Marino: “Simpatizzo per la Roma. Stadio? Non mi hanno ancora illustrato il progetto”

0
109

marino

AS ROMA NOTIZIE (Retesport) – Il sindaco di Roma Ignazio Marino, è intervenuto ai microfoni dell’emittente radiofonica romana Rete Sport. Il primo cittadino ha risposto a domande sul derby e sul suo rapporto con la società giallorossa. Queste le sue parole:

Sul derby di Roma.

Sono positivamente preoccupato, sarà una giornata di festa. Ho una responsabilità, insieme alle altre istituzioni: devo garantire la festa per tutti. Se ci saranno persone da isolare, lo faremo: non vogliamo comportamenti che non siano in linea con la passione sportiva. Io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno: conto sul senso di responsabilità dei tifosi

Annullare un evento ovviamente risolve il problema. Ma che immagine darebbe un eventuale spostamento del derby?

Il prefetto fa il suo dovere e lo fa molto bene. Ha grandi responsabilità, ma io devo incoraggiare e promuovere tutti gli strumenti per far sì che sia una giornata di festa. Il mio compito principale è questo, senza nessuna critica nei confronti del prefetto. Sono tutti ragionevolemente preoccupati, ma io auspico una grande festa

Sulla questione Verona

Rispetto Tosi, ma nessun sindaco si può permettere di pronunciare parole che suonino come insulti per i tifosi della Roma, i romani e i cittadini romani. Lanciare un sasso è da criminale, può tramutarsi in un atto omicida, lo dico più da chirurgo che da sindaco.

L’idea della doppia sciarpa?

Sono andato ad una trasmissione televisiva, il conduttore mi ha chiesto la cortesia di indossare quelle sciarpe con l’idea di promuovere la serenità tra le tifoserie. A me sembrabva un gesto di educazione, le sciarpe non le avevo portate io. Essendo un chirurgo, avrei preso almeno le sciarpe con i loghi corretti delle due squadre

Sulla società giallorossa.

Io li ho incontrati solo poche settimane dopo l’inizio del mio mandato. Il modo di riflettere e di ragionare è tipico delle persone che lavorano nel settore sportivo degli Stati Uniti. Trasparente, diretto, hanno espresso i loro interessi: vogliono avere uno stadio qui a Roma, ma non erano nelle condizioni di poter illustrare il progetto nei dettagli. Non abbiamo parlato di aspetti di viabilità, di quartiere. Non sono contrario allo stadio di proprietà, può essere positivo per il club e per i tifosi, ma si deve garantire il fatto che la popolazione locale possa trarre benefici dalla situazione. Cià deve essere garantito. Loro torneranno con un piano dettagliato, ovviamente lo valuterò nell’interesse di tutti i cittadini.

Sullo stadio.

Nel nordamerica si fa un business plan: se ne studiano ricavi e costi, l’imprenditore si fa carico delle opere pubbliche, con tempi certi e delle penali per il mancato adempimento. In un momento di crisi economica così importante, non possiamo permetterci di spendere soldi dei cittadini che non siano più che giustificati: ho delle difficoltà economiche che devo affrontare, non posso mettere in bilancio delle spese non strettamente necessarie per il benessere e la qualità della vita dei romani. Io non ho visto il progetto: quando lo vedrò, chiederò uno sforzo da parte dell’imprenditoria privata

Una preferenza?

Se c’è una squadra che io posso tifare è la Roma. Sono cresciuto a Roma. Il mio migliore amico Guido è molto romanista e io, per tutta la mia adolescenza e anche oggi, non posso vederlo se c’è la partita. Di riflesso, ecco la simpatia per la Roma

Un messaggio finale

Tenetevi lontani dalla violenza, soprattutto quella verbale, che è il razzismo. Umorismo, ma con un sorriso

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome