ON AIR – CORSI: ”Serve Feng per fare il salto”, CALO’: ”Altrimenti ancora autofinanziamento”, ROSSI: ”Non mi fido del Parma”, PETRUCCI: ”Roma col fiato corto”, TRANI: ”Berisha a Ibra non lo vede”, LENGUA: ”Ljajic bocciato al 100%”

2
79

onair2

SPECIALE GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Jacopo Savelli (Rete Sport):Scuffet? Per me sarà l’erede di Buffon alla Juventus, la Roma ha Skorupski, e sono convinti di averlo già in casa un portiere molto forte per il futuro”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Contro il Parma per avvicinare la Juve o allontanare il Napoli? Prima pensiamo a vincere, poi si vedrà quello che fanno le avversarie. Penso che in attacco giocheranno ancora Totti, Destro e Gervinho.”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La Roma quest’anno arriverò seconda con l’autofinanziamento, quello che ha fatto Rosella Sensi per anni. A quella Roma gli hanno rubato lo scudetto, e pure a questa. Il salto? Lo fai soltanto mettendo 100 milioni, ecco perchè servirebbe l’ingresso del cinese. Pensate alla Roma di Spalletti con 100 milioni in più che squadra avresti potuto costruire. Avrebbe vinto lo scudetto a spasso e avrebbe lottato per la Champions. E’ questo il salto che serve. Invece dell’aria, della fuffa, nelle bacheche cominciamo a metterci qualcosa di solido”.

Gianluca Lengua (Centro Suono Sport): “Ljajic è stato bocciato al 100% da Garcia, anche se il mister non lo dirà mai. Il serbo andrà via a fine anno. Anche Dodò è stato bocciato, ed è probabile che parta in prestito o comproprietà”

Jonathan Calò (Centro Suono Sport): “Senza Chen Feng la Roma resterà ancora nei regimi dell’autofinanziamento. Ljajic? Se qualche squadra arrivasse ad offrirti la stessa cifra che l’hai pagato lo scorso anno, non ci devi pensare nemmeno un secondo a venderlo”.

David Rossi (Tele Radio Stereo): “Io del Parma non mi fido proprio per niente. Si può pensare che abbia sbracato dopo le due sconfitte contro Juve e Lazio, ma secondo me deve dare un segnale. La Roma però ha motivazioni maggiori: la Roma, soprattutto per Garcia, deve vincere per avvicinare la Juventus. Vincendo saresti più vicino tu alla Juve che il Napoli alla Roma.”

Max Tonetto (Tele Radio Stereo): “Mi aspetto una partita difficile domani contro il Parma, che è una squadra molto organizzata e ha uno spessore tecnico diverso dal Sassuolo. Tutto il gioco degli emiliani passa da Cassano, un giocatore che si è preso la squadra sulle spalle. Certe volte esagera, perchè strappa la palla dai piedi dei compagni per fare la giocata, ma da lui bisognerà guardarsi bene. Servirà una Roma concentrata e di qualità”.

Ugo Trani (Rete Sport): “Per migliorare la rosa il prossimo mercato dovrai puntare solo grandi giocatori. La vagonata di seghe non va più bene. Giocatori giovani? Vanno bene se sono già affermati, come lo erano Strootman e Pjanic. Guardate i giovani comprati a gennaio dalla Roma e che sono in Primavera: non stanno andando bene. Di Berisha in Svezia dicevano che era il nuovo Ibrahimovic, e invece non lo vede manco col binocolo. Non c’entra niente con   Ibrahimovic, che a 17 anni già metteva paura.”

Roberto Renga (Radio Radio): “Il Parma sembra abbia perso un po’ la voglia di giocare. Contro la Lazio non mi sembrava la squadra di prima. La Roma ha motivazioni decisamente superiori”

Furio Focolari (Radio Radio): “Allo scudetto non ci credo. La Roma dovrebbe vincerle tutte ma non credo che, ad esempio, a Firenze vinca. Detto questo la Juve dovrebbe perderne tre e non vedo contro chi dovrebbe perderle. Pronostico di Roma – Parma? Vincono i giallorossi per 2 a 1

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Roma – Parma? Pronostico chiuso. Il Parma è la rivelazione del campionato, ma il pronostico è nettamente a favore della Roma”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Gli errori più gravi dei primi due anni di questa gestione è stata la scelta della guida tecnica. Con Zeman sapevamo ancora meglio come sarebbe andata a finire rispetto a Luis Enrique, di cui non si conosceva nulla. Ora con Rudi Garcia le cose sono tornate a posto, anche nella testa dei dirigenti della Roma, che adesso dovrebbero sapere come operare,  ma nel calcio come nella vita c’è  anche tanta casualità. Perciò guai a pensare che chi ha azzeccato tutte le scelte lo scorso anno, poi lo rifaccia anche il prossimo. Campionato riaperto? Per me non si è riaperto nulla, la Juve dovrebbe suicidarsi. La Roma fra l’altro faticherà molto a centrare l’obiettivo, e cioè quello di vincerle tutte. E’ una squadra che ha il fiato mozzo, e con alcune squadre, come ad esempio la trasferta di Cagliari, ci sarà da soffrire”.

Max Leggeri (Radio Manà Manà Sport): “Penso che con la sconfitta a Napoli si è aperta una crepa nelle certezze della squadra di Conte e dello stesso allenatore. E’ vero che la Juventus ha un calendario più facile, ma fino a un certo punto, con il Bologna non sarà poi così facile. Io però non credo alla rimonta perché non credo alle istituzioni, questo campionato è poco regolare“.

(CONTINUA…)

2 Commenti

  1. Madonna Mario Corsi quanto è ottuso! Ma pensa davvero che Fenga venga per fare il mercato da sceicco??? E’ anche ignorante….Se verrà rileverà le quote Unicredit e parteciperà tranquillamente alla gestione della Roma, cosa che la banca non vuole più fare.

  2. Vorrei ricordare a tutti che esiste il FAIR PLAY FINANZIARIO. Non si possono spendere soldi che non entrano nel fatturato della Roma. Prima vanno fatti e poi li puoi spende….so finiti i sceicchi, gli Abramovich……al PSG gli stanno facendo le pulci e rischia la squalifica dalle coppe…..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome