Giuseppe Rossi: «A Roma vinceremo 2 a 1»

0
458

rossi-giuseppe

ALTRE NOTIZIE (CORSPORT) Giuseppe Rossi ha parlato in un’intervista esclusiva rilasciato al Corriere dello Sport parlando anche della sfida di domani tra Roma e Fiorentina. Queste le sue parole:

(…) Per lo scudetto resta favorita la Juve?
«Non dico che lo è nettamente però s’è già presa un vantaggio su Roma e Napoli e non è cosa da poco. Certo c’è l’impegno della Champions e alla lunga potrebbe pesare un po’, costare qualche punto. Comunque quella bianconera è davvero una squadra che non molla mai».

E quali altre squadre potrebbero lottare dietro i bianconeri?
«La Roma. Ha raggiunto un bell’equilibrio e con Garcia ha trovato motivazioni diverse, merito del buon lavoro fatto finora e di un organico di grande livello».

E la Fiorentina dove la mette?
«Siamo a soli 4 punti dalla zona Champions e questo, non è un mistero, è uno dei nostri obiettivi». (…)

Porterebbe Totti al Mondiale?
«Come no. Conosciamo tutte le sue doti tecniche e fisiche, ci starebbe benissimo. Intanto spero che contro di noi non ci sia e rimandi il suo ritorno di almeno un’altra settimana. Ne ho parlato anche con il direttore Pradè (sorride)».

Restando in tema Roma: tra gli ex più attesi c’è Adem Ljajic.
«Grande talento, sa saltare l’uomo come pochi e questa è una qualità rara. Sa anche tirare bene dalla distanza. Può essere il nuovo Pepito Rossi? Non lo so. Non è proprio un attaccante puro, gli piace anche partire da dietro, svariare. Insomma è un giocatore davvero dotato».

All’Olimpico fra gli osservati speciali ci saranno pure Cuadrado e Gervinho.
«Due esterni formidabili, si assomigliano, hanno le stesse caratteristiche, rapidità, dribbling, classe. Forse il nostro Cuadrado vede meglio la porta».

La Fiorentina rischia di perdere in futuro Cuadrado?
«Se continua a fare bene come sta facendo adesso ci saranno di sicuro tanti club che lo vorranno. Anche se lui a Firenze sta molto bene».

Ancora Roma-Fiorentina: Pjanic che giocatore è?
«Di grandissima classe, lui come De Rossi, Strootman, Gervinho, Ljajic, sono tutti giocatori tecnici e questo è uno dei segreti di una Roma tornata ai vertici e ancora imbattuta».

De Rossi è un leader anche nella Nazionale?
«La sua carriera parla da sola, è uno che si è sempre assunto tante responsabilità, non si è mai tirato indietro e gode del rispetto di tutti, anche in azzurro». (…)

Un’ultima cosa: ma come finirà Roma-Fiorentina?
«1-2. Di segnare non me frega nulla, basta vincere».

Articolo precedenteTotti recupera e vuole esserci: oggi la decisione
Articolo successivoRoma, in vendita materiale Nike. Ma è un ‘fake’

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome