ON AIR – PETRUCCI: ”Roma – Parma è come una finale Champions”, VALDISERRI: ”Può decidere la stagione”, CORSI: “I lupi li massacreranno”, MELLI: ”Juve a pezzi, rimonta possibile”, ROSSI: ”Oggi mi aspetto la sorpresa Ljajic”

0
88

onair2

SPECIALE GIALLOROSSI.NET – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore.
Buon divertimento!

Ugo Trani (Rete Sport): “Questa sera sembra che la formazione sia scontata, ma è proprio in queste occasioni che mi aspetto una sorpresa. Magari potremmo vedere la Roma con un 4-2-3-1 con Florenzi nelle vesti di trequartista o magari Dodò partirà da titolare. Non riesco ad inquadrare Ljajic. Purtroppo per lui, in questo momento non può trovare spazio con un Destro che segna sempre.”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Il Parma ha preso la sveglia con la Lazio, e questo dimostra che sono una squadra di pippe al sugo. Senza Cassano e Paletta, il Parma rimane nudo alla mercè dei lupi, che lo massacreranno. Stasera è come una finale, Garcia fa bene a dirlo. La Juve ne ha perse solo due in questo campionato, ma di crolli inaspettati in passati ne abbiamo visti”. 

David Rossi (Tele Radio Stereo): “Partita che nasconde tante insidie quella di oggi. Se la Roma riuscisse ad andare in scia alla Juventus, e arrivasse a 5-6 punti, a me sta differenza straordinaria non mi appare. Tolte le considerazioni che si possono fare sugli aiuti arbitrali, a quel punto o è una squadra straordinaria anche la Roma, oppure non è così straordinaria la Juve. Se la Roma arrivasse a novanta punti e non vincesse lo scudetto, s’annamo ad ammazzà… Oggi mi aspetto la sorpresa Ljajic, non dal primo minuto, ma a gara in corso: potrebbe entrare nel caso la partita non si fosse sbloccata, o se le cose andassero bene per far rifiatare Totti”

Francesca Ferrazza (Tele Radio Stereo): “Secondo me Garcia non crede allo scudetto, ma anche dimezzare il distacco dalla Juve a livello di immagine sarebbe comunque un bel segnale. Sarebbero punti che recuperi anche in vista del prossimo anno, parlo a livello psicologico. Se oggi ci può essere una sorpresa nella formazione di oggi, quella sorpresa può essere Bastos”.

Furio Focolari (Radio Radio): “Gervinho è bravo, è un giocatore da sei e mezzo, addirittura sette…ma non è in assoluto un grande giocatore. Sbaglia dei gol pazzeschi, si intruppa da solo…ma voi tra Benatia, Strootman, Pjanic, Totti, De Rossi e Gervinho, ma chi cedereste? Eddai, su…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio)“Gervinho non sta nei primi 50 giocatori del mondo, e questo la dice tutta. E’ un buon giocatore ma niente di più. La Roma per fare la Champions deve cambiare diverse cose nella rosa, perché a Sassuolo ha sofferto, mentre un Barcellona qualsiasi avrebbe vinto 6-0”

Roberto Renga (Radio Radio)“Quest’anno c’è solo un giocatore che ha fatto la differenza nella Roma e si chiama Francesco Totti. Lo dicono i numeri. Con il Capitano in campo è un’altra Roma, senza è una squadra diversa. Gervinho è andato oltre le aspettative. E’ un giocatore anarchico che nell’Arsenal dove tutto è organizzato andava male ed anche i tifosi lo dicevano. Qui ha trovato l’allenatore che lo conosce meglio di tutti che gli consente di fare quello che vuole in campo, e questo lo fa rendere di più”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Arrendetevi tutti e pentitevi. Gervinho vi ha fatto vedere quelle cose che nessuno di voi aveva previsto. Un gran bel giocatore, uno che spacca le difese avversarie, è una furia. E poi è uno che fa segnare i compagni. Se segnasse un po’ di più sarebbe un fenomeno”

Franco Melli (Radio Radio): “La Juventus sta a pezzi, io credo che una rimonta della Roma è ancora possibile.”

Luca Valdiserri (Rete Sport): “Stasera servirà anche il pubblico. Il Parma avrà assenze pesanti. Questa è una partita importantissima, che può decidere una stagione. Se non la vinci, si ammoscia un po’ tutto. Garcia penso che preferisca avere 4 giocatori non top player ma che gli piacciono, e tenere tutti quelli che ha. Su Pjanic, Benatia, Strootman, Naingglan non ha dubbi: non vuole la partenza di questi giocatori, anche se avesse la rassicurazione che Sabatini gliene prenderebbe altri bravi al loro posto.”

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Garcia lo ha ammesso, quella di oggi è una sorta di finale Champions per la Roma. Se andasse a nove punti dal Napoli, non basterebbe perdere tre volte nelle prossime sette partite per farsi recuperare dai partenopei. Pjanic? Non darei mai il mio assenso alla sua cessione. Certo, poi è la società che fa le sue valutazioni, ma sostituire un giocatore di quel livello sarebbe molto complicato. Bastos mi era sembrato moscio, spero che questo gol lo abbia sbloccato. Mi dicono che in allenamento faccia delle cose mostruose, che è un giocatore fantastico dal punto di vista tecnico”.

Dario Bersani (Tele Radio Stereo): “Se quello di stasera non è un match point stasera, gli somiglia molto”.

Angelo Di Livio (Radio Manà Manà Sport): ”La nota inaspettata che ha dato la svolta di questa stagione, è sicuramente Rudi Garcia. Non era semplice trasformare questa squadra come ha fatto il tecnico francese. Per quanto riguarda la coppia difensiva, Benatia è più forte fisicamente, ma Castan è superiore sul livello tecnico.”

Max Leggeri (Radio Manà Manà Sport)“La vera sorpresa del campionato della Roma è Gervinho. Maicon, sapevamo fosse un grande giocatore; così come potevamo immaginare che ci potesse essere un riscatto da parte di Pjanic. Stesso discorso va fatto per Rudi Garcia: il tecnico non può essere considerato una sorpresa, perché in Francia ha vinto campionato e coppa. Voglio menzionare due giocatori su tutti: Torosidis e Taddei.”

(CONTINUA…)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome