Primavera, la Roma di De Rossi perde il derby con la Lazio (1-2)

0
494

albertoderossi.2jpg

PRIMAVERA, ROMA – LAZIO 1-2 (Giallorossi.net) – Finisce con una cocente sconfitta per i giallorossi il derby primavera tra la Roma e la Lazio. I ragazzi di Alberto De Rossi, che schierano dal primo minuto il giovane talento Di Mariano, aggregato alla prima squadra per la trasferta di Udine, partono meglio dei cugini di pari età e vanno a procurarsi subito il rigore del vantaggio grazie ad un’azione insistita proprio di Di Mariano, messo giù platealmente dal difensore laziale Pollace. Dagli undici metri va lo stesso Di Mariano e realizza con una certa freddezza il gol del vantaggio giallorosso (19′), pur essendo costretto a ripetere l’esecuzione  dal direttore di gara.

La Roma trova coraggio dal gol del suo giocatore migliore, e continua a creare occasioni da gol: prima Trani e poi Battaglia vanno vicini al raddoppio. La Lazio prova una reazione concreta solo nel finale di frazione, e va vicina al pari grazie ad una bella punizione di Elez, parata da Proietti Gaffi.

Nella ripresa però tutto si ribalta nel giro di pochi minuti. E pensare che l’inizio del secondo tempo è ancora tutto di marca giallorossa. La squadra di De Rossi spinge alla ricerca del secondo gol, i ritmi salgono, ma Ferri prima e Mazzitelli poi non riescono a chiudere la gara. Ecco allora l’episodio che non ti aspetti: al minuto 24′ della ripresa l’arbitro giudica falloso un contatto tra il difensore romanista Boldor e Fiore in piena area di rigore. Dagli undici metri Elez realizza con un pregevole tocco sotto il gol del pareggio.

Da quel momento la partita cambia aspetto: i ragazzi di De Rossi paiono innervosirsi per le occasioni mancate, mentre la Lazio sembra rinfrancata e più sicura di sè. Passano appena cinque minuti e Keita, entrato ad inizio del secondo tempo, offre a Serpieri la palla del clamoroso soprasso. E’ una botta terribile per la Roma, che accusa il colpo e rischia anche di incassare il terzo gol. All’ottantacinquesimo l’arbitro espelle Ilari per un’entrata piuttosto dura su Sammartino e la Lazio resta in dieci uomini. La Roma inizia un forcing sterile che porta Ferri vicino al gol, ma Strakosha dice no. Finisce così 2 a 1 per i ragazzi di Bollini, ma chissà quanti rimpianti avranno stasera Di Mariano e compagni.

Il tabellino della gara:

ROMA: Proietti Gaffi; Balasa (48′ pt Capradossi), Boldor, Somma, Sammartino; Pellegrini, Battaglia, Mazzitelli; Ferri, Di Mariano (71′ Verde), Trani (76′ Musto).
A disp.: Zonfrilli, Calabresi, Montefalcone, Masciangelo, Adamo, Shahinas, Cedric, Utzeri, Vina.
All.: A. De Rossi.

LAZIO: Strakosha; Pollace, Filippini, Ilari, Serpieri; Crecco, Elez, Oikonomidis (81′ Murgia); Lombardi, Fiore, Paterni (46′ Keita).
A disp.: Guerrieri, De Angelis, Fè, Costalunga, Mattia, Perocchi, Sterpone, Pace, Steri, Milani, Palombi,
All.: Bollini.

Arbitro: Baroni di Firenze. Assistenti: Croce e Pignone.

Reti: 20′ rig. Di Mariano, 67′ rig. Elez, 75′ Serpieri

Note: ammoniti Mazzitelli (R), Pollace (L), Balasa (R), Lombardi (L), Pellegrini (R). Espulso all’85 Ilari (L) per gioco pericoloso. Recupero 4′ pt, 6′ st.

Articolo precedenteON AIR – LENGUA: «Sabatini era arrabbiatissimo per il commento di Sky», CORSI: «Stavolta sto con lui», D’UBALDO: «Con Garcia nulla è lasciato al caso», ASPRI: «Ma teme il calo fisico», FOCOLARI: «Jedvaj? Garcia non ci pensa proprio»
Articolo successivoGervinho: «La Roma è un sogno, e Garcia è come un padre per me»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome