ON AIR – CORSI: «Pari di ieri colpa solo della Roma», GALOPEIRA: «Non siamo ancora una grande squadra», PRUZZO: «Deludente», FOCOLARI: «Ljajic da impacchettare e rispedire al mittente»

1
478

onair2

GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento! 

Jonathan Calò (Centro Suono Sport): “Raramente ho visto giocare così bene la Roma, specie a San Siro, anche se il Milan non è più quello di una volta. Voglio dare dei meriti alla Roma: ho visto un Benatia superlativo e uno Strootman eccezionale. Queste solo le luci. Le ombre sono i due gol presi, che è la prima volta in campionato. E il fatto che negli ultimi venti minuti il Milan ti ha sovrastato fisicamente, pur avendo giocato in Champions: questo mi ha preoccupato.”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “Sono orgoglioso della stagione della Roma, faccio questa premessa. Ma una grandissima squadra quella partita ieri la chiudeva prima. La Roma pensava che gli bastava il minimo sindacale per vincere, e forse aveva ragione visto che un Milan così non lo si vedrà mai più. Al Milan sono bastate due accelerazioni per mettere in crisi la Roma, che buttava palloni in tribuna. Questo non è da grande squadra. Se giochi così a Torino, c’è’ il rischio che ti cappotti. Io allo scudetto non c’ho mai pensato. Se il primo ricambio che hai è Bradley, e non può essere il sostituto nè di Pjanic, nè di De Rossi nè di Strootman. Se ambisci allo scudetto, devi avere un cambio con un tasso tecnico superiore. Ed è per questo che per me non può competere per lo scudetto. Per me la partita di ieri è un’occasione persa”.

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Il pari di ieri non è imputabile all’arbitro, ma solo alla Roma. Questa squadra non riesce stare avanti in un campionato che poteva dominare, c’è qualcosa che non mi quadra. Questa era una partita che doveva vincere. Sull’1 a 1 sfido a dirmi chi pensava che la Roma poteva pareggiare o perdere. Dopo il 2 a 1  la Roma sparisce, ci siamo fermati nonostante la palese superiorità in ogni zona del campo. Gervinho? Leggo sui giornali il titolo “Gervinho,croce o delizia?”.  Ma che siete matti? Lui devasta le difese avversarie, forse ieri era un po’ sottotono, ma non capisco come si fa a parlare di lui ieri. Forse Ljajic ieri non ha giocato granchè bene, Maicon e Garcia anche non benissimo. Il Milan non vale il Verona, sono un po’ arrabbiato perchè abbiamo buttato una grande opportunità. Sul 2 a 2 non ci potevo credere” 

Furio Focolari (Radio Radio): “La Roma non è l’unica antagonista alla Juve, c’è anche il Napoli. A me la Roma m’è piaciuta e non m’è piaciuta. Ieri ha dimostrato di essere molto più forte, però non ha vinto. Anzi, al 92′ se Balotelli fa il minimo, la Roma ha perso. Ha subito diverse palle gol, non può sbadare così ogni qual volta il Milan attacca. La Roma gioca bene, però questa novità di sfasamento difensivo non m’è piaciuta. E poi non mi sono piaciuti i due esterni: Ljajic è da impacchettare e rispedire al mittente, Gervinho sarà anche un grande giocatore, ma è fumoso. Non tira in porta mai, se tira tira male. Questo è un limite che una grande squadra non deve mai avere”

Roberto Renga (Radio Radio): “A me la Roma è piaciuto moltissimo per 3/4 della gara, Fare la partita a San Siro non è mai facile. Il Milan è una piccola squadra, ha la metà dei punti della Roma, ma comunque si chiama Milan e aveva fiducia dopo la qualificazione in Champions. La Roma ha dominato la gara, ma ha avuto un solo difetto: non l’ha chiusa. E se andiamo a vedere, per fare il due c’è voluto un errore del portiere del Milan di quelli clamorosi. La Roma non ha avuto un calo fisico, perchè negli ultimi dieci minuti è tornata a dominare, io penso sia più una questione tattica, perchè ogni volta che è andata in vantaggio si difendeva e manteneva il vantaggio. Stavolta è andata male.”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Per troppi momenti la Roma ha avuto la partita in mano e non ha saputo sfruttarla. Direi che è una Roma deludente, non troppo perchè a San Siro ci poteva stare, ma mi è sembrata una squadra troppo sotto tono.”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “Io raramente ho visto la Roma dominare così a San Siro, e anche se non è il grande Milan di un tempo, ha sempre giocatori temibili. A me la prestazione è piaciuta, è sembrata una squadra in salute con dei limiti. Limiti che possono essere colmati nel mercato di gennaio, perchè due acquisti servono. Se la Juve continua così, bisognerà battergli le mani. Maicon è in flessione da tempo, non ha il dinamismo che serve ad un terzino. Dodò ha fatto passi da gigante, ma non ha imparato ancora come ci si comporta all’interno dell’area di rigore. Se entrano Burdisso e Bradley il valore della squadra cala. Totti? Se Garcia vuole recuperarlo, gli vanno dati dei minuti anche a costo di vederlo non al 100%. Destro contro la Fiorentina, nonostante il gol, mi sembrava preoccupante, ieri invece ha dati dei segnali confortanti. Lui è l’attaccante ideale per Garcia: lui ha fatto in 70 minuti i gol che ha fatto Borriello in sette presenze. Per me Parolo e D’Ambrosio sono gli acquisti giusti che dovresti fare a gennaio”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “E’ stata una Roma distratta, è un po’ cambiata come tenuta difensiva. Non tutti gli interpreti sono straordinari, se pensiamo a Dodò e Maicon. E poi non ci sono cambi all’altezza. Come non è un cambio Bradley, e non perchè sia uno scarpone, ma non ha i peidi e la qualità necessarie. E poi davanti la coperta è corta: da Ljajic non ti puoi aspettare nente, Borriello lo conosciamo, mentre Totti e Destro stanno come stanno. Devi continuare però a guardare la Juventus, bisogna sempre tenere gli occhi davanti e mai indietro, anche per tenere lontane le inseguitrici. Il vero problema è che per colpa dei cambi, la Roma sta peggio della Juve in questo momento.”

(CONTINUA…)

Articolo precedenteCalciomercato Roma, Di Marzio conferma: «D’Ambrosio andrà al Milan»
Articolo successivoMERCATO ROMA, IL PUNTO – Le ultime notizie sul calciomercato giallorosso

1 commento

  1. Ma che lo fate parlare a fare uno come Focolari che cerca solo di denigrare i giocatori e la Roma per partito preso.Lo leggo da un anno e anche se la Roma domina deve dire che non gli è piaciuta. Ma perchè non segue la sua squadra ridicola o ancora meglio perchè non ritorna a commentare lo sci. INCOMPETENTE

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome