“ON AIR” – ROSSI: “Totti strumentalizzato, lasciamolo in pace”, VALDISERRI: “L’arrivo di Pallotta porterà chiarezza”, DI GIOVAMBATTISTA: “Spalletti lo ha umiliato”, MELLI: “Non è una majorette”, GALOPEIRA: “La riconoscenza non esiste”

29
560

onair2

SPECIALE GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.

Buon divertimento!

Massimo Cecchini (Rete Sport): “Pjanic è cresciuto calcisticamente nella Roma e sta bene nel club capitolino. La sua permanenza nella rosa dipende da come verrà gestito da Spalletti e dal ruolo in cui verrà impiegato. Su Totti, sono tante le cose che non vanno più, prima fra tutte è la carta d’identità. Ma la voglia di calciare un pallone non gli passerà mai”.

Riccardo “Galopeira” Angelini (Rete Sport): “Io mi trovo a disagio a dover parlare di Totti e della Roma. Uno che ha preso la sua carriera e l’ha messa nelle mani della Roma…Nel calcio la riconoscenza non esiste, così come non esiste nella vita. La Roma non potrà tenerlo fino a sessant’anni…perchè se dovesse ridargli quanto ha ricevuto da lui, dovrebbe fargli un contratto a vita! E questo il calcio non lo prevede, come non lo prevede la vita! Non glielo mandate sul cavolo alla gente…Non scrivete “io lo amo però”…Io lo amo e basta! Perchè se fate così li mettete davanti a una scelta, e Totti non se lo merita!”.

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “E’ esploso il caso Totti su tutti i giornali… Tanti mi scrivono che il tifo è spaccato… beh io spero di no. Al di là di quattro cessacchiotti che non vogliono Totti perchè hanno sposato la linea di Baldini-Sabatini-Baldissoni-Pallotta, e cioè di allontanare Totti dalla Roma facendo un favore alla Lazio che per anni non ha avuto capitani… Chi non vede l’ora che Totti se ne vada? I tifosi della Roma che sono con questa dirigenza, e i laziali. Chi vuole Totti alla Roma sono i romanisti, i tifosi della Roma. Noi non siamo scemi, sappiamo che ha 40 anni e saremmo dei cretini a dire a Spalletti che deve far giocare Totti sennò non vale niente…Diciamo soltanto che servirebbe un documento congiunto tra i due dove si possa arrivare tranquillamente alla fine dell’anno, o una conferenza dove tutti e due spiegano come stanno le cose. I tifosi non vogliano né andare contro Spalletti, e meno che meno andare contro la storia della Roma…”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “Totti? Si parla di quello che succede, è normale che i giornali se ne occupino… Nella Roma è venuta a mancare il sentimento dell’empatia. Da questa situazione si può uscire col sorriso di Francesco Totti e James Pallotta. E invece adesso il sorriso è proprio quello che manca. Spalletti su questo tema ha una durezza per me esagerata: mette Totti insieme a De Sanctis e Keita, giocatori che hanno dato un centesimo di quello che ha dato lui alla Roma… Fino ad ora alla Roma non sono riusciti a gestire questo momento drammatico, e cioè la fine della carriera del suo più grande giocatore. Per ora è mancato questo, poi c’è ancora tempo per uscirne. Ma più tempo passa e più la situazione rischia di incancrenirsi. Io penso che l’arrivo di Pallotta porterà chiarezza, sia per quanto riguarda Totti che il futuro di Sabatini.E’ normale che la gente si nutra di questi argomenti, perchè sono queste le grandi domande: Totti deve smettere o no? Dzeko serve non serve? Sabatini è meglio che vada via o è ancora il ds del mondo?”.

David Rossi (Roma Radio): “La Roma battendo il Palermo potrebbe recuperare qualche punto alla Fiorentina, che giocherà a Bergamo e non avrà quindi vita facile. Attenzione però ai siciliani: col ritorno di Iachini sarà una gara più insidiosa. In questo mini-ciclo di tre partite la Roma può fare davvero qualcosa di importante per il terzo posto, potrebbe non solo prenderlo, ma addirittura sigillarlo. Ridarebbe una dimensione più decorosa al suo campionato, rimetterebbe le cose su un binario accettabile. Totti? Viene sfruttato da certi personaggi per attaccare la società, è questo il destino di Francesco. Lui è stato il più grande giocatore della storia del calcio del dopoguerra, e uno dei primi dieci in assoluto. A me sembra che lui viva questa situazione con grande dignità. Ha fatto una battuta, ma l’ha sempre fatto…non usate quello che vi pare a voi per strumentalizzarlo. Lasciamo gestire questa cosa a Totti e Pallotta, decideranno loro con serenità. Giù le mani da Totti, lasciatelo in pace. Aiutiamolo a gestire con tranquillità questa parte della sua vita professionale, merita di viverla con rispetto. Diamo tutti il nostro contributo, da adesso”.

Daniele Lo Monaco (Rete Sport): “Preferisco non parlare di Francesco Totti finchè lui e Pallotta non avranno preso una decisione. Qualsiasi cosa verrà stabilita dovrà essere un decisione concordata, il capitano e il presidente dovranno uscire con il sorriso sulle labbra dagli uffici di Trigoria. Francesco merita solo sorrisi, sorrisi e ringraziamenti per quello che ci ha regalato per 25 anni. Parlare eccessivamente di questa situazione rischia di renderla troppo pesante e di rovinare anche il futuro. Francesco è stato il protagonista della vita dei tifosi, e credo che anche in questo caso, per quello che riguarda questa decisione, debba continuare ad essere lui il protagonista”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Totti è una persona d’oro e andrebbe trattato bene. Spalletti ci dovrebbe spiegare perchè umiliarlo facendolo entrare sul due a zero per il Real e a pochi minuti dalla fine…ma che senso c’ha…”

Xavier Jacobelli (Radio Radio): “Totti non ha bisogno di alcun consiglio, spetta a lui decidere cosa fare e a nessun altro. Io non credo che Spalletti lo abbia voluto umiliare con quella sostituzione a pochi minuti dalla fine. Io penso che gli abbia voluto fare un omaggio. Io sono certo che alla gara di ritorno il Bernabeu si alzerà in piedi per applaudire quello che è un mito del calcio mondiale”.

Franco Melli (Radio Radio): “Io nella sostituzione di Totti non c’ho visto nulla di strano, l’ha trattato come un giocatore qualsiasi, uno dell’organico. E questo è molto brutto…Io credo che un grande campione non possa finire in questo modo, a fare la “majorette”.  Totti ne ricaverà le conseguenze che vuole, ma io credo che un campione com’è stato lui non può finire in questo modo. Al posto di Totti, otto campioni su dieci si sarebbe rifiutati di entrare… Roma-Palermo? Il ritorno di Iachini aumenta un pochino le misere chance dei rosanero… Roma favorita, ma non la vedo scontata come sembrerebbe. Servirà una Roma discreta…è vero che viene da 4 vittorie, ma sono state complicate… Il Palermo vale la Samp, che ha rischiato di pareggiare all’Olimpico…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Totti si sta comportando benissimo, e non ho consigli da dargli. Lui e De Rossi non si lasciarono benissimo con Spalletti, e i rapporti alla base non erano già perfetti. Per quanto riguarda i tre minuti in cui è entrato, Spalletti poteva evitare di farlo entrare quando ha visto il gol del due a zero. Io non so se merita di giocare, perchè non gioca mai… Non escluderei che possa giocare contro il Palermo: se viene trattato come giocatore, potrebbe anche lui essere preso in considerazione. Anche se non avendo giocato mai, mancherebbe completamente del ritmo partita e non lo si potrebbe giudicare. Il Palermo? Sarà molto concentrato, ma non vedo come ne possa uscire… La Roma è una squadra in crescendo, non vedo speranze per i rosanero…”.

Dario Bersani (Tele Radio Stereo): “Dzeko fa le doppiette e le triplette solo in allenamento, poi quando va in campo non la becca mai…Speriamo che col Palermo possa mostrare questi suoi progresso…è arrivato il momento di vederlo efficace in zona gol. La Roma troverò un Palermo decimato dalle assenze, ma finalmente per loro con un allenatore. Iachini è un bravo tecnico, ha messo in vetrina ottimi giocatori e torna a in Sicilia per portare quei punti che darebbero la salvezza alla squadra”.

CONTINUA…

Articolo precedenteTRIGORIA: personalizzato per Strootman, out De Rossi
Articolo successivoLamela: “Seguo sempre la Roma, ho il cuore giallorosso”

29 Commenti

  1. Stanno montando un caso Totti che non esiste. Totti e’ un campione e sara’ per sempre un emblema della nostra Roma, ma decide sempre l’allenatore e un giocatore per quanto grande sia non potra’ mai essere piu’ importante del club stesso.

    • Poi quando non sanno che dire, danno del laziale a tutti senza spiegare il perché.
      E’ il classico gioco di quando non hanno argomenti.

      Mi spiegasse qualcuno dei pollici versi cosa c’entra la dirigenza laziale con Totti, che se va via fa un favore alla lazio. Per quale motivo? ahhh la bandiera…. a sto punto il problema sarà lo stesso quando di anni ne avrà 45 giusto? se il problema è la bandiera….

      Non ha ne capo ne cosa sta cosa. Io penso che chi è triste quando i laziali sono tristi, (perché la roma vince) e felice quando la roma perde esattamente come lo sono i laziali, ecco quello è daa lazie, e ho spiegato il perché.

      Detto questo ripeto che Totti per una delle sue innumerevoli battute viene usato per scopi infimi e c’è il rischio che lasci pure disgustato, per colpa loro.

  2. questi Grandi Amici della A.S.ROMA alimentano il “caso Totti”,che e’l’ennesima pataccata destabilizzante basata sul NULLA. Totti fa parte della Prima Squadra,la Prima Squadra e’gestita da Spalletti,e Spalletti manda in campo l’Undici che crede. Punto e Basta.

  3. Creano il caso sulla stampa e poi ne parlano alla radio. Fanno finta che siano due cose separate, ma la regia è congiunta, e non a caso più o meno tutti i giornalisti della carta stampata intervengono alle radio. I giornali ormai servono a questo, a creare l’argomento di discussione per la radio. Il palinsesto lo curano in maniera congiunta. Marione sono anni che spara sugli americani che vogliono la Roma deromanizzata, e al tempo stesso masssacra De Rossi e ultimamente pure Florenzi. Oggi addirittura ritira fuori Baldini. Non sa più cosa inventarsi e si sta attorcigliando su se stesso, sta sparando le ultime cartucce. Attendiamo fiduciosi.

  4. Nella sua Solenne Seriosita’,mi fa ridere Valdiserri: “la gente si nutre di questi argomenti”…[email protected] gigantesca: “la gente” sono pure io,e a me di questi “argomenti” non me ne frega una Beneamata Mazza.

  5. Qualcuno può spiegarmi perchè entrare a 4 minuti dalla fine è umiliante…Le partite si vincono o perdono anche al 94…se io allenatore penso che TOTTI possa avere una occasione di farmi gol perchè non dovrei farlo entrare gli ultimi 5 minuti…. bho?
    Altafini entrava gli ultimi minuti e segnava….poi Totti prende sempre qualche milione di euro per stare a disposizione del mister non è che sta li gratis…

  6. Cari giornalai, gufi laziali, trombati di professione, ormai non avete più scampo. La famosa gente non abbocca più, cambiate tattica, fate comunque schifo. Grande Capitano, forza Roma.

  7. Fa sorridere questa tecnica per avere argomenti in radio di cui parlare, ma del resto ci sono molte radio che parlano di As Roma tutto il giorno, ogni giorno, ed e’ impossibile che ogni giorno ci sia qualcosa di cui parlare, per cui da un articoletto si monta un caso sul nulla, ripreso da tutte le radio. Io personalmente le ascoltavo, soprattutto quando c’e’ il calciomercato estivo… ma da quando c’e’ giallorossi.net ho smesso… disintossicatevi fratelli romanisti, mandiamoli a fare un lavoro vero a questi qui…

  8. …premesso che Totti è giusto che smetta, e che questa sia solo una polemica strumentale dei giornali/radio…è bello leggere commenti dove si antepone la Roma (giustamente ) al più grande calciatore degli ultimi 2500 anni, soprattutto commenti di chi antepone le plusvalenze del Sabba ai risultati sportivi della stessa Roma….Forza Roma e un saluto ai Romanisti veri…

  9. e quindi secondo corsi se io sono un tifoso della roma devo essere contro questa società! ahhhhh…tana pe mario! tutti i pretesti so buoni pe andare contro pallotta. ma poi tutta sta storia su 4 minuti finali….è stata al 90% l’ultima partita in champions in casa del capitano…perchè non farlo entrare? penso che spalletti e totti da persone mature tra di loro si siano già parlate. qui si fa fuffa!!!!

  10. forse la rubentus ha mancato di rispetto a delpiero non certo la roma a totti, a 39 contratto gli ha fatto un contratto da 2,5mln netti annui….
    e francamente nella prima partita giocata dopo esser rientrato dai 3 mesi di infortunio muscolare mi è sembrato atleticamente molto indietro.

  11. Attenzione perché c’è chi usa Totti,con un falsissimo amore verso di lui.
    Per andare contro a questa Roma.
    Inutili dirvi che e’ gente sgamata e super sgamata da un bel pezzo.

  12. Un giocatore che tiene alla propria squadra, o meglio, all’interesse comune, si avvicinava al giornalista di turno e dava risposte in merito alla partita, invece così non è stato, la risposta del capitano con quel ” che ce fai con me”, ha dato adito a chiunque vuole il male di questa società di creare polemiche, pertanto Totti ha sbagliato, pensando prima a se stesso e poi alla ROMA..

  13. Sono 25anni,che sputano sul capitano……ora ci si mette il tifoso…..e pensare che quello stesso tifoso,esultava ogni qualvolta il capitano segnava…..vedo tanti pollici versi su chi lo esalta ancora….debbo pensare che qui ci siano tanti sbiaditi…..vedrai mio caro capitano,quanti di questi esalteranno le tue gesta ,quando comunicherai il tuo ritiro…..il mondo è stupendo…..peccato che sia popolato da creature indegne…..onore a te mio capitano……ieri,oggi,domani…..

  14. Ciò che duce marione è tanto vero che il suo pensiero coincide perfettamente con quello di Di Giovanbattista, di Melli e di Renga. Poi dà del laziale agli altri. Che spasso che è ‘st’omo.

  15. Grazie Zanna…io scrivo pure un sacco de’[email protected],ma almeno non sono pagato per farlo. E comunque mi sento parte di una Tifoseria che per me e’ “tutta”,vorrei che finisse questa divisione “Scimmiette Ammaestrate”(delle quali faccio parte)-“Idiots”….tutti abbiamo il Diritto alla Roma

  16. Un tempo, quando gli ultras tifavano la Roma, ogni volta che sta gente alzava troppo la cresta, partivano gli striscioni di avvertimento…diciamo cosi. E il giorno dopo per radio abbassavano tutti la cresta. Per gli attuali ultras invece la Roma non è più il primo pensiero, è scesa nella scala delle loro priorità. E questi se ne approfittano. Il giorno che torneremo ad avere una tifoseria seria, questa gente ricomincerà a darsi una regolata.

  17. Ragazzi lasciamoli parlare!! E’ chiarissimo che NON rappresentano nessuno e specialmente NON hanno notizie (che si possano definire tali) da fonti certe ed informate. La Società stessa per prima li snobba, quindi perché noi tifosi ci dovremmo discutere sopra e farci sangue amaro con questi “tipastri” pieni di rancori? Utilizziamo questo spazio come comune blog generale per parlare tra noi, che davvero abbiamo a cuore la nostra Amata Roma.

  18. Ma stika a me sti poracci manco li leggo piu’ e a sentilli manco posto sto ar confino annassero affa m hanna ca kato er ka zzozzoni che nun so artro

    ME ABBASTA L 1-0 SU RIGORE IN FORIGGIOCO FORI DALL AREA VOIO LA “QUINTA DE SPALLETTI” E VOIO ARIVA’ ALLE “17 DE SPALLETTI” TUTTI 1 A 0 RUBBATIIIIII!!!!!!

    Poi vedemo….

  19. Ma perché tutti a parlà della frase de Totti, delle sue angosce dello sguardo di Spalletti quando ha detto quella cosa al giornaliata spagnolo. Perché tutte ste storie quando non è vero niente, anche qui ieri abbiamo visto il video di Totti che lascia l stadio e non succede niente di quello che è stato scritto

  20. Premesso che Totti é stata la motivazione che da pischello mi ha spinto a tifare Roma, premesso che non esisterà mai più un giocatore simile, premesso che sarà lutto nazionale il giorno della sua ultima partita, premessa tutta una serie di cose per cui non basterebbe un romanzo, basta con sta menzogna che tra la società e Totti il secondo é quello che ha dato e non ricevuto. Da nessun’altra parte sarebbe ancora in attività, in nessun’altra squadra sarebbe stato titolare inamovibile per 20 anni e non avrebbe guadagnato i milioni che ha intascato e che ancora intasca. Lo stesso Del Piero, che qualcosina ha fatto vincere alla sua società, idem i vari Xavi, Zanetti, Maldini, Raul, Giggs, Scholes, Gerrard hanno finito la carriera molto prima e dando davvero qualcosa alle rispettive società: parlo di Champions, Scudetti e Coppe.

  21. Chiudere subito ste radio e cacciá subito sti pseudo giornalisti!!!!! Solo così possono stare tranquilli i giocatori e i tifosi!!!! Quando a Roma le cose si iniziano a mettere meglio devono buttá fango così la lobby dei privilegiati della As Roma rimane salda. VIAAAAAA!!!!!

  22. Credo che la riconoscenza sia un termine che pochi anno la capacità di riconoscer e, seguo la Roma da sempre e ricordo la roma prima di Totti, per cui se qualcuno vuole fare dei confronti possiamo vedere gli ultimi 40 anni di Roma , le posizioni in classifica dei primi e i secondi 20 anni,molti hanno la memoria corta.Per quanto riguardo agli stipendi Francesco Totti e forse tra i pochi giocatori a Roma che li ha meritati

  23. Ve lo dicevo da un pezzo…!!!!
    stanno cercando una maniglia ancora una volta per aprire la porta dell’inferno.
    Presto partira’ (anzi mi sembra ben avviata) la campagna di demolizione di Spalletti. Ci avrei scommesso 1000 euro !!!! Non so se piangere o ridere.
    Buffoni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome