Gervinho va veloce: «Lavoro sodo per essere subito pronto»

0
405

gervinho-trigoria

AS ROMA NEWS – La corsa di Gervinho è una corsa sotto al sole di Trigoria per farsi trovare pronto quando Garcia rientrerà dagli States, ma è anche una corsa per ritrovare fiducia e continuità, aspetti che a Londra, città nella quale poco si è ambientato, gli sono mancati. «Sto lavorando sodo per essere pronto per la prima di campionato», ha confidato.

Sincero Manrico Ferrari, il preparatore che lo sta testando in questi giorni, quando si trovò davanti Adriano rimase senza parole perché era in sovrappeso di quasi 15 chili. Gervinho invece gli ha assicurato di essere «discretamente allenato». Ferrari, abituato a giocatori che dicono di stare bene e poi magari vengono da un’estate in cui il massimo del movimento è stato la partita a racchettoni, lo ha messo alla prova. E le risposte sono state ottime: Gervinho ha corso bene, dimostrando buona resistenza e lavorando senza fiatare. Ha fatto atletica, palestra e lavoro con il pallone con Luca Franceschi. Serpentine tra i birilli, appoggi e tiri in porta, seguito anche dal d.s. Sabatini, rientrato da Boston, e dai suoi procuratori.

Continuità Gervinho ci tiene a farsi trovare pronto: è difficile che parta per raggiungere i compagni in America, su decisione del tecnico meglio che stia a Roma a lavorare. L’ivoriano vuole ritrovare quella continuità che gli è mancata nell’ultimo anno quando, amichevoli e Nazionale comprese, ha giocato appena 1.930 minuti. Niente a che vedere con i 3.453 della stagione 20112012 e con i 4.547 dell’ultimo anno a Lille. Scommessa Gervinho deve ritrovarsi: per se stesso, per la Roma e per Garcia, che ha chiesto a Sabatini un sacrificio economico importante visto che l’ex Arsenal firmerà un contratto da oltre 2 milioni a stagione per quattro anni e la Roma ne darà 8 più bonus agli inglesi. Vietato fallire quindi, come conferma anche il suo procuratore Boisseau (lo stesso di Garcia): «Sono tre anni che sogna la Serie A, sa che questa è la sua grande occasione. Ha parlato con l’allenatore perché è lui che lo ha fortemente voluto ». Considerando che gli ultimi tre «fortemente voluti » dagli allenatori della Roma sono stati José Angel, Tachtsidis e Goicoechea, Gervinho spera di essere l’eccezione a una regola che a Trigoria ha portato ben poca fortuna.

(Fonte: Gasport, C. Zucchelli)

Articolo precedenteOsvaldo è già in parola con l’Inter?
Articolo successivoFlorenzi: «Una squadra di tutti leader, lottiamo per i primi tre posti»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome