La Primavera ha trovato il suo gioiello: Providence

2
674

ULTIME AS ROMA – Così promettente che il suo futuro potrebbe presto intrecciarsi con quello della prima squadra di Fonseca. Ruben Providence è il baby gioiello che quest’estate Petrachi è riuscito a prelevare dall’ombra parigina della Tour Eiffel: un acquisto, con un contratto fino al 2023 dalle tante prospettive e molto importante per la Roma Primavera di De Rossi, che nel debutto casalingo in campionato col Chievo ha fatto già saltare i tifosi giallorossi al Tre Fontane.

Un ottimo primo tempo per mostrare il suo enorme talento, prima di cedere il posto nella ripresa a D’Orazio, e iniziare ufficialmente un nuovo capitolo romanista: solo cinque minuti per segnare il suo primo gol e ricevere l’abbraccio dei nuovi compagni. Nato nella stessa cittadina francese di Pogba, Lagny-sur-Marne, l’ex esterno d’attacco dell’Under 19 del Psg, allenato da Thiago Motta, è pronto a colmare il vuoto in attacco lasciato da Celar e Cangiano passati rispettivamente al Cittadella e al Bologna.

LO CHEF Veloce, forte nel dribbling e abile su entrambe le fasce, la scorsa stagione in Youth League nel girone C, come ala destra, ha collezionato 6 presenze e un gol al Liverpool, oltre a due assist, tra cui spicca quello del 2-0 per Maxen Kapo nel match d’andata col Napoli di Baronio, battuto 5-2. Purtroppo quest’anno la Roma non giocherà la competizione europea però potrà riscattarsi in campionato e Coppa Italia. Oltre ai suoi tiri decisi, precisi e pericolosi, soprattutto col piede destro, sia dalla distanza che dall’interno dell’area, a impensierire gli avversari ci pensano anche i suoi folti ricci, ora un po’ accorciati, e quel soprannome curioso, usato dai suoi ex compagni, familiari e amici: «le chef», «il capo».

Di certo non ai fornelli, e a scanso di equivoci ci pensa proprio lui a preferire come nome da battaglia: «le lieutenant». L’animo del condottiero è un amore così forte per il calcio, che inizia a 6 anni quando dà i primi calci al pallone nelle squadre della sua città. Ed è al Thorlgny che viene notato dagli osservatori del Psg, che lo portano in Under 17. Il sogno del grande salto però non è una passeggiata, e passerà un periodo difficile tra alti e bassi, finché lo scorso anno non ritroverà la sua dimensione all’Under 19. E la Roma Primavera, del suo nuovo «lieutenant» ne avrà bisogno lunedì alle 15 (diretta tv Sportitalia) per la trasferta col Torino nella seconda gara di campionato.

(Gazzetta dello Sport, C. Zucchelli)

Articolo precedenteSmalling out, torna Miki. Partnership con la Nigeria, c’è l’idea amichevole
Articolo successivoLa Roma viaggia a tripla velocità

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome