D’Alema: «Scusa Sabatini, Gervinho è fortissimo»

0
441

WCENTER 0JMDBJSCIA imgblowup190312180820_18 Agenzia BLOW UP

AS ROMA NEWS (GAZZETTA.IT) “Dovessimo vincere lo scudetto, scenderei in piazza: festeggiare è obbligatorio, guardare le mutande del sindaco facoltativo. Io, che non sono masochista, girerei la testa da un’altra parte”. Lo dice Massimo D’Alema, presidente del Roma Club Montecitorio, a Oggi che nel numero in edicola da domani pubblica i pareri di altri romanisti come Gigi Proietti e Pierfrancesco Favino.

PUGNO DI FERRO — “Stiamo andando al di là di ogni più rosea aspettativa e buona parte del merito è di Rudi Garcia. L’ho conosciuto quest’estate, gli avevo chiesto di usare il pugno di ferro coi giocatori e lui rispose: `Il pugno di ferro funziona solo se avvolto in un guanto di velluto´”. Uno cosi’ vorrebbe candidarlo alla guida del Pd?Eh, magari, ma è una carica meritocratica, quella?”. E al direttore sportivo Walter Sabatini, D’Alema fa sapere: “Gli devo fare i complimenti e le scuse. Quando comprò Gervinho, feci pensieri funesti. Invece è fortissimo”.

Articolo precedenteAg. Antei: «Domenica partita speciale per lui. La Roma lo sta tenendo d’occhio»
Articolo successivoRoma, sabato sit-in dei tifosi davanti alla Federcalcio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome