Conferenza stampa Garcia: ”I ragazzi non vedono l’ora di iniziare. Manolas è il futuro, Iturbe ha un talento immenso”

1
626

garcia-conferenza

AS ROMA NEWS (Giallorossi.net)  Alle 13.15 Rudi Garcia incontrerà i giornalisti nella sala stampa del centro sportivo “Fulvio Bernardini”, a Trigoria, per presentare Roma-Fiorentina, prima gara di campionato in programma domani alle 20.45. Queste le parole del tecnico giallorosso:

La Roma è più forte dell’anno scorso?
Si la rosa è più ampia, abbiamo tantissime partite da giocare. Abbiamo fatto in modo di non avere solo una scelta quando c’è un giocatore infortunato, e noi abbiamo due scelte. Sabato abbiamo diverse assenze, ma ho delle scelte da fare.

Giudizio su Manolas? E’ pronto?
Pronto, forse. Lui dice si. Ha personalità, carattere. E’ veloce. E’ abituato a giocare partite di grande livello, è il nostro futuro. Non so se giocherà domani, ma è convocabile, ed è quello più importante. Poi avremo sette partite di fila.

Quant’è difficile tenere questo gruppo col mercato aperto?
E’ facile, il gruppo non vede l’ora di iniziare le gare ufficiali. Loro sono fatti per la competizione, le amichevoli servono, ma non c’è paragone con le gare ufficiali come la prossima.

Si aspetta un rinforzo in difesa?
Non parlo di mercato fino a quando non è chiuso.

Lei ha detto che Gervinho e Iturbe non possono essere ingabbiati tatticamente. Questa squadra è pronta per giocare con loro due insieme?
Gervinho sicuro, conosce il gioco della squadra. Iturbe sta crescendo molto, lo abbiamo visto contro il Fenerbahce, ha una voglia tremenda, correva come un pazzo. Sono contento del suo atteggiamento. Sbaglierà, ma ha un talento immenso e con la sua velocità e la sua creatività ci aiuterà tantissimo. Deve sapere che ci sono anche degli atteggiamenti difensivi da avere subito, e lui ha già imparato tanto dall’inizio della stagione. Ma non dimentichiamoci di Florenzi, Ljaijc, Borriello e Sanabria. In attacco siamo tranquilli.

Preferirebbe che il mercato fosse chiuso?
Si, non mi piace questa cosa. Per me non è possibile continuare così, i responsabili devono riflettere sul fatto di chiudere le cose in anticipo. Anche perchè quasi tutto viene fatto alla fine. Per me sarebbe meglio per tutti i club.

Il suo giudizio su Uçan, e può diventare un protagonista di questa stagione?
E’ un calciatore di talento, ma è giovane e deve imparare tanto. Lui è curioso, e la prima cosa che deve fare è imparare l’italiano. Dopo deve allenarsi con i campioni che abbiamo, faremo di tutto per farlo diventare un giocatore importantissimo per la nostra Roma.

Mancheranno giocatori di carattere domani, è preoccupato?
Per fortuna ho tanti giocatori di carattere, come De Sanctis e Castan, che è un giocatore molto importante sul campo. Non sono preoccupato. Poi quando torneranno Maicon e Strootman saremo più forti da questo punto di vista. Ma i giovani hanno fame, ed è questo che mi aspetto da loro.

Destro fuori dal mercato, lei conferma?
Garcia non parla di mercato, il presidente ha già detto qualcosa e io lo sapevo. Mattia è un giocatore importante, è uno che fa gol, è l’attaccante della nazionale, quest’anno ha fatto l’intera preparazione cosa che non ha fatto l’anno scorso. E’ un giocatore sottovalutato, anche sul piano della persona. Può diventare un giocatore importante per la squadra e per i tifosi.

Si aspetta un campionato a due con la Juve?
La Juve non ha venduto nessuno, e ha comprato Evra e Morata. Qui in Italia non ci sono solo due grandi squadre, e spero ci sia una lotta con più di due squadre, può essere importante per i tifosi, ma noi speriamo di arrivare in Champions.

La squadra ha ancora fame? Siete ancora lupi incavolati, come disse lo scorso anno?
La fame c’è sempre, ma la voglia di vincere la devono trasmettere sul campo.

Che tipo di preparazione avete fatto?
Ci siamo dovuti adattare alla tournèe americana, ma siamo una grande squadra e l’abbiamo fatto. Noi non sappiamo a che livello siamo, ma domani avremo la risposta sul campo. Ora c’è la Fiorentina, ma poi ci sarà l’Empoli che sarà più importante. Quando arriverà la Champions sarà pericoloso non pensare al campionato.

Questi giovani interessanti è meglio tenerli o farli partire per fare esperienza?
Io questi giovani vorrei tenerli, perchè possono migliorare con noi.

FINE

Articolo precedenteRoma, la promessa di Astori in caso di Scudetto
Articolo successivoRoma – Fiorentina, i convocati di Montella

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome