Saliscendi brasileiro. Emerson Palmieri ha studiato la fase difensiva e ha superato l’idolo: il fratello

Dic 28, 2016 24 commenti by

NOTIZIE AS ROMA – Fa quasi impressione, riavvolgere il nastro. Vacanze d’estate invece che di Natale, c’è un brasiliano che subito dopo Ferragosto manda all’aria i piani Champions della Roma, entra in quasi tutte le imprecazioni dei tifosi giallorossi e fa credere che no, la strada non è quella giusta. Un rigore e un cartellino rosso, così aveva Emerson Palmieri dos Santos la sua stagione, nel playoff andata e ritorno con il Porto. Oddio no. Oddio che succede. Succede che quello era il punto più basso della parabola di un calciatore che Spalletti aveva rivoluto con forza a Trigoria, dopo una prima stagione con pochi alti e molti bassi. Per Rudi Garcia Emerson quasi non esisteva. Ora la linea del grafico guarda verso l’alto: Spalletti se l’è presa con i giornalisti che l’«avevano ammazzato». Ma il brasiliano ha messo tanto di suo e tanto di più in una crescita esponenziale che ha prodotto questo numero qui, significativo: Peres a parte, Emerson è l’esterno difensivo della rosa giallorossa che ha giocato più minuti, 788 complessivi, in campionato.

CRESCITA – Traduzione semplice semplice: Mario Rui, il titolare a bocce ferme del ruolo, ora dovrà faticare per riprendersi il posto dopo l’infortunio. Emerson è un giocatore per l’oggi e per il domani. Il riscatto è virtualmente avvenuto, la 12a presenza è già scattata. Soldi ben spesi, questi due milioni di euro. Mancino puro, con grande propensione all’attacco, con il lavoro quotidiano a Trigoria e le «ripetizioni» dello staff tecnico giallorosso il brasiliano ha corretto molto della sua fase difensiva. Per dire: in campionato ha vinto il 77% dei contrasti effettuati, un 4% più di Manolas tanto per fare un esempio. Segnale di buona condizione atletica e di grande predisposizione alla concentrazione.

TRADIZIONE – Chissà se anche di questo avrà parlato con suo fratello. «È il mio idolo, ci sentiamo spesso e ci scambiamo molto consigli», ha raccontato Emerson in una vecchia intervista. Storia curiosa, storia di una famiglia mezza italiana con il pallone nel destino: il fratello, Giovanni Palmieri, è anche lui un laterale sinistro di difesa. Classe 1989, gioca nella Fluminense, in passato ha avuto come compagno di squadra Gerson. L’allievo ha superato il maestro, si potrebbe dire. Emerson ha conquistato la Roma, non è più un numero di una rosa: un Natale fa questo era. Un Natale dopo altro è diventato.

(Gazzetta dello Sport, D. Stoppini)

Autore dell'articolo

Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo Giornalismo - Direttore Editoriale di Giallorossi.net - Direttore editoriale di LaRomaNews

Commenta la notizia - 24 commenti

  1. Step by Step says:

    Ma guarda un po’:

    Questo ragazzo in campionato ha vinto il 77% dei contrasti effettuati?
    4% in piu’di Manolas?
    Perdindirindina,non mi dire!
    Ma non era una sega?

    • S P Q R says:

      avevo capito che palmieri era un buon giocatore quando quella vecchia cariatide incompetente di calcio di zamparini ,presidente del palermo , aveva detto che non poteva giocare perchè era una pippa.

  2. Ninja 4 says:

    Mi cospargo il capo di cenere, ho toppato, chiedo venia a tutti. Grande Sabatini che ha portato a ROMA un grande terzino a quattro spicci.

    • Ninja 4 says:

      Sei il solito fake che cambia nick. Per l’ennesima volta vorrei sapere se è possibile un sistema diverso di registrazioni per evitare che persone tipo questo tizio che di solito si auto elegge Spalletti, Parlotta, Massara o Sabatini possano appropriarsi di nick altrui.
      Quanto a palmieri per me resta una riserva e già è tanto visto che prima non lo consideravo nemmeno per la panchina. Poi se migliora ancora tanto meglio.

      • Nome intuizionista says:

        eccolo qua….a costo di difendere a tutti i costi la tua posizione(sbagliata) sconfini nel ridicolo….
        una sola parola: ninja……

  3. Gaetano da sarno giallorossa says:

    Pensa sto giocatore considerato da molti una pippa, sta facendo un grande campionato , ora vedrete che inizieranno con e CON MARIO RUI che ci facciamo? Quello che sta facendo il Napoli con maksimovic,Tonelli,Rog Strinic. Sono sempre convinto che prima o poi si sblocca pure ITURBE.

    • Step by Step says:

      Gae,a questo punto spero che iturbe non si sblocchi.
      se ingrana pure lui,a furia di ridere mi viene un prolasso al bucio der chiulo
      che devo farmi portare in cariola fino alla fine dei miei giorni.

  4. massiroma82 says:

    Con l’impegno è migliorato bravo. C’è solo l’AS ROMA.

  5. Ok says:

    Si è rivalutato Palmieri questo anno,vedrete questa estate sarà una plusvalenza ottima.
    Comprato a due e mezzo,rivenduto a dieci.
    E i soliti noti diranno,grande affare della Roma.
    La cosa più brutta di questi americani è che hanno stravolto completamente,il modo di pensare del tifoso.
    Qui si esulta per le plusvalenze.
    Tutto completamente assurdo.

    • Adelmo says:

      ecco n’artro stagista delle radio.

      ancora co ste plusvalenze?

      ma secondo te bertolacci e romagnoli non andavano venduti?

      mi dici chi abbiamo venduto di forte di nostra spontanea volontà negli ultimi 2 anni?

      te lo dico io: nessuno.

      l’anno scorso se n’è andato Pjanic, e non venduto checché dicano i mariones, e tra l’altro a quel prezzo ce l’avrei portato a spalla visto che continua a fare il Pjanic, cioè a nascondersi nelle partite importanti, giochicchiare ogni tanto, fare goal su punizione ogni tanto, ed il tutto al modico prezzo di 30 e passa milioni più 4,5 netti l’anno.

      due anni fa appunto i grandi campioni bertolacci e romagnoli.

      Talmente importanti per noi che non hanno mai giocato, e oggi abbiamo la seconda miglior difesa del campionato. Ce servivano…

      • Step by Step says:

        Ma infatti,il “Romanista d’oro” del 2015 e’andato ad Adriano Galliani.

        Grande Adri! Cuore GialloRosso!

      • Anto says:

        E Nico Lopez?
        E Banatia ILPIùGRANDEDIFENSOREDELMONDO che è svcalato nelle gerarchie dietro rugani?

        E Lamela?
        E Osvaldo?

        L’unico che mi è dispiaciuto perdere è stato Marcos, non solo perchè giovane e bravo, ma anche perchè serio e attaccato alla maglia, ma l’offerta per un ragazzino con un solo campionato alle spalle era irrinunciabile.
        Verratti lo stesso anno l’hanno pagato meno della metà…

        Ma che frega a noi: AMERICANS STRACCIONS, SABATINI VATTENE (fatto), TOTTI E DE ROSSI MERCENARI….

        Ve meriteste Ciarrapico.
        Pure Lotito è troppo per tifosi come voi….

  6. Gaetano da sarno giallorossa says:

    E come dico io, per la serie IO DEVO PER FORZA AVERE RAGIONE. carissimo OK, E’stato scritto che Emerson era na pippa ? Bene EMERSON PALMIERI NON E’UNA PIPPA. poi se lo vendono si vedrà. Una cosa alla volta PLEASE.

  7. Ok says:

    Chi hai venduto di forte ?
    Roba che te li sei venduti tutti,n’altro Po’se vende pure le mutande.
    Ma come fate ad avere ancora fiducia in uno così ?
    Boh…

    • Anto says:

      Mi fai il nome di uno, a parte Marcos (venduto comunque a peso d’oro) che rimpiangi? UNO.
      Perchè se rimpiangi Benatia, de gustibus eh….

      Poi certo che non siamo il Real.
      Ma non lo siamo mai stati.

      Viola non potè riscattare Wierchowood, perse Ancelotti,
      la famiglia dovette vendere SAMUEL e Chivu, solo per per fare gli esempi più ovvi.

      Ma siete diventati tifosi della Roma 6 anni fa o improvvisamente v0è venuta ‘sta mania de grandezza???

      • Adelmo says:

        purtroppo co questi è fiato sprecato.

        sono stagisti venduti per un gettone, vengono qui con il copione in mano scritto dal solito microfonato, a ripetere sempre le stesse cose, vendemo tutti, pallotta straccion, me so stufato de non vince (come se vincessimo ogni anno prima di pallotta) e poi come dici te, l’unico che ci siamo dovuti vendere (e chi non lo avrebbe fatto col 700% di plusvalenza) è stato marcos, perché era il primo anno e con una rosa ereditata che valeva zero un sacrificio andava fatto. Comunque ben rimpiazzato con benatia prima e manolas poi.
        Non ci siamo indeboliti mai tra un anno e l’altro da quando ci sono gli americani. E’ un dato di fatto ma a loro interessa un solo fatto, che il pappone non ce magna e tocca rimediare aizzando i decerebrati.

        • Anto says:

          Io non so se è così, ma sarebbe triste.

          Io so’ solo che, tolto il periodo di Calciopoli con i Gobbi in B, la Lazio appena salvata dal fallimento, il Milan in crisi d’età e il Napoli appena tornato in A, non ricordo un periodo di Podii continui così.
          Secondi
          Secondi
          Terzi
          Attualmente Secondi.

          Dietro una Juve stellare.

          Vorrei di più? sì.
          ma ‘sta rabbia e ‘st’insoddisfazione proprio non le capisco.
          Ma questi allora nella seconda parte degli anni 80 e nei primi anni 90 che facevano?
          Se buttavano dai ponti un giorno sì e uno no?

  8. Ok says:

    E poi io non sono uno stagista di niente.
    Sono solo una persona,con un minimo di intelletto,che si è stufato di vedere una Roma a tozzi e bocconi,che arranca per prendere un calciatore e che ci mette un mese per chiudere una operazione di mercato.
    Basta meritiamo dopo TANTISSIMI anni di delusioni,gente con i soldi veri alla Roma, gente che ti compra i campioni senza fare tante storie.
    Basta con sti pidocchiosi.
    Hanno stufato.

    • Anto says:

      Te sei stufato dal 1927 ad oggi intendi…. beh, bravo, c’hai messo tempo eh 🙂 Comunque c’è il Chelsea, il Manchester, il Barcellona, il PSG…. hai voglia a scegliere dai.

      La Juve…. eh, no, la Juve no…. Alla Juve sono BRAVI. Non c’entrano i soldi.
      Perchè prendono Pirlo a 0, non dissanguandosi.
      Perchè prendono Tevez a 6ML, non a 60.
      Perchè prendono Pogba pagandolo 1 ML e lo rivendono dopo 3 anni a 100,
      e solo allora comprano Higuain, che al netto di Pogba, è costato… 0!

      Certo, loro prendono Dybala, ma noi abbiamo pagato quasi lo stesso Iturbe.
      Quindi non è questione di soldi, veri, ma di COMPETENZA.

      Quanto a Pianic, fatevi un giro sui loro social e vedi cosa ne pensano i Gobbi di Miralem:
      in media “daje che arriva RINCON e sta femminuccia torna in panca!!…

  9. Bria3 says:

    Ninja non te la prendere,si capisce benissimo quando scrivi tu,e quando scrive qualche povero essere,appropriandosi di nick altrui,nell’interesse di portare avanti la loro stupida propaganda.

  10. Ninja 4 says:

    No figurati …era solo per capire se c’era un modo affinché chiunque avesse solo il suo nick.tutto qui.grazie X l’intervento.

  11. Blouson Noir Fucking Idiot says:

    Pallotta chi?

    (cit.)

  12. Basta says:

    Pallotta chi disse Sabatini e ciò spiega tutto.
    In mano a chi stiamo.
    Povera Roma nostra forestiera.
    Diceva la grande Gabriella Ferri.

  13. Alex says:

    Per come trattano il pallone non ci vuole molto a capire che Emerson e Paredes sono di categoria superiore. Consideriamo che Digne, che molti rimpiangono, con Garcia era imbarazzante, anche per lui c è voluto Spalletti per migliorarsi nella fase difensiva. Con il Pallone tra i piedi Emerson è un altra cosa rispetto al francese. Rui a me piaceva moltissimo ad Empoli, alla fine Emerson andrà a dx al Posto di Peres se continua cosi.

Inserisci il tuo commento

Prima di commentare assicurati di conoscere il regolamento!

 caratteri disponibili