INTER – ROMA, le interviste – TOTTI: “Lottiamo per i primi tre posti”, GARCIA: “Lottato da uomini. Scudetto? Manca troppo”, DE ROSSI: “Tifosi, restate uniti”

0
575

totti-sansiroLE INTERVISTE DI INTER – ROMA: Queste le parole dei protagonisti di Inter – Roma, partita vinta tre a zero dai giallorossi grazie ai gol di Totti (doppietta) e Florenzi:

DE ROSSI A ROMA CHANNEL

Voto per Totti?
Era importante che tornasse al gol. Ci aiuta, sta meglio di come non stava a 30 anni. E’ un valore aggiunto per tutti noi

Sensazioni dopo un primo tempo di questo tipo?
Forse abbiamo mollato dopo il primo gol, ci ha aiutato anche un pizzico di fortuna. Dopo il 3-0 non ho mai visto una squadra in pericolo. Continuiamo a dare dimostrazioni di solidità e l’Europa non sarà lontana

Cosa vuoi dire ai tifosi?
Di stare uniti, nel passato ci siamo divisi, la Roma è di tutti. Più siamo meglio è allo stadio, anche loro possono riportarci dove dovremmo stare.

FLORENZI A ROMA CHANNEL

Lo scorso anno ti lamentavi, volevi segnare di più e Totti ti ha dato qualche suggerimento…
Imparando dai campioni si può solo migliorare, sto imparando tanto.

Primo tempo mai visto ,avete annichilito l’Inter. Il segreto?
Non c’è, accorciamo bene e facciamo ripartire bene la squadra. E siamo bravi a metterla dentro. Questo fa di noi una grande squadra.

Hai giocato in tutti i ruoli. Questo è il ruolo in cui ti trovi meglio?
Sinceramente mi trovo davvero bene, attaccando la porta con 30 metri in più hai più fiato e riesco a gestire meglio la partita e ad essere più lucido sotto porta

Avete cercato di calmare l’euforia nell’intervallo? Corri più tu o Gervinho?
Gervinho, assolutamente, oggi ha fatto due scatti in cui ha bruciato l’avversario. E’ imbarazzante.. Sulla prima domanda, ci ricordavamo di altre gare perse con l’Inter e abbiamo continuato a giocare, è andato bene anche il secondo tempo

Il rientro a Roma come sarà?
Non lo so, non rientro (ride, ndr)

GARCIA A MEDIASET PREMIUM

L’uomo della rivoluzione, vi sentite una rivelazione?
No, era una grande partita e lo sappiamo. Vincere questa partita è fondamentale. Abbiamo giocato con il cuore, da uomini

Il merito è dei giocatori, sanno fare diverse cose, anche un possesso forte. Ma oggi abbiamo detto che se ci sono spazi da sfruttare, se c’è la possibilità, serve andare nello spazio.

Sul suo rapporto con Sabatini
Walter è uomo di carattere, era un test e lo sapevo. Quello che conta è lavorare insieme, tutto va bene e prima della sosta era importante vincere per stare tranquillo

C’è anche la Roma per lo scudetto…
E’ solo la settima giornata, mancano tante partite, è tanto. Dobbiamo giocare bene, prendere le partite una a una.

Le piace il possibile titolo sulla “Rivoluzione”?
Oddio, in Francia è un termine… Essere primi è una bella cosa, per l’orgoglio, era importante iniziare bene questa stagione. Spero che i tifosi siano contenti della loro squadra

Ha una squadra che gioca e si diverte. Ed è bello vedere come difende
Vero, è importantissimo, significa che tutti i giocatori danno tutto per la squadra. Non abbiamo tenuto abbastanza la palla, ma l’importante era vedere i giocatori dare il massimo

Ha preparato bene la partita, anche difensivamente
Vero, quando c0’è un recupero di palla poi l’importante è il primo passaggio. E’ fondamentale, con gli scatti di Gervinho e Florenzi. Abbiamo fatto una partita completa

Roma-Napoli?
Il calendario è Roma-Napoli, vediamo cosa succederà lunedì

E’ sembrata una gara facile
Per me non esiste una partita facile, era difficile vincere a Livorno, il derby. Non esiste una gara già vinta, penso che il ruolino di marcia è quello della Juventus di Platini.

GARCIA A RAI SPORT

La Roma sfrutta al massimo il contropiede e capitalizza al massimo concedendo il minimo sindacale agli avversari. Giusto?
Abbiamo fatto di sicuro una grande partita. Era differente oggi per noi, perchè come lei ha detto abbiamo fatto benissimo in ripartenza. Solitamente siamo un po’ migliori in possesso palla, però mi piace che la squadra possa fare cose differenti.

20 gol fatti e uno subito. Ancora non è da scudetto?
No è ancora troppo presto. Ci sono ancora 93 punti da assegnare. La cosa più importante è continuare la serie e vedere partita dopo partita. Non abbiamo bisogno di cambiare qualcosa ed è meglio tenere a mente l’obiettivo di tornare in Europa senza parlare di scudetto e magari deludere i nostri tifosi.

Le contestazioni di quest’estate sono state positive per la grinta che dimostrate domenica dopo domenica? La vostra cattiveria agonistica sembra unica, nessuno è come voi…
Non mi è piaciuto quello che ho sentito quest’estate quello che ho sentito. Io sono sempre davanti ai giocatori però loro hanno lavorato bene durante tutta la preparazione prima della stagione. Penso che il gol di Daniele a Livorno, quello di Balzaretti contro la Lazio, quello di Pjanic contro il Verona siano cose molto importanti per il gruppo perchè la frustrazione che c’era prima si è trasformata in fiducia. La fiducia è molto importanta per un giocatore quanto per la squadra.

Lei sembra uno dei migliori allenatori italiani, come fa a conoscere così bene il calcio italiano: pressing, muro. Le migliori qualità del calcio italiano, più che di quello francese…
Grazie. La cosa importante era convincere i giocatori che possiamo giocare e fare bene. Hanno lavorato per capire il mio gioco e adesso cambia tutto. Per questo motivo dico che il merito è dei giocatori: hanno fiducia e con lo spirito di squadra possiamo andare lontano. Penso che quella di stasera era una partita da uomini.

Solo un gol subito. Si parte dalla difesa?
Non è solo merito del portiere e della difesa. La squadra difende tutta insieme. Facciamo bene le cose, aggrediamo il possessore di palla. Sul piano difensivo difendiamo a 11 e non solo con difensori e portiere.

Lei forse non gradirà la sosta. Cosa non deve fare la Roma con questa sosta?
Una c’è già stata prima del Verona, ma dopo di questa abbiamo fatto bene. Quello che importa è che i nazionali tornino al 100%, questa è la mia paura. Vincere in trasferta a San Siro contro l’Inter è sempre una buona cosa per la squadra

Napoli-Roma si giocherà e dove?
Si deve giocare a Roma, spero non si cambi.

GARCIA A SKY SPORT

Che valore dà a questa vittoria?
Grande partita lo sapevamo. Mi è piaciuto lo spirito collettivo, abbiamo giocato col cuore. Abbiamo fatto una partita da uomini

Roma da scudetto?
Quanto manca alla fine? Manca troppo, vedremo. Vincere qui è difficile, abbiamo giocato da squadra. Abbiamo un leader d’attacco come il capitano che ha guidato la squadra

Lo consiglia a Prandelli?
Sono l’allenatore della Roma e niente di più

La testa fa la differenza?
Sì la squadra ha fiducia, i giocatori anche. È una cosa importante. Abbiamo fatto una cosa differente, anche nelle ripartenze abbiamo fatto bene. Nel secondo tempo non abbiamo tenuto palla ma il 3 a 0 era già una cosa buona

Perché dice maniera differente?
Normalmente abbiamo piu palla e possesso piu forte. Sappiamo che l’Inter ha talenti però sappiamo che si aveva un po’ di spazi da sfruttare. Dobbiamo andare negli spazi e giocare. Il possesso palla possiamo fare e anche cose diverse

Cercava Mazzarri?
Si per salutarlo, ancora non ci siamo incontrati

Perfetti nell’occupare gli spazi. Avete una grande maturità mentale?
Abbiamo giocato col cuore e in maniera collettiva nel secondo tempo

Totti? Pensava fosse così?
Per conoscerlo meglio bisogna allenarlo, è un fuoriclasse tra i più forti della storia. Vederlo così felice è bello

Quanto si fida di Taddei? Lo mette sempre dentro?
E’ un ragazzo che dà tutto per la squadra, forte tecnicamente. E’ sempre davanti sul lavoro fisico. Ha sempre voglia di lavorare a aiutare la squadra

Sua sorella dice che si allenava a subbuteo?
Non mi ricordo, ero piccolo…

Non è vero che faceva 7 vittorie consecutive e vinceva lo Scudetto a Subbuteo?
E’ uno scherzo no? (ride)

TOTTI A SKY SPORT

Serata spettacolare
Ci sarebbero tante parole ma la vittoria e la continuità sono le cose più belle, anche perche abbiamo vinto 7 partite di fila e non è facile. Sappiamo che è ancora lunga ma con questa squadra possiamo fare tutto.

Ti aspettavi questa immediatezza?
No penso nessuno. La squadra è ben messa in campo, con giocatori internazionali. Quando c’è la testa puoi fare tutto

Lotta scudetto?
Adesso si può dire tutto, il campionato è ancora lungo ma possiamo competere con tutti. Lotteremo per entrare in Champions è il nostro obiettivo

Ti senti una leggenda?
Non sta a me giudicare, vincere qui ti gratifica ancora di più.

 

FRANCESCO TOTTI

7 su 7. Si può pensare allo scudetto?
Scudetto non è una parola che ci riguarda, giochiamo domenica dopo domenica, ma nessuno si sarebbe aspettato questo risultato, questo inizio. Sette su sette è la prima volta

Però siete primi, non vi nascondete
Non ci nascondiamo, abbiamo l’organico per stare tra le prime tre, possiamo tornare nell’Europa, soprattutto quella che conta

Totti è una leggenda vivente?
Non sta a me giudicare, fa piacere essere etichettato in questo modo. Mi faccio trovare pronto

Un gruppo incredibile
Sì, è un gruppo unito, con giocatori di livello internazionale, di grande calibro. E’ un insieme

Totti è da Nazionale?
In questo momento non ci penso, penso alla Roma e basta. E’ per i tifosi, lo meritano davvero.

Serata spettacolare
Ci sarebbero tante parole ma la vittoria e la continuità sono le cose più belle, anche perche abbiamo vinto 7 partite di fila e non è facile. Sappiamo che è ancora lunga ma con questa squadra possiamo fare tutto.

Ti aspettavi questa immediatezza?
No penso nessuno. La squadra è ben messa in campo, con giocatori internazionali. Quando c’è la testa puoi fare tutto

Lotta scudetto?
Adesso si può dire tutto, il campionato è ancora lungo ma possiamo competere con tutti. Lotteremo per entrare in Champions è il nostro obiettivo

Ti senti una leggenda?
Non sta a me giudicare, vincere qui ti gratifica ancora di più.

DE SANCTIS A SKY SPORT

Gli avversari non tirano quasi mai…
Diciamo che il portiere se il contesto funziona ne trae beneficio. Non vorrei che adesso si pensasse che se non si prende gol perché non si tira in porta. Se non li prendono Cech, Neuer o Casillas non è che facciano 12 parate

Il gol annullato all’Inter?
Era fallo avevo palla in mano e in possesso. Mi sono lamentato perché avevo visto solo Tagliavento che poi è stato consigliato benissimo da Guida. Credo che il giallo me lo sia meritato

Partita perfetta?
Eravamo sufficientemente preoccupati, conosco Mazzarri, l’Inter aveva fatto vedere un certo tipo di gioco e ci poteva mettere in difficoltà. Abbiamo vinto con l’arma che temevamo dell’Inter. Credo che possiamo parlare di grande prestazione

DE SANCTIS A MEDIASET PREMIUM

Sul tiro di Guarin?
Non l’ho nemmeno visto, ero preoccupato a non prenderlo mentre usciva dalla porta. In questa circostanza siamo stati fortunati

Imbattuti. Non si parla di scudetto, ma non ci si può nascondere
L’obiettivo è tornare in Europa, non mi schiodo da qui. Finiamo in girone d’andata e poi vediamo: se ci sarà da prendersi responsabilità, nessuno si tirerà indietro

Su Roma-Napoli
C’è una situazione antipatica, dove non sappiamo ancora dove e quando verrà giocata la gara. C’è la volontà delle squadre di seguire il calendario: Roma è una grande città, è abituata a certe cose

A mezzanotte dice De Laurentiis…
Magari è una provocazione. Ma certe volte butta lì delle idee innovative. Non ci sono le condizioni per pensare ad un rinvio, non possono rimanere ferme per tre settimane due squadra. Si può giocare venerdì

Solo un gol subito. Ti sporprende?
Sì. Nella più rosea delle previsioni non potevo aspettarmelo, nessuno poteva. Il campo ci dice che questo è meritatissimo, nonostante un pizzico di fortuna. Il risultato viene legittimato dalla prestazione

Sulla tua carriera
Nella mia carriera che ora sta volgendo al termine, sono venuto alla Roma: al Napoli qualcuno voleva farmi finire la carriera. Poi una cosa: non capisco perché se non prendo gol viene detto che non prendo tiri in porta. Non è vero: sto in una grande squadra e poi il legittimare questa presenza viene dopo

Articolo precedenteRoma – Napoli, domani la decisione del prefetto
Articolo successivoRoma e Inter in campo con una maglia in onore delle vittime di Lampedusa

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome