Atalanta-Roma, le interviste – Andreazzoli: “Champions? Vediamo quello che succede”, Pjanic: “Stiamo recuperando”

0
40

atalanta-roma

GIALLOROSSI.NET – Queste le interviste ai protagonisti di Atalanta-Roma nel post-partita:

MARQUINHOS A ROMA CHANNEL

Dopo la Juve ci voleva continuità
Era il nostro pensiero, continuare a vincere e fare il meglio

Siete molto uniti?
E’ cosi che volgiamo essere. Tutti volgiamo vincere, è una squadra con giocatori di grandi qualità. Se ci mettiamo in testa di fare il nostro meglio, è ovvio che i risultati arrivano

Come ti trovi con la difesa a tre?
Bene, è una novità per me ma con l’allenamento e parlando con i compagni mi trovo bene

Cosa è cambiato con il nuovo allenatore?
Ogni allenatore ha il suo pensiero e la sua personalità . Per me non è cambiato niente, volevo vincere e fare il mio meglio anche con Zeman.

Avanti con il Genoa
Questo è il nostro pensiero, Andare avanti e vincere

TOROSIDIS A ROMA CHANNEL

Quanto è stato importante il tuo gol?
Sono più contento che la squadra ha vinto

Contro la Juve ti sei inserito bene. Ti aspettavi di trovarti così bene nel gruppo?
Ho trovato un gruppo bellissimo, che mi ha aiutato molto a fare una grande partita con la Juventus. Sono sempre pronto se il mister me lo chiede e sono pronto a dare il massimo

L’abbraccio finale con i compagni?
E’ un momento bellissimo, che ricorderò sempre. Li ringrazio tutti, continuiamo così

ANDREAZZOLI A MEDIASET PREMIUM

Grandi abbracci tra lei e i suoi giocatori. Un nuovo corso dal punto di vista del gruppo. Una svolta?
Questo fa piacere, ho un rapporto così coi ragazzi. Lo avevo anche prima, ora sono in prima linea e non vedo perché dovrebbe cambiare. I ragazzi mi vengono a cercare in maniera affettuosa, non posso che essere felice

Esterni molto offensivi, un sistema di gioco che prevede un certo tipo di lavoro per loro
La nostra idea è di portare il maggior numero dei giocatori ad attaccare la linea difensiva degli avversari. Cerchiamo di avere un’idea di equilibrio che ci riesce discretamente bene per ora. Possiamo essere contenti, vogliamo migliorare la situazione. Il tempo, che è il nostro peggior nemico, sarà galantuomo

Pensavate che non si giocasse
Alla fine del primo tempo pensavo non si giocasse. Abbiamo profuso ogni energia, siamo stati premiati dal risultato. L’Atalanta ha cercato di ottenere il massimo, come noi

La vittoria con la Juve ha cambiato tutto
Quel tipo di vittorie ci danno entusiasmo. Lo abbiamo sempre avuto, eravamo contenti anche per la partita di Genova, dove meritavamo la vittoria. Avevamo la convinzione ma ci mancava l’entusiasmo che invece ci hanno dato la vittoria con la Juve e quella di oggi

La Champions è fattibile?
Il calcio è bello e stravagante, lascia spazio a tutte le ipotesi. Noi di programmi non ne facciamo, è inutile. I programmi si fanno dando conferma alle aspettative nostre e dei tifosi, cercando di dare il massimo ogni settimana. Stiamo facendo questo, ora pensiamo al Genoa e così tiriamo avanti. Poi vediamo quello che succede. Se diamo il massimo da qui alla fine, non so che risultato otterremo ma saremo contenti di quello che avremmo fatto

A chi vuoi avvicinarti, tra i tecnici che hai avuto? Spalletti, Zeman, Luis Enrique?
Non faccio riferimento a nessuno in particolare, ma faccio riferimento a tutti. Sono stato con loro ma avevo lavorato nei 20 anni prima in tutte le categorie, le mie esperienze me le sono fatte in maniera diretta. Poi è chiaro che ho ‘rubato’ a tutti qualcosa. Io so benissimo il calcio che ho in testa e cerco di perseguirlo. E’ un calcio fatto di proposizione, equilibri, mandare il maggior numero di calciatori verso la porta avversaria cercando di ottenere il risultato

La squadra è molto più attenta nel possesso palla avversario, ma anche oggi i 2 gol erano evitabili. Come si può subire meno in area di rigore? Dove si può lavorare?
Non so darti una risposta precisa, devo analizzare i gol subiti. Non so se c’è stato un aspetto tattico da rivedere, però credo che abbiamo preso due reti che dipendono dal tipo di partita che era oggi. E’ chiaro che in tutte le componenti del calcio bisogna migliorare, il tempo nel calcio è un nemico. Noi di tempo ne abbiamo pochissimo, abbiamo fatto 12-13 allenamenti. Siamo a buon punto sulle idee, abbiamo lavorato poco e chiacchierato tanto, ma i ragazzi mi seguono e siamo a buon punto. Non sembro felice? Certo che sono felice (ride, ndr)

PJANIC A SKY SPORT

Altri tre punti pesanti.
Importantissimo abbiamo fatto una bella gara contro la Juve e abbiamo voluto confermare quella prestazione. Le condizioni erano molto difficili ma siamo contenti dei 3 punti. Vittoria meritata e se non ci fosse stato questo campo avremmo fatto anche meglio.

Può essere la vostra forza essere duttili?
Il mister osserva e prepariamo le partite durante la settimana. Lui decide e finora ha trovato sempre il sistema giusto. Abbiamo segnato quando ha cambiato il stistema di gioco. Siamo uniti, lo ascoltiamo e dobbiamo continuare su questo.

Vittoria che vi rilancia verso il terzo posto
Siamo ancora lontani, ce ne sono tanti davanti a noi. Guardiamo partita dopo partita. Se continuiamo con questa voglia possiamo riprendere chi ci precede.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome