Conferenza FONSECA: “La squadra sta bene, non serve cambiare molto. Mancini giocherà ancora mediano, Florenzi sta lavorando bene”

34
3649

FONSECA CONFERENZA PARMA ROMA – L’allenatore giallorosso Paulo Fonseca parla in conferenza alla vigilia del match di Serie A tra il Parma e la Roma. Ecco le parole del tecnico portoghese:

L’altro giorno ha schierato una formazione simile a quella di Roma-Napoli, perché erano passati 5 giorni. Ora sono meno di 3, inciderà?
“È vero che abbiamo fatto molte partite in questo momento, ma non cambierò molto per la partita contro il Parma. Dobbiamo capire che quando la squadra sta bene non serve cambiare molto”.

Che umore ha la squadra dopo la partita di giovedì?
“Hanno capito che abbiamo perso, quando è così la squadra deve sentire che deve cambiare, lottare di più per cambiare la prossima partita. La squadra ha fiducia, abbiamo fatto una buona partita, è vero che abbiamo perso, ma la squadra ha fiducia”.

Domani il Parma, che si chiude dietro e riparte. C’è una tipologia di squadra più o meno difficile per la Roma?
“Sono tutti difficili. È vero che il Parma è molto forte in contropiede, Gervinho è molto pericoloso. Penso che domani avremo qui una partita molto difficile, contro una buona squadra”.

Si aspettava una reazione così forte in un periodo di difficoltà, viste le assenze?
“Sì, la squadra sta bene, è unita. Abbiamo fatto una buona partita e mi aspettavo che la squadra giocasse bene in questo periodo. Come ho detto, la squadra ha fiducia, ha una grande unione collettiva, questo è importante”.

È nato un nuovo ruolo per Mancini, ma è tornato Diawara. Tornerà a fare il difensore centrale o nel futuro c’è sempre il ruolo di mediano?
“Penso solo alla prossima partita. Diawara non è pronto per i 90 minuti, Mancini giocherà mediano”.

Spinazzola sta bene?
“Sì, è pronto”.

La Roma ha perso contro due squadre con la difesa a tre, c’è qualche difficoltà?
“No, penso che la nostra squadra non abbia nessuna difficoltà contro squadre che giocano a tre. È una coincidenza”.

La Roma ha subìto qualche errore arbitrale che ha condizionato in negativo la partita. I giocatori potrebbero perdere convinzione?
“No. Per me non hanno scuse. Dobbiamo capire che solo noi possiamo controllare quello che possiamo fare, le altre cose non possiamo controllarle. La squadra deve capire che dobbiamo giocare sempre con grande ambizione e atteggiamento”.

Florenzi è stato convocato in Nazionale, nonostante non trovi spazio. C’è la possibilità di rivederlo domani o lo vede indietro?
“Ha sempre la possibilità di giocare, lavora sempre bene, sta sempre pronto per aiutare la squadra. Per me questo è importante, sapere che Florenzi è sempre pronto. Sta lavorando bene, è sempre un’opzione”.

È contento che sia stato convocato? Può trovare fiducia?
“Non ho parlato con lui di questo”.

Nell’ultima partita non avete sfruttato alcuni contropiede.
“Non abbiamo molto tempo per lavorare, ci alleniamo oggi. È una situazione normale, a Mönchengladbach non ci sono state tante occasioni. Penso che la squadra stia bene in tutti i momenti difensivi. È chiaro che possiamo imparare cose, ma la squadra sta bene in questo momento”.

34 Commenti

  1. Sempre la stessa filastrocca, mi pare un altro fissato che fa giocare Fazio e non trova spazio per florenzi, non gli piace zaniolo. kluivert invece è titolare inamovibile. Sarà ma non mi convince

    • Eh già, zaniolo sempre titolare e segna a ripetizione, Fazio titolare anche se combina guai…l’unico è florenzi che sta bene dove sta.

      Allenatore preparato, con le idee chiare, che non guarda in faccia a nessuno.

      Nonostante sia qui da tre mesi, nonostante i tanti giocatori nuovi ed il cambio modula, nonostante gli infortuni, la sfortuna e le decisioni arbitrali, la Roma

      – è 3a in classifica
      – è in piena corsa per passare i gironi in Europa
      – ha un parco giocatori molto rivalutato
      – ha perso 2 partite su 15 ufficiali

      Ma de che stiamo a parla?

    • Caro Angelo, ti rispondo qui con l’auguri che tu lo legga, magari puo far bene anche ad altri.
      Capisco l’incazzatura, ma tu definisci i nostri giocatori scarsi, poi ti domandi come fanno a giocare a calcio:

      Fazio (vorrei solo ricordarti che nei club dove è stato è sempre stato acquistato e mai andato a parametro 0 oltre tutto e forse il giocatore della Roma che ha vinto più trofei oltre che è stato nei 23 della nazionale Argentina nell’ultimo mondiale giocato in Russia), ora o Fazio é un raccomandato di ferro oppure ti sei allargato tu un po troppo?

      Santon sono 10 stagioni che é nella rosa di una squadra di professionisti, vuoi forse dire a tutti quelli che lo hanno scelto che non capiscono una mazza di calcio ?

      Kluivert… è na creatura ha 20 anni e Fonseca lo fa giocare titolare è sempre convocato dalla nazionale olandese… che dici jaafaa ?
      secondo te gnafaa!

      Kolarov, è pur vero che la fase difensiva per lui é diventata un’optional… ma hai alternative a lui ?
      C’è Spinazzola ma è spesso impiegato nell’altra fascia.

      Poi sul fatto della corsa e della lucidità su questo possiamo essere d’accordo, comunque ricordiamoci che ad oggi la coperta è ancora corta e che 8 giocatori in rosa fuori per infortunio potrebbero far perdere di lucidità anche il Barcellona o il Real Madrid, comunque sono d’accordo che su questo si deve lavorare molto ed è anche per questo che non puoi coprire con tre giocatori e pre sere gol al 95°.

      In merito alla gestione societaria e di come ci si priva troppo facilmente di giocatori come Salha. Benatia. El Shaarawi. Naingolan, con me sfondi una porta aperta, per il sottoscritto la gestione del trading non porta da nessuna parte anzi fa perdere il fascino della maglia lo spirito di appartenenza ed allontana dalla proprietà il tifoso storico, il tifoso attuale pensa in modo differente, per questo però non mi permetto di giudicarlo, il rispetto tra di noi deve essere un’imperativo.

      Per finire, attendiamo prima di estrometterci da soli dall’Europa League, i giocatori non mi sembrano così rassegnati a lasciare la competizione e molti di loro hanno motivo di rivalsa per qualche frase di troppo detta nei loro confronti e Pastore è il capobranco, l’attuale rosa è costruita per fare tre competizioni e se gli infortuni non pregiudicheranno il prosequio sella stagione possiamo dire la nostra su tutte e tre le competizioni.
      In merito ai tre Dzako. Zaniolo è Smalling, aggiungi anche Mancini. Pastore è Veretut, vedrai che questi sei di cui anche tu ne hai nominati solo 3, trascineranno tutto il gruppo.

      Rinnovo l’invito alla calma, sono solo 5 mesi che questo gruppo è insieme incluso tutto lo staff tecnico.

      Mi auguro che a gennaio ci siano in paio di inserimenti, uno a centrocampo
      ( un mediano con i piedi educati ) ed uno in attacco ( una prima punta che faccia respirare Dzeko, altrimenti Fonseca sarà costretto a far giocare centravanti Zaniolo ).

      SEMPRE E SOLO FORZA ROMA.

    • A Zenone continui a di castronerie.

      Se non te piace perché vieni sempre a legge quello che scrivo!

      Pensa per te te e la giuve.

  2. Adoro il suo pensiero! È diretto. Glaciale. Non accampa mai scuse. Va dritto per la sua strada. Se è convinto non lo smuove alcuna avversità. Non si piega a nessuno. Non abbassa lo sguardo. Non subisce ingerenze. Tratta tutti alla stessa stregua! Che palle ragazzi!!! Daje Mister. Forza Roma

  3. La Roma deve trovare la via del goal con altri giocatori.
    Dzeko lo vedo ora poco brillante.
    In passato il bosniaco ha già avuto periodi di scarsa vena realizzativa durati anche molto a lungo (anche 2 mesi).
    L’anno scorso ci pensò ElSha a vicariare Dzeko sotto porta, ora, ad eccezione del solito Zaniolo, mancano all’appello i goal di Pastore, Under, Mkhitaryan, Perotti, Kalinic e Kluivert.
    Dovessi puntare su un giocatore che potrebbe a fine stagione raggiungere la doppia cifra direi Under.
    Speriamo inizi già da domani.

  4. Mister,mi piacerebbe tantissimo che per una volta te ne uscissi con un solenne VAFFA rivolto ai GUFI🦉🦉🦉.
    Sarebbe la loro consacrazione ufficiale…ma mi accontento anche adesso,quando parli di sfortuna… 👌

  5. sta riuscendo a plasmare un’identità ed è già un discreto successo, indipendentemente dai risultati.
    Per provare (anche) a vincere qualcosa bisognerebbe concedergli un triennio con la stessa “spina dorsale”

    • Quello che scrivi è giustissimo.
      Ma alla Roma, guardando le esperienze degli allenatori precedenti, è difficile che avvenga.

    • Un triennio non si concede a nessuno,o se ne vanno o vengono cacciati.

    • non chiedo di emulare il destino dei “bostoniani” New England Patriots/football americano, guidati per 20 anni da Bill Belichick (Head Coach) e da Tom Brady (quarterback) alla vittoria di 6 storici Super Bowl, ma almeno di provare ad essere competitivi.
      Il gruppo attuale ha reagito contro le avversità (scoprendo un Mancini inamovibile dalla linea mediana), se venisse ritoccato nei punti giusti (pensando anche al post-Dzeko) si potrebbero concretizzare le previsioni dello stesso Fonseca…

    • Ciao Alieno,ma tu visti come sono andati i precedenti ci credi o ci speri?

    • Franco Sensi ,in 14 anni 12 allenatori…a Bamboli…ripassatevi la storia della Roma prima di “sparare” le vostre fasulle verità..

    • Si vabbè peccatto che l’anno prossimo bisognerà fare plusvalenza, saranno ceduti un paio di pezzi importanti almeno(quelli che hanno mercato) anche se vai in champions e si dovrà ricostruire di nuovo. @Alieno la spina dorsale che dici te è quella che sul mercato paga meglio e un pezzo per volta se la vendono, tu chiedi 3 anni in cui non vengono toccati i cardini è utopistico.

    • A zeno’ con james siamo gia’ a 8 allenatori,conta bambolo!!!!

    • non ci credo, ma lo spero.
      La spina dorsale dovrebbe partire da Mancini/Pellegrini/Zaniolo.
      Propongo una petizione per bannare lo juventino delle 20:54

    • Ciao Alieno,
      Le mie scuse te lo ho fatte e non so se le hai lette.
      Concordo sul banner e lo juventino che oltretutto rinnovo è un coglione.

      SEMPRE E SOLO FORZA ROMA

  6. Off Topic.
    Granit Xhaka, mediano svizzero, ha rotto con l’Arsenal.
    Lo stesso Emery ha ammesso che non sa se il giocatore potrà più giocare con i gunners. Si ipotizza una sua cessione a gennaio. Chi lo prende fa un’affare sia per il valore del giocatore che per il prezzo di cessione che sarà inevitabilmente abbassato.

    • Top player!!!! Per noi sarebbe pure troppo. Ci permetterebbe di riportare Mancini in difesa e avere cn Veretout una linea mediana tostissima e di qualità

  7. Le parole pro Florenzi sono solo un intelligente “pro forma” x evitare un caso. Nella realtà Fonseca non lo stima e non lo ritiene utile, il che, viste le ultime annate del giocatore e visto il doppio intervento al crociato, porterà ad una cessione. Quella che ci darà i soldi per prendere Hisaj. Non escludo uno scambio col Napoli a gennaio

  8. Scrivo ora…sn circa le 23’00…
    a parte Forza ROMA e forza Mister Fonseca per domani…
    mi è venuta in mente una cosa avendo saputo da poco del risultato finale di napoli – genoa ( 0-0 e partenopei,al momento,7° a 19 punti…).
    Secondo voi adesso,cosa starà pensando Manolas ( che cmq ammiro e ritengo sempre un ottimo difensore…) trovandosi sotto di 3 punti alla ROMA ( cn una partita in meno…) che ha lasciato x andare a lottare/vincere lo scudetto a napoli ??
    Solo curiosità 🙂

    P.S. un altra curiosità…”vera”,non sarcastica … secondo voi,al momento,Manolas e Mancini si equivalgono ??

    Ciao a tutti e Dajjjeeee ROMA !!!

    • Ciao MARCO(1), provo a rispondere alla tua domanda: cominciamo a dire che Manolas ha espresso il massimo delle sue potenzialità, mentre Mancini è ancora in fase di crescita. Inoltre, 5 anni di differenza d’età non sono pochi.
      La principale dote di Manolas è la velocità, decisamente sopra la media. I suoi recuperi in progressione ci hanno entusiasmato e restano preziosi per qualsiasi squadra che giochi con la difesa alta. In più, è certamente dotato di uno spirito combattente (come piace a noi) e di buone capacità atletiche.
      D’altro canto, che Kostas abbia i piedi fucilati lo sanno tutti (pure lui, immagino), come pure che abbia un livello di sopportazione del dolore fisico sotto media (questo aspetto l’ho sempre trovato davvero strano). In più, non è un marcatore molto affidabile e ha sempre dimostrato poca propensione ad adattarsi a soluzioni tattiche nuove. Infine, il suo carattere levantino lo rende, al tempo stesso, simpatico ma difficilmente gestibile.
      Per cui, dal punto di vista tecnico-tattico, ma anche caratteriale, Mancini lo reputo già una spanna sopra; sul lato atletico, sebbene Mancini abbia ottime doti, Manolas è ancora un cliente ostico per chiunque. Alla fine direi che Mancini si sta rivelando un acquisto azzeccato, un giocatore “da Roma”. Aggiungo che anche Veretout e Smalling li ritengo giocatori “da Roma”; aspetto ancora per giudicare Pau Lopez e Spinazzola (inizio convincente, il loro), idem per Diawara e Cetin che, comunque, fanno ben sperare.
      Chiudo con un doveroso “bravi” a Fonseca e Petrachi per il lavoro fin qui svolto. La strada imboccata, stavolta, sembra quella giusta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome