Con i cinesi si vola. Unicredit in uscita, tratta con Hainan Air

1
437

chen-feng

AS ROMA NEWS (GASPORT, M. CECCHINI) – In un mondo pieno di idoli ma senza più ideologie, si scopre all’improvviso che forse alla fine aveva ragione il Grande Timoniere. «Non importa di che colore siano i gatti, l’importante è che acchiappino i topi». Parole (sagge) di Mao Tze Tung,. Insomma, tenetevi forte: in nome del business e della Roma si sta preparando una Santa Allenza tra un re dei fondi statunitensi James Pallotta (di fede repubblicana), UniCredit (una banca) e probabilmente il «comunista» cinese Chen Feng, ovvero il «chairman» e fondatore della Hna, una delle massime compagnie aeree (Hainan Airlines) nate negli ultimi venti anni.

CINQUANTA MILIONI Il 60enne uomo d’affari è venuto alla ribalta dopo che alcune indiscrezioni del «Sole 24 Ore» ieri hanno riportato in auge la pista cinese, incarnata da Wang Jianlin, 59 anni, presidente della Dalian Wanda Group, il più grande gruppo immobiliare cinese. La banca, partner di minoranza nella Roma, però ha subito fatto trapelare due notizie: la pista cinese è vera; il magnate in questione no. Non solo. In una giornata in cui il titolo giallorosso in Borsa ha guadagnato il 10,19%, è parso significativo il comunicato ufficiale dell’istituto che confermava che la Roma «non è un asset strategico e quindi c’è la disponibilità a valutare eventuali opportunità di valorizzazione ». In pratica,via libera a una cessione delle proprie quote (ora il 31% della Neep che controlla la Roma) per scendere a una presenza intorno tra il 10 e il 5%. Insomma, se così fosse, per Chen Feng sarebbe una operazione da circa 50 milioni di euro.

TEMPI BREVI Che UniCredit avesse questa intenzione era cosa nota. Il momento storico, però, è quanto mai opportuno perché, dopo due anni di fallimenti, la squadra in questo momento è prima in classifica e gode di ottime prospettive, prescindendo persino dal discorso relativo allo stadio di proprietà. Sul fronte cinese, comunque, UniCredit si è mossa autonomamente attraverso propri advisor, anche se lo stesso Pallotta da tempo sta cercando partner attraverso la banca d’affari Morgan Stanley, che sta battendo anche piste arabe e indonesiane (come del resto la stessa UniCredit), vagliando con più attenzione i candidati dopo la gaffe mediatica del preliminare concesso al «povero» sceicco Al Qaddumi, episodio che UniCredit non ha mai dimenticato.

SCENARI – Chen Feng (nato a Huozou nel giugno 1953), e il suo gruppo, invece, sembrano avere tutt’altra solidità. Dopo aver studiato economia in Germania, Olanda e Usa (Harvard), il magnate ha fondato la più grande compagnia aerea privata cinese, che ora vale circa 58 miliardi di dollari. Il suo obiettivo è di entrare entro il 2020 tra le prime cento compagnie d’affari al mondo, puntando ad entrate pari a 163 miliardi di dollari. Se l’ingresso si concretizzerà (non prima del 2014, varando una nuova ricapitalizzazione), non è escluso che in prospettiva possa acquisire la quota di controllo, qualora Pallotta decidesse di uscire di scena. Ma questo è un futuro ancora tutto da scrivere.

Articolo precedenteUn padre orgoglioso: «Che storia, zittito chi lo chiamava figlio di…»
Articolo successivoAerei, turismo e immobili, ecco il tesoro del miliardario della Cina

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome