Cassano: “Le corse pazze con Totti, i 4 no a Moggi e le mie colpe con Spalletti. Il 4 a 0 alla Juve una delle cose più belle”

47
2503

NOTIZIE AS ROMA – L’ex fantasista Antonio Cassano, oggi commentatore e opinionista, racconta la sfida di stasera all’Olimpico ospite delle pagine de La Repubblica (M. Pinci). Queste le sue parole:

Antonio Cassano, sono passati 19 anni da Roma-Juventus 4-0 del 2004, la più bella partita della sua vita?
“Una delle più belle partite della vita mia. Il problema è che quelle cose le facevo una volta ogni sei anni. Mi affascinava confrontarmi con le grandi, Mi dicevo: ora vi faccio vedere chi è il più forte. Dacourt, nello spogliatoio, diceva: grandi partite, grandi giocatori.
Invece mi rompevo le palle a giocare con squadre meno forti. lo giocavo Roma-Juve come in strada. Volevo lasciare la gente a bocca aperta: quella è la goduria”.

Quante volte ha rifiutato la Juventus?
“Quattro, La prima il 2001: avevo appuntamento con Moggi ad Avellino, ma volevo giocare con Totti, mi affascinava Roma, la città. Non mi ha mai affascinato la Juve, nemmeno per un secondo: non c’entrava nulla con la mia idea di calcio. Li sarei durato tre giorni: il primo giorno mi acquistavano, il secondo presentazione, il terzo mi cacciavano via. Buffon mi diceva: sei un cretino, da noi potevi vincere il Pallone d’oro, lo gli rispondevo: Gigi, io non timbro il cartellino, io all’allenamento devo divertirmi”.

Lei è spesso critico con la Juve.
“La Juve ha fatto un’ottima partita nel derby. Ma scordatevi che faccia possesso palla o domini la partita. La Juve con Allegri è un anno e mezzo che fa schifo, è rimasto a dieci anni fa. E ha la rosa più forte del campionato. Vale anche per l’Inter, e lo dico da interista: sono le squadre più forti. Inzaghi è giovane ma ho l’impressione che l’Inter sia più grande di lui. È a 18 punti dal Napoli, che ha la forza delle idee. L’unico che mi sorprende è Lucianone Spalletti: siamo al calcio 2.0? Lui è al 3.0: abbina il gioco diretto di Klopp e il possesso di Guardiola”.

Eppure a Rome voi due aveste un rapporto tormentato.
“Per colpa mia. Dopo l’allenamento alla Roma i più giovani portavano via le porte. Lui arrivo e ci disse: da oggi, le porte le toglie tutta la squadra. Metteva regole. Il volume della musica? Io lo tenevo alto, lui veniva e lo abbassava. Non guardava in faccia nessuno, Cassano, Totti o Montella: dopo tre giorni in cui mi sono comportato male mi ha tolto la fascia di vice capitano e mi ha messo fuori rosa, giustamente, Dopo che mi sono comportato bene, ma dovevo andare al Real, mi ha detto: tu potresti giocare con me. In 5 partite tra campionato e coppa feci 3 gol e 2 assist. Ancora oggi ci sentiamo: con lui puoi parlare di calcio, di vini. di cibo. A Roma lo hanno disintegrato, lui come Luis Enrique. Forse si saranno pentiti…”

È amico di Spalletti e Totti: può farli riappacificare lei?
“Ma che gli dico, “Avete fatto casino, stringetevi la mano”? Però sarei contento se facessero due chiacchiere. Luciano guardava al bene della squadra. Se a Totti chiedi “giocheresti?”, lui ti dice di si anche oggi, Qualcuno se ne è approfittato per metterli contro”.

C’è una “cassanata” che non è mai stata raccontata?
“Franco Sensi mi chiamava una volta a settimana nella sua stanza, lui in giacca e cravatta, io andavo da lui in mutande e lo abbracciavo pure. Poi, le corse in Ferrari con Totti. Facevamo via di Trigoria a manetta, a chi arrivava primo al centro sportivo: chi si metteva davanti non faceva passare l’altro. Sa le volte che abbiamo rischiato di fare la frittata? All’Eur facevamo Il circuito, dal Palaeur all’obelisco e ritorno, tre quattro giri alle 5 di mattina. Ieri ho fatto da Genova a Brescia, ci ho messo 4 ore. I figli cambiano tutto”.

Fonte: La Repubblica

Articolo precedenteMou e la Roma ad alta tensione
Articolo successivoBoniek: “Stasera partita da 1 a 1. Dybala giocatore di qualità, ma non è un trascinatore”

47 Commenti

    • Romano e joetommasi, senza offesa eh, ma siete romanisti confusi o simpatici aquilotti trasvestiti da romanisti? Ma perché non andate su YuoTube e vi vedete con calma qualche video di Totti? Può un giocatore nato per diventare un possibile campione essere paragonato a un giocatore nato Leggenda del calcio? Cassano ci ha provato ma non è riuscito a diventare un Campione con la “C” maiuscola e di lui si ricorda qualche giocata sopra la media. Francesco Totti oltre a nascere con il pallone sotto braccio ha giocato per circa 30 anni con l’aureola di leggenda ed è riuscito senza fatica a mettere d’accordo la FIGC, l’UEFA e la FIFA nel riconoscerlo come una Legenda calcistica mondiale.
      Viva Francesco Totti, la Leggenda della AS Roma e del calcio mondiale e Sempre Forza Roma!!

    • romano:

      come totti ? 🤣🤣🤣
      qualcosina di più 🤣🤣🤣🤣🤣

      sabato sera andato lungo ? 🥂🍻🍺🍹🧃🥂🥃🥃🍷🍾🍾

    • Si pure io come tennista sarei al livello di Federer, peccato che non gioco a tennis…

    • Pruzzo gollll, sempre con questi “Aquilotti travestiti” e basta, siete stantii, ma un po di fantasia e intelligenza nel rispettare le idee altrui non l’avete ?

    • Totti Cassano è stata l’accoppiata più bella della nostra storia.Una gara a chi era più giovane spavaldo e imprendibile. Poi la capa gira e cambia tutto ma il ragazzo di Bari è stato un vero fuoriclasse

    • infatti romano non sei aquilotto però nelle 4/5 righe sopra sei riuscito a scrivere 2/3 amenità… quasi un record!

    • Romano, dopo questa risposta, credo che di fantasia è sufficiente la tua. Sarò più diretto nel dire che parli di intelligenza e rispondi arrabbiato su una risposta su un commento scritto da te che per me sei un laziale al 100%, visto che dopo avere letto l’articolo, affermi che Cassano sia diventato un uomo maturo e come calciatore sia stato un tantino più forte di Franceschino “nostro”. Ma per favoreeeeeeeeeeeee, prendi esempio da joetommasi che ha digerito la mia naturale reazione applicando il suo QI con un diretto like in giù e tanto Shhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh. Chapeau a lui e a te rinnovo il mio Slare: –

      Viva Francesco Totti, la Leggenda della AS Roma e del calcio mondiale e Sempre Forza Roma!!

  1. All’Eur facevamo Il circuito, dal Palaeur all’obelisco e ritorno, tre quattro giri alle 5 di mattina. Ieri ho fatto da Genova a Brescia, ci ho messo 4 ore. I figli cambiano tutto”.

    Questi sono proprio quelli a cui dovrebbero ritirare la patente per sempre

    • Se il limite su territorio nazionale è 130 km/h, perché vendono auto che ne fanno 250?

    • Dove sarebbe lo scandalo?
      Il senso del suo discorso è che da giovani si fanno cazzate sentendosi invincibili, in età matura fai 270km in 4 ore perché hai una famiglia.

    • 270 km in 4 ore ci sarebbe comunque da ritirarti la patente 🙂 (scherzo caro amico giallorosso)

    • Mi sarebbe piaciuto vedere in che condizioni si presentavano agli allenamenti se alle 5 del mattino facevano i piloti di formula uno sul circuito dell’Eur e non solo, perché una notte incontrai Cassano anche sulla pista di casal Palocco. Rimane comunque il fatto che se questo soggetto adesso fa il commentatore sportivo, sia televisivo che su carta stampata, vuol dire che in questo paese non siamo alla frutta ma proprio all’ammazzacaffe’.

  2. Finalmente una bella Intervista.
    Cassano aveva un grande talento fosse rimasto a Roma con Totti ci saremmo divertiti , peccato che non abbia avuto il cervello per capirlo

    • Peccato che questi invincibili dietro di loro poi lasciano una scia di sangue, non per niente il circuito come lo chiama lui è dissiminato di croci, le strade sono strade e sono fatte per essere usate come strade, non come circuiti alle cinque di mattina, a venti a quaranta a sessanta e a ottanta anni

    • A 20 anni anche io facevo a corse, ovviamente non con una Ferrari, ma da giovane si fanno le stupidaggini. Le abbiamo fatte tutti, chi lo nega racconta favole

  3. Rosella Sensi lo lascio’ andare al Real Madrid per 4,5 milioni come indennizzo di maturazione neanche avesse avuto 34 anni invece di 24.
    Poi c’è ancora chi dice che i Sensi si sono rovinati per la Roma. Forse non stati capaci ad amministrarne le risorse.

    • Secondo me c’è lo zampino di Pinto!!!🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🍸🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃🥃

    • Era a 6 mesi dalla scadenza e non firmava il rinnovo. Fu un vero 8a5tardo. E a Madrid ha, di fatto, interrotto la sua carriera. 2 anni dopo avrebbe potuto diventare campione del mondo insieme a Totti.

  4. No vabbè.. se pure Lui dice che Totti è il forte giocatore con cui ha giocato.. cari Laziali mettece na pezza.. noi Totti voi Di Canio.

  5. io mi ricordo male però mi pare che fosse in scadenza dopo sei mesi …
    elogiare pallotta e criticare sensi è emblematico del limite mentale di taluni pseudo personaggi montati

  6. Comunque Totti non era tanto meglio di lui visto che le gare le facevano in 2.
    Ci sono alcuni video su YouTube delle skills che hanno fatto insieme in campo e c’è da stropicciarsi gli occhi. Da mettersi a piangere direttamente vedendo poi quello che fanno insieme Abraham e Belotti😭😭😭😭😭

  7. Pruzzo gollll…io sono d accordo con romano sul discorso che cassano aveva qualcosa in più DELLA LEGGENDA DEL CALCIO…
    ma detto ciò cassano ha distrutto tutto l immesso talento che solo pochi giocatori al mondo hanno con i suo comportamenti di una persona MOLTO FRAGILE A LIVELLO MENTALE e per ciò LEGGENDA NON LO É NON LO SARÀ MAI.

  8. Mandato via a 24 anni …. Io non lo avrei preso per niente…., è stato un ingrato verso i sensi, ma per questo è stato un giocatore del real per quanto era bravo…, infatti i madrileni lo chiamano el gordo. Facevi prima a saltalo che girargli intorno!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome