Domani negli States con Maicon e De Rossi

0
419

maicon

AS ROMA NEWS – Dopo l’allenamento odierno, la Roma domani lascerà l’Italia direzione States. Prima tappa Kansas City: ad attenderla, il 31 luglio, le stelle della Major League Soccer allo Sporting Park. Francesco Totti in un’intervista rilasciata al sito mlssoccer.com, s’è detto «orgoglioso di partecipare a un evento di questo tipo». Dopo la sfida dello Sporting Park, trasferimento a Boston, dove i giallorossi staranno dal 1 a 5 agosto. Terminatala la visita “a casa” del presidente James Pallotta (dove Totti difficilmente firmerà il rinnovo: più probabile che lo farà a ridosso dell’inizio del campionato, fanno sapere da Trigoria), la squadra punterà dritto il Canada: il 7 appuntamento fissato con i Toronto FC, stadio BMO Field. L’ultima fermata in Usa sarà a Washington, dove i giallorossi il 10 affronteranno il Chelsea di Jose Mourinho. Gara che concluderà il tour statunitense.

AL CAMPO
Con la squadra in Grecia, ieri al Bernardini si sono allenati soltanto coloro che non erano stati convocati per la vittoriosa partita contro l’Aris: De Sanctis, Florenzi, De Rossi e Maicon (ufficializzato ieri il suo rapporto con la Roma, contratto biennale) hanno lavorato sotto il sole. Nessun dubbio sul fatto che i quattro partiranno domani alla volta degli States. Da valutare le posizioni di Osvaldo e Borriello, in lista di partenza. Uno dei due potrebbe restare in Italia, per motivi di mercato. Destro a Trigoria non si è visto, avendo ricominciato il lavoro personalizzato a Brescia.

LA MAGLIA
Scambio di tweet ieri tra l’ex giallorosso Marco Delvecchio e Florenzi. A un tifoso che proponeva di ritirare la maglia numero 24, l’ex attaccante ha risposto: «Quest’anno ce l’ha Alessandro. La onorerà!». Tweet a cui il giocatore di Vitinia ha replicato così: «Speriamo mi porti fortuna, come l’ha portata a te».

CIAO LOPEZ
L’uruguaiano Nico Lopez si è aggregato ieri all’Udinese. «Felice di essere qui», le prime parole dell’ex romanista.

(Fonte: Il Messaggero, S. Carina)

Articolo precedenteLa vera Roma solo in America
Articolo successivoParedes più Gila, Sabatini stringe

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome