ON AIR – PETRUCCI: “Ora temo le strategie politiche”, BERSANI: “Applausi anche per Sabatini e Baldissoni”, CORSI: “Gervinho è un fenomeno”, MELLI: “Roma superiore a Napoli e Juve”, ROSSI: “Via alle gufate”

0
466

onair2

GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Piero Torri (Tele Radio Stereo):La cosa più bella di Inter – Roma è quell’abbraccio a fine partita tra Rudi Garcia e Totti. La Roma aveva bisogno, dopo allenatori freddi e distaccati, che avevano capito poco Roma, di un allenatore che ha capito subito la città, i romani e i romanisti. Sono convinto che questa squadra non finirà di stupirci”

Riccardo “Galopeira” Angelini (Tele Radio Stereo): “Io non sono riuscito ad andare a Fiumicino. Non vorrei che i giocatori si rilassassero, ma le notizie che mi date mi ha hanno confortato. E comunque sempre meglio  andare a Fiumicino a festeggiare che a Trigoria a contestare.”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Credevamo in questa squadra, ma non immaginavamo che partisse così. Ma di Francesco Totti che cosa dobbiamo dire? E di Gervinho? Questo è un fenomeno, il suo segreto è che non sa nemmeno lui dove sta andando con la palla, figurati il difensore. Ora bisogna stare attenti agli arbitri, ai cartellini gialli, ai rossi. Pensate se la Roma dovesse vincere lo scudetto: questi poveri laziali dimostrerebbero ancora una volta la loro sfiga”

David Rossi (Tele Radio Stereo): “E’ ufficiale: da questa mattina è partita la gufata generale, c’abbiamo i franchi tiratori che ci puntano contro….La Roma ha vinto con una voglia, con un carattere, con una sfrontatezza che abbiamo sempre invidiato alle altre squadre, come l’Inter di Mourinho o la Juve di Conte. Io non me la ricordo una Roma così tosta e determinata. Questa è una squadra che è andata a Milano. Di Gervinho bisognerebbe parlare seriamente, è il traduttore perfetto dell’intenzione della squadra e di Rudi Garcia. La Roma mi è piaciuta di più nel secondo tempo che nel primo tempo: non ha preso un tiro in porta dopo aver fatto tre fischioni a un Inter che doveva essere furibonda. “

Roberto Renga (Radio Radio): “Roma-Napoli al venerdì andrebbe bene alle due squadre, ma il prefetto? Avrà cambiato idea, perchè  ricordo le sue dichiarazioni di qualche tempo fa. Forse la soluzione più semplice è che i tifosi del Napoli non vengano a Roma, e lo stesso faranno i tifosi romanisti nella gara di ritorno. La Roma ha avuto difficoltà solo in due partite, con il Parma e all’inzio del secondo tempo del derby con la Lazio. Per il resto ha sempre dominato. Questa Roma è nata dai no, ad esempio quello di Baldini nel restare, quelli di Allegri e di Mazzarri che hanno permesso di arrivare a Garcia,o  il no di De Rossi all’addio ai giallorossi. “

Franco Melli (Radio Radio): “Io credo che la squadra più forte al momento è la Roma, è la squadra che gioca meglio e che convince di più. Nessuno, nemmeno il romanista più sfegatato, poteva immaginare che potesse fare sette partite così. E’ un fenomeno, un caso più unico che raro che va studiato.  La Roma è entusiasmante e ha anche i fluidi che vanno in una certa direzione: come il rigore che non c’era, il palo di Guarin, o il gol di Ranocchia che si poteva dare. Inutile ormai dire di aspettare, la Roma ha gettato la maschera. Al momento è nettamente superiore a Napoli e Juventus”

Furio Focolari (Radio Radio): “L’unica squadra che ha impensierito la Roma è la Lazio. Il primo tempo ha giocato meglio la Lazio, che ha avuto anche occasioni da gol che non ha avuto nessuno contro la Roma. Poi loro hanno vinto con merito. Nel terzo gol della Roma la giocata di Totti è una cosa normale per lui, la cosa  che non è normale è la posizione di campo in cui era in quel momento. La Roma va rivista in un momento di criticità, ora gli va tutto bene, non ha intoppi e naviga col vento in poppa. I giallorossi giocano il calcio migliore d’Europa”.

Tony Damascelli (Radio Radio): “La Roma gioca come la Juve, con la testa libera e con un allenatore che ha rimesso apposto tutto. Non ricordo partite molli della Roma a San Siro con l’Inter, ha sempre offerto prestazioni superlative e con Totti sempre protagonista. Platini ieri mi ha detto: ‘Totti è il fenomeno migliore in circolazione da quando ho lasciato l’Italia.’ Lui si rivedeva in alcune sue cose in Totti, non nei comportamenti, ma in certe giocate”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Io penso che la Juventus resti la favorita del campionato nonostante le difficoltà che sta affrontando.”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “Io ormai vado tranquillo. Mi siedo e penso: ‘Vediamo quanto ci mette la Roma a fare gol’. Tutta la Roma è stata più bassa del solito. Garcia lo sopravvalutiamo come psicologo e lo sottovalutiamo come tattico. La storia degli abbracci, o dei saggi, sono tutte cavolate. Il segreto della Roma è che ogni partita è preparata alla perfezione. Vedrai che Garcia studierà bene anche Roma Napoli, non ho dubbi”.

Dario Bersani (Tele Radio Stereo): “Adesso anche chi è stato fortemente criticato, come Sabatini e Baldissoni, si sta prendendo i meritati applausi. E’ giusto che sia così. Strootman sabato ha fatto una partita mostruosa, è un giocatore straordinariamente importante per la Roma”.

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Questo è un gruppo di aver dimostrato di aver capito che guai ad abbassare la guardia. Secondo me nemmeno Sabatini si aspettava di aver costruito un gruppo così. Hai trovato un allenatore straordinario con un gruppo di giocatori maturi disposti a seguirlo. Totti è il più grande giocatore italiano di tutti i tempi, non è una bestemmia dirlo. Quello che temo di più sono le strategie di carattere politico, perchè sappiamo che se ti vogliono fermare lo fanno. Roma – Napoli? Deve essere giocata a Roma. Qua nessuno si vuole sporcare le mani, stanno facendo come Ponzio Pilato E’ una prova di debolezza che non possiamo dare.”

(Continua…)

Articolo precedenteDe Sanctis – Roma, nel contratto premio scudetto da 200mila euro
Articolo successivoGIUDICE SPORTIVO: un turno di stop per Balzaretti, Castan entra in diffida

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome