“ON AIR” – VALDISERRI: “El Shaarawy e Lens? Nomi da brivido”, CECCHINI: “Serve un terzino destro”, PRUZZO: “Per fare gol al Chievo ci vogliono le bombe”, FOCOLARI: “E’ un brutto cliente in casa”

5
505

onair2SPECIALE GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.

Buon divertimento!

Massimo Cecchini (Rete Sport): “Digne ha bisogno di un rincalzo, Rudiger è un mezzo mistero…se ci fosse un centrale subito pronto sarebbe meglio, ma lui sta migliorando e sarebbe paradossale buttarlo a mare ora che sta crescendo. Il problema per me è il terzino destro: si è visto che sull’esperimento Florenzi ci si crede fino a un certo punto, non si vedono miglioramenti nella fase difensiva, e anche per Garcia non è un titolare fisso in quel ruolo. Torosidis è un rincalzo e Maicon che ora non riesce a esprimersi come una volta. Su quella fascia c’è un problema. El Shaarawy? Io un pensierino ce lo farei per una sola ragione: in Nazionale rende molto di più, Conte si fida di lui e penso che andrà all’Europeo. E’ un giocatore che ad un certo punto ha smesso di crescere, ma è uno che ha dei numeri, delle qualità, ma non aspettiamoci il crack del campionato…se lo fosse, Milan e Monaco non l’avrebbero venduto. Salah e Gervinho sono molto più determinanti di lui”.

Luca Valdiserri (Rete Sport): “A me i nomi che leggo del mercato mi fanno spavento…El Shaarawy come può essere un giocatore da Roma se nemmeno il Monaco lo vuole tenere. Di Lens mi inquietano un po’ i numeri…. a questo punto se c’è da spendere un budget, mi sembra più logico puntare su Adriano e Kolasinac, e spostare Florenzi in attacco, oppure riportare Ibarbo. Adriano sarebbe un giocatore che può darti una grande mano in difesa, può giocare titolare su tutte le fasce, e qualunque allenatore avrà la Roma sarà contento di averlo in rosa. Kolasinac è un giocatore giovane… El Shaarawy era forte tre anni fa, poi è completamente sparito dai radar…Se pensi che sia forte, il Monaco non avrebbe problemi a riscattarlo…e invece è un giocatore che da troppo tempo non riesce a mettere in campo le sue qualità. Lo stesso Cerci, abbiamo capito che o l’allena Ventura oppure fa grande fatica…Ma la Roma non deve pensare troppo all’attacco, deve concentrarsi sulla difesa che è molto corta”.

Jonathan Calò (Centro Suono Sport): “I nomi che si leggono oggi sui giornali riguardo al calciomercato sono tutti di medio-basso cabotaggio. Dobbiamo attaccarci alla speranza di veder crescere Paredes nell’Empoli, che comunque non è una scoperta, visto che giocava in una big del calcio sudamericano. Ma io non credo che sia comunque un giocatore in grado di tornare alla Roma e fare la differenza…”.

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “Io a mio figlio direi di tornare allo stadio. Non condivido tutto delle proteste, solo una parte…ma io non posso parlare né a nome della curva né della Roma. La serata di ieri ha fatto bene all’ambiente, ma soprattutto ha fatto del bene”.

Ubaldo Righetti (Tele Radio Stereo): “Prima di entrare ieri alla presentazione mi sono soffermato dieci minuti con alcuni tifosi della Sud. Hanno una voglia tremenda di cantare. Stavo in panchina con i giocatori attuali della Roma, e loro non guardavano la partita, guardavano solo la Curva Sud”.

Daniele Lo Monaco (Rete Sport): “Cerci nel Milan non ha praticamente più azzeccata una, e non credo che Roma sia la piazza ideale per rilanciare la sua carriera, vista la difficoltà della piazza…e quando parlo dell’ambiente romano non mi riferisco a quello che c’è fuori ma a quello che c’è dentro Trigoria, che è uno dei problemi di questa squadra. Mi stupirei molto se la Roma pensasse di risolvere i suoi problemi con Cerci.”

Roberto Renga (Radio Radio): “Io continuo a dire che la Roma, nonostante le assenze, non ha paragoni come qualità della squadra rispetto al Chievo…poi però la differenza la farà il gioco, perchè anche contro lo Spezia eri nettamente superiore, ma se non hai un gioco…Nel calcio conta di più l’organizzazione di gioco, conta la società…Il Chievo è una vita che sta in Serie A…un quartiere di Verona che sta in serie A…vuol dire che sono bravissimi! Tutto questo fa si che Chievo-Roma sarà una partita difficile…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Guardate che il Chievo in casa è un brutto cliente, è una squadra che tra le proprie mura gioca bene, ha fatto 4 gol alla Lazio…per me il fattore campo incide parecchio. La Roma fra l’altro ha assenze importanti a centrocampo. Gioca Vainqueur? Secondo me il francese non farebbe il titolare nemmeno nel Chievo…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “La Roma ha lo spazio per poter recuperare in classifica, la vetta dista pochi punti. Formazione? Io riporterei Florenzi in attacco, insieme a Gervinho e Salah, aspettando che Dzeko ritrovi la migliore condizione. Col Chievo sarà una partita difficile, a centrocampo ti mancano due titolari, e dovrai trovare l’equilibrio giusto. Per fare gol al Chievo ci vogliono le bombe a mano, nel senso che devi stare lì ed applicarti molto…sotto questo aspetto è una gara complicata”.

Nando Orsi (Radio Radio): “Il Chievo è un brutto cliente, è una squadra che ti fa giocare male. Assenze a centrocampo? Per me il primo dei sostituti è Florenzi, e poi c’è Vainqueur o Keita. In attacco penso che Garcia avrebbe anche provato Sadiq se non si trovasse in questa situazione di precarietà. Stadio vuoto? La Lazio l’anno scorso è partita con tremila spettatori, ma poi col gioco e coi risultati ha riportato sessantamila tifosi…alla Roma forse basterebbe quello”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Io tifo perché arrivi Conte alla Roma, l’unico in grado di rivoluzionare tutto e rigirare in toto la situazione. Ieri è stato fatto qualcosa per far tornare la gente allo stadio, io credo che Pallotta debba mettere in piedi iniziative del genere per togliere questo gelo tra la Roma e i suoi tifosi”.

CONTINUA…

 

Articolo precedenteAlisson alla Roma per sei milioni di euro
Articolo successivoLavezzi, non solo Inter: c’è anche la Roma

5 Commenti

  1. ieri P.Franci ha detto: NON MI PIACE QUESTA PROPRIETA’…..a quanto pare,Pallotta stamane era talmente colpito dalla Sentenza del Grande Franci,che ha annullato le Video/Conferenze con Tokio,Varsavia e New Delhi….

  2. Lo sai quanto gliene frega a Pallotta se non piace al prode Franci. E sai quanto ce ne frega a noi tifosi della Roma!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome