PEREZ: “Nel calcio di oggi sei un prodotto. Non mi pento di nulla, sono alla Roma grazie al Barça”

23
1663

AS ROMA NEWS – Intervistato dall’emittente radiofonica “Radio Catalunya“, Carles Perez ha parlato del suo passaggio dal Barcellona alla Roma nella finestra invernale di mercato:

“Non mi pento di nulla. Sono grato al Barça. Se oggi sono a Roma, è per loro. Non mi hanno dato le spiegazioni che pensassi mi avrebbero dato.

Nel mondo del calcio sei un prodotto. Ho detto ‘no’ a molte offerte perché sapevo quello che volevo. E ho ottenuto quello che volevo da giovane e mi hanno ceduto. Non succede nulla”.

Fonte: Radio Catalunya

23 Commenti

  1. Se effettivamente ha pronunciato questa frase devo ammettere che é parecchio intelligente e soprattutto molto schietto considerando l età. 👏🏻👏🏻

    • La sua schiettezza è oltretutto moltiplicata proprio perché rivolta, attraverso la radio spagnola, alla sua ex squadra. Ottimo acquisto, lo ripeto fino alla fine

  2. Perez e’ la dimostrazione che quando hai delle capacita la voglia e sopratutto la mentalita per emergere, lo dimostri subito in campo e non c’ e da aspettare niente e nessuno,come e’ avvenuto del resto anche con Zaniolo. Quando si dice che questo o quel giocatore e’ ancora giovane e bisogna aspettare che maturi mi viene da ridere, nel calcio o sei o non sei, o altrimenti si rimane sempre un’ eterno incompiuto non ci sono vie di mezzo’.Di mezzi giocatori diventati fenomeni ancora non ne ho visti!

    • Con i giovani qualche volta può darsi che non siano ancora del tutto fisicamente pronti.
      In questi casi, bisogna aspettare che lo diventino.
      Penso a giocatori come Drogba o Luca Toni che hanno fatto il salto decisivo attorno ai 25/26 anni.
      Non erano scarsi prima ma niente di che…

      Zaniolo e Perez sono pur essendo giovani già molto forti fisicamente e questo aiuta parecchio.

    • Dijelo a chi aspetta i vari Pellegrini… I Mickyttttraian… I Schick ecc… Ma tanto io non capisco nulla di calcio e dei giocatori! Bah! Forza Roma! C.Perez? Ottimo giocatore! Ottime prospettive… Ottime dichiarazioni… = Serietà e professionalità! Benvenuto! P.s. D’accordissimo con te Stefano!

    • Henrikh Mkhitaryan – 21/gen/1989 (31 anni). Per i trofei vinti cerca su google. Magari prima de sparà caxxate può essere utile accendere il cervello

    • Criptico… Vatte a legge quello che ha fatto per La Roma… Io tifo Roma… Poi… Se proprio vuoi… Campione d’Ucraina per 3 volte… Grande Campionato!!! Campione d’Armenia per 5 volte!!! Grande Storia Calcistica L’Armenia!!! Giocatore dell’anno 9 volte… Sempre in Armenia… Praticamente le più rilevanti sono le 3 Coppe Nazionali (Pari alla coppa Italia) Vinte in Inghilterra e Germania… Ha vinto più mio Nipote che c’ha quasi 12 anni nella Squadra “di Rione” (ovviamente non posso specificare)… Ciò per dirti, che conta più un campionato di esordienti Italiano che uno o più Campionati (o titoli) in Armenia! Ma fai un pò come vuoi! Tanto io sparo solo caxxate! Nel frattempo “mai così male negli ultimi dieci anni”… vai vai… fettelo un giretto per “google”… O forse è meglio di no!

    • Io non vi capisco proprio, ma volete veramente una Roma con questi giocatori mezzi fradici che se fanno l’anno in infermeria e ricicciano fuori ogni tanto? c’ha ragione linus pure su mxitaryan, che se ha vinto qualcosa l’ha vinta gran parte in armenia dove il calcio conta poco e niente e quello che ha fatto con b.dortmund e altre squadre a noi cosa importa. Tralasciando la sfortuna che di sicuro ha inciso, cosa hanno fatto questi altri? per me conta solo la Roma. Spero che recupera presto almeno diawara e che perez si confermi quello che ha già fatto vedere e subito.

  3. Stefano 55,mi permetto di dissentire.. Ogni calciatore ha bisogno dei suoi tempi..potrei farti una miriade di esempi che contrastano la tua tesi.. Spero che under non lo svendano perché secondo me rientra in questa categoria di calciatori.

    • Concordo con te, Evangelista. Under secondo me ha dei colpi che pochi al mondo a quell’età hanno, la capacità di calciare in porta è da top player così come la velocità. Dispiace che molto spesso sia assente o fuori dal contesto, probabilmente è già con la testa altrove (da un paio d’anni), spero comunque che non venga svenduto, per evitare di rimpiangerlo come Salah.

  4. L’ Evangelista,bisogna vedere quanto sono lunghi questi tempi! Under non e’ arrivato ieri io inoltre ho solo voluto far notare le differenze tra Perez e appunto Under o anche Kluivert.In due partite lo spagnolo si e’ guadagnato dei consensi che il turco e l’ olandese non hanno avuto in due anni.Comunque e’ mia opinione che se andra via dalla Roma Under cadra nell’ anonimato e sara solo uno dei tanti, e’ stato trattato da fenomeno ( vista la cifra richiesta) ma in realta e’ un giocatore nella norma e nulla piu! Poi fammi un’ esempio tra i tanti che tu dici che da immaturo sia diventato un fenomeno…… bada bene che per fenomeno intendo un giocatore che abbia doti da trasmettere alla squadra che gli altri non hanno sia in campo che fuori! E a me non pare che anche in futuro Under possa avere questi requisiti, poi per carita puo’ succedere tutto…..

  5. Ste, pirlo? Ma anche toni.. Poi per quanto riguarda under secondo me è una seconda punta, non un esterno di fascia.. Opinione personale

  6. Intanto bisogna dire che alcuni giocatori “esplodono” con moduli di gioco che ne esaltano le caratteristiche. Se ne hanno ovviamente.
    La squadra, e come gioca, esalta le qualità del singolo. Perché non è un luogo comune che il calcio sia uno sport di squadra. E’ vero.

    Un giocatore veloce, messo in una squadra che sfrutta molto le ripartenze, si mette molto in evidenza.
    Messo dove deve manovrare, se non ha anche piedi buoni e disciplina tattica, si perde.
    Vedi, ad esempio, Iturbe.

    Un centrale che ha innato senso della posizione, fisico, struttura, ma che difetta di velocità, messo in una squadra che difende alto va in difficoltà.

    E così via… ogni ruolo ha le sue caratteristiche.

    A volte un giocatore “giovane” sembra molto avanti per l’età, perché nella squadra in cui gioca le sue caratteristiche sono esaltate. Cambia squadra o allenatore e ecco che si perde. Quante volte è successo?

    Poi ci sono ruolo che oggettivamente necessitano di un carisma che a 20 anni è di pochissimi.
    Il regista basso ad esempio, è raro che si vedano giocatori di ventanni in grado di esprimersi al meglio. Più facile che si arrivi a quel ruolo dopo averne ricoperti altri, più di corsa e meno di responsabilità.

    E così sembra che un giocatore “maturi” con l’età. E è così, ma semplicemente perché per sposare al meglio qualità tecniche fisiche e compiti in certe zone del campo, serve maturare esperienza.

    In genere sono i giocatori della linea centrale: il vecchio “libero”, il mediano davanti alla difesa, il regista, il centravanti. In questi ruoli l’esperienza fa il giocatore. Molto.

    Quanti giocatori in questi ruoli migliorano col tempo?
    Sempre stati forti, ma in età diventano fortissimi.

    Diamo tempo.

  7. A me sto perez inizia a piacere.
    In campo sta dimostrando gia qualcosa e non mi sembra uno che parla tanto per.
    Se continua a dimostrare tutte le sue qualita’ e non si perde la roma potrebbe aver fatto davvero un bel colpo.

  8. Plebiscito per Perez e io sono d’ accordo. Una domanda: forse avete esagerato con le critiche a Petrachi per il mercato di Gennaio?

  9. Per arrivare a un livello di qualita ‘9/10 devi partire gia’ da un quoziente 7/8 cioe con poco margine di miglioramento. Se parti da 5/6 sara ‘ molto difficile arrivare al top,anche per il passare degli anni che influenzano le prestazioni.Uno come Perez che parte da un livello 7/8 per arrivare a diventare un’ ottimo profilo ha sicuramente bisogno di meno tempo di un giocatore che parte da parametri inferiori.Facciamo l’ esempio di Pellegrini,arrivato dal Sassuolo io di miglioramenti non ne ho visti anzi….quindi cosa si puo sperare di meglio? Per Under e Kluivert e’ lo stesso ,dopo due anni avrebbero dovuto gia fare dei progressi notevoli, che sinceramente tranne raramente non si sono visti,adesso che diventino fenomeni tutto in una volta ho molti dubbi!

  10. Su Perez mi devo ricredere,è un giocatore importante in questa Roma,tatticamente è superiore a Under…per i colpi balistici di Under (la botta in porta, “imprevedibile”da fermo o in corsa) non saprei,aspettiamo…

  11. Calciatore importante perché non un semplice esterno come tanti, mi sembra che ha la personalità e la capacità di giocare anche in mezzo al campo

  12. Ci sono giocatori che hanno fatto pronti via una/due stagioni da fenomeni poi sono spariti (esempio Scuffet che sembrava un predestinato adesso sta giocando allo Spezia) altri che a grandi livelli arrivano tardi (esempio Ilicic o Toloi che prima dell’Atalanta non sembravano giocatori che potevano arrivare a giocare in champions)
    A volte per esprimersi al meglio un giocatore deve trovarsi nel contesto giusto poi chiaro ci devono essere di base le doti e la voglia di imporsi

  13. Il ragazzo ancora non ha fatto nulla ma sicuramente si vede che sa giocare a pallone, cosa che sa fare benissimo anche Under ma adesso viene criticato molto. Spero possa restare il turco perché è davvero forte, è stato sfortunato con gli infortuni, come del resto tutta la Roma.
    Tornando allo spagnolo mii piace la frase “SONO ALLA ROMA GRAZIE AL BARCELLONA” questo è quello che vedono all’estero, questo è quello che alcuni (per fortuna pochi) non vedono a Roma.
    Lo ripeto da molto, questo club ha raggiunto uno spessore internazionale, ma ora effettivamente serve vincere qualcosa perché sono passati troppi anni.
    FORZA ROMA

  14. Questo ragazzo sembra un buonissimo calciatore, tecnicamente lo è certamente, speriamo abbia anche una preparazione mentale adeguata per stare ad alti livelli.
    Ora son curioso di vedere Ibanez (voluto anche da Sabatini, un gran scopritore di talenti) e Villar che però deve ingrassare qualche kg, ora pesa come il catalogo dell’Ikea.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome