Roma, l’11 non esce

0
388

torino-roma

AS ROMA NEWS (CORSERA, L.VALDISERRI) – La striscia di vittorie della Roma si ferma a dieci e, calcisticamente, è giusto che la blocchi il Torino di Ventura che si guadagna il pareggio con una gara molto coraggiosa, a partire dal modulo di gioco, anche se nel finale i granata si sono chiusi in difesa (non una specialità della casa) e hanno rischiato di buttare all’aria tutto quello che avevano fatto. Detto che il pareggio è giusto e che tutta Italia festeggia, tranne la fetta giallorossa, il vantaggio della Roma su Juventus e Napoli resta di tre punti e domenica prossima è previsto lo scontro diretto tra le due inseguitrici. Non possono vincere entrambe e la Roma ospiterà il Sassuolo all’Olimpico: Garcia potrebbe riprendersi subito qualcosa. La Roma è parsa stanca e, per la prima volta da quando è a Roma, Garcia ha sbagliato per difetto e non per eccesso. Forse la risposta sta proprio nelle condizioni non perfette della squadra, che continua a giocare senza Totti e senza Gervinho.

Di sicuro la scelta insistita di Borriello, che gioca un calcio che questa squadra non conosce, è stata più un freno che un vantaggio. Ljajic è rimasto in panchina e quando è entrato — dopo che uno stratosferico Cerci aveva pareggiato il gol di Strootman, togliendo a Biabiany il record di essere l’unico calciatore di serie A ad aver battuto De Sanctis in questo campionato — ha ossigenato l’attacco con 20 minuti di grandissima qualità. Ha tenuto palla, si è guadagnato tre punizioni, ha impegnato Padelli con i tiri più pericolosi. Incomprensibile la sua rinuncia dal primo minuto. Al contrario di Garcia, Ventura ha osato molto e ha mandato in campo un 4-2-4, che diventava 4-4-2 in fase difensiva. Nella ripresa lo ha corretto con un 4-3-3 sempre molto offensivo. Ha attaccato la Roma anziché subirla. Solo nell’ultimo quarto d’ora — contro la stanchezza e contro Ljajic — i granata si sono chiusi in difesa e hanno corso pericoli.

Per un’ora abbondante, però, escluso il gol di Strootman (bella combinazione tra Pjanic e Balzaretti e assist del bosniaco per la conclusione a colpo sicuro dell’olandese), la Roma non aveva mai impegnato Padelli. Garcia ha preferito «alzare» Pjanic in avanti e ha di fatto rinunciato al vero 4-3-3 che ha sempre schierato in questa stagione. Tenuto conto che Florenzi è un centrocampista offensivo, la scelta è sembrata troppo conservatrice. È anche vero che, come ha detto il francese a fine gara, «non si può vincere sempre e un pari fuori casa non è mai negativo. Sono contento del gioco, di Bradley e Burdisso: quando si gioca tre partite in una settimana è importante avere uomini freschi. Abbiamo creato meno del solito? Senza Totti e Gervinho abbiamo meno soluzioni davanti. Non si poteva giocare con Borriello e Ljajic insieme perché dopo un’ora o 70 minuti entrambi avrebbero avuto bisogno il cambio». Quasi tutto giusto e criticare un tecnico che ha fatto 31 punti su 33 sarebbe folle. Ma la scelta Borriello/Ljajic è stata sbagliata. Così come ha sbagliato tanto l’arbitro Banti e Garcia, con garbo, l’ha fatto notare: «Abbiamo preso gol con Benatia che era arrivato per primo sulla palla e il giocatore del Torino (Meggiorini, ndr) era dietro. Anche su Maicon in area non parlo. Forse non era niente, ma, se Maicon va avanti, crea un pericolo importante. Io, comunque, faccio il mio mestiere e l’arbitro fa il suo. A volte ci si sbaglia, sono fatti di gioco». Purtroppo per la Roma, ma non per il campionato, si è sbagliato anche Benatia. Poteva liberare l’area, si è fatto portare via palla da Meggiorini. Forse con un fallo, forse no. Ma la verità è che non si può vincere sempre.

Articolo precedenteGarcia non alza polveroni: «L’arbitro? Tutti sbagliamo, può succedere»
Articolo successivoBanti troppo casalingo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome