De Rossi c’è comunque, Manolas va ko

6
164

NOTIZIE ROMA CALCIO – La sfortuna sembra non voler mollare la Roma. Nel corso del pre-partita della sfida con l’Inter Manolas ha avvertito un leggero fastidio all’adduttore, che l’ha costretto al forfait a pochi minuti dal match. Quello del greco, che dovrebbero però recuperare per il Cagliari visto che non sembra un problema grave, è il 46° stop stagionale in casa giallorossa.

Contro i sardi sarà emergenza a centrocampo per Ranieri: Zaniolo e Cristante sono stati ammoniti ed essendo diffidati salteranno il prossimo turno per squalifica. A disposizione, ci saranno soltanto Nzonzi e Pellegrini, oltre a Coric, mai utilizzato dal tecnico di San Saba.

Intanto De Rossi non molla e punta il Genoa per dare una mano ai suoi compagni. Per la gara del 5 maggio il capitano romanista potrebbe strappare al massimo una convocazione, il vero obiettivo è infatti quello di essere al 100% contro la Juventus, un crocevia fondamentale per la corsa alla Champions League. Gli altri giocatori nell’infermeria giallorossa sono Karsdorp e Santon, che puntano a tornare in gruppo nei giorni che precedono la partita con i bianconeri.

(Il Tempo)

6 Commenti

  1. A Coric non ci credo più, Giocherà Pastore e farà una grande gara anche se potrebbe fare il 4 4 2 con Schick accanto a Dzeko e magari Pastore nel secondo tempo al posto del ceco.
    A Zaniolo sicuramente questi 15 giorni di stop gli faranno molto bene dato che è un po calato ma per favore basta col ragazzino sulla fascia (ieri avrei messo Klyvert al suo posto al posto di Under), lui deve fare l’interno o al massimo il trequartista.

  2. Buon punto e se qualcuno insegnasse a Florenzi a marcare… magari portavano a casa tre punti invece di uno? Manco si era reso conto di avere perisic alle spalle. Nemmeno nel calcio amatori si marca così. Vergognoso per uno che percepisce 4 milioni l’anno fare un errore simile….non ho parole… spero che a giugno arrivi finalmente un terzino di ruolo….

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome