Messaggio alla Juve, la Roma non molla: «Ora sul collo sentono loro il nostro fiato»

0
509

roma-esulta-fiorentina

NOTIZIE AS ROMA (GASPORT, M. CALABRESI) – Mentre tutti si abbracciavano a centrocampo, Rudi Garcia si è preso la scena, andando a esultare da solo verso la curva Sud. Il record storico di dieci vittorie nelle prime dieci partite lo aveva già centrato, ieri (in gol Maicon e Destro, 12° e 13° marcatori stagionali) è arrivato l’ennesimo primato di questa stagione magica, che resta tale nonostante i quattro pareggi messi in fila. Mai, nella sua storia, la Roma era riuscita a rimanere imbattuta nelle prime 15 partite: quella di Capello (con in campo Montella), dieci anni fa era arrivata a 14, prima di arrendersi al Milan il 6 gennaio, il giorno (del 2014) che tutti hanno cerchiato con il pennarello rosso sul calendario, quello di Juve-Roma.

MANATA DECISIVA Potranno pure continuare a dire che «l’obiettivo della Roma è tornare in Europa», ma più passano le giornate e più l’asticella si alza. La Juventus vola, ma la Roma è subito dietro. «Abbiamo avuto sempre il fiato sul collo della Juventus nelle prime dieci partite, ora ce l’hanno loro – dice Morgan De Sanctis –. Vedremo a fine stagione chi sarà stato più bravo. Dispiace per i pareggi, con due partite in casa avremmo dovuto fare meglio, ma pensare che siamo secondi con questo ruolino è comunque qualcosa di anomalo». Come anomalo, a vedere anche la paratona di ieri su Pasqual, era stato l’errore di Bergamo: «Ma non chiamatelo riscatto. Contro l’Atalanta è stato un episodio sfortunato, una zolla. Piuttosto, davanti alle questioni personali metterei la prova della squadra: a differenza delle partite scorse, la Roma ha avuto fame». Da lupi, proprio come aveva chiesto Garcia.

PEPITO ANNULLATO Lupo, Mehdi Benatia, lo è stato dall’inizio della stagione. Compresi i minuti finali di ieri, dopo aver spazzato un pallone in tribuna e caricato i tifosi: «Eravamo abituati a vincere, poi però nelle ultime partite non abbiamo giocato da Roma. Ma la fiducia in noi non è mai mancata, e abbiamo dimostrato di avere un altro passo rispetto a una Fiorentina che gioca il miglior calcio d’Italia. Prima di Natale dobbiamo prendere sei punti, poi tireremo le somme, ma oggi (ieri, ndr ) abbiamo mandato un bel messaggio».

SIPARIETTO Chi non parla, twitta (Gervinho: «I lupi sono tornati», Dodò: «Complimenti a tutti», Pjanic: «Ci siamo, non molliamo niente») o dà il cinque a Pallotta nella pancia dell’Olimpico: era di ottimo umore anche mr. President, che si è fatto pure fotografare con un uomo dai tratti orientali. «Ecco il cinese», tra le risate generali. Dopo una domenica di festa, però, Pallotta è atteso da un lunedì di fuoco.

Articolo precedenteDestro, pensiero stupendo
Articolo successivoE la festa della squadra prosegue stasera

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome