Roma col Chievo per allungo e record

0
398

esultanza-udinese-roma

NOTIZIE AS ROMA (IL TEMPO, A. AUSTINI) – Se ci concedete la battuta un po’ blasfema, il Chievo s’è fatto benedire dal Papa pur di riuscire dove i nove predecessori hanno fallito: fermare la Roma che oggi deve rispondere a Napoli e Juventus. Mentre Campedelli & Co. baciavano la mano di Bergoglio in Vaticano, a Trigoria Garcia preparava nei dettagli «la partita più difficile» da giocare nella notte degli scherzetti. All’Olimpico bisogna sfuggire all’insidioso testa-coda e guadagnarsi il dolcetto. In questo caso un record: nessuna squadra ha mai vinto le prime dieci partite di campionato. Non solo. Eguagliato Capello, oggi Garcia può raggiungere Spalletti: sommandole all’ultimo successo dello scorso torneo contro il Napoli, le vittorie di fila dei giallorossi sarebbero undici come quelle collezionate nel 2006.

La nuova Roma dovrà provarci ancora senza Totti e Gervinho, quest’ultimo in forte dubbio anche per la trasferta di domenica a Torino, oltre allo squalificato Maicon. Al di là dell’innesto obbligato di Torosidis e delle probabili conferme di Ljajic e Borriello nel tridente, è lecito attendersi almeno un altro aggiustamento in formazione. Marquinho è pronto a far riposare Florenzi, mentre ieri Dodò è stato provato nella rifinitura blindata al posto di Balzaretti. Difficile che Garcia cambi qualcosa al centro della difesa, visto che i diffidati Castan e Benatia a breve dovranno fermarsi.

Lo stesso rischio di De Rossi, diffidato anche lui, per questo l’eroe di Udine Bradley lo sostituirà alla prossima occasione. Intanto l’americano si espone: «Dopo questa serie di vittorie per lo scudetto dobbiamo esserci anche noi».Tra i convocati spunta il 17enne attaccante Di Mariano ex Lecce, nipote di Totò Schillaci. Dall’alta parte c’è un Chievo disperato. Sannino si gioca la panchina tra stasera e lunedì a Bologna. «I miracoli il Papa pensa a farli per le persone che ne hanno davvero e piu’ bisogno – dice l’allenatore – il presidente ci teneva, perché ci crede. Io, invece, credo di andare a Roma per giocarmela». Giusto, anche perché la legge dei grandi numeri è dalla sua parte e il Chievo è l’ultima squadra ad aver battuto i giallorossi in campionato. Era la Roma impaurita di Andreazzoli. Quella di oggi non ha alcuna intenzione di fermarsi.

Articolo precedenteBorriello, riprenditi il gol!
Articolo successivoJedvaj ancora in attesa, ma con fiducia: «Faccio progressi, imparo dai campioni»

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome