R. Sensi: “Vincere a Roma è ancora più bello. Ora seguo il calcio da tifosa”

0
367

rosella-sensi2

AS ROMA NEWS (RADIO CRC) – L’ex presidente della Roma Rosella Sensi ha parlato del felice momento in casa giallorossa. Queste le sue parole: “Sono contenta che la Roma sia prima in classifica. E mi fa piacere anche il Napoli stia facendo bene. Questo è un campionato divertente e meno scontato degli altri”.

Su Garcia: “Garcia è bravo e capace di gestire un gruppo che sta dimostrando il proprio valore. La Roma diverte, gioca, corre con certezza e dà soddisfazione non solo ai tifosi giallorossi ma anche a tutti gli appassionati di calcio”.

“Scudetto? Sono molto scaramantica ma sarebbe bello festeggiare con quella cosa lì. Vincere in città come Napoli e Roma, dove le tifoserie sono eccezionali, è ancora più bello. Il gioco del calcio mi piace, mi appassiona e nonostante io non ricopra più il ruolo di presidente, guardo sempre le partite”.

Sulla partita di domani:  “Dovessi togliere un calciatore al Napoli toglierei Higuain in primis. Ma poi ci sono i vari Hamsik, Insigne, per cui la squadra è dotata di grandi giocatori. Noi però abbiamo un grande Totti. Francesco è fortissimo e ricordo un episodio su tutti: quando ebbe un bruttissimo infortunio e questo dimostra la grandezza del professionista. Non posso che parlare bene di Totti ma mi piace elogiare tutta la squadra. Non sarò all’Olimpico, guarderò la gara in televisione”.

Sul mondo del calcio“Mi mancano la quotidianità, i rapporti e la passione con cui interpretavo il mio ruolo. Adesso però mi godo il percorso della Roma, da tifosa, senza avere quella grande responsabilità che attiene ad un presidente di un club”.

Su Totti ai Mondiali: “Queste scelte spettano solo a Prandelli, ma io lo sceglierei sempre come giocatore. Oltre a quello che dà in campo, Francesco ha una grande personalità e in un gruppo è fondamentale”.

Articolo precedenteRoma – Napoli, revocato sciopero dei mezzi di venerdì nella fascia oraria 20-24
Articolo successivoROMA – NAPOLI: i convocati di Garcia. Ok Strootman e Pjanic

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome