conseguenza.
      Sento parlare di Roma forte perché ha fatto filotto nelle ultime partite. La Roma ha vinto le partite che DOVEVA vincere.
      Purtroppo per l’ennesimo anno ci ho preso, su posizione e calciatori, in particolare Pau Lopez.

    • “Purtroppo per l’ennesimo anno ci ho preso,”
      Quindi ci prendevi anche quando arrivavamo secondi/terzi (5 degli ultimi 7 anni)?
      Bravo!

    • Cari Luca Roma e compagnia cantante io che non tifo per le proprietà ma per la Roma, sarei felicissimo e la festeggerei fino a maggio prossimo ma non sposterebbe neanche di un millimetro il mio pensiero su questo personaggio venuto da Boston

    • Nel calcio per vincere oltre ad essere forti devi avere anche una buona dose di culo.
      A noi ci manca una coppa dei campioni, una coppa uefa e una coppa Italia, benché fossimo più forti e avevamo giocato meglio di Liverpool, Inter e Torino, li la fortuna ci ha voltato le spalle e tu dici che la fortuna non conta

  4. Il motivo del 5o posto a che con una rosa rispettabile? I tre anni di mercato schizoide, la squadra che gioca ora è quella di Petrachi, i giocatori di Monchi, anche quelli discreti (Kluivert, Under Pastore) non combaciano con Fonseca per i più disparati motivi; le teste che andavano fatte saltare erano quelle di chi ha scelto chi doveva scegliere i giocatori! Solo che poi ci si ritrovava con Pallotta da solo 😂
    La vera prima mossa che dovrebbe fare il futuro proprietario? Rastrellare dai migliori club europei gente che ci capisca qualcosa !

  5. David Rossi afferma che la Roma aveva una rosa da 4° posto ma siamo arrivati 5i a più di 10 punti (lo scorso anno eravamo a 3 punti dal terzo): di chi, o di cosa la colpa? Bisogna completare l’analisi. Adesso sotto con l’EL. Forza Roma!

    • Vincere L El sarebbe un sogno. Alzare un trofeo e ritrovarsi in Champions diretti. Senza contare gli introiti. I 40 milioni x accesso alla champions più credo altri 20 o di più x la vittoria della Coppa. Ma sognare non costa niente.

  6. Il commento di Savelli con quell’enfasi mi ha ricordato moltissimo la mitica scena del Secondo tragico Fantozzi “è un bel direttore! è un santo! un apostolo!”.

  7. forza venite gente oggi se vendemo Dzeko… opinionisti e ben pensanti vi detesto tutti quanti.
    ma che parlate a fa qui dentro ce sta solo infamità! ( cit. Gabriella Ferri Le mantellate)

  8. Gasiamo poco con pensare di vincere l’Europa league… Scena vista e rivista… Se arriviamo in finale allora si può cominciare a sperare!

  9. Ragazzi ma veramente credete di vincere l’europa League con sta squadra (naturalmente spero di essere contraddetto a fine agosto) con gente come palo lopez in porta. Dovremmo battere siviglia, wolperampton , Manchester u. ed probabilmente inter in finale. Squadre molto più attrezzate e più forti di noi. Dovremmo fare 4 miracoli consecutivi.

    • Sulla carta delle 4 squadre che hai nominato solo il Manchester United ci è superiore. Il Wolves è un gradino sotto, con Siviglia e Inter te la giochi alla pari. Certo, se avessimo avuto il tabellone dei nerazzurri la strada verso la finale sarebbe stata più spianata, così devi comunque fare un’impresa che in tanti sottovalutano.

    • Certo …..l’inter molto più forte di noi….tanto è vero che se non era per il regalo Spinazzola a Roma non più di un paio di settimane fa l’intervento ci avrebbe lasciato le penne e 3 bei puntoni. Forza ,convinti verso l’EL se poi il Manchester sarà più forte complimenti a loro. Ma con inter Siviglia ecc se permettete me la posso giocare con la mia Roma ….ma che davero davero …

    • Sarà, ma per esempio l’Inter l’abbiamo incontrata 2 volte in campionato e non mi è sembrata così tanto più attrezzata della Roma.
      Poi, ci sta tutto, anche di perdere male col Siviglia.

    • Ce la giochiamo tranquillamente con tutti.. l’unico problema in questo momento è il portiere e la presenza o meno di smalling

  10. La Roma di Fonseca,al suo primo anno,è arrivata quinta dietro Juve e Inter decisamente non alla sua portata come organico e monte ingaggi,Atalanta mostruosa rivelazione ipercollaudata e Lazio al terzo o forse quarto anno di Inzaghi con un 11 forte e ben rodato.Se aggiungiamo 2 crociati rotti di cui quello di Zaniolo almeno da 10 punti in più non credo ci siano gli elementi del fallimento.Vediamo in questo strano agosto di questo strano anno che succede poi ne riparliamo….

  11. Così, diamo come gà in finale dall’altra parte l’inter, che ci ha strappato un pareggio e non sanno nemmeno quale grazia hanno ricevuto, però per noi arrivarci ci vuole un miracolo.

    Abbiamo questa possibilità. Giochiamocela al meglio.
    A me sembra che ci arriviamo nelle migliori condizioni possibili, fisiche e psicologiche.
    Veniamo da un filotto di 7 partite positive (che potevano essere tranquillamente per quanto visto in campo 7 vittorie), una fisionomia di squadra (finalmente), un gioco con interpreti intercambiabili.

    Le 5 sostituzioni hanno permesso di formare un’ossatura di squadra ma anche di far ruotare diversi altri giocatori, tale che oggi abbiamo effettivamente 15 titolari.

    Le partite ravvicinate hanno permesso di rientrare in forma dopo un periodo di riposo che i giocatori professionisti di livello non vedono praticamente mai nella loro carriera, e questo può solo aver fatto bene a muscoli e tendini.

    Nel recupero di Zaniolo, ad esempio, il fatto di poter toccare il campo ogni 3 giorni, seppur giocando 25-30 minuti, è stata una manosanta.
    Quello che manca a chi sta recuperando da infortuni importanti, aldilà della condizione fisica, è il recupero mentale, che si fa solo andando in campo. E Zaniolo ha fatto in un mese quello che normalmente sarebbe successo in due o più.

    Dal punto di vista della psicologia di gruppo abbiamo una squadra che ha dimostrato di saper lottare e di saper portare a casa il risultato. Più convinta dei propri mezzi.

    Arriviamo al Siviglia dopo un “giusto” riposo, ma con l’agonismo di campo ancora recente, mentre loro è molto di più che hanno finito.

    Poi certo, ci vuole sempre un po’ di fortuna.
    Sperare nella fortuna, dopo diversi anni in cui non ci ha favorito, forse è illusorio, ma per la legge dei grandi numeri, c’è sempre una prima volta.

  12. “Furio Focolari (Radio Radio): “Noi che siamo opinionisti di un certo livello…”

    E questa è la battuta del secolo signori.
    Monty Python, Woody Alllen, fratelli Marx, ma scansatevi proprio,
    qui abbiamo un fuoriclasse della comicità!!!
    Appena mi passa la risata isterica mi alzo e gli tributo una standing ovation!!!

    ps: Agresti “Intanto risparmiano 15 milioni di euro per l’anno prossimo…”.
    Sono sempre 8,8. Non cambiano.

  13. Vorrei dire a David Rossi – ma sarebbe come parlare a LucaRoma – che eravamo in molti, ad inizio stagione, a pronosticare una Roma che se la sarebbe giocata per il quarto posto (come al solito, tra gli insulti dei cesaroni che pensavano di poter competere per chissà che…). Peccato che sia arrivata quinta; quindi, obiettivo fallito. Segno meno sul campionato. Fine delle chiacchiere.
    Se pensiamo, poi, che siamo finiti sotto la formellese… altro che segno meno… vergogna totale.
    Buona parte della responsabilità, a mio parere, è di Fonseca, colpevole di aver tardivamente trovato il miglior assetto tattico per la rosa che ha avuto a disposizione. Lo assolvo, e gli rinnovo la fiducia, per due soli motivi:
    1) ha pagato lo scotto dell’inesperienza nella serie A
    2) i numerosi e contemporanei infortuni verificatisi nella prima parte di stagione.

    Ora si volta pagina; si affronta in gara secca il Siviglia, che è un osso molto duro. Per passare il turno servirà una grande Roma. Non sono ammesse distrazioni.

    • @Kawa sono d’accordo in parte. Abbiamo subito piu infortuni nella prima parte della stagione e eravamo al quarto posto +4 su l’Atalanta.
      Tutto comincio ad andare storto nel 2020. E non abbiamo spiegazioni su cosa e successo. Stessa cosa dopo lo stop per covid … perse 3 su 4.
      Cmq giusto continuare con Fonseca.

    • E la società dove me la metti? Quando c’è un bordello come quest’anno(DS cacciato malamente ,faide interne…) una squadra rende molto meno di ciò che vale…Pallotta può piacere o meno (io spero che se ne vada presto), ma almeno avesse dato un po’ di stabilità..qua ogni anno è una giostra..

    • Io una mezza spiegazione sul disastroso inizio 2020, ce l avrei: Fonseca e il suo staff, venendo da un campionato in cui dicembre, gennaio e parte di febbraio non si gioca, forse hanno tappato il richiamo della preparazione. O comunque hanno sottovalutato questo aspetto.
      Io comunque continuerei con lui per un semplice motivo: tra la fine di questa stagione e l inizio della prossima, passerà circa un mese. Troppo poco tempo per ricominciare da zero con un nuovo allenatore. Che poi è lo stesso discorso che ha fatto il Milan con pioli.

    • Mah, secondo me, per quelle che sono state le squadre di questo campionato, la Roma finisce al di sotto delle sue possibilità.

      La Juve non è stata la solita schiacciasassi. Ha vinto ancora perché ha mentalità e tanti grandi giocatori.
      Non era alla nostra portata, alla fine avrebbe vinto lo stesso, ma se c’è riuscita la lazio, a darle fastidio, la Roma aveva tutte le possibilità di farlo, come organico.

      L’Atalanta, è inutile nascondersi, ci ha dominato in entrambe le partite. Ma l’abbiamo incontrata nei migliori momenti loro e peggiore nostro. Fatto sta che a natale eravamo 4 punti sopra e a Firenze la Roma era stata brillante.

      L’inter a Milano mancavano giocatori, sia a noi che a loro, ma loro venivano da un buon periodo e il pareggio è stato giusto. A Roma dovevamo vincere senza se e senza ma. E loro si stavano ancora giocando le ultime illusioni di scudetto e non erano nel periodo peggiore.

      La Lazio poteva vincere all’andata, ma doveva perdere al ritorno. Grazie Pau Lopez.

      Fonseca aveva già altre volte provato al difesa a 3, ma i risultati non erano stati brillanti.
      Il problema infatti non è tanto il modulo, ma gli interpreti e l’atteggiamento.
      Oggi la linea difensiva si alza sempre molto, ma la squadra è meno slegata. Non si forma un buco fra centrali e centrocampisti, perché questi si abbassano e risucchiano gli avversari, cosicché si aprono spazi per verticalizzazioni, che oggi la Roma fa molto di più, accettando il rischio di perdere palla, piuttosto che la infinita ragnatela di passaggi nella propria 3/4 col rischio che bastasse intercettare una linea di passaggio per rendere gol.

      Il mistero sono alcune partite perse, almeno cinque, dove la Roma sembrava non essere scesa in campo.
      Oggettivamente dei crolli inspiegabili, che nell’arco di una stagione possono anche verificarsi, ma non più di 1-2 volte.
      Noi ne abbiamo subiti veramente troppi.

      Per questo non sono ancora tranquillo, nonostante il buon periodo. Questa squadra sembra dipendere da qualcosa, a volte, che se non c’è è come se si scollasse. Ma cos’è? Non lo so.

      Ancora più inspeigabile, del resto, è la stagione del Napoli.
      Che era partita con ambizioni di scudetto.

    • @Peter, @Cacioepepe, @Temperino, @Zorro
      ognuno di voi ha aggiunto riflessioni pertinenti e condivisibili. Vi ringrazio.

    • Fuori tempo massimo forse, ma voglio aggiungere che i Formellari non hanno affatto sulla carta una squadra migliore della nostra. Neanche considerando la ‘continuità’ simonciniana a fronte della nostra discontinuità.
      Hanno ricevuto aiuti a dismisura, finché la misura è stata colma; poi hanno pestato i calli alle zebracce, ed è finita la luna di miele.

  14. Vi bruciano le emorroidi al pensiero che la Roma possa vincere l’Europa League,eh?
    E appresso a voi,gli Abbocconi… 🙀

  15. Ho capito, al milan stanno facendo i salti mortali per riconfermare il 40enne Ibra che chiede 6 M l’anno e noi invece abbiamo Dzeko 34enne (con un ingaggio che va dai 4 ai 7.5 M a seconda della testata) e dovremmo venderlo di corsa perché è vecchio. Dopodichè comprare due centravanti (Kalinic tornasse pure ad atletico in provincia di madrid) forti e costosi.
    Dzeko va tenuto e gli va affiancata una riserva giovane in grado di togliergli il posto entro breve.

  16. Radio ballotta:
    Io avevo detto che la Roma era da primi 4 posti e ho preso una toppa clamorosa..

    Ps che qualcuno dica a radio ballotta…che pure quest’ anno il loro badrone ballotta er perdente laziale focenense ha vinto n ‘ artra…coppafacene….nun ce se crede ragazzi….servi fino slla fine…
    Forza romaaaaaa

  17. La cosa importante, una volta che finalmente è stato trovato un gioco e, sopratutto, si è individuata una formazione base, che non la si smonti durante l’estate per ricominciare daccapo l’anno prossimo. Per poi sentire ancora una volta dai guru delle radio che tizio, Caio e sempronio sono meglio di quelli di prima, che si sta andando peggio è colpa dell’allenatore, dei giocatori che non si impegnano etc etc

  18. La Roma sembra aver trovato la quadratura del cerchio con la difesa a tre. Diawara è tornato a un livello elevato dopo l’infortunio; anche Varetout è in forma; Zaniolo è pronto, Miki e Dzeko una sicurezza. Spero che il covid disorienti il Siviglia, poi dopo i quarti ce la giochiamo. Forza Roma!

  19. “E’ chiaro che l’Europa League ci darà l’esatta dimensione di questa squadra, e può cambiare radicalmente la percezione di quella che è stata non solo questa stagione ma tutto il lavoro svolto dalla proprietà americana.”

    Ma manco per il caxxo !

    Per quanto mi riguarda, pallotto fa schifo pure se vince la Champions.

    PALLOTTO VATTENE

    • “Per quanto mi riguarda, pallotto fa schifo pure se vince la Champions.”

      E questo dice tutto.

  20. Se fosse facile trovare giocatori buoni e fare mercato avremmo Magni come DS e ci costerrbbe solamente un paio di prosciutti al mese

  21. Ormai si é capito per chi fanno il tifo sta gente.
    Stanno gia a mette le mani avanti, comunque non succede………

Rispondi a Pseudotifosi a casa Cancella la risposta

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome