Benatia: “Non volevo andare via, fu la vecchia proprietà a cedermi. Oggi la Roma è in mani serie”

30
829

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Mehdi Benatia, ex difensore della Roma tornato di recente in visita a Trigoria, ha rilasciato un’intervista a Rete Sport. Queste le sue parole

Il tuo ricordo dell’esperienza a Roma?
“Mi è rimasto soprattutto l’amore che abbiamo creato nello spogliatoio e l’affetto del pubblico. Arrivai in un momento difficile, c’erano contestazioni del pubblico, mi chiesi dove fossi arrivato. C’era un clima particolare, si era persa la finale con la Lazio. Partimmo subito forte, mi ricordo che molti si chiedevano se potessi sostituire Marquinhos, non fu facile inserirmi, ma ero venuto con l’idea chiara, dovevo riportare la Roma al suo posto. Era quello che promisi a Sabatini quando lo incontrai: ‘non mi interessa chi va via o rimane’ – gli dissi – ‘in tre anni ho portato l’Udinese in Europa, ti garantisco che farò parte di una Roma che tornerà in Champions’. A lui è piaciuto tanto questo discorso e iniziammo alla grande. 10 vittorie, poi abbiamo avuto un calo e la Juve fece più di 100 punti, ma fu una stagione straordinaria. A Roma è il posto dove mi trovavo meglio, comprai una casa a novembre e volevo rimanere. I dirigenti dell’epoca fecero capire che volevo andare via io e mi dispiace perché molti tifosi hanno creduto loro. Hanno sempre venduto tutti per fare cassa, invece di costruire una squadra per vincere”

Cosa accadde poi?
“A dicembre del primo anno a Roma potevo andare allo United, avrei guadagnato 4 volte di più di quanto guadagnavo qui, ma rifiutai. Avevo un patto con Sabatini per riportare la Roma in Champions, poi a fine stagione avremmo deciso, ma dissi loro che avrei fatto quello che serviva per il bene della Roma qualora avessero avuto necessità. Ma ribadisco: io non volevo lasciare la Roma. Voglio bene a Sabatini, è una grande persona, ma a fine stagione mi presentarono un’offerta di rinnovo che non era quella che mi aspettavo. Il City mi voleva ma rifiutai a giugno, perché a gennaio la Roma mi aveva promesso il rinnovo che però non arrivò. Quando tornai capii che mi volevano vendere, ma non ho mai chiesto i soldi che poi mi avrebbe dato il Bayern. Chiesi uno stipendio per sentirmi importante dentro lo spogliatoio, ma non cifre folli. Passai per str***o ma non lo accetterò mai, perché fu la società ad avere queste necessità. I tifosi devono sapere la verità e se ne sono resi conto dopo. Sabatini è uno dei migliori in Italia, assieme a Massara ha fatto un lavoro straordinario. Sono persone speciali, guardate ora Massara e Maldini al Milan. Non era ovviamente colpa loro, ma della proprietà. Un presidente della Roma che veniva due volte l’anno, ma come si fa? In una piazza come Roma? La Roma dovrebbe lottare per vincere la Champions ogni anno con la tifoseria che ha. Al Bayern hanno squadra e società top, ma non c’è la passione della tifoseria giallorossa”

La tua Roma oggi vincerebbe il campionato?
“Ditemelo voi con gente come me, Castan, De Rossi, Totti, Maicon, Salah, oppure Nainggolan, Marquinhos… Avremmo vinto la Champions, altro che campionato. La Juve ha vinto perché ha costruito un ciclo con tanti giocatori importanti. Non può essere colpa degli allenatori. Non si possono vendere i giocatori continuamente”

Mourinho?
“E’ un fenomeno, merita di vincere, spero che lo faccia a Roma come ha sempre fatto. Ma in futuro dovranno fargli una squadra più forte. Il direttore Lombardo è una grande persona, farà molto bene alla Roma, l’ho conosciuto alla Juve. Tiago Pinto è molto in gamba, faranno bene, la Roma oggi è in mano a grandi persone, oggi c’è una società seria, che farà le cose per bene. La squadra sarà rinforzata, con Mourinho la Roma è sulla strada giusta per cercare di vincere dei titoli, perché la gente merita di vincere. La Roma è entrata nel cuore di Mourinho, lo avete visto: ha lavorato dappertutto, ma si è emozionato. Lo conoscevo già perché veniva spesso in Qatar per BeinSport, mi cercò anche quando giocavo, gli ho sempre detto che lavorare con lui sarebbe stato il massimo. È una persona di spessore, di quelle che non ci sono più nel calcio. L’ho visto molto rilassato e l’ho trovato carico”

Articolo precedenteLotito: “Io presidente della Lazio fino a che Dio me lo consentirà, poi vorrei lasciarla a mio figlio”
Articolo successivoKUMBULLA: “Zaniolo ti fa volare se non ci vai giù duro. Abraham quello che prende più botte. Mou? Meglio non parlargli quando si perde”

30 Commenti

  1. Stai tranquillo che solo i beoti si sono bevuti le fregnacce di pallotta.
    Grazie per quella stagione straordinaria.
    Peccato.

    • Concordo per anni ci si sono ubriacati ma non bastava ci siamo dovuti sobbarcare anche le strazianti, per quanto folcloristiche e inattendibili, le loro incredibili disamine sulla gestione societaria e finanziaria del club, più noti al secolo come i cesaro-commercialisti ballottiani, ora letteralmente eclissati.

    • Guarda, io sono stato uno dei più grandi antipallottisti della community, ho anche coniato il termine “pallotta boy” rivenduto su qualche radietta da quattro soldi…

      Cosa posso dire?

      Nulla. E’ la storia del tifo della Roma, che si riassume nella massima di Schopenhauer: “la verità attraversa sempre tre fasi: dapprima viene derisa, poi violentemente criticata. Infine, accettata come ovvia”.

      Pollici versi, insulti personali, minacce….e oggi, tutto normale.

      Ribadisco, a certa gente dovrebbero vietare di scrivere, perché la libertà di parola non è libertà di fregnaccia.

    • Magari eclissati. SI so solo riciclati, facendo come se niente fosse.
      Ma quando senti qualcuno adesso che se la prende con Mourinho, i Friedkin, Totti o i tifosi della Roma non te poi sbaglià: è un ex bermudino.
      Che poi io li capisco pure: dev’esse dura rendersi conto di essere stati raggirati come polli…

    • Ogni tre per due questo ci vuole fare credere che lo costretti ad andare al Bayern. Ha giocato una stagione fantastica, ma di fianco aveva quel grande difensore che era Castan. Peccato che sto gobbo riciclato sta cosa se la dimentica sempre…

    • Rispondo a te unodepassaggio, perché Benatia è stato così 33 partite con la Roma, con l’ Udinese prendeva 600.000 €, la Roma lo prese e gli fu fatto un quadriennale da 1,8 mln + bonus, quando furono fatti alcuni rinnovi, lo stesso anno, pretese anche lui 4 mln, per sentirsi come gli altri…E lo mandarono via…. Adesso ditemi voi se era colpa di Pallotta…. Oltre che lo pagava, pure sul piatto sputa dove ha mangiato, per me, come calciatore era un TOP, ma avuto un comportamento da “TAPPETARO…” Mercenario…

    • Questo è quello che ci hanno detto, Sogni.
      Io so solo che il Bayern ha sganciato (mi pare) 35 sacchi. E che questo non lo ha deciso certo Benatia.
      E so pure che un giocatore, dopo un anno di contratto, sta zitto e muto se lo decido io oppure va per margherite e poi vediamo chi gli da 4 milioni.
      Tutto il resto è roba per società deboli, quando non farabutte, e tifosi ben disposti a farsi infinocchiare.
      E siccome era la REGOLA, pure fosse stato un tappetaro mercenario non era certo quello il problema.
      Oppure erano tutti mercenari?

    • Non giustificateloo per andare contro Pallotta… Sabatini sa la verità… Noi lo sappiamo quello che fece e non è stata colpa della società, lui si era impuntato con i big… Hai aumentato a loro? Anche io… Ed è stato accompagnato alla porta, comunque so per certo che Sabatini aveva fatto un rilancio e lui lo rifiutò…

  2. How i see it: Me, me, me, me. Me. Me again. Me. Here’s a little bit of… me! Me. Hi, it’s me! Me.

    ……..

    • Ha smesso di giocare, non si propone, ma con coraggio, come altri giocatori o ex giocatori, Totti in testa, stanno provando a farvi capire in che mani era finita la Roma grazie ad Unicredit.
      Il tuo un commento inutile che ti potevi risparmiare, benatia è sicuramente più tifoso della Roma di te caro Aldo71. Apri gli occhi e leggi meglio l’intervista forse leggendola di nuovo la capirai

  3. “Mi è rimasto soprattutto l’amore che abbiamo creato nello spogliatoio”.
    Sbaglio o ha fatto outing? Per un calciatore, per di più musulmano, non dev’esser stato facile. Stima.

    • …per un attimo ho pensato che fosse un commento che non avevo capito.
      ..poi ho realizzato che hai fatto la battuta e mi sono intristito

  4. E con questo tanti fregnacciari sono serviti. Il tempo è galantuomo. Io non scrivo e non mi confronto più in nessuna chat da parecchio tempo perché lo schifo dei trollini pallottini era insopportabile. Ma finalmente esce fuori tutto e tanti di quelli che ancora scrivono dovrebbero sotterrarsi con la propria melma. Ve saluto tifoselli sfigatelli, tifate ancora Pallotta monchi e e quel mezzo allenatore portoghese di cui neanche voglio ricordare il nome. Grazie José ci hai portato in finale

  5. Eh lo so caro Benatia, ricordiamo tutti con quanta tristezza lasciasti Trigoria tra le lacrime per approdare in una squadra tedesca di infimo livello con uno stipendio da fame

    • Forse non hai letto bene, ti spiega tutto, il tuo commento dopo questa intervista è da persona che non ha letto o perlomeno non ha capito ciò che ha letto. Mi dispiace per te che rimarrai sempre convinto di cose che non hanno nessuna attinenza con la realtà. Purtroppo sei solo un tifoso di Pallotta e non della Roma, mi dispiace condividete una fede e l’amore per la Roma con persone che la pensano come te.

    • “sei un tifoso di Pallotta”, ma chi te conosce? Stai ancora a pensa a Pallotta, pensa come stai messo. L’intervista l’ho letta, secondo te Benatia che parla di sé stesso che deve dire? Ti aspetti un’autocritica? Non gli hanno dato il rinnovo che gli avevano promesso: primo, bisogna vedere se è come dice lui, secondo, un giocatore che dopo 10 mesi mi chiede un rinnovo senza aver vinto una mazza per me può anche andare via,.ma senza dare colpe alla società. So anni che diciamo che i giocatori devono dimostrare gli stipendi che chiedono e adesso giustifichiamo certi discorsi? Ma tanto ora va di moda sparlare della proprietà passata perché tanto non c’è più e ci si rende simpatici agli occhi della gente come te che ancora che ancora sta a pensa a pallottiani, sabatiniani, sensiani, ecc…

  6. Io sapevo che, dal caso Bosman in poi, i contratti nel calcio dovevano mettere d’accordo almeno due parti: calciatore e giocatore. Ergo, i signori Salah, Benatia e compagnia cantando, sono sicuramente stati ceduti per fare cassa, ma non ci venissero a raccontare che sono andati col muso lungo dove sono andati.

    Anche perché, e io fortunatamente mi ricordo tutto, Benatia stesso andò a battere cassa dopo una stagione, e aveva altri quattro anni di contratto. Perciò, in questo caso la scintilla è partita da lui, al di là del fatto che magari sarebbe stato ugualmente ceduto.

    • I tuoi ricordi forse erano gestiti da una serie di giornalisti o comunicatori che facevano il gioco di Pallotta senza alcun rispetto dei tifosi ma solo rispettando le loro saccoccia piene. Se leggi tutta l’intervista ti spiega tutto quello che è successo dall’inizio alla fine. Capisco che per molte persone leggere tutto è una scocciatura, oppure per molti c’è la difficoltà nel comprendere un testo scritto. Oppure per alcuni c’è la volontà di difendere i propri interessi o le proprie idee anche di fronte ad una evidenza così chiare che fanno sembrare le tue parole assurde.
      È veramente imbarazzante oggi con una finale alle porte vedere c’è ancora gente che non ha capito cosa è stata la Roma di Pallotta. Daje José daje Roma daje friedkin.

  7. @tifosogiallorosso, d’accordo su tutto ma il termine pallotta boys è di mia proprietà l’ho pure registrato 🤣

    • Forse appartieni a quel 51 % di adolescenti che hanno problemi con la comprensione di un testo scritto. Ha speso solo parole bellissime sulla Roma e sui suoi tifosi. Se tutto questo ti da fastidio forse tu tifavi Pallotta e non la roma

  8. QUESTO prima di parlare della Roma dovrebbe sciacquarsi la bocca .dopo un solo anno pretendeva 4(quattro) milioni l anno. Ovviamente lo hanno mandato a cacare e lui è andato dove avrebbe guadagnato di più..giocatore ottimo …persona squallida!!!
    FORZA ROMA SEMPRE!!!

  9. Non sembravi così affranto quel giorno sull’aereo….io 2 giocatori ho visto essere ceduti con la morte nel cuore gli ultimi anni….Ninja e Strootmann

  10. Intendevo proporre con qualche ruolo in società me evidentemente non l hai capito. Magari dovevo leggere meglio o forse tu attivare il cervello. Più romanista di me benatia? Ti sei risposto da solo.

  11. Texber forse io dovrò aprire gli occhi per leggere meglio ma tu prova a collegare i neuroni ai fili e vedrai che ( forse) avresti capito proporre per un ruolo in società. Benatia più romanista di me ? Può darsi ma dubito visto che lui per un anno di Roma l hanno pagato io so 42 che pago per la mia Roma. Quanto al coraggio postumo mio caro texber sorvolerei poiché così è troppo facile. Chiudo dicendo che per me la Roma è nel rettangolo verde il resto ( presidenti dirigenti banche) lo lascio a chi ne capisce più di me. Spero che questo commento ti risulti un pochino più utile .

  12. Sei solo un mercenario.. non parlare più della nostra squadrA .. sei solo uno che va dove t paga d più.. smettila d dare la colpa alla vecchia società.. se volevi restare lo dicevi invece d andartene via come un infame.. sei solo un pagliaccio..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome