Roma, idea in difesa: piace Soyuncu, forte e bravo in marcatura

18
1248

CALCIOMERCATO ROMA ULTIME NOTIZIE – Se nell’immediato la priorità è trovare un giocatore in grado di rimpiazzare il prima possibile Karsdorp, scrive oggi la Gazzetta dello Sport, i radar del g.m. giallorosso Tiago Pinto si sono accesi da tempo in vista del prossimo mercato estivo.

Sulla lista dei desideri di José Mourinho c’è sempre un quinto difensore in grado di far rifiatare Smalling e, magari, mettere in discussione le attuali gerarchie. Una chance da non lasciarsi sfuggire può arrivare direttamente dalla Premier League.

Uno dei nomi attenzionati con interesse dal gm della Roma è quello di Caglar Soyuncu, ventiseienne turco che dal 2018 veste la maglia del Leicester.

Il suo contratto con le Foxes scadrà a giugno e percepisce uno stipendio inferiore ai 2 milioni netti a stagione: due elementi che lo rendono un profilo appetibile per la Roma.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteKarsdorp senza pace: è ripartito per l’Olanda. Mancano le offerte: le possibili soluzioni
Articolo successivoRoma sparita dal Mondiale: tutti i giallorossi in panchina

18 Commenti

  1. Soyuncu era in ottica intwr questa estate con l uscita di Skriniar.
    Turco, per chi non lo conoscesse.

    • Quando era al Friburgo Caglar Soyuncu era uno dei difensori della Bundesliga più quotati (era stato eletto miglior marcatore della stagione).
      All’epoca l’avrei voluto alla Roma anche perché aveva un costo contenuto ed era pure grande amico di Cengiz Under.
      Onestamente ora non ci serve un’altro marcatore, ma un difensore con i piedi buoni. Se invece venisse a prendere il posto di un partente (Kumbulla?) sarebbe un buon acquisto anche perché molto rapido.

  2. ora inizia la girandola dei nomi..questo non lo conosco e se lo conosco non me lo ricordo

    è così.forte? perché.l’alternativa a Smalling deve anche diventare il futuro leader della NS difesa quindi penserei bene a Ndicka… sto tizio è così forte?

    • Ecco perché il Leichester è ultimo….Non gioca titolare…Lui come Eldor da noi, due discriminati e tutti e due nazionali inamovibili….Misteri del calcio…

  3. Difensori centrali : soyuncu + ndicka
    Terzino destro : Diogo dalot
    Centrocampisti: tielemans + fred
    Attaccante : thuram

    Tutti questi a costo zero, rifacciamo la squadra senza spendere un euro per i cartellini …

    • sarebbe meraviglioso…ma per quale motivo questi dovrebbero venire a Roma? per giocarsi una EL se tutto va bene? per prendere uno stipendio quanto quello di fenomeni veri come Mancini o Cristante? per rischiare di farsi una stagione in panchina se non fanno simpatia al guru? a malincuore, io credo che abbiano ben altre possibilità…e se ne vediamo uno è già grasso che cola…

    • Tutti i giocatori si muovono per un solo motivo i soldi, poi a parità di soldi la possibilità di vincere trofei. Noi siamo una società con risorse finanziarie bloccate dal ffp, quindi possiamo spendere poco e niente per cartellini, è più facile dare stipendi più alti. Quindi si propone uno stipendio alto a tutti ( visto che poi lo prendono anche i vari Mancini e cristante )+ bonus per risultati raggiunti! Nella stessa sessione di mercato cerchi di liberarti degli esuberi per recuperare cash su cartellino e stipendio

  4. co questartro nartra pipp in piu’ , ehhhh ma piglia poco eh!!! importante e’ quello! daje friedkin, nun te lo fa’ scappa’! come se semo ridotti,solo la maglia forza ROMA

    • Zi boh , ma comprceli te i campioni !
      Zi boh cacccia li sordi !!!!!!
      so tutti bravi a fare i cavalieri coi sordi dell’altri.
      Friedkin spendi poco e spendi bene.

  5. asp aggiungiamo altri nomi in scadenza 2023..saranno i prox ad uscire..kante, gundogan, guerriero, de vrij, zaha, rashford, n.keita, tielemans, jorginho, grimaldo, firmino, a.traore, poi me so stufato ahahahahahahah

  6. Profili interessanti in giro se ne possono trovare. Lui è un giocatore medio, una buona riserva se si vuole puntare ai posti Champions. Però, se non si possono spendere cifre troppo alte, l’unica soluzione è puntare sulla programmazione. E per farlo serve una struttura adeguata, perché investire sui giovani non è assolutamente facile. Io lavoro ormai da qualche anno nel calcio giovanile in NRW, con un ruolo più organizzativo che sportivo. Più o meno so di ciò che parlo, anche se forse la realtà tedesca è un po’ diversa da quella italiana. Anche qui però sappiate che regna sovrano il nepotismo, il pressappochismo e, udite udite, la famosa disorganizzazione tedesca!

    • tutto il mondo è paese, un mio parente cheè andato a lavorare in Baviera mi illustrava(meravigliato) della rigidità e del caos della burocrazia tedesca, e non c’era nemmeno il problma della lingua perchè parla benissimo il tedesco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome