Caso Mancini, la Finanza indaga sul passaggio del difensore dal Perugia all’Atalanta

2
701

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Sotto la stretta attenzione della Guardia di Finanza, sono finite le plusvalenze generate dal Perugia Calcio, che riguarderebbero anche il passaggio di Gianluca Mancini, ora alla Roma, dagli umbri all’Atalanta.

Il difensore si è trasferito in nerazzurro per 330mila euro. Sotto indagine anche il trasferimento del portiere Alessandro Santopadre per 1,9 milioni. Secondo il magistrato, con questa iper-valutazione, il Perugia avrebbe pompato il prezzo del cartellino di Santopadre svalutando quello di Mancini.

Nella cessione dell’attuale difensore della Roma, inoltre, il Perugia avrebbe dovuto corrispondere il 50% alla Fiorentina, suo vecchio club. Secondo il pm, quindi, si tratterebbe di una truffa di rilevante entità ai danni del club Viola.

(La Nazione)

Articolo precedenteDzeko, partenza super. E la Roma sogna in grande
Articolo successivoEnrico Vanzina: “Grazie Roma, con te Carlo ha sorriso fino all’ultimo”

2 Commenti

  1. Ok… giusto indagare quando si sospetta del marcio… ma … sull’Inter che è cintura nera di plusvalenze farlocche da qualche anno a questa parte? … no eh? …
    così, tanto per sottolineare che la legge NON è uguale per tutti quando ci sono di mezzo le strisciate…
    Ma porcazzozza che schifo!!!

  2. Vabbè…googlando ho visto che il Perugia, con altre piccole società, fa questo giochetto già dal 2003.
    Le “grandi” sono più brave a farlo (gobbi docet)
    L’Atalanta, che lo ha preso da loro (2017), “non sapeva” di questi giochetti di plusvalenze, perché non leggono i giornali e lo hanno pagato pure poco…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome